Jump to content

B&W 801 prima serie, ricondizionamento e customizzazione


ulmerino
 Share

Recommended Posts

ulmerino

Salve a tutti, chi mi conosce sa che sono appassionato di diffusori vintage, e in particolare amo le Snell Type A e le B&W 801 prima serie.

La storia di questi monitor inglesi la trovate ampiamente raccontata in rete.

Messa in commercio nel 1979, la 801 serie 80 ha visto susseguirsi di diverse serie, ma le mie preferite restano le prime tre a sospensione pneumatica.

La prima, 801 serie 80, ha una testa dei medioalti in legno e la protezione dalla distorsione Apoc con pulsante di ripristino manuale e spia di attivazione posta nella parte superiore della cassa dei medioalti.

Qualche tempo dopo uscì la 801f, uguale alla primissima serie, ma con la testa medioalti costruita con un composto di cemento e fibra di vetro (il suffisso F sta per fibercrete).

L'ultima della serie in sospensione pneumatica è la 801 fs, oltre alla succitata testa in divertente, la protezione Apoc ha il ripristino automatico, senza i tasti sulla cassa dei bassi, ma presenta un led di attivazione sotto al woofer, che ingloba anche il marchio.

  • Melius 2
Link to comment
Share on other sites

ulmerino

B&w 801 serie 80 con testa medioalti in legno (il pannello posteriore di chiusura della testa è in metallo ed è incassato e fissato con 4 viti)

20210815_184316.jpg

Link to comment
Share on other sites

ulmerino

B&w 801f (il pannello posteriore della testa è anch'esso in fibercrete  ed è fissato sopra la battuta, con 8 viti)

20210815_184026.jpg

B&w 801 fs, notare l'assenza dei controlli anteriori della Apoc.

La testa è in fibercrete

xhr9welc73csvol0hwk2.jpg

Link to comment
Share on other sites

ulmerino

Ho avuto e restaurato circa 10 coppie di 801 prima serie, e alcune presentavano differenze dagli standard di costruzione.

Sui primissimi numeri di serie (fino a 600 circa), il crossover è semplificato e non c'è traccia del condensatore di equalizzazione da 1000 microfarad in serie al woofer, che tanto fa discutere poiché permette di guadagnare qualche hertz in basso, ma a scapito dello smorzamento, dando una caratterizzazione lenta e gommosa alle basse frequenze...

Inoltre è un elettrolitico, e con il tempo varia anche di molto il suo valore...

Personalmente lo tolgo del tutto, e il basso riacquista velocità e smorzamento...

Il tweeter è ufficialmente una cupola in seta, ma alcuni esemplari montano cupole in materiale plastico, esenti da manutenzione.

Per le cupole in seta si rende necessaria una applicazione di nuovo impregnante che sigilla i pori del tessuto, che con il tempo perdono impermeabilità,  abbassando l'efficienza delle alte frequenze di alcuni decibel.

Anche il crossover originale presenta delle scelte figlie dell'estrazione da monitor da studio.

La protezione Apoc sarebbe meglio eliminarla, per un ascolto home è inutile, e presenta un deleterio relè sul percorso del segnale...

Anche i condensatori di filtro, quasi tutti elettrolitici,  vanno cambiati con componenti nuovi, dopo tanti anni vanno fuori specifica sballando i tagli in frequenza e la timbrica. 

Sarebbe meglio rimpiazzarli con componenti in polipropilene o poliestere di alta tensione di lavoro, stabili ed affidabili nel tempo.

Link to comment
Share on other sites

ulmerino

Questo thread vuole documentare il ripristino e anche la customizzazione della mia ultima coppia di 801, recuperata fortunosamente e in condizioni disastrose...

Il ricondizionamento, ancora in corso, verrà documentato via via che procedono i lavori, anche per accettare ed esaminare gli eventuali suggerimenti che vorrete darmi.

Link to comment
Share on other sites

ulmerino

Diciamo subito che la coppia di diffusori in oggetto presenta numeri di serie distanti,  le cupole dei tweeter sono nuove e già trattate con impregnante, i midrange sono perfetti, le teste in legno hanno le stesse dimensioni ma presentano piccole differenze nelle proporzioni...

Mancano i woofer e le griglie in tela, i cabinet dei bassi hanno preso tanta acqua e sono seriamente ammalorati...

Il quadro è disastroso, e ho pensato di farne una coppia con soluzioni moderne e ricostruirle spero meglio delle originali.

Data la quasi irreperibilita' dei woofer originali, ho optato per una coppia di Ciare Hw321, davvero ben fatti e con parametri compatibili con gli originali.

Ho smontato i frontali e rifatti completamente, con i fori a misura per i nuovi woofer.

Anche altre parti in legno che avevano preso l'acqua sono state asportate e ricostruite.

I cabinet sono stati immersi in bagno di resina e irrobustiti con muraletti e setti di rinforzo.

Ora sono robustissimi e sembrano di marmo...

I cabinet dei bassi e le teste medioalti sono stati decapati, sabbiati, lisciati, poliestere, primer , tre mani di bianco lucido, lacca trasparente e lucidatura...

Ora si passa al rimontaggio dei pezzi, al rifacimento totale del crossover con componenti moderni di alto livello, alla costruzione di supporti che conterranno i filtri, e alla costruzione delle griglie parapolvere mancanti...

Link to comment
Share on other sites

ulmerino

Si passa al montaggio dei midrange e tweeters...dovrò trovare una ghiera per i tweeter che rimpiazzi le originali

20210814_180708_resized.jpg

20210815_143812_resized.jpg

20210815_141006_resized.jpg

20210814_182522_resized.jpg

20210814_182611_resized.jpg

20210815_143032_resized.jpg

  • Melius 2
Link to comment
Share on other sites

Pimpinotto

Mi stupisce il fatto che i serial number siano molto distanti tra di loro. 

Per esprrienza diretta (nel1 1980 acquistai le DM2/II) la B&W vendeva le sue casse in coppie caratterizzate, ovviamente, da numeri di serie consecutivi.

Link to comment
Share on other sites

ulmerino

Oggi ho dato la prima mano di nero opaco, li ho costruiti belli robusti e capienti, con multistrato e muraletti di rinforzo in massello...

20210814_143317_resized.jpg

20210814_143303_resized.jpg

20210814_143250_resized.jpg

20210815_123321_resized.jpg

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

ulmerino

@Pimpinotto le casse sono state recuperate da una ex cantina/laboratorio, allagata, era di un tecnico che faceva ribordature e assistenza ai diffusori/elettroniche...

Per quello che le ho pagate va bene così...I parametri degli altoparlanti sono perfetti e uguali tra loro.

Sono dei rottami appartenenti a diverse coppie...le casse dei bassi hanno un altro numero di serie, ma consecutivo, quindi i pezzi appartengono almeno a tre coppie di diffusori...

Link to comment
Share on other sites

viale249

@ulmerino bel lavoro, come sempre da quando ho il piacere di leggere dei tuoi ripristini. Una curiosità: hai aumentato lo spessore del frontale della cassa del woofer? Dalle foto si scorge qualche cosa di strano internamente...

Link to comment
Share on other sites

ulmerino

@viale249 si, devo ancora rifinire l'interno, sono dei muraletti di grande spessore, soluzione necessaria dato che ho rifatto i frontali .

Quando montero' i woofer aggiungerò anche due pannelli di rinforzo sopra e sotto i fori, bloccati da bulloni e dadi autobloccanti.

Link to comment
Share on other sites

mchiorri
20 minuti fa, Bazza ha scritto:

Perche non li fai delle gambine inclinate in stile retrò ?

Qualcosa tipo queste per intenderci..

le gemelle Kesler...😇

Link to comment
Share on other sites

ulmerino

Ho preparato anche le piastre in metacrilato nero che ospiteranno i morsetti di ingresso (3 coppie, una per ogni via)

20210816_143809_resized.jpg

20210816_143758_resized.jpg

Link to comment
Share on other sites

redhot104

Ma sei sicuro che sia un miglioramento aggiungere tutti quei morsetti, cavi ecc? Sono nate per una monoamplificazione, magari  robusta ma non bi o tri.

Link to comment
Share on other sites

ulmerino

Tutta la Potenza dell'amplificatore, prima di raggiungere il crossover e gli altoparlanti, passa di qui...una sottilissima linguetta metallica...

20210816_172024_resized.jpg

Sezione wf insieme alla sez. Tw

20210816_171951_resized.jpg

20210816_172151_resized.jpg

Link to comment
Share on other sites

ulmerino

Innumerevoli sono i punti di contatto con spinotti, e spesso si firma dell'ossido, come anche nei selettori dei controlli ambientali e nello spinotto che unisce la testa alla cassa dei bassi

20210816_172341_resized(1).jpg

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

You seem to have activated a feature that alters the content of pages by obscuring advertisements. We are committed to containing advertising to the bare minimum, please consider the possibility of including Melius.Club in your white list.