Jump to content

Legacy Master Tapes


Rosenbach
 Share

Recommended Posts

Cosa ne pensate!?!? 

A parte il prezzo, anche se la follia per il Salvadanaio la potrei fare... ma, chiedo scusa per la mia ignoranza, con cosa suonarli?

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

6 minuti fa, antonio_caponetto ha scritto:

con un registratore a bobineNagra_T.jpg.fdd79682034a8c1aa33b878612a7fc90.jpgStuder_B67.jpg.42bc419d57b9aa33f07b0bb1bffe3d1b.jpg

 

Beh, fino qui c'ero arrivato... un modello in particolare?

 

Link to comment
Share on other sites

antonio_caponetto

Quando ero giovane un must erano i Revox. Nagra e Studer so che sono ottimi costruttori. Non saprei indicare il modello ma qui nel forum c'è chi se ne intende e potrà consigliare. Basta attendere che tutti tornino in comunità.

Link to comment
Share on other sites

.... senza scomodare Studer...Nagra, Ampex  ecc. ecc. basta un normale Revox  B77 HS o PR 99 a 2 tracce o un Otari MX 50 o similari Teac ... Technics.

Link to comment
Share on other sites

  • 1 month later...

Il prezzo di 450 Euro si può confrontare con il prezzo di 450 Dollari che Analogue Productions chiede per analoghi nastri di registrazioni Jazz, Classica, Blues, ecc. 

Dobbiamo considerare che Lucio Dalla, la PFM, De Andre', ecc. li vendi soltanto in Italia, mentre Folk Singer di Muddy Waters, di cui AP propone la versione su nastro, lo vendi in tutto il mondo.

Voglio dire che è senz'altro più facile che un italiano sostenga le ingenti spese d'importazione per il nastro di We Get Requests di Oscar Peterson, che un americano faccia altrettanto per il tape di Lilly di Antonello Venditti. 

Alberto.
 

Link to comment
Share on other sites

franco fabbri

questi nastri vengono realizzati su ordinazione; gli apparecchi utilizzati sono continuamente controllati e tarati minuziosamente. non è un lavoro a catena di montaggio, per cui ogni volta qualcuno si deve mettere lì  a duplicare il master, verificare che la copia sia perfetta, etc... il costo del solo nastro più le flange è già alto, poi ci sono le tasse, SIAE e quant'altro. ho potuto constatarlo di persona quando ho visitato la Hemiolia records. il prezzo di conseguenza è elevato ma comunque allineato con altre realizzazioni simili, come avete già fatto notare. io ne ho presi due ( Dalla e Battisti ); sicuramente non farò parte della vita intelligente di questo pianeta ( ho letto di tutto: polli da spennare, gonzi, nababbi, etc... ) ma ho degli oggetti che non solo sono il massimo della resa sonora analogica ma anche molto pregiati da un punto di vista collezionistico. chi lo sa, col tempo potrebbero aumentare di valore e quindi forse non saranno soldi completamente "buttati via"; in fondo io che non fumo ho speso l'equivalente di sei mesi di sigarette di un fumatore da un pacchetto al giorno ( con tutto il rispetto per chi fuma, ci mancherebbe, ognuno è libero di fare ciò che crede e gli piace anche a rischio della sua salute )

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

Se si guarda al potenziale collezionistico, potrebbe essere un buon acquisto. Vai a sapere.
Ricordiamoci che non si parla di vinile, per il quale esiste una vastissima platea di utilizzatori, essendo il giradischi abbastanza diffuso. Parliamo di un nastro, di musica italiana, che implica il possesso di un registratore a bobine a due tracce. Pertanto si restringe moltissimo il mercato di un possibile collezionismo speculativo. 

Alberto.

Link to comment
Share on other sites

franco fabbri

io personalmente sono un collezionista ma non speculativo. comunque ultimamente c'è un ritorno di interesse anche per i registratori a bobine; ho contattato Molinari di analog planet, che realizza questi master per la sony, e mi ha detto che nel primo mese ha avuto circa 60 prenotazioni ( prima della pubblicizzazione sui media ). non sono solo! prossimamente ci dovrebbero essere altre uscite riguardanti anche il catalogo della Columbia, acquisito dalla sony, e ci saranno anche artisti stranieri; purtroppo non è autorizzato a rivelare i nomi e i titoli

Link to comment
Share on other sites

Azz...60 prenotazioni è molto di più di quel che mi sarei aspettato.
Teniamo conto che se le producono su ordinazione, la produzione potrebbe non arrestarsi mai o comunque molto in là nel tempo, il che non farebbe scattare la speculazione, la quale si innesca quando un titolo esce di catalogo.

Alberto.

Link to comment
Share on other sites

franco fabbri

il master di Battisti suona piuttosto scuro, con le mediobasse molto in evidenza; il vinile originale suona però ancora più scuro. la rimasterizzazione a 192khz su qobuz è stata riequalizzata in modo da mettere molto più in risalto il comparto medio-alto e secondo me hanno fatto bene... Dalla suona molto più equilibrato; rispetto al vinile originale si evidenzia una maggiore raffinatezza soprattutto sulle frequenze medio-alte ( le "esse"in particolare, che sul vinile tendono a soffiare ). in in tutti e due i master quello che fa la differenza rispetto a vinile e digitale è la sensazione di maggiore corpo e pienezza del suono; la batteria nell'album di Battisti è in certi momenti davvero poderosa. ovviamente queste sono considerazioni personali e basate sull'ascolto nel mio impianto; non ho avuto modo di ascoltarli con altri set-up

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share


×
×
  • Create New...