Jump to content

Swing in tensione delle uscite sbilanciate


Hdemico
 Share

Recommended Posts

Quali sono gli ampli cuffie "High end" che hanno sulle alte impedenze lo swing in tensione più generoso? 

Parlo di classica uscita cuffia jack da 6.3 , sbilanciata...

Ce ne sono capaci di erogare 30v?

Link to comment
Share on other sites

Il mio Violectric V280FE è dato per 33 Veff a 600 ohm in bilanciato. Il dato in SE non lo trovo ma dovrebbe avvicinarsi molto. Penso sia uno degli amplificatori ad avere lo swing in tensione più generoso alle alte e medie impedenze. La maggior parte degli amplificatori ha valori di swing in tensione notevolmente maggiori alle basse impedenze, per poi crollare drasticamente all’aumentare dell’impedenza.

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

@Hdemico

Se realizzi un partitore resistivo ad hoc, e prelevi il segnale dalle uscite altoparlanti di un comune amplificatore, puoi ottenere con pochi spiccioli tensione e corrente in abbondanza per pilotare la maggior parte delle cuffie.

Link to comment
Share on other sites

Non si trova qualcosa di già fatto ? 

Compatibile con tuttj gli ampli ?

La cuffia ha più di 5000 ohm e tiene oltre 30v perciò non mi serve particolare protezione...

Link to comment
Share on other sites

Direi che serve un "apparato" che trasformi impedenza bassa 8 Ohm, in elevata 5000 Ohm, ovvero un trasformatore di impedenza. Esiste, e viene venduto insieme alla Gold Planar 1200, essendo i 5000 Ohm tipici di una cuffia a nastro.

In questo caso, i partitori resistivi, fanno molto poco, o nulla, direi.

In più, un amplificatore progettato per le casse ha una tensione di rail, diciamo, intorno ai 100 Volt o più.

Dunque, mettendoci direttamente i 5000 Ohm, sia tensione che corrente sono fuori progetto per una cuffia a nastro.

Ecco perche' il trasformatore viene in aiuto, adatta le impedenze, conservando valori di tensione e corrente ideali per questo genere di cuffie.

La tua richiesta, è molto particolare. Ci vorrebbe un esperto, oppure, l'acquisto di un adattatore di impedenze, cosa migliore senza svenarsi in penuria di tempo, addentrandosi in ricerche di circuitazioni specifiche.

Link to comment
Share on other sites

@Hdemico

Sinceramente non saprei.

Con impedenze così elevate, bisogna appurare in primo luogo che l'amplificatore non vada in autoscillazione, per cui il partitore resistivo non può avere una progettazione banale come una semplice resistenza in serie al segnale. Quello dell'ing. Chiappetta è adeguato come progetto perché lascia vedere all'amplificatore un carico di tutto riposo (essenzialmente R1), ma i valori delle resistenze sono inadeguati per fornire un ampio swing di tensione alle tue cuffie, ampiamente fuori standard... andrebbe quindi ricalcolato nei valori.

In alternativa, vedrei molto bene dei trasformatori di accoppiamento come i miei Megahertz di Leonardo Lamberti. Prova a contattarlo, è una persona molto disponibile.

il98y0 (1).jpg

Link to comment
Share on other sites

In teoria la Pioneer(sarebbe la SE-700) consigliava di collegarlo direttamente alla classica uscita cuffia presente nei tipici integratoni anni 70...oppure alle uscite diffusori tramite il Pioneer JB-21 che non mi pare preveda nessuna circuitazione particolare... 

pioneer-jb-21-1970.jpg

pioneer-jb-21-eimg_0394.jpg

pioneer-jb-21-dimg_0393.jpg

pioneer-jb-21-cimg_0384.jpg

pioneer-jb-21-bimg_0386.jpg

pioneer-jb-21-aimg_0390.jpg

pioneer-jb-21-connections2.jpg

pioneer-jb-21-connections.jpg

Link to comment
Share on other sites

@giuca70 cuffie a nastro 5000 ohm ? Le cuffie a nastro viaggiano sul mezzo ohm di impedenza ossia una differenza di DIECIMILA volte quello che dici...

Boh a volte rimango basito dall' impulso irrefrenabile di intervenire anche da parte di chi non ha la minima di idea dell' argomento che si sta affrontando... aumentando oltre ogni limite pensabile la confusione che già regna sull'argomento (come pilotare cuffie ad ALTISSIMA impedenza)...

Nulla di personale eh !!! 

La cuffia in questione la ho già pilotata egregiamente senza partitori con collegamento diretto a uno Spectral dma90.  Però la cuffia era ricablata in bilanciato quindi con tutti i 4 poli belli separati. Mi chiedevo che opzioni avessi con la cuffia NON ricablata (normale Jack stereo da 6.3).

Credo che anche molti preamplificatori potrebbero pilotarla egregiamente.

Purtroppo il mio esemplare ricablato ha problemi.... Ho però un altro esemplare non ricablato, completamente originale.

Detto tra parentesi questa Pioneer SE-700 è probabilmente una delle cuffie più incredibili che la storia dell' hi-fi ricordi...

Per fortuna ancora non la conosce nessuno...ha quotazioni ridicole (100€) ma dà la paga a più della metà dell' High End attuale mi sa...

 

Link to comment
Share on other sites

In realtà la operazione più interessante da fare con questa cuffia sarebbe abbinargli un OTL di 300b... O comunque progettargli un OTL attorno ...

Io posseggo già un Sun Audio sv300be... Sarebbe simpatico fare una modifica che preveda una uscita che bypassi i pur ottimi trasformarori Tamura per andare a pilotare direttamente le Cuffie Piezoelettriche...

Chi se la sente all'ascolto mi scriva pure anche in privato...

Modifica che verrebbe molto utile per pilotare anche la Taket ...sempre piezoelettrica ma molto meno efficiente della Pioneer...

Link to comment
Share on other sites

5 ore fa, Hdemico ha scritto:

In teoria la Pioneer(sarebbe la SE-700) consigliava di collegarlo direttamente alla classica uscita cuffia presente nei tipici integratoni anni 70...oppure alle uscite diffusori tramite il Pioneer JB-21 che non mi pare preveda nessuna circuitazione particolare... 

A me il JB-21 sembra proprio un partitore resistivo...

Tieni presente che all'epoca tutti gli amplificatori avevano l'uscita cuffie derivata direttamente da quella per gli altoparlanti per il tramite di un partitore resistivo. 

Probabilmente il JB-21 era stato realizzato come accessorio per consentire a coloro che avevano amplificatori senza uscita cuffie di poter usare le suddette cuffie...

 

Link to comment
Share on other sites

@Hdemico

Se lo Spectral ha le masse separate per i due canali, non puoi connettere il JB-21 alle sue uscite altrimenti le mandi in corto (nel migliore dei casi intervengono le protezioni, altrimenti potresti bruciare i finali)!!!

In ogni caso ci andrei cauto: l'amplificatore potrebbe essere eccessivamente sollecitato da un carico così elevato. Occhio!

Per ampli a ponte o con masse separate per i due canali occorre un partitore ad hoc come quello che ti ho segnalato all'inizio thread (vedi immagine n.1), che ha anche il pregio di fissare un carico per l'amplificatore.

P.S. L'immagine n.2 fa riferimento al partitore per ampli a massa comune per i due canali (tabella 1 della didascalia).

 

2r7u1yu.jpg

2ewd1f6.jpg

Link to comment
Share on other sites

Abbaglio presi... taket H2 invero era... rimane da dedicargli un buon trafo, nella mia ignorandità verecondita.... non le collegherei mai ad un ampli casse da sole, l'ampli vedrebbe un circuito aperto (similmente) e potrebbe lavorare fuori range, innescando anche possibili problemi di instabilità da controreazione... ma ritenuto ignorante in materia, lascio spazio a voi.

😉

Link to comment
Share on other sites

46 minuti fa, giuca70 ha scritto:

non le collegherei mai ad un ampli casse da sole, l'ampli vedrebbe un circuito aperto (similmente) e potrebbe lavorare fuori range, innescando anche possibili problemi di instabilità da controreazione...

È quello che penso anch'io. Il carico visto dall'amplicatore non è affatto banale...

7002.png

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share



×
×
  • Create New...