Jump to content

Calcio - Giovanili 2019-2020-2021...


Jack
 Share

Recommended Posts

È più di un anno che è tutto fermo. Campionato 2019-2020 finito a metà strada... 2020-2021 dopo 3 giornate. 
un esercito di ragazzi che il calcio teneva fuori dall’indolenza. Che dava loro una socialità. 
Tutto fermo e nessuno che alza un dito, che dica una parola, una bestemmia d’incazzatura. 
Ho un figlio fermo, juniores regionali, una passione di una vita, da quando era un bimbetto, buttata via. 
Dagli allievi in sù, pure qualche giovanissimi ricominceranno in pochi, metà se va bene e dell’altra metà un quarto finirà a farsi canne e bere birra in strada il sabato sera. 
I giovani dei professionisti invece giocano, tamponati dai fessi come me che pagano i vari Sky e dazn. 
sarebbe bastato l’1 o il 2% del monte ingaggi serie a per tamponare e far giocare migliaia e migliaia di ragazzi. Bastava che qualche fottuto politicante se fosse occupato, qualche fottuto consiglio Figc. 
Invece uno scassamento continuo con la scuola dove con la DaD comunque apprendimento si è fatto. Per lo SPORT niente. 
Affanculo la serie A, la premier, la champions e tutti i culoni con la gobba che stanno in parlamento e non hanno fatto un’ora di sport. 
Il 3ad sui diritti tv e quello sulla serie A mi han fatto venire in mente che questo è il mio sentimento ora. Un’incazzatura da serpe calpestata 

😡😡😡😡😡

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

7 ore fa, Jack ha scritto:

un esercito di ragazzi che il calcio teneva fuori dall’indolenza.

Vero, ma se non te ne fossi accorto è tutto fermo o quasi, sono ferme attività produttive da cui dipendeva e dipende il reddito di milioni di persone e famiglie, sinceramente un pistolotto sulle squadre giovanili di calcio ferme evitiamocelo pure se possibile. Grazie.

  • Sad 1
Link to comment
Share on other sites

@maurodg65  

Bravo, complimenti. Continua a pagare 80-100€ al mese a SKy per lo stipendio di Ronaldo &C e lascia che ad occuparsi dei giovani del tuo paese siano spacciatori e arruolatori di delinquenza.

Poi vieni magari qui a pistolottare che “ah tutta questa delinquenza signora mia... ma dov’e la polizia, dove andremo a finire!”

Quello si che è un pistolotto interessante.

 

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

9 ore fa, Jack ha scritto:

Ho un figlio fermo, juniores regionali, una passione di una vita, da quando era un bimbetto

sono nella tua stessa condizione, tra l’altro lo stop è arrivato dopo la prima convocazione in prima squadra - ti lascio immaginare il suo sconforto... 

ma io voglio essere positivo, continuo a ripetergli che ha tutta una vita davanti per realizzare i suoi sogni e i suoi progetti appena questo incubo sarà finito, spero di non sbagliarmi... 

Link to comment
Share on other sites

@regioweb parlavo ieri con un allenatore mio conoscente ma ne conosco altri e son tutti nello stesso sconforto. È gente che si occupa di ragazzi per passione, che hanno magari portato avanti gruppi di bambini fino a vederli giovanotti. Mi dicono tutti che almeno metà non ricominceranno. E lo sappiamo tutti che fine fanno i ragazzi che a quell’età perdono interessi e passioni. 
E non c’è solo il calcio, ma il calcio ha i superPRO e se gli venisse data una calmata “fiscale” potrebbe pagare tutto l’allevamento italiano. Come succedeva una volta. Invece in Italia sono i tesserini delle scuole calcio a pagare la federazione: ASSURDO. 
Io capisco che sia difficile con gli sport di contatto... ma allora perché le giovanili delle squadre pro e semi pro possono giocare ?! Perché li tamponano a tappeto. E allora non possono imporre un contributo Covid ai faraonici stipendi di A e B e usarli per tamponare tutte le giovanili?

ma anche non fosse possibile almeno provare a dare attenzione, mostrare di cercare una via no? Cribbio?

Continuiamo a sostenere una nazione di vecchi bacucchi e privilegiati e poi lamentiamoci che i giovani ne han pieni i coglioni e chi può se ne va e chi no ciondola tra precariato e indolenza. 
Una gerontocrazia inaccettabile. Spero si incazzino una buona volta e sfascino tutto come abbiamo fatto noi e per molto meno.  

Link to comment
Share on other sites

5 ore fa, Jack ha scritto:

Continua a pagare 80-100€ al mese a SKy per lo stipendio di Ronaldo &C e lascia che ad occuparsi dei giovani del tuo paese siano spacciatori e arruolatori di delinquenza.

Lascia che mi preoccupi io di dove spendo i mei soldi, per il resto vedo che non hai capito una parola di quanto scritto quindi continua pura con i paraocchi a scrivere minchiate.

5 ore fa, Jack ha scritto:

Poi vieni magari qui a pistolottare che “ah tutta questa delinquenza signora mia... ma dov’e la polizia, dove andremo a finire!”

Quello si che è un pistolotto interessante.

Ecco appunto, siccome non mi sono neppure mai sognato di farlo, anzi ho scritto spesso proprio il contrario, continua tu a sparare cazzate quando c’è un paese economicamente in ginocchio perché non permettono alla gente di lavorare mentre per te i problemi dovrebbero essere le giovanili di calcio che non possono allenarsi e giocare.

Link to comment
Share on other sites

3 ore fa, Jack ha scritto:

E non c’è solo il calcio, ma il calcio ha i superPRO e se gli venisse data una calmata “fiscale” potrebbe pagare tutto l’allevamento italiano.

Grazie al calcio professionistico ed ai soldi che ci girano intorno si pagano buona parte delle spese di tutto lo sport dilettantistico nel nostro Paese...

Almeno sapere di cosa si parla aiuterebbe.

https://www.calcioefinanza.it/2020/05/04/quanto-vale-calcio-sport-italia-fatturato-tasse/

Link to comment
Share on other sites

47 minuti fa, gug74 ha scritto:

In effetti mancava un altro thread sul calcio

Non è un 3ad sul calcio, è un 3ad sul disastro che sta accadendo a tanti ragazzi che il calcio teneva lontano “dai pericoli” e di cui nessuno si occupa. Come se il benessere psicofisico delle giovani generazioni fosse una cosa marginale. 
Me lo avevano detto che questo era un forum per lo più di vecchi

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

14 minuti fa, Jack ha scritto:

disastro che sta accadendo a tanti ragazzi che il calcio teneva lontano “dai pericoli”

Da ex calciatore dilettante, ed avendo fatto tutta la trafila delle giovanili dagli esordienti alla under 18, capisco il tuo disappunto ed in parte lo condivido.

Ma asserire che e’ il calcio che deve tenere lontano i giovani dai guai no, questo non lo condivido.

Non esiste solo il calcio, pur riconoscendone la grandissima importanza che ricopre a livello sociale, anche nel forgiare il carattere dei ragazzi, ma ci sono tanti altri modi per impegnare il tempo in attesa che la situazione si normalizzi, bisogna che si tenga duro ad ogni costo, mollare la corda non farebbe che peggiorare le cose.

Voglio dire, ognuno di noi e’ artefice del proprio destino, ti pare che un genitore di oggi possa dare la colpa a questa attuale situazione se un domani il figlio oggi ragazzino sara’ divenuto un poco di buono ?

No no ..  non credo. Troppo comodo.

Sul lato politico, risolvere la questione come e nel modo che tu speri e’ altrettanto impossibile che tentare di sollevare una montagna a mani nude.

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

@samana non è che il

calcio debba... il calcio come ogni altra situazione sana di socializzazione dei giovani aiuta molto. Soprattutto aiuta nelle zone disagiate, nelle periferie, nelle aree degradate dove i ragazzi non fanno dieci passi senza trovarsi spacciatori ed arruolatori alle calcagna. 
Io non parlavo per me o i miei figli, per loro è solo una questione di sano divertimento. Io parlava di quanti ho appena elencato. 
Secondo me perdere il futuro dei giovani non è meno grave che qualche punto di PIL. 
Il PIL ad un certo punto si recupererà, i giovani che lasciano ambienti sani per approdare al disastro delle periferie non li recuperemo più. 
Come hanno dato ristori e cercato di mandare a scuola i giovani potevano almeno cercare di far sopravvivere il calcio dilettantistico...almeno mostrare un tentativo, un farsi carico... invece il silenzio assordante: come se fosse indifferente che non si giochi e non ci si alleni più 

Link to comment
Share on other sites

9 ore fa, Jack ha scritto:

Soprattutto aiuta nelle zone disagiate, nelle periferie, nelle aree degradate dove i ragazzi non fanno dieci passi senza trovarsi spacciatori ed arruolatori alle calcagna. 

Ma smettila, quello che può accadere in alcune limitate aree geografiche non è certo la norma per il paese intero e di certo non rappresenta ciò che accade in tutta Italia.

 

9 ore fa, Jack ha scritto:

Secondo me perdere il futuro dei giovani non è meno grave che qualche punto di PIL. 

Si sta rischiando di perdere grossa parte delle aziende che compongono il tessuto produttivo del nostro paese lasciando a piedi e senza reddito milioni di persone e centinaia di migliaia di famiglie che non avrebbero più un reddito o si troverebbero in condizione di povertà assoluta e non di qualche punto di PIL.

Il futuro dei giovani lo costruirai garantendo loro istruzione e un lavoro nel futuro, senza soldi da investire puoi garantire loro solo miseria.

Link to comment
Share on other sites

10 ore fa, Jack ha scritto:

Me lo avevano detto che questo era un forum per lo più di vecchi

Qui l’unico vecchio sei tu, di testa, convinto di vivere in un’epoca che non esiste più.

Link to comment
Share on other sites

capisco tutto...sono parte in causa del calcio anche giovanile....ma è ingestibile uno spogliatoio di ragazzi che poi vanno a casa e sono potenzialmente pericolosi per genitori e nonni

Non esiste protocollo che tenga.

Stiamo con i piedi per terra.

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

Con oggi da noi ricomincia il calcio giovanile.  Spogliatoi non utilizzabili, i ragazzi vengono giá vestiti in tenuta sportiva, allenamento rispettando le distanze, vietate le partitelle, possono accedere all'impianto solo i ragazzi, i genitori rimangono fuori dal recinto. I ragazzi devono presentare un test di negativitá al covid, ogni 72 ore lo devono rifare, per fortuna al momento lo fanno gratis a scuola due volte a settimana e ricevono per iscritto l'esito.

Sono felice per mio figlio, l'inattivitá lo sta facendo diventare irritabile e scontroso, devo spesso mordermi la lingua perché comprendo la situazione. Speriamo di uscirne presto. In bocca al lupo a tutti.

Link to comment
Share on other sites

@eccheqqua puoi farlo forse per una scuola calcio e con la bella stagione...prova a farlo seriamente con giovanissimi, allievi,juniores...li mandi a casa fangosi ?

oltretutto non è che li puoi tenere a palleggiare col muretto e basta come i pulcini.

 

Link to comment
Share on other sites

@OLIVER10 difatti finora era tutto fermo, sono i primi tentativi di ricominciare, avere una piccola parvenza di vita normale. Non nascondo che si va un po' a tentoni, ieri ho parlato con mister e responsabile del settore giovanile, speriamo che vada tutto per il verso giusto. Ma i problemi sono moltissimi, vengono fatti sforzi notevoli.

I campi sono quasi tutti sintetici fortunatamente e per il resto o qualcosa o niente. Direi meglio qualcosa. 

Durante i lockdown sono stati organizzati parecchi webinar con indicazioni per allenamenti con rispetto delle distanze, spetta ai mister metterli in pratica e lavorare di fantasia. Devo dire che ne ho visti di molto interessanti e anche impegnativi dal punto di vista fisico.

 

Link to comment
Share on other sites

@eccheqqua ecco, grazie del tuo contributo.

Questo è almeno un tentativo per tenere i ragazzi ancorati ad un ideale di sport e socialità positivi.

Avevano tentato anche da noi con l’arancione, stesse modalità, e già così non aderivano tutti poi col ritorno all’arancione scuro (...?...) e poi al rosso tutto si è richiuso. 

Quello che mi indigna è il non aver sentito una parola di conforto, di presa in carico, né dai governi né dagli organi direttivi del calcio pro. 

E il rischio abbandono non è solo per i giovani calciatori ma anche e forse soprattutto per le società di calcio minori che si sostentano con scuole calcio, contributi comunali e donazioni liberali locali.

Una società di seconda prima divisione con tre campi e 200 ragazzi costa tra 60 e 100k € l’anno. E ci sono un sacco di operatori che arrotondavano magri stipendi nella vita con l’attività in queste strutture. Molti giovani licenziati ISEF senza sbocchi... queste salteranno in buona parte anche alla riapertura perché i costi torneranno al loro livello ma rette e contributi liberali no.

Link to comment
Share on other sites

 Share



×
×
  • Create New...