Jump to content

Soltanus Acoustics: Mezzoforte+Euridiche


Necro
 Share

Recommended Posts

 

Ciao!

Questa volta parliamo della ungherese Soltanus Acoustics (http://www.soltanusacoustics.com/). A volte mi piace andare a cercare "outsider sconosciuti", alla ricerca di qualcosa di "innovativo" che possa eguagliare e, perchè no, superare i giocatori noti a cui siamo abituati (a fronte di costi inferiori). Con Erzetich Phobos avevo fatto centro (almeno dal punto di vista sonico, non posso dire lo stesso per l'ergonomia, ahimè...), ma con Soltanus?

--
INTRODUZIONE
Soltanus Acoutsic è specializzata in sistemi elettrostatici. E' particolarmente apprezzata per il loro sistema di speakers elettrostatico "ESL Virtuoso". Per quello che riguarda il mondo delle cuffie, però, è pressochè sconosciuta. Il sito non è aggiornato, ma al momento sono disponibili 3 amplificatori e 3 cuffie.
Partiamo subito col dire quali sono i 2 grandi obiettivi di queste cuffie/sistemi: 

  1. Superiore resa timbrica: si vuole ottenere la resa timbrica tipica dei sistemi elettrostatici (grande correttezza e raffinatezza in tutta la gamma media ed alta), valicando i limiti tipici di questi sistemi in gamma bassa, per eguagliare la resa delle migliori soluzioni magnetoplanari (!!!).
  2. Superiore headstage/imaging: Ottenere un'immagine di ascolto molto precisa ed ampia in tutte le direzioni, particolarmente in profondità. 

Tutti e tre i modelli condividono le stesse membrane, ma gli accorgimenti costruttivi e una diversa configurazione degli statori metallici differenziano le 3 rese soniche. 
Soprattutto i modelli più grandi (Euridiche e Euridiche 3D) si ripropongono di ottenere una straordinaria spazialità, distribuendo acuti e bassi in modo speciale. Gli alti provengono più dalla parte anteriore delle membrane, mentre i bassi (meno direzionali), provengono più dai lati. Lo scopo è quello di ottenere un'immagine sonora diversa da come siamo normalmente abituati, cercando di avvicinare l'ascolto a quello degli speakers: maggior profondità e migliore distribuzione/separazione della scena sonora.

--

Io stavo ascoltando il sistema Mezzoforte+Euridiche: ampli ibrido (intermedio) con la cuffia flagship.

--
IL MEZZOFORTE
E' dotato di una singola valvola ECC82 nello stadio di preamp. Sto utilizzando una TAD 12AU7WA. Può pilotare dinamiche, magnetoplanari ed elettrostatiche con uscite dedicate alle cuffie Stax (tipica uscita a 5 pin) e Soltanus (uscite separate L/R 3 pin). E' un ampli nuovo, non presente sul sito attualmente.
E' un amplificatore di piccole dimensioni ma discretamente potente: 23x23cm, circa 6Kg, 3W su 32Ohm per l'uscita dedicata alle cuffie dinamiche/magnetoplanari.
Dal punto di vista elettrostatico è in grado di pilotare qualsiasi cuffia Stax e, ovviamente, le relative cuffie Soltanus che arrivano ad una impedenza di 177KOhm.
Può essere posizionato sia in orizzontale che verticale, fungendo anche da supporto per le cuffie. Sto facendo dei test anche con Meze Empyrean, ZMF VC e SpiritTorino Twin Pulse. Nelle conclusioni riporterò alcune opinioni in merito.

--
L'EURIDICHE 
E' la cuffia più pesante delle 3 (605gr alla mia bilancia), ma la struttura di supporto è efficace e collaudata: è praticamente la stessa struttura in carbonio dell'LCD4 (rimarcata con il logo Soltanus). La struttura complessiva della cuffia è solida, costruita in modo impeccabile. Nonostante sia discretamente pesante, la ungherese supera agilmente il test ergonomico di ascolto: permette anche lunghe sessioni senza grossi problemi.
I materiali appaiono di alta qualità: le plastiche, la pelle dell'headband, le parti metalliche e i pads restituiscono la sensazione di un prodotto di alta fascia, senza compromessi. Il cavo in dotazione è un puro rame (non è specificata la sua struttura interna), 1.8m con mini-XLR lato cuffia.

--
OPINIONI SONICHE
Veniamo al punto che tutti stanno aspettando. Soltanus è riuscita a centrare gli obiettivi sonici descritti in precedenza? 

Non ci girerò intorno: per me...ASSOLUTAMENTE NO!!!!!

  1. Superiore resa timbrica: solo in parte (c'è un problema...)!
  2. Superiore headstage/imaging: manco per niente!

Intendiamoci, la cuffia ha un'ottima estensione, le sfumature timbriche dei vari strumenti sono ben distinguibili. Il problema, però, è che basta un recording leggermente più spinto in basso (basti pensare a cose come Incognito, Count Basic, Chris Jones, ma accade comunque in molti altri recording di comprovata qualità) per mandare "in crisi" il driver elettrostatico che sembra emettere delle "pernacchiette" all'attacco del basso, come un clip introdotto dal driver. Di fatto, questo rende la cuffia poco fruibile per determinati generi e recording. Sicuramente trova una sua ottima collocazione in ambiti orchestrali, ma questo "distrugge" la premessa di riuscire ad inquadrare la tecnologia elettrostatica in un'ottica più ampia: rimane comunque un sistema limitato prevalentemente a generi classici/acustici. 
Quando questo problema non sussiste, la resa in gamma bassa appare molto buona, sia come quantità che come qualità ma questo difetto pregiudica vari ascolti e non è accettabile.

Vengono meno anche le promesse sul famigerato headstage ampio, il preciso imaging e l'ascolto "speakers". Non abbiamo niente di particolarmente diverso da una Empyrean (ad esempio): più o meno stessa spazialità, compresa profondità, a cui non è aggiunto proprio nulla. Andrebbe bene, si, se non fosse che la promessa era di un ascolto "stile speakers" che non è pervenuto in nessun modo. 

--

Insomma, questa cuffia è un fallimento un po' su tutta la linea dichiarata. Mi sembra strano, ma posso pensare che la cuffia sia in qualche modo fallata. Se così fosse, ogni aspetto dell'ascolto sarebbe pregiudicato. Non ho modo di saperlo con certezza, anche se il dubbio è molto forte. Il suo comportamento è strano e il fatto che si verifichi in modo "altalenante" non aiuta a capire. Ho cercato di intavolare una discussione con il produttore che, solitamente, è sempre stato responsivo. Contrariamente ad altre volte, però, non ha dato risposta a queste mie osservazioni, lasciando cadere la discussione in un limbo audiofilo. Posso riservare un certo "beneficio del dubbio" sulla cosa, ma se per caso qualcuno avesse adocchiato questi sistemi, direi che è il caso di pensarci 2 volte ed assicurarsi la possibilità di una eventuale restituzione. A causa di tutto questo, il materiale sta ritornando al suo legittimo proprietario e non credo che avrò la possibilità di testarlo nuovamente.

--
CONCLUSIONI 
L'unica cosa che posso promuovere a pieni voti è l'amplificatore. Il Mezzoforte si comporta molto bene con cuffie come Meze Empyrean, Spirit Torino Twin Pulse e ZMF VC, riportando grande autorevolezza in gamma bassa, una bella estensione in alto e una gran naturalezza complessiva dell'emissione, gran headstage e matericità. Un nero assoluto, anche a volumi elevati, completano il quadro. Penso che l'amplificatore sia un punto forte della casa, ma purtroppo non posso dire altrettanto della cuffia flagship. 

--

CATENA
Mac+Roon (No Streaming) -> Sonnet Hermes -> Sonnet Morpheus -> Soltanus Mezzoforte -> Soltanus Euridiche

 

Ciao!
 

 

  • Melius 2
Link to comment
Share on other sites

@Barone Birra bravo, almeno una foto ci voleva. La cuffia è quella ma non l ampli. Io alla fine non ho fatto nemmeno una foto "mia" perché l intera faccenda è stata un po' lunga prima per problemi di spedizione, "concitata" dopo per tutto il resto e mi è passata la voglia di fare foto...

 

6890456720_0_g.jpg

Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, Necro ha scritto:

spedizione, "concitata"


spedizione "concitata"??? io direi che è stata l'avventura del secolo! e posso anche dire.. IO C'ERO! 😛

  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

@pier Eh si, ho usato un eufemismo...è stato davvero un calvario, ma non voglio approfondire ulteriormente, sia per non ricordare "brutti momenti" (ghghghgh), sia perchè comunque alla fine non sarebbe di interesse per il forum...E' andata così...ma ovviamente sono stato molto deluso da tutto, sia del corriere, sia del prodotto, "in parte" anche del venditore che comunque alla fine si è dimostrato corretto nel riprendersi tutto il materiale. Diciamo che, alla fine, ho fatto un prova... 😄 

  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share



×
×
  • Create New...