Jump to content

Dac divisi per fasce


il picchio
 Share

Recommended Posts

In rete si trovano "classifiche" di dac molto discutibili...

È possibile farne una qui , dato che molti di voi ne hanno provato più d'uno?

Io dividerei in 4 fasce

1) entro i 1500€

2) dai 1500 ai 3500€ 

3) dai 3500 ai 5000

4) oltre i 5000€...

Ognuno può condividere,  se ha tempo e voglia,  la sua esperienza e le sue valutazioni 

Che ne dite?

Grazie 

 

Link to comment
Share on other sites

Ciao, secondo me dovresti levare una fascia, perchè vedo una fascia numericamente ampia entro i 1.500 in cui sta tutto il grosso tra cui molti prodotti best buy, poi una fascia da 1.500 a 5.000 in cui mettere i dac di fascia media (da notare che in questa fascia i meno performanti se la giocano tranquillamente con i best buy sotto i 1.500 ) e per finire la fascia per chi non ha problemi economici e cerca il meglio anche a discapito del rapporto qualità prezzo e per questi prodotti si parte dai 5.000 euro fino cifre indicibili.

 

Rob

Link to comment
Share on other sites

l'avevo pensato anch'io, esattamente come te, stessa scansione, ma poi ho pensato che la fascia 1500-5000 avrebbe avuto dentro praticamente tutti i dac di cui si parla maggiormente, e quindi si sarebbero appiattite le differenze tra uno e l'altro....In questo modo chi volesse capire meglio le differenze ci capirebbe poco : per es Terminator e Pontus....Un Metrum Onyx e un Sonnet Morpheus sono nella stessa categoria ? E un Rockna Wavelight (poco meno di 5000 €)  idem ? Già nello stabilire il confine tra una fascia e l'altra si esprime un giudizio: le differenze tra dac di 1500 e 5000 € sono così sfumate?

Proprio per questo sarebbe bello sentire il vostro parere...

Link to comment
Share on other sites

La mia poca esperienza sui convertitori risale ormai allo scorso decennio, in breve ho avuto solo due hrt, prima il music streamer II+ e dopo qualche anno il music steamer hd; robetta economica che tuttavia non mi ha fatto rimpiangere il mio vecchio lettore, un marantz cd85 che ho venduto senza patemi d'animo...😊

Link to comment
Share on other sites

La fascia con più movimento sul mercato è quella entro i 500€.

Io dividerei così:

Fino a 500€

500/1500€

1500/5000€ (e forse è già troppo ampia)

Oltre i 5000€

Secondo me nelle prime 2 fasce c'è già tutto quello che serve per ascoltare benissimo la musica,la terza è per chi cerca le sfumature,la quarta...🤐😉

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

tarantolazzi

ne ho quattro. Tre che costano nuovi meno di 500 euro, ed uno attempato assai (Wadia x-64-4) che nuovo costava almeno dieci volte tanto.

Quest'ultimo non suona peraltro meglio del migliore dei tre "economici", per quello che conta (troppo diverse le epoche, i chip,...il confronto e' piu' che altro curioso, per un DAC andrebbe fatto tra macchine della stessa generazione).

Link to comment
Share on other sites

Bisogna dire che per fortuna (o purtroppo) le prestazioni dei dac si sono molto allineate per cui per sentire le differenze tra un dac di fascia bassa ed un dac di fascia alta o folle devi avere anche un impianto ben equilibrato, di alto livello e rivelavore.... mi sembra un pochino di rivedere il percorso dei cavi.

 

Rob

Link to comment
Share on other sites

tarantolazzi

@prometheus  ho preso in successione gli SMSL Sanskrit mkII, SU-8 ed infine (quando ho capito che questi non decodicavano il MQA.....poco male, uno mi serve, l'altro l'ho rivenduto) il SU-9. 

Link to comment
Share on other sites

tarantolazzi

@Rob  hai ragione. Infatti sono convinto che le differenze non siano moltissime, ma anche come dici tu che il mio impianto non sia di un livello tale (ne' a monte ne' a valle del DAC) da permettere di rilevare tutte le sfumature differenti. Non modestia ma semplice realismo.

Link to comment
Share on other sites

tarantolazzi

@prometheus

Guarda, sempre per quello che conta, il bello e' che la stessa valutazione di "piu' o meno sono allo stesso livello, suonano quasi uguali"  e' stata condivisa anche da compagna e amici alcuni dei quali abbastanza esperti.   Le differenze, comunque...il Wadia aveva un suono piu' spesso, corposo, e una scena anche piu' grande per dimensioni (tutte).

Per precisione nella dislocazione degli strumenti/voci, cosi' come per trasparenza nella presentazione il SMSL mi pare un po' piu' preciso, con una scena piu' piccola ed anche una timbrica lievemente piu' asciutta.  Poca roba comunque, ed alla fine questione di gusti.

Alla fine, per dire, terro' il Wadia per i CD e il SMSL per audio-video e liquida.....entrambi non certo peggio del resto dell'impianto, quindi per me ok.

Link to comment
Share on other sites

@tarantolazzi  d’altronde ci fosse uno scarto evidente il Wadia l’avresti già ceduto da un pezzo... e invece ho notato che i migliori (e costosi) dac dell’epoca recentemente stanno mantenendo ottime valutazioni (o perlomeno le richieste sono alte...). 

Link to comment
Share on other sites

tarantolazzi

mah, guarda, a vedere il bicchiere mezzo pieno ci si puo' complimentare con entrambi (assumiamo per ipotesi che tu possa condividere la mia valutazione di "quasi uguali").

uno suona bene con un chip di 25-30 anni fa, l'altro con un'alimentazione e uno stadio d'uscita imbarazzanti......

Purtroppo del Wadia avevo anche la sua meccanica, che ho gia' fatto riparare e si e' riguastata......

Link to comment
Share on other sites

6 ore fa, Gici HV ha scritto:

Secondo me nelle prime 2 fasce c'è già tutto quello che serve per ascoltare benissimo la musica,la terza è per chi cerca le sfumature,la quarta...🤐😉

Mitico Giulio !! 👍 👍 👍

Link to comment
Share on other sites

17 ore fa, il picchio ha scritto:

Già nello stabilire il confine tra una fascia e l'altra si esprime un giudizio: le differenze tra dac di 1500 e 5000 € sono così sfumate?

Scusa se mi permetto:  ma davvero credi ancora che le differenze di resa sonora sui dac dipendano dal prezzo?

Da innumerevoli prove fatte da me con altri amici appassionati di musica e di hifi,  le differenze sulla sorgente digitale dipendono nell'ordine:

 - dal formato del file in ingresso

 - dall'impostazione sonora del dac (caldo - neutro - brillante)

 - dall'interfacciamento con l'impianto dove va inserito (es: dac brillante + impianto brillante = suono sbilanciato verso l'acuto)

 il prezzo è l'ultimissima cosa che conta,  perchè il dac "giusto" da 500 euro suonerà meglio del dac "sbagliato" da 5000 euro (ed oltre).

Ciao,

Max

Link to comment
Share on other sites

@maxnalesso no, non lo credo più di tanto,  è solo un modo per stuzzicare gli interventi....però molti interventi guardano il dito e non la luna, parlate del criterio ma non della sostanza...volete indicare i dac che vi sono piaciuti di più e perché per favore?...come alcuni hanno già fatto...😉😁

I tuoi interventi evidenziano una valutazione comunque,  con cui sono perfettamente d'accordo,  cioè che non serve spendere tanto per sentire bene ...però so che molti non sono d'accordo. Poi c'è il fatto che salvo rari casi i dac purtroppo non si possono provare prima nel proprio impianto , quindi volevo cercare di capire meglio le differenze e quanto si fanno sentire 

Link to comment
Share on other sites

@il picchio difficile dare un parere sui dac se non ne hai ascoltato più di uno nello stesso impianto.

Potrei dirti RME ADI 2 PRO, penso però che l'amplificazione MBL e i diffusori Acapella Violon ci mettessero parecchio del suo... 😂😂

Però il proprietario ne ha avuti e provati parecchi, è rimasto l'RME.😉

Link to comment
Share on other sites

Attualmente ho un M2Tech Younk MK3 ed è un dac notevole versatile, timbricamente equilibrato che ho confrontato con dac dal prezzo 8/9 volte superiore senza riscontrare differenze oggettive (oltre ai propri gusti).

 

Saluti

Rob

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share




×
×
  • Create New...