Jump to content

caratteristiche dei servizi di streaming musicale


crosby
 Share

Recommended Posts

chi brevemente mi descrive caratteristiche, pregi e difetti dei servizi di streaming più diffusi?

un sentito grazie

 

attualmente sto usando spoty , buono un po per tutto ma non è specializzato in classica

il resto dei servizi??

 

grazie

Link to comment
Share on other sites

giorgiocana82

Ciao, 

io per una questione di confronto li sto usando tutti in contemporanea, per questioni di genere musicale / applicazioni disponibili su streamer e home-theatre. 

Tutti hanno disponibile una versione "base" dove la qualità audio è la medesima di un CD, quindi 44.1 khz / 16 bit, e una definita HIGHRES dove generalmente il massimo è 192 Khz / 24 bit.

 

Apple Music: Qualità audio massima ALAC 192 khz / 24 bit ha un catalogo enorme e nonostante fossi scettico inizialmente ha un'ottima qualità. Il pregio è sicuramente quello di avere un catalogo completo e lo utilizzo sia in auto che a casa collegando il Mac al dac via USB. Difetto non è bit perfect. Costa 9.99 €/mese

 

Qobuz: Qualità massima al momento FLAC 192khz / 24bit; ottimo se ascolti molta musica classica e jazz, ma ha anche ottimo catalogo di altri generi. E' la piattaforma che preferisco (riesco a farlo andare bit perfect, anche grazie ad Audirvana su Mac); costa 14.99 €/mese 

Tidal: più orientato su generi "commerciali" pop/hip-hop, parzialmente rock. lo preferisco meno da un punto di vista dell'audio, ma è una mia opinione. Difetto se non hai un dac o streamer in grado di spacchettare completamente l'MQA la risoluzione massima è limitata a 96khz / 24bit. Se si ha un DAC o streamer in grado di spacchettare l'MQA la qualità audio massima è la medesima degli altri servizi ad alta definizione Costa 19.99 €/mese;

 

Amazon Music: come Qobuz la riproduzione è FLAC, e si può arrivare a 192 khz / 24 bit. Il catalogo è abbastanza completo, ciò che mi piace di meno è il fatto che l'app sia abbastanza cervellotica, non è bit perfect, e le app integrate a Home-Theatre e Streamer facciano fatica a fare girare in modo semplice Amazon Music. Costa 9.99 €/mese

 

Se domani dovessi scegliere una sola App da tenere probabilmente terrei Qobuz per via dell'ampio catalogo di classica/opera/jazz/rock disponibile e della qualità dell'applicazione, seguita a ruota da Apple Music. Sulla seconda la terrei solo restando legato al mondo Apple: una nota ulteriore Apple ha recentemente acquisito la piattaforma Primephonic e quando sarà disponibile sarà una bella sfida per gli altri, soprattutto per la gestione dei metadati. 

 

Resta poi Idagio, sempre per la classica, che però non conosco. 

Spero di essere stato abbastanza chiaro.

Un saluto

Giorgio

  • Melius 2
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share



×
×
  • Create New...