Jump to content

L'ottusità dietro buone (?) intenzioni


daniele_g
 Share

Recommended Posts

Pare che l'università di Oxford voglia abolire Mozart, e chissà chi altro, dal programma di educazione musicale per una presunta questione di equità, rispetto delle minoranze oppresse, eccetera.

Incredulo -spero proprio sia una bufala- e sfiduciato, lascio la parola all'arguto Gramellini.

https://www.corriere.it/caffe-gramellini/21_aprile_01/quel-razzista-mozart-66d2f760-9253-11eb-b997-507c83c4e681.shtml

Link to comment
Share on other sites

16 minuti fa, Panurge ha scritto:

Wagner è spacciato, Orff al gatto.

In nuovo conformismo da quattro soldi sta dando i suoi frutti.

si ricominciarà a demonizzare morti, buttar giù statue, demolire tombe e a togliere simboli storici.

invece di leggere il passato e imparare qualcosa, lo si deve cancellare.

in tal modo poi si può riconciare da zero.

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

briandinazareth

la notizia però è totalmente falsa... 

non esiste alcuna proposta di togliere mozart e non ha niente a che fare con il "suprematismo" di questo o un altro autore. 

la proposta è di inserire anche altra musica nei corsi di studi, per esempio il jazz e la musica popolare. 

come al solito si spara a casaccio senza prendersi un minuto per controllare, ma sappiamo bene che sparare un titolo ad effetto ha ottimi risultati in termini di click through rate and seo (ovvero soldi per gli editori)
il giornalista non capisce o fa finta di non capire una semplice frase in inglese, diventa un titolone, gramellini neppure si prende la briga di capire di che si parla e scrive uno sproloquio insensato. 

e poi tutti dietro a seguire e commentare una cosa inesistente con toni di guerra, totalmente ciechi rispetto alla questione reale. 

Oxford spokesperson told Classic FM: “While retaining (and in no way diminishing) our traditional excellence in the critical analysis, history and performance of the broad range of western art music, we are exploring ways to enhance our students’ opportunities to study a wider range of non-western and popular music from across the world than is currently on offer, as well as music composition, the psychology and sociology of music, music education, conducting, and much more.”

 

"Pur mantenendo (e in nessun modo diminuendo) la nostra eccellenza tradizionale nell'analisi critica, nella storia e nell'esecuzione dell'ampia gamma di musica artistica occidentale, stiamo esplorando modi per migliorare le opportunità dei nostri studenti di studiare una gamma più ampia di musica non occidentale e musica popolare di tutto il mondo rispetto a quella attualmente offerta, così come la composizione musicale, la psicologia e la sociologia della musica, l'educazione musicale, la direzione d'orchestra e molto altro ".

non so se siano più cialtroni i giornalisti o siamo più scemi noi (tutti) che ci facciamo guidare come una mandria in battaglie inesistenti.

Link to comment
Share on other sites

2 minuti fa, briandinazareth ha scritto:

musica popolare di tutto il mondo

Inseriranno anche Orietta Berti?

Scusa se ho tagliato per non sprecare banda, ma si potrà leggere il tutto più sopra.

Link to comment
Share on other sites

briandinazareth
Adesso, vizegraf ha scritto:

Inseriranno anche Orietta Berti?

Scusa se ho tagliato per non sprecare banda, ma si potrà leggere il tutto più sopra.

 

non saprei ma ne dubito 😂 

 

Link to comment
Share on other sites

extermination

In effetti la notizia ha generato in me un certo senso di smarrimento e sofferenza. Ma, come dice il mio Boss, soffrire è parte della nostra crescita!

Link to comment
Share on other sites

Schelefetris
9 minuti fa, extermination ha scritto:

soffrire è parte della nostra crescita!

 

io voglio contrarre la sindrome di Peter Pan 😄 

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Panurge ha scritto:

Orff si può dare al gatto lo stesso? 

Si ma poi l'audiofilo come fa senza il 50% dei suoi dischi? (l'altro 50% è jazz at the pawn shop, parimenti buono per il gatto) 

Link to comment
Share on other sites

extermination
35 minuti fa, Velvet ha scritto:

poi l'audiofilo

I "gusti" (o se preferisci le  "percezioni " ) non si discutono! Ognuno ha i propri ..con pieno titolo di difenderli... sino alla morte senza alcun obbligo di " giustifica" e/o confronto con le altrui "soggettività".

Link to comment
Share on other sites

 Share


×
×
  • Create New...