Jump to content

Torna in produzione la Western Electric 300B


Recommended Posts

  • Administrators

 

  • Il leggendario triodo Western Electric 300B è ora di nuovo in produzione. Utilizzando le più recenti tecnologie, la 300B è prodotta secondo i progetti originali nello stabilimento Western Electric di Rossville, nello stato americano della Georgia.

 

Ogni tubo viene sottoposto a un processo di test computerizzato di 72 ore che termina con un ciclo finale di misurazioni e ogni tubo viene fornito con la propria scheda tecnica. Sulla base di questa ispezione finale, viene assemblata una coppia "abbinata".

In vendita direttamente dal produttore.

 

https://www.westernelectric.com/300b 

 

 

 

300b-height-scale+copy-01+copy.png?forma

  • Melius 1
Link to post
Share on other sites

Direi proprio di no. Le quatazioni sul NOS sono ben diverse e molto più alte. 

Le Elrog costano  1275€ la coppia e sono in torio tungsteno con caratteristiche differenti

Oltretutto, le cineserie simil WE costano la metà circa quindi sono queste ultime davvero care.

Ovviamente possono piacere oppure no ma trovo positivo che ci si metta ancora a realizzarle seriamente non lasciando la gran parte del mercato ai cinesi. 

Se è realizzata bene, se sarà longeva anche solo come le precedenti, qualcosa acquisterò. I tubi di qualità sono merce rara.

P.S. forse sarebbe stato meglio scrivere "prezzi da NOS anche se di produzione recente". Il NOS è nuovo per definizione essendo inusato.

 

  • Melius 2
Link to post
Share on other sites

@mariovalvola siamo sempre nell'ipotesi che le producano davvero sugli standard WE... Ci avevano già provato... Tanti anni fa avevo avuto a che fare con un produttore della repubblica Ceca e da lì ho capito che per produrre con qualità elevata occorrono buoni materiali, linee complesse, operatori esperti. Sicuramente chi sa costruire tubi adesso lavora in Asia: i russi non hanno mai smesso e neppure i cinesi, che hanno iniziato per i militari settanta anni fa e non si sono mai fermati. Non so se negli USA abbiano ancora le persone in grado di fare il lavoro. E bisogna che abbiano anche tutta la filiera con le decine di leghe ad alta purezza, i vetri, la chimica che c'è dietro. Adesso Intel ha chiesto a Pantalone governo USA di finanziargli la fabbrica per riportare la produzione di microprocessori in casa (sai mai che facciano qualche piccola guerra). Nel frattempo in Occidente abbiamo perso (anche noi europei) la conoscenza necessaria per certe produzioni.

Speriamo bene.

Un saluto,

Piero

Link to post
Share on other sites

  @Altainefficienza

Si vedrà. :classic_smile:

Sono anni che promettono meraviglie. A leggere le notizie apparse nel frattempo, le premesse ci sarebbero.

Ricordiamoci, però, che la 300B (pur con l'incognita della normativa RoHS), non richiede i virtuosismi realizzativi tipici della scuola europea (Il passo di griglia lievemente asimmetrico è stato accantonato anche dalle WE). E' un tubo non ad altissima trasconduttanza ( nei limiti di un DHT) quindi relativamente più semplice. La letteratura per gli ossidi efficienti e duraturi dovrebbero avercela. Senza voler essere un benaltrista, una AD1 Telefunken, allo stato attuale, è lei ad essere davvero irripetibile. La vaporizzazione e il deposito dello strato emittente, in fase di attivazione, tipica dei veri "barium tubes", è una procedura antica, virtuosissima e, ormai, assolutamente dimenticata. La costruzione sembra davvero provenire da un altro pianeta e, osservandola anche oggi, ti lascia supporre un'incredibile superiorità tecnica della Germania degli anni'30 e '40. Il filamento ad arpa ormai è troppo complesso per essere ripetuto. Insomma: un frammento di un'epoca difficile da decifrare nella sua interezza.

  • Melius 1
Link to post
Share on other sites

@mariovalvola la chimica è tedesca, e lo era a maggior ragione in quegli anni. Ma anche Bell/WE non scherzava, sono stati la la punta di diamante della ricerca statunitense per decenni. Mi ricordo di aver letto tanti anni fa su L'Audiophile la genesi delle copie americane e giapponesi della 300B, e di come non ne andassero fuori... Cetron non era un'azienda qualunque, ma la sua 300B non era proprio come la WE.

Ho un amico ingegnere che ha lavorato tanti anni con la Cina, si era anche fatto fare delle (buone) 300B discutendone con gli ingegneri cinesi.

Produrre valvole industrialmente non è proprio facile.

Comunque sì, vedremo.

Un saluto,

Piero

Link to post
Share on other sites

Le tecniche, da allora, si sono evolute e non poco; immagino, pertanto, che oggi le tolleranze di lavorazione siano molto migliori dei tempi che furono nonché siano migliori i livelli di purezza dei materiali, ecc. ; tutto ciò dovrebbe* tradursi, rispetto alle produzioni d'un tempo, in: minor rumore, minor distorsione, risposta in frequenza più estesa e piatta, miglior stabilità, migliori capacità d'erogazione, maggior mantenimento nel tempo delle caratteristiche.

Premesso questo, non so se i tubi più precisi e meno distorsivi realizzati con tecniche attuali  piaceranno agli audiofili più audiofili: notoriamente affezionati ad un certo tipo di distorsione e di eufonia. 

.

* Il dovrebbe ho ritenuto opportuno sottolinearlo in quanto mentre i tubi prodotti un tempo erano destinati ad uso serio, questi sono invece destinati ai giocattoli casalinghi.

 

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...

You seem to have activated a feature that alters the content of pages by obscuring advertisements. We are committed to containing advertising to the bare minimum, please consider the possibility of including Melius.Club in your white list.