Jump to content

Media Server (NUCLEUS?) USB o Ethernet -> streamer/DAC


znorter
 Share

Recommended Posts

Perdonate il titoletto alquanto criptico ma, le possibilità di sistemare una "catena" per lo streaming (online, Qobuz/Tidal ecc.) e dei propri file (SSD/HDD) ha davvero molte possibilità che poi, passano per differenti cavi (USB e Ethernet) e device alimentati a 12V oppure 5V (e quindi che "necessitano" di un buon alimentatore esterno!) e meglio a 220V.

 

Il classico esempio è di un NUCLEUS (ma anche un media server come lo sono innuOS Zen/Zenith) che lo posso configurare così, alternativamente:

  1.       Modem/Router --> (Ethernet) --> NUCLEUS 

                                                    --> (Ethernet) --> SREAMER/DAC

 

  1. 2    Modem/Router --> (Ethernet) --> NUCLEUS --> (USB) --> STREAMER/DAC

 

Considerando che dopo il Modem/Router si potrebbe perfino mettere uno SWITCH-AUDIO (ma qua... esco dal tema) e che nella USB posso mettere un device con CLOCK+ (ad esempio Phoenix innuOS; anche qua... esco dal tema) quello che mi riguarda ora è  l'ingresso STREAMER/DAC che solitamente è sia USB sia Ethernet.

 

"Funziona" in ambedue i casi:
(1) lo streamer "pesca" dalla rete di casa i file + ovvio quelli online.
(2) "classico" sistema in "cascata"

 

Parlando ora di componenti e facendo nomi sia Bricasti Design che Simaudio Moon mi scrivono che il provilegio di avere in TEORIA una "migliore" SQ è usare la rete e NON la USB, per configurare il tutto.

C'è poi MSB che invece dice che le loro USB+ (un sistema proprietario) vanno "meglio" e, la loro opzione scheda di rete in questo caso non serve, sebbene anche le USB+ (mi pare 2 moduli) sono anch'esse opzioni per il loro DAC.

 

E Voi?
Che mi dite? Mi farebbe piacere leggerVi... conoscere qualche impressione per sistemi "TOP", senza PC, laddove io penso che "less is more" e meno alimentazioni hai tra le.... e meglio è.

Grazie.

 

P.S. A che penso? Bricasti Design m3 (+ opzioni) ... a MSB Discrete DAC ... ma anche a NAIM (di cui... non...) e dCs.... anche e perché no a "One Sys" (i "compattoni" di un tempo, ma... TOP) di sicuro no ad AURENDER perché non supporta ROON e... boh, dite pure la Vostra anche menzionando TAIKO/PINK FAUN e perché no, WOLFF ...

P.P.S. "Amo" i DAC Burr-Brown... eh: lo so'... ma è così! (A parte Bricasti che... vabbè...)

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

@znorter Comincio con una domanda: scrivi sempre "STREAMER/DAC", ossia (capisco io) streamer con dac incluso,  e quindi uscita in analogico.

E' un vincolo, o puoi immaginare streamer e dac separati?

Link to comment
Share on other sites

@franz159 No, no... è tutto "aperto", ci mancherebbe. Ritengo "per semplificazione" (less is...) che i "due" possano essere anche separati, ma "il problema" in TOPIC -se non erro- è "un altro".
L'uscita del DAC poi, sì, ovvio che sarà analogico vs un ampli almeno a che non mi parli di un DAC/ampli e, ci stà, ovvio.
Come ho esordito... abbiamo tante possibilità 😉

Link to comment
Share on other sites

@baldo68 Sì, uno streamer "puro" come pure c'è tra i tanti questo:
https://en.wattson.audio/emerson

Ma il punto è che questo non è il "punto" 🙂
Uno streamer/DAC o, meglio, un DAC (o ampli) che abbia l'opzione "scheda di rete" -diciamo così- può funzionare in cascata (USB) e pure tramite protocollo di rete (Ethernet).
Vedi lo schema. 1 oppure 1.2

E la SQ? (Anche in via teorica)

Link to comment
Share on other sites

Ho un NUC che funziona da server musicale con installato Roon e il suo sistema operativo ROCK (collegato poi con un HDD pieno dei miei files SD/HD/DSD).

L’endpoint di Roon è fatto dall’ampli/dac Devialet collegato direttamente via Ethernet tramite il protocollo AIR sopportato da Roon. Nessun collegamento USB.... e ti garantisco che per l’audio è solo che positivo (purtroppo i miei test hanno sempre visto USB perdente tra coassiale, Ethernet, etc.).

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

..e un senso ce l'ha ....... per chi mi segue in questo ragionamento.
Ad esempio una recensione da "The ear" del DISCRETE DAC. (MSB)

 

Streamers work in a different way to USB connections between a server and a DAC, a streamer pulls data from the drive while a server has to push data to a DAC. It's possibly because of superior clocking in the streamer or just a factor of the way the data is transfered but it always sounds better. The MSB Discrete had both ethernet and USB inputs but they both sounded the same so it's not just the difference between an RJ45 and a USB connection. Hope that makes sense.

 

In "realtà" dicendo che (nella prova completa) ha aggiunto uno streamer (AURALIC per la precisione) e, ha sentito "meglio" rispetto alla connessione diretta del DAC (con l'opzione scheda di rete!!!) al server, un innuOS via USB (dimenticandosi che comunque anche l'innuOS è uno streamer, basta usare la connessione Ethernet!)  egli dice una... cacata.
Appunto, nonostante un lettore nei commenti gli dice ma tu... "sempre dici meglio un Auralic streamer... in ogni prova", sembra chiaro che... quanto ha affermato (The Ear, il recensore) è... una appunto.... una mezza cacata.
Ripeto: l'innuOS lo poteva usare esattamente come l'Auralic, quindi connesso come nello schema mio n. 1
Poi, se sentiva comunque meglio l'Auralic, OK, ma non tirare fuori le "questioni" USB/Ethernet oppure "dati e clock", perché lui non ha avuto il modo di capire esattamente quello che poteva fare.

Rimane appunto "valido" il mio Topic, penso.

Link to comment
Share on other sites

@medio Ottimo, quindi uno schema "1".
Hai la possibilità di fare come lo schema 1.2? Cioè, mettere in "cascata" il Devialet via USB?
Poi, "due parole" della sezione DAC del Devialet, sempre gradite.

Link to comment
Share on other sites

11 ore fa, znorter ha scritto:

Ottimo, quindi uno schema "1".

yes

11 ore fa, znorter ha scritto:

Hai la possibilità di fare come lo schema 1.2? Cioè, mettere in "cascata" il Devialet via USB?

già fatto appena ricevuto il devialet, ha confermato (come nei precedenti impianti) che la USB suona molto più definita (troppo....) ed affaticante. Con un filtro tipo Intona paradossalmente suonava ancora "meglio" ma ne accentuava i difetti in termini di iperdefinizione. L'ethernet è risultata più naturale e quindi musicale, questo sempre IMHO.

11 ore fa, znorter ha scritto:

Poi, "due parole" della sezione DAC del Devialet, sempre gradite.

beh, è uno dei DAC più "sofisticati" (a livello di suono) che abbia avuto, abbastanza naturale anche se in termini di musicalità ho sentito di meglio (erano DAC a valvole....), ma nel complesso molto soddisfacente

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

@medio Grazie; confermi (certo, a livello personale, teorico ecc.) quello che in Bricasti mi hanno scritto e in Simaudio: preferibile Ethernet.
(Teoricamente ancora, una USB "trattata" con un Clock dovrebbe non avere più quelle "asprezze"...)
Senza menzionare i cavi e le varie "messe in fase/terra" eccetera.
Poi, anche la Ethernet... cavi eccetera (clock!) e switch-audio.... Diciamo che parte con un "vantaggio", la Ethernet, via.

...

Però ci sono sempre tanti... 
(Ormai scrivo come a fare mente locale o, pensando a voce alta/scrittura😵)
Ho avuto un Lumin mini (streamer) via Ethernet (situazione punto "1" ma forse "1.1" perché erano comunque in "cascata") dal innuOS e oggi, via il Lumin perché era praticamente un "doppione" (lo streamer è anche l'innuOS) ma utilizzando la USB (cavi TOP, messa in fase "corretta" ecc.) suona meglio, certo c'è un Berkeley alpha USB che "tratta" la USB ora...

Link to comment
Share on other sites

@znorter E (auto-menzionandomi 🤓) mi verrebbe da pensare che, siccome di "risposte adeguate" non ce ne potranno mai essere per "comprendere il problema", un apparecchio "TUTTO in UNO" (streamer/DAC/media s.) potrebbe essere davvero "la soluzione" se certamente parliamo di una realizzazione TOP e (quasi) senza compromessi anche di costo (specie per la parte DAC).
Le "porte" sarebbero realizzate/utilizzate nel migliore dei modi (poi, Ok, il Sound del DAC dipende anche dalla tipologia "scelta"... R2R, BB, sabre, AKm, ecc.) e con in mente il flusso dei dati in maniera tale da... bla bla bla.
(Mi rimane in testa MSB e la sue SUPER USB (opzione) e la scheda di rete altra opzione.)

Link to comment
Share on other sites

@znorter
Mio sistema:

modem (ethernet) —> NUC i7 con Roon ROCK (ethernet) —> SOtMsms-200 (cavo USB) —> DAC.

Al NUC è collegato anche un NAS, e poi il tutto è posto sotto prima UPS e poi alimentatore lineare (HDPLEX 200W)

Mi manca ancora da prendere un secondo alimentatore lineare da mettere sotto il SOtM, perché l’unico che avevo (l’HDPLEX) l’ho recentemente  spostato sotto NUC e NAS.

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

...ragionando -a parte tutto quanto riguarda le alimentazioni lineari/switching eccetera e, a parte il discorso sulla messa in fase/terra e a parte i "nuovi dispositivi" (switch-audio"; usb clock ...)- che l'architettura dei device per quanto riguarda STREAMER/DAC e, media-server sia determinante a parità di "corretta installazione" per la SQ della Musica "liquida".

Non è solamente un discorso (ho anche delle prove in mano ma.. non voglio esporle ora per non generare flame anche giustificati ma che porterebbero inevitabilmente OFF TOPIC ecc.)  di semplificazione, meno alimentazioni da "curare", meno cavi eccetera ma proprio dei DATI che il DAC deve "ricomporre" per passarli all'amplificatore di turno.
Ok, ci sono sempre molteplici "vie" per arrivarci ma, ritengo anche dopo qualche email con MSB/BRICASTI/SIMAUDIO e alcuni pareri autorevoli, che l'ottimizzazione del percorso di questo segnale (e dei tanti clock!) sia da ritrovarsi in progettazioni/costruzioni e come volete chiamarle all'interno dello stesso chassis o comunque "lì intorno".

...

Ben accette sempre le Vostre impressioni (che si semplificano in USB vs Ethernet?) io vado ad aprire contestualmente un Topic (senza tante elucubrazioni 🙂 ) per macchine "TUTTO in UNO". Chi ha qualche dritta... ci faccia un salto! QUI sotto:

 

 

Link to comment
Share on other sites

5 ore fa, znorter ha scritto:

Il DAC?

PS Audio NuWave DSD.

E’ il primo DAC, in assoluto, che ho acquistato in vita mia, ormai 4 anni fa, insieme al SOtM sms-200; tanto per muovere i primi passi nella liquida.

L’intenzione era poi di cambiarlo, con uno molto migliore, appena presa confidenza con Tidal, Roon, lettori di rete, NAS, e compagnia cantando.

Invece è ancora lì, col SOtM, al suo posto.

Mentre il resto del mio comparto audio-informatico nel frattempo si è notevolmente evoluto e raffinato.

Forse valuterò di sostituirlo con il nuovo M2Tech Young MKIV, uscito dicembre scorso.

Ma non ne sono ancora sicuro.

 

 

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

https://www.hifi-advice.com/blog/review/digital-reviews/spdif-dac-reviews/vermeer-audio-two/?unapproved=15063&moderation-hash=24afd66bbf8f6e5d8cd1490802c58816#comment-15063

 

Qua, tra le righe, potreste (usare Google per tradurre automaticamente, casomai...) capire meglio che cosa intendo.
Forse pure leggere il mio commento all'articolo, se passa.
😉

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...