Jump to content

Riverniciare un paio di La Scala per cambiarne il colore


raf_04
 Share

Recommended Posts

Ciao a tutti,

nella mia città sono in vendita  un paio di Klipsch La Scala, diffusore che cerco da diversi anni ma che non ho mai avuto modo di ascoltare.

L'unica cosa che mi trattiene dall'organizzare un appuntamento è il colore dei diffusori, NERO.

Non ho niente contro questo colore, che normalmente trovo essere molto sobrio, ma mettermi 2 lavatrici di queste dimensioni in casa, per giunta di colore nero, temo sia troppo persino per la mia tollerantissima mogliettina.

Quello che mi (vi) chiedo è: sarebbe possibile riverniciare i mobili dei diffusori (ciliegio o betulla) senza combinare disastri? 

Link to comment
Share on other sites

@raf_04

allora ....

olio di gomito e leggera scartavetrata al legno del diffusore

ma leggera , oggi esistono primer o prime mani favolose ... e,lo dico x esperienza .... non sulle casse , ma su portoni esterni esposti sud ovest

poi si applica il primer ... se vuoi ti dico pure marca e tipo e dove trovarlo ......

ma lo si applica a pennellaccio , cioè senza particolari attenzioni .... ha una tonalità nocciola chiaro

altra minima scartavetrata , anche di paglietta , veloce e leggera , solo una opacizzazione

poi , alla fine , si applica la tonalità preferita

PS

scartavetrare è scorrelata del significato che tale operazione aveva fino a pochi anni fa....

cioè ....

oggi , una passata .... et voilà ..... e se ci son riuscito io che ho pazienza da qui a lì , ci riesce chiunque

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

@domenico80 si ma poi? Non penserai che da nero diventi color noce (es) un legno a vista? 
Può solo usare smalti ma allora a pennello fa una cosa tipo staccionata 😁

se da nero a poro aperto (le La scala non sono a smalto) vuol passare a legno a vista deve carteggiare fino ad avere il legno in vista appunto... e se sono impiallicciate - e lo sono - mangia la ricopertura ed ancora legno non se ne vede. 
Secondo me eh (che di solito impiallaccio e poi tratto con colore ceralacca o finiture a cera)

@raf_04 Se ti piace la tinta piena, lo smalto, con molta meno manualità puoi smontare gli ap o incartarli (benissimo), carteggiare come dice domenico80 e poi trovare un carrozziere onesto che ti smalti a spruzzo almeno l’esterno e gli spessori del cabinet. L’interno tromba lo lasci nero che sta anche bene secondo me

Link to comment
Share on other sites

dipende da che lavoro vuoi fare

se vuoi fare un bel lavoro...

devi smontare tutto..

e porti i mobili da un onesto falegname e te li fai fare.

rimonti tutto,e per un po sei a poto.

se inizi a usare pennelli e carta vetra...addio....

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

insisto sul pennello .... x esperienza

chiaro che se porti tutto da un verniciatore di professione il problema non esiste ..... spero

se invece riesci o vuoi fare tu il risultato può essere assai apapgante ....

carteggi rapidamente x arrivare ai pori ..... non importa se il fondo sia nero o verde ! ! ! 

passi il primer o aggrapapnte ..... 1 o 2 mani vedi tu il potere coprente del primer del primo colore applicato dalla casa

carteggi rapidamente ....

sempre  , meglio se con paglietta in acciaio

passi la tinta a pennello .....

carteggi sempre velocemnete ....

puoi passare una finitura simil cera o mat o lucida  ....

io farei la prima .... xchè non sopporto il lucido

Chiaro che se preferisci un fondo o smalto poliuretanico .... puoi farlo ugualmente

Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, domenico80 ha scritto:

insisto sul pennello .... x esperienza

Tu dici che si possa andare sopra un legno tinto in profondità dal colorante nero con un color legno (qualsiasi) che ovviamente è più chiaro mantenendo in vista la venatura ?

Mai visto. Ma non voglio discutere la tua affermazione, se la fai è evidente che l’hai sperimentata se vuoi essere così gentile da citare i prodotti usati imparo anche io e ti ringrazio
 

Link to comment
Share on other sites

@raf_04 ma no scherzavo 😁

peró sono molto interessanti, la descrizione del lavoro che ci ha fatto sopra il tizio è intelligente e l’aspetto è stato riportato a nuovo. Il prezzo anche non è un furto. Purtroppo a Bologna non ci si potrebbe andare con il lock down... se puoi vacci!

Link to comment
Share on other sites

@Jack 😅me l'avevi fatta.

Per ora non posso (sono di Milano), ma appena riaprono le gabbie un salto lo faccio. 

Non ho mai ascoltato le LaScala ma ho sempre adorato le Heresy (più delle Cornwall)

Link to comment
Share on other sites

@raf_04 😜

guarda anche queste... 

https://www.ebay.it/itm/klipsch-la-scala-1a-serie-originali-/303921822720?_trksid=p2385738.m4383.l4275.c10

risparmi molto e puoi divertirti a sistemarle tu (SE ti diverte)

le La Scala suonano, ti devono piacere le trombe ed avere spazio, parecchio spazio, soprattutto davanti, le trombe rendono a distanza soprattutto queste. 

Link to comment
Share on other sites

1 minuto fa, raf_04 ha scritto:

Gaeta

Non avevo guardato dove fossero.

se puoi sentire youtube sull’impianto (ma forse anche in cuffia) questo video una mini idea te la da’

 

Link to comment
Share on other sites

@Jack adesso sto ascoltando vecchio rock nel secondo impianto in taverna con ste trombettine qua... una volta erano nere sintetico ora noce vero 😜

C9C55AE6-0677-40E0-B8FB-973A65656C7B.thumb.jpeg.03809cf5bad3b8c518102969170222e3.jpegB1628943-AA0D-44A3-B82A-36A05AC3DB47.thumb.jpeg.9f3d83e1cee3bd8c3b32047044e4a1b1.jpeg

le jbl trombano diverso da klipsch, vogliono corrente SS ma sempre da lontano vanno ascoltate... e col rock!

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

4 ore fa, saltato ha scritto:

Bel lavoro complimenti

Ti ringrazio ma non ci vuole granché, è solo un po’ tricky smontare la tromba, fanno apposta 😣... nere di plastica non potevo sopportarle

Link to comment
Share on other sites

Il sistema più semplice è il wrapping,tanto di moda in ambito automobilistico, sicuramente avranno pellicole di qualsiasi tonalità di legno.

L'unica alternativa valida è riportare il piallaccio allo stato grezzo, operazione complessa e delicata vista la sicura esiguità dello spessore è un attimo a rovinarle...

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share




×
×
  • Create New...