Jump to content

modifica Boston a 150mk3


cri
 Share

Recommended Posts

Buongiorno a tutti, spero di essere nella sezione giusta. I miei diffusori in oggetto, hanno un basso a causa del posizionamento complicato che spesso ha code ma sopratutto è avanti. Ho provato a mettere un condensatore np da 380mf in serie al woofer creando un filtro passa altro a 6db/oct (partendo quindi da 100 hz e attenuando di circa 3db i 50hz con una curva morbida ottenendo una sensazione di asciugatura, secondo me un buon risultato. Purtroppo il pre non ha i controlli di tono.
Quello che ho fatto può causare qualche problema oppure no?

Ci sono altre soluzioni? aumentare il fono assorbente nel box?

Grazie mille a chi vorrà consigliarni

Cristiano

Link to comment
Share on other sites

40 minuti fa, cri ha scritto:

hanno un basso a causa del posizionamento complicato

Non è che invece il problema sono i medioalti attenuati causa crossover da revisionare?

Link to comment
Share on other sites

@buranide no credo, spostandoli il problema si risolve. Avevo già provato questa esperienza con altri diffusori da pavimento e la situazione era la stessa solo che poi li ho venduti e preso dei diffusori da stand, Questi mi dispiacerebbe darli via o per lo meno sono in dubbio. Poi nemmeno capita sempre, dipende dalle registrazioni

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, cri ha scritto:

in ogni caso avresti dei consigli?

Se il problema è il posizionamento eviterei modifiche al crossover, eventualmente cerca un ampli con i controlli di tono e/o un fattore di smorzamento piú alto, che tornerà sempre comodo in futuro...

Che ampli usi adesso?

Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, cri ha scritto:

Quello che ho fatto può causare qualche problema oppure no?

Problemi no, ma è una soluzione errata.

2 ore fa, cri ha scritto:

aumentare il fono assorbente nel box?

Mi sa che aumenta il volume visto dal driver e quindi scenderebbe ancora piú in basso...

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, cri ha scritto:

non diminuisce l'efficenza aumentandone lo smorzamento?

Si. Nella porzione di tuo interesse si. In effetti il diffusore avrà maggior estensione ma perderà qualche db. 

Prova, potrebbe andare meglio del condensatore che sicuramente impasta il basso. 

Link to comment
Share on other sites

3 minuti fa, AlfonsoD ha scritto:

meglio del condensatore

in effetti è una prova che ho fatto ma che non vorrei lasciare, non è una soluzione corretta come ha detto anche @buranide

Link to comment
Share on other sites

@cri beh, corretta o non corretta, b&w le 800 le ha vendute per un decennio co  un condensatorone in serie al woofer. 

Poi lo togli e scopri che suonano meglio. Però lì tutti a dire che non è corretto toglierlo. 

Basta mettersi d'accordo. 

Link to comment
Share on other sites

A quanto ne so,

mettere un NP in serie a tutta la cassa potrebbe essere un buon metodo per abbruttirne la gamma media ed acuta, oltre che a snaturare il basso.

Io personalmente agirei sull'assorbente interno, che male non fa ed è perfettamente reversibile.

Trattandosi poi di una cassa a torre di risonanze interne ne avrà certamente, meglio correggerle.

Naturalmente l'assorbente va messo dove non fa danno, cioè lontano dai cestelli dei coni e lontano dall'imbocco del tubo reflex.

 

Link to comment
Share on other sites

@Jack Beh, consigliare di mettere un processore da 500-1000 euro per far suonare una coppia di diffusori da 250-300 mi sembra un pochino esagerato. Ed io sono uno che tifa per i dsp e l'elaborazione digitale da sempre, da quando ne ha capito le potenzialità.

Link to comment
Share on other sites

@AlfonsoD quei problemi lí non sono i diffusori a crearli. È l’ambiente. L’ambiente ci sono due modi per curarlo: arredi e trattamenti da una parte (e questi sí complicati e senza sapere dove si va a finire) e un dsp quantomeno per la parte bassa dello spettro audio, che è sicurissimo nei risultati.

Un sacco di appassionati di ascolti credono di risolvere questi problemi con i componenti, in realtà ,soprattutto nella parte bassa, è l’ambiente “a suonare” . La cassa lo eccita ma l’ambiente ci mette di suo molto di più o di meno secondo il caso.

Poi uno può anche girare in giro al problema come un criceto nella ruota se gli piace.

  • Melius 1
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

1 minuto fa, Jack ha scritto:

quei problemi lí non sono i diffusori a crearli. È l’ambiente. L’ambiente ci sono due modi per curarlo: arredi e trattamenti da una parte (e questi sí complicati e senza sapere dove si va a finire) e un dsp quantomeno per la parte bassa dello spettro audio, che è sicurissimo nei risultati.

Un sacco di appassionati di ascolti credono di risolvere questi problemi con i componenti, in realtà ,soprattutto nella parte bassa, è l’ambiente “a suonare” . La cassa lo eccita ma l’ambiente ci mette di suo molto di più o di meno secondo il caso.

Poi uno può anche girare in giro al problema come un criceto nella ruota se gli piace.

Conosco bene l'argomento e so cosa vuol dire inserire un processore per controllare l'emissione, sopratutto in gamma bassa in ambienti non... "amichevoli", ma dico solo che il consiglio è un poco fuori tema.

Se mi lamento della frenata di una panda, non puoi consigliarmi di mettere un impianto carboceramico, è fuori luogo.

Link to comment
Share on other sites

Porto un esempio: ho un secondo impianto in taverna, molto grande ~60mq ma parecchio bassa... 2,23 cm.

Man mano che l’ho arredata ho visto l’effetto pazzesco che l’aggiunta di mobili ed arredi produce.

Era già ad un buon punto e mi sembrava decente ma impossibile da migliorare per via della forma e dell’altezza.

va bene, è un secondo impianto, non posso alzare troppo, ma pazienza.

In queste ultime settimane ho dovuto aggiungere due grosso divani, pieni, pesanti, ben imbottiti. 

Beh ... è come se avessi un altro primo impianto, il palco è aumentato di due metri in ogni direzione ed i bassi sono spettacolari ben oltre un volume per sani di mente. E vi sono delle semplici JBL studio con un vecchio roksan LIII, un mac mini con audirvana ed dacchino Musical fidelity da 200€. 

Ecco, sembra un racconto banale ma rende molto l’idea di “cosa suona” in una sala.

 

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share




×
×
  • Create New...