Jump to content

Consiglio cavi Cardas o alternative?


Merlino
 Share

Recommended Posts

Salve,

 

Avendo visto i benefici dopo l'introduzione del cavo di potenza cardas clear light, mi è venuta voglia di cablare tutto l'impianto.

Per i conoscitori di cardas cosa o altri cavi con cui vi trovate bene cosa consigliate e quali caratteristiche hanno.

Devo collegare pre a valvole con finali mono a valvole;

Lettore cd lector CDP-707 con il pre;

streamer naim ndx con pre;

 

Inoltre ho sentito pareri assai discordanti riguardo i cavi di alimentazione, c'è chi vede il paradiso e chi non nota nessuna differenza

con il normale cordone da pc. Pareri e consigli al riguardo?

Cosa mi consigliate come cavo di alimentazione per i 2 finali mono a valvole con un ottimo rapporto qualità prezzo?

 

Grazie

 

Link to comment
Share on other sites

@Merlino ciao, amo i cavi Cardas, ma quelli con il suono più “dorato”, per intenderci quelli che nel loro sito sono identificati con il simbolo marrone a posto del blu.  Ma dovendo tu collegare due apparecchi valvolari, forse, sono per te più indicati proprio i modelli “blu”, dal Clear Sky in su. Per lo streamer, possono valere entrambe le tipologie, dal Parsec a salire dipende se vuoi scaldare un po’ la fascia media. Intendiamoci, si tratta di sfumature, ma ovviamente salendo di fascia, i cavi Cardas saranno sempre più neutri. Per i cavi di alimentazione, ti posso dire che si percepiscono, non come un cavo di segnale, ma quanto basta per cambiare quelli in dotazione che sono quasi sempre molto scarsi e non schermati.

Io uso i Van De Hul, ma anche WireWorld o Furutech, sono validi e non troppo costosi. 

Inizia con i cavi di segnale, e lascia per ultimi quelli di alimentazione. 

Link to comment
Share on other sites

@Merlino se hai cavi di alimentazione standard,a prescindere dal marchio che prenderai, cambiali. Io ho optato per i Neutral Cable Fascino.

Ti capisco quanto scrivi dei benefici apportati dai Cardas Clear Light, visto che personalmente, dopo decine di prove, ho trovato la pace audiofila con il modello nuovo dei Light, ovvero i Cygnus. Cavo, per me (ma non solo), letteralmente straordinario. Tra il Light e il Cygnus le due uniche differenze dovrebbero stare nella maggiore estensione agli estremi di banda del nuovo modello, maggiormente in basso. Per il resto dovrebbero essere uguali.

Io avevo abbinato ai Cygnus di potenza i Neutral Cable Fascino di segnale. Ma se i Cygnus di segnale vanno nella stessa direzione di quelli di potenza, e non stento a crederlo, il passo in avanti potrebbe essere notevole.

 

Link to comment
Share on other sites

Vorrei cambiare i miei attuali cavi di segnale che sono dei Monster Cable interlink 400 mk2.

Fra i tanti costruttori di cavi presenti sul mercato, quelli chemi  ispirano piu’ fiducia sono proprio i Cardas, forse perche’ ho un gran bel ricordo di un loro cavo di alimentazione il quale, quando lo collegai alla sorgente, fece la differenza in maniera udibile. Non ricordo il nome del modello, ma ricordo che era di colore verde e che lo pagai intorno a 150€, usato.

Tornando ai cavi di segnale, quali consigliereste ?

Ho adocchiato quelli piu’ economici, i golden 5, che si trovano nuovi a circa 70-80€.

Mantengono la stessa qualità, seppur in minore misura ovviamente, di quelli piu’ costosi ? O meglio lasciar perdere ?

 

Link to comment
Share on other sites

Cavi di alimentazione per me fanno differenza almeno dalle prove fatte ... se vuoi evitare di svenarti compre spine e spezzoni di cavo acoustic revive o furutech poi te li monti da solo o trovi un elettricista o simile che te li monta... è abbastanza semplice...

 

Per i cardas di segnale come sono fatti a me non piacciono proprio perché essendo multifilare ed ogni singolo mini filo smaltato si crea un valore molto alto di capacità 

 

Suonano diversi ? Si ma è che hanno valori L e R abbastanza elevati quindi state equalizzando... per me meglio cavi il più neutri possibili poi se volete equalizzare lo fate via software

Link to comment
Share on other sites

@iBan69 Grazie per le segnalazioni.

Credo che la scelta cadrà sul clear sky tra pre e finali, cosi da avere una certa uniformità:

 

cardas clear sky tra pre e finale-----> finali e diffusori il clear light di potenza

 

rimangono le  connessioni tra lector, streamer e pre.

Potrei andare sul Parsec oppure altro? tipo audioquest water?

Per le vostre esperienze conviene usare il monomarca, oppure abbinare diverse marche?

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

@johnny1982 si, certo, è vero quello che dici.

Infatti non voglio equalizzare, vorrei avere un segnale quanto più neutro e trasparente possibile.

Per adesso ho avuto solo cavi di segnali economici, (che secondo me equalizzano) perchè mai dato alcuna importanza, anzi credevo pazzi chi spendeva centinaia di euro in fili....

Poi con il cardas clear light si è spalancata una finestra

 

Link to comment
Share on other sites

49 minuti fa, johnny1982 ha scritto:

ma è che hanno valori L e R abbastanza elevati quindi state equalizzando... per me meglio cavi il più neutri possibili poi se volete equalizzare lo fate via software

In un impianto analogico non si equalizza via software ... e comunque, tutti gli abbinamenti della catena sono già un’equalizzazione del percorso sonoro. Tutti i cavi apportano variazioni, chi più chi meno. 

Link to comment
Share on other sites

Ho esperienza solo sui segnale. Ho avuto i cross 2 volte a distanza di anni su impianti differenti, in ambienti differenti. La prima volta li ho cambiati per dei groneberg TS premium, stavolta per dei AQ water. I cross sono degli ottimi cavi senza dubbio, ad un prezzo accessibile, hanno un dettaglio notevole ma non rendono il suono troppo frizzante, sono molto neutri. Entrambe le volte che li ho venduti è per avere un basso più presente e un suono un po' meno preciso ma un po' più esuberante, passatemi il termine. Rimpiango cmq il loro dettaglio, l'ordine e l'impostazione monitor con cui presentano la musica, soprattutto sui pezzi acustici, sui cori, sulle chitarre acustiche. Non rimpiango il loro "rimanere un po' indietro", e la sensazione di minor pressione sonora che mi hanno sempre fatto percepire.

Ho avuto anche i nuovi clear light ma solo un paio di settimane perché l'esborso economico non valeva la differenza (forse in meglio rispetto ai cross). 

Potessi scegliere vorrei il dettaglio dei cross e il medio basso dei groneberg

Link to comment
Share on other sites

11 ore fa, samana ha scritto:

golden 5, che si trovano nuovi a circa 70-80€.

Assolutamente NO!

È un modello prodotto oltre 12 anni fa e di nuovi non ne esistono.

Quelli che tu hai visto a questo prezzo sono dei fake certificati.

Non fatevi illusioni, di Cardas nuovi a 70/80€ ci prendete forse un paio di connettori della serie economica.

 

I veri Cardas Hexlink Golden 5c erano e sono ottimi cavi, ma fai molta attenzione all'originalità dello stesso, pena fregatura.

 

In giro ne ho visti pochissimi negli ultimi anni, ma specialmente se li acquisti a distanza rivolgiti almeno ad un rivenditore affidabile. Ma comunque costano un botto.

 

A questo punto, se ti piace il suono ambrato, dorato e musicale, c'è sempre il vecchio Golden Reference, ex top di gamma, che ancora ad oggi può dire la sua.

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

  • 3 months later...

Buongiorno, riprendo questa discussione, in merito ai cavi Cardas, per questo aggiornamento. Un mesetto fa ho cambiato il pre phono del mio impianto, che gestisce due giradischi, collegati rispettivamente con due Cardas phono: un Golden Reference e un Cross. Il pre phono era collegato in sbilanciato all’amplificatore con un Cardas Parsec.

Questo weekend, ho sostituito il cavo sbilanciato con uno bilanciato, un Cardas Clear Light, e vi è stato un miglioramento non solo di volume, (ovvio), ma dinamico, di trasparenza e della percezione della collocazione degli strumenti, con più focus. Mi aspettavo degli alti più brillanti, ed invece, si sono mantenuti in quel range di equilibrio, che non sfocia mai nell’analitico e troppo scintillante, che non mi aggrada. Tutto è molto equilibrato. Non saprei quantificare quanto di questo miglioramento sia imputabile al modello di cavo e quanto alla tipologia di collegamento bilanciata, ma sta il fatto che il risultato è migliore di quello che mi aspettavo, visto anche l’accettabile cifra investita (i cavi li prendo sempre usati, ma con certificato di originalità, dal mio rivenditore di fiducia).

I cavi Cardas, non fanno altro che confermarmi la loro, per me, bellissima musicalità.

Link to comment
Share on other sites

  • Administrators
cactus_atomo

Ho molto cardas nel mio impianto, alimentazione potenza ed altro. Attenzione alle soluzioni monomarca, tpotrebbero accentuare troppo certe caratteristiche. Oggi girano troppi fake e quindi cercare nellusato è un rischio. Certo I cavi di alimentazione cardas non sono né economici né piccoli, meglio penare a dove metterli prima e non dopo. 

I neutral cable di alimentazione sono da valutare e a volte si trovano anche usati. 

Ho gli hexlink five c di potenza, presi usati quando i cardas non erano di moda e non giravano fake. 

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share



×
×
  • Create New...