Jump to content

Sostituzione tubi su Audio Innovation 500


lormar
 Share

Recommended Posts

È un apparecchio che uso poche volte l’anno (perché non è a casa mia) e le ultime volte mi sembrava non fosse nella solita forma. L’apparecchio è degli anni ‘90 e forse(forse...) le valvole sono state sostituite vent’anni fa. So che ci sarebbero anche altre cose da revisionare, ma immagino che comunque le valvole sia tempo di sostituirle. Per me però è un mondo sconosciuto, ho visto prezzi che per un quartetto di EL34 vanno da decine di euro a 1.500 €. Non voglio spendere cifre del genere, pensavo di investire, per un ricambio completo 3-400 euro. Ma sono completamente sprovveduto , non so orientarmi con le recenti discussioni e non c’è più neanche lo storico del forum dove forse c’erano delle discussioni mirate. Lo userei con delle Spendor 3/5a.


Datemi istruzioni a prova di fesso.

Link to comment
Share on other sites

Trova un tube tester o un amico che possa testare le valvole, potresti risparmiare:

- di cambiare i doppi triodi di segnale: ECC83 e ECC88 (PCC88) con probabilità elevata, se al contrario ci sono una più valvole non ottimali puoi concentrare il budget solo su quello che è meglio sostituire, ad esempio se non usi l'ingresso phono le valvole di quella parte del circuito non è necessario cambiarle

- e forse anche le 4 EL34

Al contrario se vuoi rispettare il budget e cambiare tutte le 9 valvole a prescindere dalle misure potresti fare dei "passi" indietro o nessun miglioramento, molto dipende da cosa hai installato ora NB.

Se è bene cambiare solo le 4 EL34 con 400 euro ne puoi comprare di discrete

  • Melius 1
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

@indifd Innanzi tutto grazie. Si, l’ingresso fono lo userei. Non ricordo assolutamente cosa c’è adesso e finché siamo  messi così non riesco neanche a raggiungerlo, è proprio in un’altra regione. Non avevo proprio pensato ad usare un tester (sono proprio un pesce fuor d’acqua sull’argomento...). L’amplificatore è in un paese delle colline di Reggio Emilia, forse c’è qualcuno che mi può aiutare...

Avevo pensato di limitare il budget a 400€ perché lo ascolto davvero pochi giorni l’anno, ma è un amplificatore cui sono affezionato e, dovendo cambiare tutte le nove valvole, potrei fare un sforzo e raddoppiare l’investimento. Hai qualche suggerimento specifico al riguardo per l’intera batteria?

Link to comment
Share on other sites

33 minuti fa, lormar ha scritto:

è in un paese delle colline di Reggio Emilia,

Mi casa 😁

Ti scrivo in privato, un Audio Innovation 500 è un'elettronica che merita IMHO anche se "economica", ne ho avuto un esemplare anche io per un periodo limitato derivante da una permuta/vendita

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

@lormar se un apparecchio di trent'anni fa viene usato per pochi giorni l'anno e poi sta spento la maggior parte del tempo, io, più che alle valvole, penserei ad una bella sostituzione di tutti i condensatori elettrolitici: alla fine spendi meno e guadagni in affidabilità (e probabilmente migliora anche il suono).

 

Marco

Link to comment
Share on other sites

direi anche io condensatori...e comunque se l’uso è molto estemporaneo investire qualche decina di euro in un variac per alimentarlo con tensioni crescenti nelle prime ore di riutilizzo aiuterebbe sicuramente a mantenerlo in ‘’forma’’

Link to comment
Share on other sites

21 ore fa, max ha scritto:

decina di euro in un variac per alimentarlo con tensioni crescenti

@max cosa intendi, sono interessato, il mio ampli AI500 soffre proprio a causa della tensione molto bassa e ballerina. Grazie.-  

Link to comment
Share on other sites

@vicè Il variac è un autotrasformatore a voltaggio variabile che si usa in laboratorio per dare tensione gradualmente agli apparecchi in riparazione/manutenzione. Ne trovi per un centinaio di euro, anche meno, su amazon.

Col problema della tensione di rete bassa non c'entra nulla però. Ti è stato suggerito in quanto un apparecchio fermo per lungo tempo è consigliabile venga riattivato progressivamente. Alimentandolo con la 220 di botto si rischia che qualche condensatore vada in corto. C'è anche da dire che in un valvolare i condensatori sono pochi. Diverso il caso degli apparecchi a stato solido dove, oltre ai condensatori, sono a rischio anche i semiconduttori.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share



×
×
  • Create New...