Jump to content

C220 - Mc 252 - SF Amati/Serafino


verdino
 Share

Recommended Posts

Ciao a tutti.

Per una decina d’anni ho ascoltato musica dal mio impianto con soddisfazione, composto da C 220 - Mc 252 - SF Guarneri Memento.

Un bel giorno mio padre mi ha regalato il suo/mio vecchio impianto e così per sperimentare, complice lockdown, l’ho messo assieme al mio e combinando una uno strano insieme di biamplificazione dove il C 220 pilota un Sugden A21 se e delle SF Minima Vintage su una linea stereo e MC 252 e delle Guarneri Mem. sull’altra linea stereo, una terza uscita in mono c’è un Sub Elac 2070 , le SF sono una sovrapposta all’altra.

Il risultato è molto molto buono, e va ben al di là delle aspettative iniziali.

Volendo però portarmi in studio il Sugden con le Minima, oggi l’impianto com’era in origine non mi soddisfa più perché, anche se sembra un accrocchio di Archimede, ora sta suonando molto molto meglio di prima.

Ho ascoltato presso negozio le SF Amati Tradition e le Serafino tradition, e mi sono piaciute assai , entrambe fatte suonare con Mc 611, pre C70, DAC Lector Digicode e addirittura rigeneratore di corrente PS Audio da 7.000 euro .

Domanda

Cosa posso aspettarmi se al posto delle Guarneri metto le Amati o le Serafino, mantenendo i miei C220 e Mc 252 , sulla carta come potrebbero suonare rispetto a come le ho sentite in negozio pilotate da MC 611, C 70, Digicode e Rigeneratore di corrente?

 Grazie

Michele

Link to comment
Share on other sites

  • Administrators

@verdino Caro Michele dare una risposta intellettualmente onesta alla tua domanda è come azzeccare il 6 al superenalotto.

Hai ascoltato le Amati e le Serafino con una delle migliori amplificazioni possibili (anche se in un ambiente diverso da casa tua). Dirti che portandoti a casa una delle due coppie di diffusori otterresti lo stesso risultato sarebbe erroneo e fuorviante.

Al primo punto c'è la notevole differenza di amplificazione (raffinatezza e potenza maggiore) e al secondo l'ambiente diverso. 

Conosco entrambi i diffusori e, sempre per onestà intellettuale, ti dico che dovresti cambiare sia il pre che il finale per godere appieno di quello che possono esprimere. A mio avviso il minimo sindacale è un 452+C2600 da trovare usati o ex demo. 

Forse, dico forse, le Serafino potrebbero adattarsi al tuo 252 ma le faresti suonare al 50-60% delle loro potenzialità. Sicuramente dovresti cambiare il pre. 

Link to comment
Share on other sites

giannisegala

@verdino Il 252 è un grandissimo finale ,  a mio parere tra i più riusciti del brand americano ma non adatto a pilotare tutti i diffusori. Secondo me è straordinario con  i diffusori  da stand,  un pò meno  con alcuni diffusori da pavimento.Con quegli armadi  che hai nominato  gli tireresti il collo. Sarebbe come se Fabrizio  De Andrè fosse stato  costretto a cantare "Nessun Dorma" . Ad ognuno il suo. Per quel che riguarda il pre   , sempre secondo me, opterei x un apparecchio più aperto che non  per forza di cose deve  essere un Mac. Due nomi? Bryston e Audio Research  ad esempio si sposano alla grande con il 252. Se invece vuoi restare in casa Mac  vedi un bel apparecchio  tra gli ultimi prodotti , meglio se a valvole. Ciao , facci sapere.

gianni

  • Melius 2
Link to comment
Share on other sites

  • Administrators

@Montez non gli viene il fiatone ma la musica è dinamica e i due succitati diffusori richiedono, per poter esprime compiutamente quello che potrebbero dare, motori più generosi alle loro spalle.

Link to comment
Share on other sites

giannisegala

@Montez In effetti potrebbe apparire strano che  250 watt  non siano sufficienti  a pilotare e muovere a dovere ogni tipo di diffusore  ma è così. Secondo me gli autotrasformatori  c'entrano  in questa storia. Amati e Serafino  , sempre secondo me, necessitano di amplificatori monofonici  per farle cantare al massimo delle loro possibilità.Ripeto, considero il  finale MC 252 un bellissimo apparecchio  che da il meglio di se   con i minidiffusori.  Questo non è un limite , è una  caratteristica del suo carattere.Ciao,  buona giornata .

gianni

Link to comment
Share on other sites

  • Administrators

Come ho scritto prima, i 250 sarebbero il minimo sindacale per le Serafino e inadeguati per le Amati. Non è una questione di suonano non suonano ma del miglior modo di farle suonare.

Link to comment
Share on other sites

  • Administrators

@Montez I McIntosh con AF non raddoppiano la potenza al dimezzarsi dell'impedenza, come sai. Utilizzando l'uscita da 8 o 4 ohm, a seconda dei casi, si ottengono comunque ben più di 250 watt per canale. 

Comunque non se ne deve fare una questione di pilotaggio puro e semplice perchè, ovviamente, i 250 watt del 252 basterebbero nella maggior parte dei casi. Io parlo di riserva dinamica di cui si avrebbe bisogno in caso di asolto di musica impegnativa (soprattutto la sinfonica) in ambienti medio grandi.

Link to comment
Share on other sites

@vignotra

1 ora fa, vignotra ha scritto:

250 watt del 252 basterebbero nella maggior parte dei casi. Io parlo di riserva dinamica di cui si avrebbe bisogno in caso di asolto di musica impegnativa (soprattutto la sinfonica) in ambienti medio grandi.

Qui ti do’ ragione piena , perché le Amati e le Serafino in negozio , prima di ascoltarle con i Mc 611, le ha fatte suonare con una coppia di Mc 301 e le lancette erano abbastanza avanti sulla scala dei Watt erogati (300w non sono pochi) , soprattutto con le Amati , e la dinamica ascoltando sinfonie complesse era nettamente minore rispetto ai Mc 611 , la stanza era meno satura di suono.

Link to comment
Share on other sites

  • Administrators

Aggiungo che ho visto alcuni allestimenti con due 275 in mono con le Serafino. Questo per evidenziare che il modo di porgere la potenza delle valvole è diverso dallo stato solido. 

Link to comment
Share on other sites

@giannisegala @giannisegala

Il 17/6/2021 at 00:05, giannisegala ha scritto:

Audio Research  ad esempio si sposano alla grande con il 252. Se invece vuoi restare in casa Mac  vedi un bel apparecchio  tra gli ultimi prodotti , meglio se a valvole.

Ciao Gianni, il cambiamento si fa impegnativo e per questo è mia intenzione procedere per gradi .

Avevo pensato come primo Steep cambio il Pre con un AR ref 3 o ref 5se cercando tra l’usato se riesco, ho visto e sentito il Ref 6se pilotare delle ATC 50 con una trasparenza e una scena da riferimento. 
Il Mc 252 non lo voglio cambiare , ci sono affezionato, mi piace tutto di lui e gli abbinerò un paio di diffusori SF ( mi piace il suono SF poi mi sono vicini, sono della mia terra) vediamo se Serafino oppure Olimpica 3 .

Ho un ambiente mt 4 X 8 h 2,70 che le Guarneri, pur suonando bene, faticano a riempire di musica. 

Michele

Link to comment
Share on other sites

il 252 collegato a delle stupende coherence stage I versione sono uno dei ricordi pi belli dei miei primi approcci all'alta fedeltà

 

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

I trasformatori di MC non impediscono di raddoppiare la corrente al dimezzare dell impedenza...l elettrotecnica e uguale per tutti... tutta l elettrotecnica segue la legge di ohm.... le varie uscite non fanno altro che dimezzare la tensione in uscita sui morsetti dei diffusori....esempio 8ohn 12 volt     4ohm 6 volt    2ohm 3 volt.  le varie uscite impediscono o cercano....di non far superare la corrente massima che il progetto dell ampli possiede. se usato in ambito domestico e si usassero solo le uscite ad 8ohm si comporterebbe come tutte le elettroniche ..... dopo di che con un diffusore impegnativo oltre un certo volume andrebbe in protezione superando la corrente di progetto ....legge di ohm    v:  r x i     i:  v/r......... uguale per tutti.

 

 

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

@vignotra

Il 17/6/2021 at 09:28, vignotra ha scritto:

Utilizzando l'uscita da 8 o 4 ohm, a seconda dei casi, si ottengono comunque ben più di 250 watt per canale.

È luna leggenda o è confermato il dato che i Mc si esprimono, danno il meglio con l’uscita a 4 ohm ?

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share




×
×
  • Create New...