Jump to content

Mc 7000


Stefano86
 Share

Recommended Posts

Stefano86

Da quando ho il 7000 godo nell’ascolto e nell’estetica, tuttavia un dubbio mi attanaglia…È normale che quando tolgo la corrente all’amplificatore - rimettendola - torna su tuner? 

Link to comment
Share on other sites

  • Administrators
vignotra

@Stefano86 è normale che torni al primo ingresso di default che, in questo caso è il tuner. Se invece lo lasci in standby dovrebbe riaccendersi con l’ultima sorgente utilizzata.

Link to comment
Share on other sites

Stefano86

Ciao, perché dici questo? Ovvero di lasciarlo sempre alimentato? 

Link to comment
Share on other sites

giannisegala

Io non lascio mai  alimentato nulla . I temporali sono un grosso rischio e lavorando  distante da casa non posso permettermi  di lasciare gli apparecchi in stand by.  Anche alcuni dei miei integrati  si accendono  sul tuner. E' assolutamente normale. Non succede invece se li lasci alimentati.  Ciao 

gianni

  • Melius 1
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

Stefano86

Grazie Gianni, mi chiedo se ci sia davvero una differenza d’ascolto tra 7000 e 8000 mcintosh…

Link to comment
Share on other sites

subsub

@Stefano86 Normalmente tutto ciò che ha componenti elettronici e buona norma tenerli sotto tensione.. Chiaramente se il loro consumo rientra in una fascia di basso consumo.. In merito ai temporali diventa pericoloso se abiti in zone periferiche dove la rete viene servita tramite cavi su palifiche.. Altrimenti il rischio si abbassa notevolmente.. Con un magnetotermico in serie il rischio è basso... Per quanto riguarda i fulmini anche qui se non abiti in campagna.. In un centro urbano la caduta e abbastanza remota.... Quindi... 

Link to comment
Share on other sites

zagor333
Il 5/7/2021 at 00:12, giannisegala ha scritto:

Io non lascio mai  alimentato nulla .

E fai benissimo carissimo e saggio Gianni.

👍

Link to comment
Share on other sites

giannisegala

@Stefano86 Molto probabilmente  sono pochi quelli che riuscirebbero a scorgere differenze. Ci vuole un orecchio allenatissimo e molta esperienza. Comunque sono ottimi apparecchi entrambi , diciamo definitivi  se non  si piglia il virus  dell'audiofilo perennemente insoddisfatto,  che bene o male colpisce  tutti gli appassionati   a  questo  bellissimo e costosissimo hobby  . In questo caso  non esiste nessun vaccino. Solo l'età e  l'inevitabile rincoglionimento  potrà mettere fine alle nostre insoddisfazioni. Ciao, buona giornata.

gianni 

  • Melius 2
Link to comment
Share on other sites

GFF1972

@giannisegala @zagor333 Io ho fatto inserire un pulsante “ad hoc” nel mio quadro elettrico con cui attivo e disattivo tutte le prese di corrente che utilizzo per alimentare i componenti del mio impianto! Spengo sempre tutto e mi sento più tranquillo, per quanto abiti in centro e per quanto il rischio sia effettivamente remoto; se spengo tutto, il rischio da remoto diventa nullo, è vivo meglio 😁!

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

@GFF1972

L'ho fatto anch'io in studio, con un semplice interruttore differenziale.
A casa preferisco comunque tenere staccato tutto, quando vado via per qualche giorno stacco persino le antenne tv...

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

  • Administrators
cactus_atomo

se  arriva un fylmine, acceso, in standy, fa poca differenza, l'unica salvezza è la disconnessione fisica dalla rete

Link to comment
Share on other sites

  • Administrators
vignotra

posto esperienza personale.

circa 5 anni fa a casa di un amico stavamo ascoltando musica con il suo impianto MC composta da Lettore MCD301, pre C46 e finale MC402. 

Arriva il classico temporalone estivo ma continuiamo ad ascoltare. Dopo qualche minuto un fulmine colpisce il palazzo e si scarica sulla rete elettrica dello stabile arrivando sino all'impianto. 

Grandissimo rumore, puzza di bruciato e rete elettrica giù. Dopo aver riattivato il differenziale constatiamo che si è riacceso tutto tranne il finale. La scarica aveva bruciato il cavo di alimentazione ma non il componente. Cambiato cavo abbiamo ripreso a sentire musica.

Con questo non voglio dire che durante un temporale si possa continuare a sentire musica ma che, prudenzialmente, sarebbe meglio staccare tutto, linea lan compresa.

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

@vignotra
Vincenzo, qualche anno fa nel corso di un temporale estivo (sempre più frequenti e sempre più violenti) un fulmine è caduto in prossimità di un quartiere della mia città e, grazie anche alla vetustà degli impianti, ha compiuto una vera e propria strage di elettrodomestici, lavatrici e frigoriferi compresi.

Comprendo la statistica, ma la fissa di lasciare gli impianti sempre in stand-by non la capirò mai...

Link to comment
Share on other sites

zagor333
20 ore fa, cactus_atomo ha scritto:

l'unica salvezza è la disconnessione fisica dalla rete

+1

Link to comment
Share on other sites

  • 4 weeks later...
Bipolare

Buongiorno. Un altro problema che porta ad un innalzamento delle tensioni oltre alle sovratensioni di origine atmosferica. Vi è un problema relativo all'interruzione accidentale del neutro nelle reti di bassa tensione di distribuzione dell'energia elettrica. Questo fa si che se ci sono reti trifasi in vicinanza porta ad avere non più 230 volt ma bensì 380 volt. Con le problematiche del caso. Sono un dipendente di una azienda elettrica. Buona giornata alfio. 

  • Melius 1
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

Elettro

@Bipolare Esatto. Aggiungo solo e a titolo informativo, che nel caso d'interruzione del neutro (guasto che può avvenire ma fortunatamente non frequente) se si dispone di una linea fase/fase può darsi che avvenga ancora più raramente. Ad ogni modo, esistono dispositivi in grado di proteggere il circuito da queste  interruzioni accidentali, interrompono istantaneamente il circuito, ma sono più costosi di uno scaricatore (che in questo caso non è utile come invece lo è per le sovratensioni di origine atmosferica).

 

Link to comment
Share on other sites

verdino

@Bipolare

Il 1/8/2021 at 11:08, Bipolare ha scritto:

Buongiorno. Un altro problema che porta ad un innalzamento delle tensioni oltre alle sovratensioni di origine atmosferica. Vi è un problema relativo all'interruzione accidentale del neutro nelle reti di bassa tensione di distribuzione dell'energia elettrica. Questo fa si che se ci sono reti trifasi in vicinanza porta ad avere non più 230 volt ma bensì 380 volt. Con le problematiche del caso. Sono un dipendente di una azienda elettrica. Buona giornata alfio. 

Capitato a me in azienda e mi ha fatto buttare 2 fotocopiatori 1 Fax 1 computer e alcune telecamere a circuito chiuso e non c'era il temporale.

L' azienda elettrica naturalmente ha negato tutto.

Link to comment
Share on other sites

A voi mcintoshiani parrà una bazzecola ma pochi giorni fa un temporale mi ha sistemato un pre Nuforce P9. Io però ci vivevo felice. E ora non so nemmeno dove ripararlo visto la fine del marchio. 😡

D’ora in avanti solo marchi che abbiano almeno 50 anni di tradizione onorata e continuativa. In questo voi “accoliti” state in una “botte de fero” 😁👍

(ho almeno sei teleruttori ognuno con salvavita per piano. Forza, luce e bagni per ogni piano. Oltre alcuni dedicati a cancelli caldaie e minchiate varie. Uno della forza in piano cantine è pure caduto e ci siamo accorti per caso sennò partiva un congelatore pieno)

Spegnete e staccate d’estate che è meglio vah

Link to comment
Share on other sites

Il 9/7/2021 at 06:07, GFF1972 ha scritto:

Io ho fatto inserire un pulsante “ad hoc” nel mio quadro elettrico con cui attivo e disattivo tutte le prese di corrente che utilizzo per alimentare i componenti del mio impianto! 

Se cade un fulmine sul tuo impianto vi sono buone possibilità che anche ad interruttore aperto la sovratensione passi lo stesso.

L'unico modo quasi infallibile è la disconnessione fisica dalla rete di tutti i componenti.

Link to comment
Share on other sites

Il 1/8/2021 at 11:08, Bipolare ha scritto:

Un altro problema che porta ad un innalzamento delle tensioni oltre alle sovratensioni di origine atmosferica. Vi è un problema relativo all'interruzione accidentale del neutro nelle reti di bassa tensione di distribuzione dell'energia elettrica. Questo fa si che se ci sono reti trifasi in vicinanza porta ad avere non più 230 volt ma bensì 380 volt. Con le problematiche del caso. Sono un dipendente di una azienda elettrica.

In che modo succede ?

Se ti manca il neutro che è collegato al centro stella e a terra, in che modo la fase si alza a 400V ?

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share




×
×
  • Create New...