Jump to content

Che (compratori di vinili) siamo?


Morenik
 Share

Recommended Posts

Collezionisti o ascoltatori?

Il prezzo o il pezzo?

Originale o basta che suona?

Immaginate una chaise longue, la luce che preferite e una psicologa che sa farvi spremere ma le cervella.

E senza considerare il conto da Cayman stipato nei vs sottotetti, quello non c'entra, niente cifre, niente lavoro.

Cioè, voi e i vs migliori compagni e maestri di vita, voi due, solo.

Io?...

Era inevitabile, io, giacché nacqui a fianco dell'anfiteatro lirico della mia cittadina, un Juke-box nuovo ogni paio d'anni, sporte di 45 giri, tutto ciò alimentö il fuoco da gioventù bruciata.

Ondepercui sono partito col vinile appena spuntatemi le rece, ma schei pochi...

Ah!, che memories i primi sabati pomeriggi a la Ricordi 🤩

 

 

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

Ascoltatore, il prezzo è purtroppo per me una discriminante non da poco, compro poco del nuovo, solo ciò che realmente mi interessa ( anche se affaron ).

Mi sono però dedicato al riuso 😁

Compro spesso nei mercatini, fierucole ed affini.  I prezzi generalmente invitano anche a qualche spericolato azzardo 🤣🤣

Mai comprato un disco o cd solo per tenerlo incartato.

Link to comment
Share on other sites

Ciao, sono Johnny 5 Euro ( e se possibile, contrattando, anche meno, se il malloppo è ingente )!

Tanto, come dice un vecchio detto, sia come sia ... "na lavada, na sugada, e la par nianca drüada!"

Scusi pissicologa ... ma averne 2000 o anche più, su 8000, ancora "vergini" e incartati, costituisce grave disturbo comportamentale ??? 😕

Link to comment
Share on other sites

Quando vedo vinili arati degli anni 80 di Miguel Bosè a 15€ mi chiedo piuttosto di quale tipo siano i venditori: furbastri speculatori o ignobili spennapolli?

Link to comment
Share on other sites

Basta che suonino.

Di vinile originali, nel senso di prime stampe, ne ho pochissimi, non credo di arrivare a dieci. A parte quelli di Classica che sono tutti prime stampe anni '70 e '80, ma non valgono niente.

Più che altro possiedo ristampe audiophile, e poche ristampe d'epoca.

Devo confessare che la prima stampa non mi ha mai attirato, poiché io punto al vinile perfetto, assolutamente perfetto, e le prime stampe (a parte la Classica ripeto) sono quanto di più imperfetto possa esistere. Inoltre, mediamente, costano parecchio di più di una ristampa audiophile.

 

Alberto.

 

Link to comment
Share on other sites

bungalow bill

Perlopiù ascoltatore , ho iniziato ad acquistare vinili nel 1960 , ( dischi sempre nuovi , mai usati ) ma i soldi erano sempre pochi . Però tutto sommato mi sono fatto una buona discoteca , compresi i cd.

Link to comment
Share on other sites

oscilloscopio

Sicuramente ascoltatore, non mi sono mai fatto problemi di edizioni, preferisco usati di mercatino (generalmente registrazioni analogiche) a nuovi digitali (a quel punto preferisco i cd) e le nuove edizioni analogiche che mi interessano o non le trovo o non me le posso permettere, poi il gusto di "ravanare" negli scatoloni a vedere cosa trovo ha la sua piacevole importanza.

Link to comment
Share on other sites

3 ore fa, oscilloscopio ha scritto:

poi il gusto di "ravanare" negli scatoloni a vedere cosa trovo ha la sua piacevole importanza.

👍👍👍

Link to comment
Share on other sites

20 ore fa, Bazza ha scritto:

Ascoltatore, il prezzo è purtroppo per me una discriminante

Condivido, attualmente compro poco e solo a colpo sicuro, non c'è molto che va incontro al mio palato ormai assuefatto, mentre al tempo in cui ero "drogato" non risparmiavo una lira per la pensione...

Link to comment
Share on other sites

20 ore fa, tapesrc ha scritto:

averne 2000 o anche più, su 8000, ancora "vergini" e incartati...

Devi ritrovare la retta via, fratello, anzi, a te serve una superstrada losangelina per sbarazzarti dei tuoi peccati con "vergini in vinile," e "incartati"!

Link to comment
Share on other sites

19 ore fa, landrupp ha scritto:

mi chiedo piuttosto di quale tipo siano i venditori...

Eh, nonostante il boooommm del vinile, fanno un tipo di lavoro che un tempo fu più soddisfacente. Io,cmq, gli affari migliori li ho sempre fatti nei negozi dell'usato (esteri) e con l'avvento di eBay&Co.

Link to comment
Share on other sites

Credo di essere equilibrato nelle mie scelte, (spero) ad una prima stampa gracchiante (a parità di costo) preferisco una silenziosissima ristampa anche se digitale purché decente, zero ristampe audiophile se non costretto (vedi ATD di Roger Waters) sono purtroppo pignolo sul vinile, se c’è un graffietto anche se ininfluente all’ascolto non si dorme, ne ricompro un’altra (The wall disco n.2 maldestramente mi scivola dalle mani e cadendo mi riga l’intera facciata ) all’ascolto ... perfetto ... ma l’ho ricomprato, idem con l’impianto, legnetti cremine e cavi esoterici zero, ma la mia particolare attenzione all’ambiente e disposizione è maniacale.

Link to comment
Share on other sites

22 ore fa, OTREBLA ha scritto:

la prima stampa non mi ha mai attirato, poiché io punto al vinile perfetto

Sarebbe il mondo ideale, ma per quelli come me che mettono sottosopra le profondità più remote dei 45 giri d'epoca è  impossibile...

Link to comment
Share on other sites

Mi reputo un ascoltatore anche se qualche volta mi sono fatto prendere la mano acquistando più l'oggetto che il suo contenuto. Quando ancora ero uno "sbarbatello" in questioni audiofile ero totalmente ignorante sulla questione analogico/digitale perciò acquistavo la versione che mi capitava di un disco che volevo mentre ora, venuto a conoscenza di tante differenze tra una copia e l'altra, do molta importanza anche a quell'aspetto tenendo sempre sott'occhio il prezzo (se una copia audiofila mi costa 80 euro e una riversata in digitale che su Amazon sta a 25 pendo per la seconda a meno che si tratta di un qualcosa a cui tengo molto e allora il sacrificio lo faccio). Qualche prima copia ne ho, ad esempio tutta la discografia dei Queen sono prime copie UK. 
Purtroppo sono arrivato ad un vicolo cieco, la mia discografia è piccola (ho circa 600 pezzi tra cd e vinili) e sono tutti pezzi che ho comprato perché mi piacevano ma ora  difficilmente trovo ancora qualcosa da comprare, forse attualmente ho esaurito i miei desideri e sto alla morbosa ricerca di qualcosa di nuovo e qui entrano in aiuto le sezioni degli ascolti del forum. 

Link to comment
Share on other sites

23 ore fa, bungalow bill ha scritto:

Però tutto sommato mi sono fatto una buona discoteca , compresi i cd

 

Io ho comprato un solo cd, anche se me ne hanno regalati tanti...

Link to comment
Share on other sites

  • Administrators
cactus_atomo

@Morenik chi utilizza supporti fisici, un po collezionista lo è. Ma al solito basta rimanere nel fisiologico e non scadere nel patologico. collezionista patologico è chi compra solo prime stampe, possibilmente d'epoca, o edizioni limiatae, ovviamente nuove, e che altrettanto naturalmente poi non le ascolta per non rovinarle e non far loro predere di valore lasciandole incellofanate.

Le persone normali coprano anche per il gusto di compare, una edizione non facilmente reperibile (non necessariamente costosa) una esecuzione particolare, ma poi acoltano. Di recente ho prese su un mercatino un cofanetto con le comte di hoffmann edizione datata, mono, della angel, con grandisssimi cantanti e ottimo direttore, pagata 6 euro e praticamente intonsa. mi piace possedere una edizione storica, ma anche ascoltare una esecuzione considerata un riferimento

Link to comment
Share on other sites

Che compratore di vinili sono io?

Mai stato costante, ogni lustro cambio gusto, sono loro (i vinili) che si sono adattati a me, al passar del tempo li vedo con occhi diversi, ma certo @landruppnon sopporto i Bosè arati a 15 euri!

Oggi caro @Angelo83 stiamo sulla stessa barca, forse cerchiamo la stessa Terra, e per me è difficile trovare quel qualcosa  che vorrei comprare perchè non voglio più spingermi oltre l'indecente, e per me la novità non è quello che non conosco ma il pezzo che conosco benissimo e che non ho ancora.

Non sono un compratore di vinile pignolo, tutt'altro! Caro @floyder ti confesso (ma resti tra noio) che ho da mille anni il classicone NGD dei Simple Minds originale prima stampa UK e che da 999 anni è imberlato causa sosta al solleone sulla cappelliera di una R4, ma ricordo che lo suonavo lo stesso, chissà come ci riuscivo, adesso se ci provo la AT s'impenna, doppio carpiato, e Jim Kerr diventa rauco.

  • Melius 1
  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share




×
×
  • Create New...