Jump to content

Classe D è il futuro dell'amplificazione hi fi?


GuidoR
 Share

Recommended Posts

@Dubleu te lo hanno già detto,interventi troppo lunghi e con numeri che hanno poco senso, è molto difficile seguirti.

Continui ad insistere con i dati di potenza farlocchi dei classe D,al 99% dei possessori sono più che sufficienti per un ascolto da lite condominiale,non gli interessa se sono 250/500/1000 o 10000w dichiarati,non devono pilotare diffusori da 80db...

... tralaltro,in quel caso, sarebbero i diffusori ad avere un progetto sbagliato.

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

@Sergius Come va come dinamica l'AMG? ho l'sta vecchio modello stavo pensando ad un upgrade... Mi manca un po' di rifinitura in alto e una dinamica piu' spinta appunto sugli alti (tipo il clash dei piatti della batteria fa un po' fatica a venire fuori)

Link to comment
Share on other sites

Finito lunedì il mio impianto puro classe D, che posso definire d'alta gamma!

Ho ceduto pass labs 250.5 e pass labs 350.5, Exposuce MCX, Krell 600x2 in classe A, ho ancora diversi altri finali che cederò prossimamente.

L'attuale amplificazione risulta totalmente superiore di livello a moltissima merce provata, testata avuta, imprestata, confrontata dentro casa ed in giro per il nord italia.

Ho dato un bel addio alle classi di amplificazioni tradizionali!

Uso 4 amplificatori:

2 mono Hypex NC2K ben costruiti e curati nel minimo dettaglio pilotano ciascuno il range 150-20k hz curato da un seas reference da 18cm e tweeter

2 finali stereo powersoft M30d DSP collegati in bridge, uno per canale che pilotano audiotechology flexunits da 15"

Ho ricercato attentamente musicalità, raffinatezza, controllo e velocità da primato.

Un impianto fuori dalle righe dove piloto con

1600/2400watt 8/4ohm a canale per dei seas da 18cm e tweeter

3000watt 8ohm con DSP, a canale per dei audiotecnology da 15"

Un ascolto incredibile!

Resta ora solo da ottimizzare il DSP. Lo rimanderò alle giornate dopo Natale.

Classe D è un bellissimo presente per me e senza dubbio un ottimo futuro.

 

 

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

  • 6 months later...
Il 24/11/2021 at 13:17, redhot104 ha scritto:

Lo aveva intuito già Bob Carver 30 anni fa

se ti riferisci ai carver m1.0t e m1.5t non credo siano classe d , tra l'altro qualcuno li ha mai ascoltati?

Link to comment
Share on other sites

redhot104

Si io avevo l'1.5. non so il resto della sigla, era un 300w circa per canale su 8 ohm stabile fino a 2 ohm. Suonava benissimo.

 

Link to comment
Share on other sites

@redhot104 ne ho sempre voluto uno .

avevo letto di quella famosa scommessa che Bob Carver fece con una rivista dell'epoca vincendola.

Fece suonare in maniera indistinguibile un mark levinson con la sua elettronica e se non ricordo male anche un conrad johnson e da li commercializzò i suoi due finali 1.5 e 1.0

Mi chiedo se siano davvero degli ammazzagiganti come dicono

Link to comment
Share on other sites

  • Moderators
paolosances

@spocry Ho uno 05.T,il più piccolo della serie,accreditato per 140 watt per canale.

In linea teorica,dovrebbe avere un suono più raffinato rispetto ai fratelli maggiori.

Lo utilizzo spesso con le DQ 10,in alternanza ai Phase linear PL 400 e Hitachi HMA 8300 da 200 watt per canale: non dimostra di esser meno potente dei due citati 

Link to comment
Share on other sites

redhot104

Io a dire la verità lo usavo per i concerti, con una coppia di grosse peavey passive a due vie con coni da 15 pollici e tweeter in titanio. Ma anche in sala prove era un gusto ascoltare quell'impianto, lo usavamo spesso per ascoltare musica.

Ero poco più che un ragazzo, lo tenni per almeno una quindicina di anni. Finì la sua vita bruciacchiato a causa di un  generatore che aveva troppi sbalzi di tensione durante un concerto, e sostituimmo l'impianto con una coppia di fbt attive a due vie con coni da 12" e 250w su 8ohm, stupefacenti anch'esse.

Ebbi modo di provarlo anche con le b&w 801fd del mio impianto, ma per pochissimo. Rimasi stupito dalla facilità con cui le faceva suonare (bene), con un grande controllo sui bassi e gentile sui medi e gli alti. Nota, pesava si e no o 4-5 chili.

Fu allora che cominciai a guardarmi attorno seriamente sul mondo pro.

Le ventole però si facevano sentire, ma era decisamente malconcio e a fine vita. Di li a poco tirò definitivamente le cuoia.

 

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...