Jump to content

e se si volesse pensare ad una elettrica ?


domenico80
 Share

Recommended Posts

domenico80

ricaricare con un termico il pacco batterie era in uso , non so se ancora adesso , x la BMW modello I3 .....

credo usassero un bicilindrico motociclistico di 650cc che , sempre credo , garantiva una percorrenza residua di circa 50 km , scaricate le batterie , tanto x non dover lasciare l'auto a bordo strada

ps

x la nissan avrebbe un suo senso 30 km litro

....

ops , bis di AUDIO2 ..... vabbè

Link to comment
Share on other sites

è che le ipotesi sui tempi le vedo molto ma molto ottimistiche. io vivo ad una 15ina di km in linea d'aria da vicenza, che non è messa come timbuctù, la linea del telefono e del gas metano ( ahah ahha ) non c'è, la rete fognaria la stanno facendo ora e non dappertutto, dai campi la linea della corrente esterna non regge i 6kwh e potrei andare avanti ancora.

Link to comment
Share on other sites

tomminno
5 ore fa, Renato Bovello ha scritto:

Non è una cosa per nulla stupida ma va approfondita

Secondo me ha molto più senso delle ibride plugin. Ma visto che questo tipo di soluzione è stato tra i primi sul mercato, oggi del tutto abbandonato, qualche motivo ci sarà. Non ho mai capito quale però. Solo che non veniva usato un normale motore a ciclo otto, che non ha senso per un carica batterie. Forse più economico industrialmente perché il motore lo prendi tale e quale da un modello in commercio. 

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

tomminno
3 ore fa, audio2 ha scritto:

si può ricaricare direttamente con la continua dei pannelli fv senza allaccio alla rete ?

Tecnicamente si, praticamente no. Dovresti avere un capannone agricolo per generare 400V e 100A e rubare una colonnina da 50kW con l'elettronica di gestione. 

E non dimenticare qualche centinaio di metri di cavo di alimentazione hifi da usare in configurazione multipla 🤣

Link to comment
Share on other sites

tomminno
6 ore fa, karnak ha scritto:

Ma poi, che senso ha?

Lo stesso senso delle ibride plugin. Anzi forse di più. 

Link to comment
Share on other sites

Cari signori non abbiatevene a male ma temo sarebbe stato meglio continuare col latino o la partita doppia dopo le medie… 😆

Link to comment
Share on other sites

10 ore fa, domenico80 ha scritto:

la BMW modello I3 .....

credo usassero un bicilindrico motociclistico di 650cc

Sì, era il motore Kymco del C650, lo scooterone della casa : in realtà non ti dava 50 km aggiuntivi, potevi andare avanti ad oltranza perchè serviva a ricaricare la batteria. In pratica, però,  non era omologata come ibrida e pagava il bollo ( proprio come, temo, per questa Nissan ). La manutenzione era cara ( tagliandi a tempo da circa 450 Euro ). Era una buona idea quando la batteria era da 60 ah, perchè forniva una sicurezza aggiuntiva, oggi che è da 120 è totalmente inutile, infatti BMW ha abbandonato l'idea. 

Link to comment
Share on other sites

domenico80

tuttavia tecnicamente e psicologicamente è una bella pensata un termico pur piccolo di scorta = non ti fermi mai

Link to comment
Share on other sites

45 minuti fa, domenico80 ha scritto:

psicologicamente

Ecco, hai detto bene : è l’ansia che frena, l’abitudine. Fatto salvo che tu non sia uno da 500km al giorno continui ( e in quel caso ti sconsiglierei caldamente una EV ), in realtà l’ elettrica è più che abbondante per gli spostamenti quotidiani. Quando te e rendi conto, dopo qualche settimana di utilizzo, la smetti di guardare con apprensione i km residui di autonomia ed impari a collegarti alla colonnina ogni qual volta ne hai l’ opportunità.  Inoltre, le EV hanno punti di ricarica nei posti più congestionati, dove la sosta si paga salata : arrivare qui a Torino in Piazza Castello o in Piazza CLN e parcheggiare nello strallo dedicato anzichè girare nella vana ricerca di un posto, non ha prezzo. Impari a ricaricare anche se hai ancora metà batteria, quindi una percorrenza che, nel mio caso, va dai 150 ai 170 km. La carichi quando è ferma anzichè rifornire quando sei senza, tutto lì.

  • Melius 2
Link to comment
Share on other sites

13 ore fa, tomminno ha scritto:

Tecnicamente si, praticamente no. Dovresti avere un capannone agricolo per generare 400V e 100A e rubare una colonnina da 50kW con l'elettronica di gestione. 

dunque, mi ci vuole un pò solo per pensarci. mettiamo che metto i pannelli per 6 kw, penso che in condizioni ottimali li daranno almeno 30 kw al giorno ?

se io mi prendo uno roito di auto tipo dacia spring, che ha circa 28 kw di batterie, in un giorno buono o due con meno luce dovrei anche essere a posto. sbaglio qualcosa ?

Link to comment
Share on other sites

3 ore fa, audio2 ha scritto:

sbaglio qualcosa ?

No, però considera una cosa : intanto rabbocchi solo, non arrivi mai nella condizione di batteria completamente scarica, poi  devi avere una wallbox per caricare a più di 2kw.

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

tomminno
6 ore fa, audio2 ha scritto:

dunque, mi ci vuole un pò solo per pensarci. mettiamo che metto i pannelli per 6 kw, penso che in condizioni ottimali li daranno almeno 30 kw al giorno ?

Pannelli da 6kW danno (non sempre) 30kWh al giorno. Te parli di ricaricare in DC la macchina, ti servono almeno 50kW disponibili alla colonnina.

Moltiplica per 10 il tuo tetto e potresti ricaricare solo a mezzogiorno nelle giornate soleggiate primavera-estate. 

Link to comment
Share on other sites

tomminno
6 ore fa, audio2 ha scritto:

se io mi prendo uno roito di auto tipo dacia spring, che ha circa 28 kw di batterie, in un giorno buono o due con meno luce dovrei anche essere a posto. sbaglio qualcosa ?

28kWh fanno 150km di autonomia reale. Secondo me la soglia per un'auto elettrica completa è oggi 58kWh che ti consentono dai 300km in su (a seconda del clima).

Per ricaricare basta una semplice wallbox AC da 7.2kW, una batteria bella capiente in casa e 6kW di FV, però non metterci anche la pompa di calore in casa altrimenti non avanza niente per l'auto, almeno in inverno. 

Link to comment
Share on other sites

11 ore fa, tomminno ha scritto:

Moltiplica per 10 il tuo tetto e potresti ricaricare solo a mezzogiorno nelle giornate soleggiate primavera-estate. 

Tommino, mi chiedo perchè tu debba dare informazioni inesatte. Manco se presumessi di ricaricare a macchina sempre e completamente scarica e pretendessi di farlo in un’ora. Non è così, la macchina elettrica non la porti mai a zero prima di ricaricarere, volendo ricaricare da una semplice shuko casalinga, bastano anche solo le ore notturne per ripristinare quanto consumato in un giorno o, comunque, corrente sufficiente per fare un paio di centinaia di km, più che abbondanti per il normale utilizzo dell’ automobilista medio.

Link to comment
Share on other sites

Ho una ZOE, autonomia variabile da 280-350 km..dipende dalla stagione...e ovviamente dal piede.

Come unica macchina e per lunghe percorrenze forse è prematuro. MA come auto di tutti giorni è TOP.

Ricarico, quando accorre durante la notte (a tariffa ridotta), a casa. Come fatto notare difficilmente si arriva a scariche profonde, se la percorrenza giornaliera è di 50 km..durante la notte ricariche tutto quello che è necessario.

Attenzione...poi non si torna indietro, e la vecchia auto si utilizza sempre meno.

Ciao Paolo

Link to comment
Share on other sites

tomminno
2 ore fa, karnak ha scritto:

Manco se presumessi di ricaricare a macchina sempre e completamente scarica e pretendessi di farlo in un’ora

La mia era la risposta a questa domanda di @audio2:

si può ricaricare direttamente con la continua dei pannelli fv senza allaccio alla rete ? 

Ti risulta qualcosa di diverso per la ricarica in DC attaccando direttamente i pannelli in modalità ad isola?

Lo standard minimo per la ricarica in DC mi pare 50kW. Arrivaci a pannelli solari! 

Link to comment
Share on other sites

9 minuti fa, tomminno ha scritto:

Lo standard minimo per la ricarica in DC mi pare 50kW

Ho capito, ma si può ricaricare anche in DC e comunque di notte da una normale presa elettrica : è più che sufficiente per l’uso normale e anche per quello medio. Io faccio mediamente 25 mila km annui e li ho fatti quasi tutti in elettrico senza patemi particolari. L’ elettrico non va bene se vuoi fare i 7/800 km in giornata, per tutto il resto e quindi per la stra grande maggioranza degli automobilisti, è comodissimo.

Link to comment
Share on other sites

allego la mia statistica per condividere qualche dato: quanto sotto è riferito a 2539km percorsi. percorrenza annua 25.000 km. la parte sotto sul carburante dice risparmio del periodo sul carburante184 euro. che poi avendo FV abbatto ulteriormente. no bollo, no manutenzione (escluso gomme e lavavetro), valore residuo a fine leasing 60%…

6249EEE2-6F3B-4612-A798-C403EE37C448.png

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...