Jump to content

I 5 album MENO conosciuti (ma che vi piacciono)


musicarock
 Share

Recommended Posts

musicarock

 

Sulla scia dei vari elenchi dei 10 album "più qualcosa" , vi propongo questo:
l'elenco dei 5 album MENO CONOSCIUTI ( ma che naturalmente vi abbiano interessato ).
Trattandosi appunto di materiale poco conosciuto, vi chiedo di aggiungere due parole di commento.
Ecco i miei (scusate, magari li conoscete benissimo, ignoranza mia) :

1) Audience: "The House on the Hill"   1971
   gruppo britannico, direi che va nel progressive, a tratti romantico a tratti acido  

2) Clark Hutchinson: "Retribution"  1970
   chitarrista rock abbastanza vario, non fatevi spaventare dal primo brano, ce ne sono di molto più morbidi
3) McDonald & Giles: omonimo   1970
   facevano parte della prima formazione dei King Crimson, credo che in proprio abbiano fatto solo questo album; si sentono influenze diverse, dai Beatles agli Who e naturalmente i KC 

4) Robin Trower: "Bridge of Sighs"   1974
   chiatarrista rock, ha fatto parte dei Procol Harum, ma questo lavoro lo collocherei tra i Deep Purple e i Led Zeppelin

5) Tuxedo Moon: "No Tears"  (EP)    1978
   gruppo statunitense post-punk/new wave, se devo dargli un aggettivo dico: inquietante 

 

 

 

 


 

 

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

eduardo

Premesso che bisognerebbe intendersi sul significato  di "meno conosciuti"  (da chi ?),  ne posto  i primi 5 che mi vengono in mente:

 

- Topper Headon - "Waking up" - 1986:  unica uscita  da solista del batterista dei Clash.   Un lavoro gia'  maturo  di grande musica soul.

 

- The Havalinas - "Havalinas" - 1990:   anche in questo caso e'  l'unico lavoro del gruppo.   Un album bellissimo di  musica rock/folk mai banale,  con pezzi bellissimi tutti autografi.   Un vero peccato che non abbiano piu'  replicato. 

 

- Zap Mama - "Seven" - 1997:   ho diversi dischi delle Zap,  ma a questo sono sempre rimasto affezionato e lo ascolto sempre con enorme piacere.  Oltre ad essere inciso piuttosto bene,  la congolese/belga  Marie Daulne (anima del gruppo)  realizza un perfetto e coloratissimo lavoro di world music.

 

- William Parker - "I plan to stay a believer" - 2010:  e'  un cd  doppio  dedicato a Curtis Mayfield.  Quindi,  lavoro molto soul/rythm'n'blues oriented,  lontano dal sentiero del free jazz solitamente battuto dal grande contrabbassista.    Ma questo lavoro ti "prende",  ti entra dentro,  e non ti molla piu'.   Band di altissimo livello,  con la voce della fantastica  Leena Conquest  alla  quale Parker rinuncia molto difficilmente

 

- Southside Johnny - "Reach up and touch the sky" - 1981:   doppio vinile dal vivo di Southside Johnny con i fidi Ashbury Jukes.     Ho avuto sempre un debole per lui,  sono riuscito a vederlo due volte dal vivo a Roma,  e quella notte di novembre del 1993 mia moglie ballava come una pazza sotto il palco del Palladium.    Il problema era    che cinque mesi dopo sarebbe nata la nostra primogenita ....    Eccitante mix di rock,  soul,  rythm'n'blues.      

Link to comment
Share on other sites

È una buona idea per cercare qualcosa al di fuori dei soliti schemi però metterei come obbligo postare i titoli con le foto delle copertine che siano cd, lp, sacd e anche cassette va

Link to comment
Share on other sites

gorillone

@musicarock

Beh, Brigde of sighs non è poco conosciuto.

Ai tempi, Robin Trower suonava in stadi pieni; l’ho sentito a Reading nel 1975 e c’erano 60000 anime

Link to comment
Share on other sites

gorillone

1 - Airbag, The greatest show on earth

2 - Chuck Prophet, Balinese dancer 

3 - Jeffrey Faucault, Stripping cane

4 - Jason Isbell and the 400 units, Georgia Blue 

5 - Cheap Wine, Moving

Link to comment
Share on other sites

  • Moderators
oscilloscopio

Blackfoot "Marauder"

Mezzoforte "Surprise surprise"

Lamont Dozier "Lamont"

Levon Helm "American son"

Bear ghost " Blasterpiece"

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

Summerandsun

Brant Bjork - Local Angel
Blackfield - V
Orquestra del Desierto - DOS
Masters of Reality - Give Us Barabbas
Manassas - Manassas

Link to comment
Share on other sites

Bel thread!
Faccio sempre molta fatica a stilare classifiche in senso assoluto, quindi mi limito a cose che ho ascoltato o riascoltato negli ultimi tempi.
.
1) David Francey: cantautore canadese di origini scozzesi. Arrivato un po' tardi alla musica, ma veramente talentuoso. Tutta la discografia è molto interessante ed è ricca di vere perle. Se proprio devo indicare un album dico il primo, ma se vi piace c'è molto altro:
spacer.png

.

2) Richard Shindell: altro cantautore, stavolta americano. Vale lo stesso discorso fatto sopra, discografia tutta bella. Anche qui se devo dirne uno dico il primo:
spacer.png

.

3) Dougie Maclean: cantautore e polistrumentista delle highlands scozzesi, che si muove tra il folk e la musica tradizionale. Stesso discorso fatto sopra:

spacer.png

.

4) Tom Russell: Americana di razza direi. Purtroppo i primi dischi con la Tom Russell Band sono fuori catalogo. Discografia comunque abbondante e molto bella. Propongo uno dei 2 o 3 concept album che ha realizzato:

spacer.png

.

5) Vincenzo Albrici: Concerti sacri - Cappella Augustana diretta da Matteo Messori. Ho ascoltato dal vivo questa ensemble anni fa in una calda serata estiva a base di Bach e Vivaldi nella splendida cornice offerta dall'abbazia di Pomposa. Cercando qualche loro CD mi sono trovato a scegliere tra box set di Heinrich Schutz per la Brilliant Classics e questo. Per cominciare ho scelto questo ed è uno di quei dischi che riascolto sempre molto volentieri. Compositore poco conosciuto ma che ai tempi era tenuto in buona considerazione tanto da aver sostituito lo stesso Schutz alla corte di Dresda. Compositore, ensemble e etichetta semi-sconosciuti, più di così! 

spacer.png

.

Menzione:

She's the one - Tom Petty & The Heartbreakers: non sono certo degli sconosciuti, ma questo disco è un po' passato sotto ai radar, anche perché si tratta di alcune canzoni pensate per la colonna sonora dell'omonimo film. Ma a me piace assai.
spacer.png

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

13 ore fa, gorillone ha scritto:

3 - Jeffrey Faucault, Stripping cane

Bello! 👏

Un altro che avrei potuto mettere anche io. Ascolta la versione di Richard Shindell di Northbound 35, dal disco South Of Delia.

 

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

gorillone

@UpTo11

Ce l’ho, ovviamente!👍👍👍

Bellissima, anzi indimenticabile.

Bravo anche dal vivo, Shindell …. anche sullo strumento

Link to comment
Share on other sites

3 ore fa, gorillone ha scritto:

anche sullo strumento

E che strumento! La sua Martin suona da Dio! Ha un timbro incredibile.

Link to comment
Share on other sites

bungalow bill

Atomic Rooster  : in hearing of

Black Widow  : sacrifice

Blind Faith  : b. f. 

Creedence C. Revival  : pendulum

Johnny Harris  : movements 

Link to comment
Share on other sites

Summerandsun
5 ore fa, bungalow bill ha scritto:

Blind Faith  : b. f. 

Creedence C. Revival  : pendulum

Davvero sono poco conosciuti? 🤔

Link to comment
Share on other sites

bungalow bill

@Summerandsun Cancella i B. F. e i CCr e inserisci :

Rare Hearth  : get ready

Savage Grace  : savage grace 2

Anch'io conosco gli Audience , ho il vinile .

Link to comment
Share on other sites

@musicarock

57 minuti fa, bungalow bill ha scritto:

Anch'io conosco gli Audience , ho il vinile .

@bungalow bill @bungalow bill si , anch'io ho il vinile, però un'edizione tedesca , credo, pagato una boiata, intonso. Una delle più belle copertine ad ogni modo. Poi all'epoca siamo andati a vederli alla Taverna a Fiesso D'Artico, come opener c'erano i ..Renaissance...

Link to comment
Share on other sites

Alexander "Skip" Spence: "OAR" 

Slapp Happy: "Sort Of" 

MX80 Sound: "Hard Attack" 

Mecano: "Autoportrait" 

Gore: "Hart" 

 

 

Link to comment
Share on other sites

Mi vengono in mente questi gioiellini... non so quanto conosciuti...

The Dukes of  Stratosphear  - Chips from the Chocholate  Fireball

La costola psichedelica degli XTC... sonorità stranianti che suonano modernissime ancora oggi...posso dirlo? preferisco Partridge e Gregory in questa veste piuttosto che con la band ufficiale...

Daryl Hall - Sacred songs 

Conosciuto in duo con John Oats questo esordio solista è lontano anni luci dalle sonorità tipiche del duo.. un album soffuso, intimista prodotto in collaborazione con Robert Fripp (e si sente..)

Beth Gibbons - Out of Seasons 

Album scritto a quattro mani con Rusty Man dei Talk Talk... anche qui scordiamoci il trip-hop noir dei Portishead... vabbè che ho un debole per la voce della Gibbons , anche se cantasse il ballo del quaqua mi si scioglierbbero le budella... ma questo è un album cupo, intimista, malinconico... in una sola parola, magnifico... 

 

p.s.

 

ho visto citati i Tuxedomoon... beh se mi dicessero di scegliere 4-5 dischi pubblicati negli ultimi 40 anni per me 'Desire' ha un posto assicurato...

  • Melius 2
Link to comment
Share on other sites

eduardo
1 ora fa, cele ha scritto:

ho visto citati i Tuxedomoon... beh se mi dicessero di scegliere 4-5 dischi pubblicati negli ultimi 40 anni per me 'Desire' ha un posto assicurato...

Non voglio certo sindacare sui tuoi gusti,  rispettabilissimi  almeno quanto i miei.

Ma  i Tuxedomoon  li ricordo con raccapriccio come il piu'  brutto concerto  della mia vita,  a Urbino nel 1982.

Penso di essere stato in depressione per un mesetto ....  😃

    

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share




×
×
  • Create New...