Jump to content

6 aprile: si celebra il Carbonara day


appecundria
 Share

Recommended Posts

Simpatico il filmato, ma si prende qualche licenza rispetto anche a quanto riportano più fonti circa l'origine della carbonara, anche la stessa Barilla-Academy (probabilmente la più ricca raccolta di libri di cucina dal medioevo ad oggi).

A tale proposito mi veniva da sorridere pensando agli odierni filologi talebani della carbonara, quelli che inorridiscono perché il maiale che ha dato il guanciale non era abbastanza porco... 
 

La carbonara sarebbe nata in Romagna e non a Roma, alla fine della ww2 - questo è esatto - ed ora reggetevi bene e allontanate i bambini: 

- Con  pasta all'uovo !

- BACON !!

- Uova in POLVERE !!!

e, reggetevi bene: 

- PANNA !!!!

 

Il colpo d'ala del cuoco, tale Gualandi, sarebbe stato quello di pecorinare (tanto sapore con poco formaggio)  e  macinarvi sopra del pepe per ravvivare l'orrido mappazzone, che tuttavia per ingredienti, consistenza e sostanziale annegamento della pasta nell'intingolo (per così dire) , già incontrava il gusto innato degli angloamericani:  Bingo ! 

 

😁

 

Link to comment
Share on other sites

Io sono indeciso sull'ordine del mio personalissimo podio, ma vi salgono: Aglio-Olio-Peperoncino - Cime di rapa - Cacio-e-pepe. 

Come vedete amo le nuances del gusto ed i sapori appena accennati...

😁

Link to comment
Share on other sites

12 minuti fa, Martin ha scritto:

Aglio-Olio-Peperoncino

1) soffriggere olive verdi in salamoia (a pezzetti) con peperoncino

2) quando sono dorate aggiungere aglio e qualche acciuga (non bruciacchiare l'aglio)

3) saltarci la pasta (tolta 1 o 2 minuti prima del tempo di cottura) con aggiunta di acqua di cottura (QB)

 

diventa di categoria superione

abbinare un BRUT anche da 5 euro (scontato)

 

PS: se fate una ottima/perfetta carbonara c'è un solo metodo per renderla sublime (vedasi foto)

 

51tOpk30uzL.jpg

Link to comment
Share on other sites

8 minuti fa, bombolink ha scritto:

Vade retro saragat.

Saragat era il Presidente che iniziava la giornata con l'alzabarbera tricolore: Bianco, Rosso e Rosè...   😁

Link to comment
Share on other sites

27 minuti fa, bombolink ha scritto:

Niente bollicine con la evve moscia.

 Anche solo dire: "Pvendo una Cavbonava e un bicchieve di Bollingev Vécemment Dégovgé" è un'impresa ! 

Link to comment
Share on other sites

13 minuti fa, bungalow bill ha scritto:

Chiederò alla moglie se è capace di farla

 

ingredienti giusti e la preparazione mi sembra corretta al 95%  

per 2 persone , , , 3 rossi d'uovo

Link to comment
Share on other sites

I miei segreti (non ho ancora guardato il filmato): spaghetto molto al dente da far saltare nella padella con il guanciale a strisce reso crispy, poi, a fuoco spento, aggiungo 2/3 cucchiai di acqua di cottura, poi l'uovo (due rossi e un bianco per due persone + pecorino etc) e poi una bella spolverata di buon pepe. L'acqua non fa raggrumare l'uovo e si evita l'effetto frittata. 

 

 

Link to comment
Share on other sites

55 minuti fa, artepaint ha scritto:

ingredienti giusti e la preparazione mi sembra corretta al 95%

per i miei gusti troppo pecorino e un uovo di troppo ... 

Link to comment
Share on other sites

6 minuti fa, wow ha scritto:

e un uovo di troppo

 

per 2 persone ho consigliato 3 tuorli (quando me la faccio per me uso 1 solo tuorlo)

mentre tu per 2 persone usi 2 tuorli e 1 bianco

alla fine le quantità sono uguali, , ,  ma l'albume che ciazzecca?

Link to comment
Share on other sites

Io ebbi modo di parlare con qualche vecchia "matrona" romana nata nel primo ventennio del 900 e mi dissero che loro la carbonara già la conoscevano ben prima del 1945 e che la storia degli americani non era vera. 
Comunque io la faccio cosi:
Guanciale arrosolato in padella senza olio senza farlo diventare però "biscottato".
Uso solamente i tuorli, non utilizzo la regola di un tuorlo a persona ma vado più con la quantità di pasta che metto giù, li sbatto e poi immischio con del pecorino romano (non tanto, il giusto che mi serve per fare la cremina che non deve essere subito troppo densa)
Scolo la pasta quando è al dente, la butto nella padella dove ci sta il guanciale con il suo grasso, la faccio un pò ripassare mettendo sempre un pò di acqua di cottura in modo che la pasta rilasci l'amido, già questo mi crea una sorta di crema insieme al grasso del guanciale, tolgo la padella dal fuoco e metto l'uovo e poi li si gioca un pò con il pecorino nel caso l'uovo fosse troppo liquido. Una spruzzatina di pepe quando è servita sul piatto e via.

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

 Share




×
×
  • Create New...