Jump to content

Preamplificatore Bartolomeo Aloia Pst200


dang
 Share

Recommended Posts

Ciao a tutti,

se c'è qualche possessore o conoscitore di questo pre, mi potreste dire qualcosa in merito (pregi e difetti) in quanto sono in procinto di acquistarlo...soprattutto per la sezione phono.

Grazie e lunga vita al forum rinato!

 

Link to comment
Share on other sites

  • Administrators
cactus_atomo

lo aveva un mio amico, confermo la qualità della sezione phono ma trovo criticabile l'uso di un doppio sistema di potenziometri. Può essresilenzioso o rumoroso a seconda delle valvole che usi. Valido come tutti i prodotti di aloia, ma cerca di essere sicuro che sia in perfetto stato e non smanettato

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

Roberto De Filippo
8 ore fa, dang ha scritto:

Ciao, ho il PST 200 da parecchi anni, lo uso alternandolo ad un altro pre sempre a valvole, comunque a mio gusto va bene sia come pre linea che come phono, sia per le MM che per le MC.

Non lo cambierei per nessuna ragione, ma ha un solo ed unico difetto, se utilizzi le sue valvole ECC88 potresti avere problemi di microfonicità o di fruscio, soprattutto con le 6N23P Voskhod russe con cui è stato concepito, con questi tubi suona divinamente, però hanno questi problemi.

Aloia per ovviare a quanto scritto sopra oggi come oggi consiglia di montare delle 6922 o E88CC Electro Harmonix che sono silenziosissime.

Se lo prendi ti posso far avere il suo manuale originale in Pdf. 

Per quello che mi riguarda da prendere subito senza pensarci sopra, va davvero bene, senza se e senza ma. 

Link to comment
Share on other sites

Grazie per le risposte!! Sono contento che mi confermiate la bontà del pst200. Mi sono accorto dalle foto che quello che sto per comprare non ha l'alimentatore esterno...mi sembra strano visto che in rete le poche foto che si vedono hanno proprio il doppio chassis.

Link to comment
Share on other sites

Il venditore non lo sa...lo ha preso usato...mi ha inviato una foto dell'interno ed effettivamente il trasformatore è all'interno dello chassis. Visto che erano assemblati a mano magari ne esistono diverse versioni.

WhatsApp Image 2021-03-16 at 18.44.46.jpeg

Link to comment
Share on other sites

Roberto De Filippo

Mi pare strano, molto strano, se vuoi mi scrivi privatamente e ti do il numero di telefono di Bartolomeo Aloia e senti lui, che è meglio. 

Tra l'altro il trasformatore nello scatolo separato se non ricordo male è a lamierini, in questo è toroidale, sarà ma i conti non mi tornano, ma posso sempre sbagliare, è una vita che non lo apro. 

Link to comment
Share on other sites

mariovalvola

Rimane un pre grandioso. La proposta in Kit su Suono era del luglio 1986. C'era tutto: completezza, circuiti "esoterici" e innovativi, amore per i tubi e attenzione alla loro durata. Era figlio del miglior Bartolomeo Aloia. 

 

 

spacer.png

 

Era pensato molto bene anche se , forse, l'alimentazione dei filamenti, pur con spunti interessanti, era un poco al limite. L'avevo realizzato senza partire dal Kit. Ne ho un ottimo ricordo

Il circuito stampato (audio), che imponeva un'estetica particolare, era geniale come impostazione.

Il sistema a commutatore e potenziometro lineare era complessa ma efficace.

Link to comment
Share on other sites

Ho appena parlato con Bartolomeo Aloia...quanta competenza e passione! Mi ha confermato che non esistono versioni senza alimentatore esterno. Comunque penso di prenderlo ugualmente e dopo ascolto decido se inviarglielo o meno.

Link to comment
Share on other sites

Io ne cercherei uno originale e completo... quello mi pare un accrocchio posticcio già così, a vista. Poi, certo, se conti di darlo a Bartolomeo è una garanzia assoluta. Ma il costo totale potrebbe farti pendere, sin dall'inizio, per avere una macchina così come Aloia l'ha concepita e progettata...

Link to comment
Share on other sites

9 minuti fa, ediate ha scritto:

Io ne cercherei uno originale e completo... quello mi pare un accrocchio posticcio già così, a vista. Poi, certo, se conti di darlo a Bartolomeo è una garanzia assoluta. Ma il costo totale potrebbe farti pendere, sin dall'inizio, per avere una macchina così come Aloia l'ha concepita e progettata...

Il tuo ragionamento è giustissimo e prima di prenderlo l’ho fatto anche io! La serietà del venditore, il prezzo che mi ha fatto (molto conveniente) e le garanzie che mi ha dato (nome e competenza del professionista che ci ha messo le mani) me lo hanno fatto acquistare. Non per ultima ho fatto anche un altra considerazione...quanti se ne trovano in giro?

Link to comment
Share on other sites

Roberto De Filippo

Comunque, se come me, che c'è l'ho da anni, decidi che sarà il tuo pre, mandaglielo a fare una revisione, lo merita davvero e non te ne pentirai. 

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...
Roberto De Filippo

Giusto per fare una chiacchierata al bar vi racconto le mie ultime avventure col PST 200 ed i finali PA. Premetto che il mio esemplare monta tutti tubi 6N23P Voskhod Rocket Label, che non sono altro che delle ECC88/6DJ8 russe, sono NOS e le ho selezionate avendone preso una 70ina di pezzi, mi sono state consigliate dal magnifico Lorenzo Betti, che ancora ringrazio. Sta di fatto che il pre ed i 2 finali mi davano problemi, e mica cosa da poco, un soffio fastidiosissimo che usciva dalle Tannoy anche a volume 0. Non sapevo come uscirne, ho anche provato a rimontare i tubi originali di Aloia, che alla fine della fiera sono dei 6N23P, ma nulla di fatto, frusciava che era una meraviglia. Non mi dilungo ma ho provato davvero di tutto per la disperazione, ma senza alcun risultato.

3 giorni fa, di mattina sono andato da un amico che ha un negozio di strumenti musicali con annesso laboratorio per le riparazioni, ci conosciamo da 45 anni, ho preso in affitto da lui la mia prima batteria, una Hollywood, sta di fatto che gli espongo il problema che mi assilla e mi dice: "Portalo qua oggi pomeriggio che gli diamo un'occhiata". Detto fatto, alle 15 ero in laboratorio, smontiamo il pre, lo testa, prima la componentistica elettronica, poi le valvole, le testiamo per sicurezza anche col prova valvole e poi facciamo un test al banco con i vari strumenti, risultato: elettricamente tutto a posto. Ma appena lo colleghiamo coi miei finali, alle sue casse PA ad alta efficienza, anche da lui il problema emerge in tutto il suo splendore. Allora mi dice: "Hai I dati tecnici dei tuoi finali?" Li tiro fuori immediatamente, compreso lo schema elettrico del pre e si mette a leggere tutto, alla fine sentenzia: "Ma è chiaro, hai il pre che ha un'uscita altissima e i finali che hanno un ingresso altissimo, stai a vedere". Fa una serie di misurazioni e regola di conseguenza i potenziometri dei finali, fruscio sparito, poi mette al massimo i potenziometri dei finali e prova l'uscita a -10 dB e fruscia ancora, allora prova l'uscita a -20 dB ed il fruscio scompare di nuovo. Problema risolto.

Poi si rimette a leggere lo schema elettrico del PST 200 e mi dice: "L'unica cosa che potresti ancora provare è di sostituire le valvole V7 e V8 con una coppia più pregiata, per vedere se magari sono più silenziose e puoi utilizzare l'uscita a -10 dB, le altre valvole non incidono come queste 2 sulla qualità del suono, ma se ti va bene così, lascia stare". 

Sono tornato a casa, ho rimontato tutto, a -10 dB il fruscio c'era, ma a -20 dB, sull'uscita del pre, nessun fruscio, una meraviglia, lascio scaldare tutto per bene e comincio a mettere su CD dopo CD per un paio d'ore, tutto ok.

Ieri, sistema acceso dalle 9 alle 21, ascoltato tutto l'ascoltabile, alla fine credo che non cambierò nulla e mi godrò la musica, però che brutto essere un somaro, elettronicamente parlando, per un problema facilmente risolvibile, stavo dando di matto, per fortuna che ho degli ottimi amici che mi supportano.

Il pre di Aloia è una meraviglia, ho sempre sostenuto che tanto è brutto, tanto suona bene, almeno, come piace a me e meno male che Aloia ha pensato al momento della sua costruzione alle 3 uscite variabili, 0 poi -10 e poi -20 dB, un vero colpo di genio.

Comunque, l'altro genio è Lorenzo Betti, su questo pre ho provato tubi dal costo esagerato, più dello stesso pre, come Siemens CCa, Telefunken, Philips SQ, Mullard, Brimar, etc. ma alla fine quelli che vanno meglio sono quelli che mi ha consigliato lui, i russi 6N23P prodotti nello stabilimento di Voshkod.

Ok, ora per un po' posso stare tranquillo. 😊 

IMG_20210330_091542_copy_1600x900.jpg

Link to comment
Share on other sites

  • 1 year later...

Ragazzi riprendo in mano questo trad,ho acquistato questo pre ,che trovo veramente eccellente,è la versione fatta per il mercato tedesco,identica al modello italiano,ma non ho manuale e schemi,mi potete aiutare?

Grazie

Link to comment
Share on other sites

  • Administrators
cactus_atomo

@MkIII su hifiengine puoi scaricare il manuale in i taliano. come tutti i prodotti aloia non è detto chgli schemi sianomrperibili e se lo sono non è detto che corrispondano in toto al modello chr nhai

Link to comment
Share on other sites

Cabrillo
1 ora fa, MkIII ha scritto:

acquistato questo pre ,che trovo veramente eccellente

Ottima macchina, avuto x un po' di tempo a casa in prestito da @Stel1963 e ne ho un ottimo ricordo. Collegato a un finale Hitachi hma 7500 lavoravano in coppia veramente. bene.

Link to comment
Share on other sites

Come valvole ho visto che ha tutte ecc88 marche diverse Simens,Telefunken,molto microfoniche e ho dovuto mettere degli oring in tipo silicone per eliminare microfonicita forse non sono al massimo dell’efficienza dovrò cercare valvole nuove.

la persona che c’è lo aveva ha baipassato il controllo volume per avere meno percorso il segnale,ora il volume lo regolo solo con le doppie manopole,praticamente ha ponticellato e tolto due resistenze un lavoro molto pulito che solo occhio attento lo nota.

Bello perché tutto originale ma non capisco che differenza c’è con quelli prodotti per il mercato italiano a parte estetica pannello.

Link to comment
Share on other sites

  • Administrators
cactus_atomo

@MkIII la eliminazione dei doppi potenziometri è una modifica classica a uel pqre.. per le valvole non credo che siano esurite, semplicemente che ti è toccata una partita di valvole microfoniche (con le nos succede)

lam produzione aloia è sempre stata artigianale ed a volte ha permesso ad altri di fabbricare suoi pogetti con il marchio aloia.della versione italianadel tuo pre ne ho viste diverse e non erano completamente identiche

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share




×
×
  • Create New...