Jump to content

Cinghie per giradischi, dove le acquistate?


Massimiliano S.
 Share

Recommended Posts

Annosa questione, ma... un mio compare deve acquistare una cinghia per un Micro Seiki e mi riferisce che i prezzi sono abbastanza esorbitanti, vista anche la qualità che si trova in giro. Ci sono anche negozi fisici che le vendono, ma sono un po' scarsi in quanto a misure. Però lì almeno si risparmiano le spese di spedizione, che sono spesso e volentieri gonfiate (come se non bastasse il prezzo del coso).

Io avevo preso da Audiosilente quelle per i Thorens, lì almeno c'è la qualità.

Link to comment
Share on other sites

  • Moderators

le cinghie Micro costano e duravano almeno a me poco...stanco di spendere cifre ogni volta ne ho provate diverse fino a quando ho trovato quelle perfette per il mio Micro  adottando (non adattando) quelle del gyrodec ( ne avevo utilizzate due) almeno quelle durano una vita.

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

  • Moderators

Quando usavo i Thorens ho sempre preso le cinghie originali, adesso negli impianti ho gira a puleggia o trazione diretta, al momento il problema è bypassato.

  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

Non ci sono più le cinghie di una volta 😁 ho comprato il mio Gyrodec nuovo nel 2017, dopo un paio di anni, si è spezzata, ne ho comprate altre 2 pensando ad una di scorta ed una da usare subito, comprate una su ebay e l’altra pure ma da un venditore in UK che vende le cinghie originali per il Gyro, quest’anno è saltata la seconda, ora ho messo quella di scorta che avevo e ne ho comperata un’altra dal rivenditore UK (analogueseduction) dal sito ebay del venditore, adesso quando prevedo di non usarlo la sgancio e la metto sul piatto coperta in modo che non prenda luce o caldo, ma sono un po’ deluso, le cinghie l’ultima pagata 27€ mi pare più spedizione, ho avuto Thorens e ricordo che la cinghia era durata oltre 10 anni poi avevo cambiato con un altro Thorens ed anche quella è durata fino a che ho cambiato il gira.

Antonio

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

9 ore fa, antonio 64 ha scritto:

ho avuto Thorens e ricordo che la cinghia era durata oltre 10 anni poi avevo cambiato con un altro Thorens ed anche quella è durata fino a che ho cambiato il gira.

Sono cinghie molto diverse, quelle Thorens possono allentarsi un po' ma non spezzarsi.

Per il Gyro se la puleggia lo consente ti consiglio di usare due cinghie, meglio come dinamica e magari durano di più.

Link to comment
Share on other sites

Massimiliano S.

@antonio 64  io ho un Thorens 160 II che ha ancora su la cinghia originale: 1979. Slitta un po' in partenza ma è ancora lì al suo posto. Mi chiedo quali tecnologie e materiali mirabolanti avessero gli svizzeri nel '79 e che oggi sono dimenticate...

Link to comment
Share on other sites

  • Moderators
18 ore fa, Massimiliano S. ha scritto:

adesso ho capito perché si lamenta: 40 e passa euro spedita!

nemmeno tanto...negli anni 80 le originali costavano circa 50k lire e mi toccava cambiarla ogni due anni, con i primi freddi si allungava irrigidendosi e scivolava giù dal piatto.

Link to comment
Share on other sites

  • Moderators
18 ore fa, antonio 64 ha scritto:

adesso quando prevedo di non usarlo la sgancio e

 ti diró da qualche anno lo faccio anche io ma ci crederesti che in quasi 35 anni di gyrodec le ho cambiate per sfizio anche se andavano ancora benissimo solo due volte?

Comunque ho voluto conservarle per scrupolo e se come scrivi le nuove non durano bene ho fatto a non buttarle.

 

Link to comment
Share on other sites

  • Administrators

le cinghieuna volta erano realizzate dai produttori dei gira, ch al pià esternalizzavano illavoro a ditte di fiduci con specifiche rigifde. Ogii credo ch sia passto il concetto di risparmiar dove il cliente non può tocare con msno l ualità l momento dll'acuisto, presumo che tutte le cinghie anche quelle originali vengano dlala cina, il he di per e non vorrebbe dire nulla, se non che chi compra dai cinesi non chiede qualità ma prezzi bassi (così rivendendo il guadagno è maggior)  e se vuoi il prezzo più basso del mercato non puoi aspettarti una grande qualità.

Link to comment
Share on other sites

Confermo, le cinghie odierne non durano nulla. Ogni volta che metto in moto uno dei miei registratori, che non sia lo Studer, incrocio le dita... c'è da dire, però, che le cinghie di prima generazione di alcuni miei registratori comprati nuovi all'epoca (Akai e soprattutto Technics, nello specifico) sono ancora lì, al loro posto, perfette dopo più di trent'anni. Anche la cinghia del Thorens TD321 MkII, originale, non l'ho mai toccata, non scivola, non slitta, insomma è perfetta come il primo giorno. Oggi, sono una schifezza: mi chiedo quanto dureranno tutte quelle dei gira a cinghia venduti nuovi oggi, visto che un DD - a meno di comprare il redivivo Technics SL-1200 - non lo si trova manco a cannonate. Troppo difficile produrlo... e a manutenzione quasi zero, cosa che non conviene ai "geniali e innovativi" produttori moderni. 😁

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share



×
×
  • Create New...