Jump to content

Frank Zappa, un "genio" da me incompreso...


GasVanTar
 Share

Recommended Posts

4 ore fa, Gingobiloba ha scritto:

Sono stato alla Fondazione Prada tempo fa, gran bel posto che merita, ad ogni piano dovevo farmi spiegare dalle persone della sicurezza cosa vedevo, se per arte si intende una parete di mosche morte io sinceramente mi fermo e dico non ce la faccio.

@Gingobiloba ah ah, mi fai venire in mente la guida che spiegava ( fantastico il suo tono di voce anche) le opere(?????) ai visitatori della Biennale nel film di Sordi " dove vai in vacanza?....ah ah

@mas 65 mi sono sempre domandato se il nostro non si fosse fatto la Ruth...

Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, aldofranci ha scritto:

Sì ora però andiamo su qualcosa di facile ascolto, per renderlo più accessibile alle masse incolte: 

Decisamente meglio questo che altri pezzi che appaiono,  scusate il termine, pesantemente masturbatori

Link to comment
Share on other sites

9 minuti fa, senek65 ha scritto:

Sì ora però andiamo su qualcosa di facile ascolto, per renderlo più accessibile alle masse incolte: 

@aldofranci ricordo che "Apostrophe" con Jack Bruce al basso ottenne successo commerciale...

Link to comment
Share on other sites

Hot Rats è stato il mio primo disco zappiano, comprato dopo aver ascoltato Peaches en Ragalia su una compilation. Mi è sempre piaciuto tantissimo, ma non sapevo che ci fosse qualcosa da capire :classic_laugh:

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

FabioSabbatini
58 minuti fa, Led63 ha scritto:

" 200 Motels "

È il primo disco di Zappa che comprai

In effetti ci ho messo un po' ad apprezzarlo

Ora lo considero tra i più belli 

 

 

Link to comment
Share on other sites

mauriziox60

solo dopo molti anni di ascolti ho potuto apprezzare i testi zappiani. Scoprire che aveva anche molte cose (di cui molte condivisibili) non ha apportato granché di cambiamenti nell'apprezzamento verso il musicista. La sua musica sta in piedi da sola e, a mio modesto avviso, chi lo conosce solo per le sue parole rischia di perdere molto della sua grande genialità compositiva e della sua versatilità come esecutore (suonava batteria e percussioni, tastiere, basso oltre alla chitarra).

Qualcosa della sua produzione non mi intriga e non mi prende proprio - la differenza tra lui e il porco è che di lui qualcosa butto... - . @FabioSabbatini mi bacchetterà come già fatto in passato ma a me il live at Fillmore East, per esempio, non mi piace per niente

  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

Lo metto fra i "direttori d' orchestra", insieme a miles davis, james brown, isaac hayes... Purtroppo io l' ho scoperto tardi ( 1990), per cui non ho mai visto un suo concerto, qui a Roma al ex mattatoio, c'è stato nel 1982...ad oggi a 57 anni, non riesco ad ascoltare più rock... Diciamo poco,preferisco blues funky soul e jazz 50-60, ma Frank zappa si, artista poliedrico, che spazia dal jazz rock Fusion, al progressive, dal blues al reagge, con formazioni di musicisti spettacolari, capisco che sia di difficile comprensione e approccio, dico la mia, per tre anni ho ascoltato solo lui, e il resto del mondo mi sembrava "robetta"... 

Sia con la chitarra che come compositore, lo trovo melodico e avventuriero, nello sperimentare e mettere in atto la musica... Per me un grandissimo 

Saluti massimo 

 

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

23 ore fa, Gingobiloba ha scritto:

Ho sentito Hot Rats l'album io proprio non lo capisco.

Questo è il bello delle discussioni sugli artisti, io diversamente lo trovo stupendo 😃

Link to comment
Share on other sites

7 ore fa, jj@66 ha scritto:
Il 19/4/2021 at 12:12, Gingobiloba ha scritto:

Ho sentito Hot Rats l'album io proprio non lo capisco.

Questo è il bello delle discussioni sugli artisti, io diversamente lo trovo stupendo

@jj@66 @jj@66 ...attorno al 70, 71, per un'estate lo ascoltavo ogni giorno. ( Il momento più bello rimane quando entrano i fiati verso la fine di "peaches en regalia". Poi mi sono stufato è l'ho regalato ad un amico: fine di Zappa. Comunque ascoltavamo tantissimo anche Grand Wazoo...

Link to comment
Share on other sites

  • Moderators
oscilloscopio

Hot rats insieme ad Apostrophe sono a mio parere due ottimi album per chi vuole avvicinarsi alla musica di Zappa.

Link to comment
Share on other sites

Amo Frank Zappa, l'ho visto in un memorabile concerto a Napoli nell'82: due ore nelle quali, senza soluzioni di continuità, si sono alternate le sue canzoni, fino ad una acclamatissima versione di 'o sole mio alla chitarra elettrico. 

Poi ho assistito a Torino al concerto Greggery Peccary and Other Persuasione della Ensemble Modern: bellissimo. 

C' è un FZ compositore di Musica Contemporanea (lo dicono Nagamo, Boulez) che amo ancora di più. 

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

Ci sono album di Zappa che detesto e reputo - a mio giudizio - inascoltabili, altri che adoro e porterei con me su un'isola deserta. La sua produzione musicale è talmente vasta che difficilmente si riesce a dare un giudizio univoco. Suggerisco l'ascolto dei due suoi album che preferisco in assoluto: Over-nite Sensation e One Size Fits All. Nel primo album, eccezionale a mio avviso il brano Fifty-Fifty, con una mirabile performance di Jean Luc Ponty: un assolo di violino in un brano tutt'altro che classico, un colpo di genio che poteva partorire solo una mente geniale come quella di Frank Zappa. Per i restanti brani, credo possano incontrare il gusto di chi, all'epoca, non disdegnava l'ascolto di gruppi pop/rock e progressive. Se qualcuno di voi, dopo averli ascoltati per la prima volta, volesse darmi un giudizio in merito, gliene sarei grato. 

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share




×
×
  • Create New...