Jump to content

Gustard H16


mark66
 Share

Recommended Posts

Grazie ancora @Zap67 questo filtro H l'ho provato meno. Comunque anche io sono particolarmente e sordo, tra L-Fast e Slow, non ho notato particolari differenze.

.

Per quanto riguarda l'ampli, per provare a dare un contributo al thread, anziché andare in "stock" sui Gustard ho provato ad inserire nella catena un ampli-cuffie di livello superiore. Ho preso il Burson Soloist 3X Performance che ho collegato al Gustard X16 in bilanciato (mentre l'RCA lo uso per un collegamento diretto al Node 2i, che mi fa da streamer in entrambe le configurazioni).

.

Io purtroppo sono abituato con l'ampli-dac della Sony, il TA-Z1HES. E' un ampli-dac OS e FPGA. Non so se è una caratteristica propria del Sony, ma mi ha abituato ad un diverso equilibrio rispetto alle voci. Sono abituato ad avere le voci più avanzate e una maggiore spazialità/distanza/aria tra gli strumenti, mentre con il Gustard le voci mi restano un po' "arretrate" per non dire letteralmente "sommerse" dagli altri strumenti. Trovo che con il Gustard i bassi, ma anche le chitarre e gli strumenti a corda, mi vengono troppo in avanti e rischiano di sovrapporsi un po'. 

.

Per il resto confermo che il Gustard è impressionante per pulizia del suono e silenziosità. Per quello che costa, mi sembra che si faccia valere molto bene. Se dovessi sostituirlo dovrei andare su un DAC R2R, con budget decisamente non paragonabili.

 

 

Link to comment
Share on other sites

21 minuti fa, SalD ha scritto:

Per il resto confermo che il Gustard è impressionante per pulizia del suono e silenziosità. Per quello che costa, mi sembra che si faccia valere molto bene. Se dovessi sostituirlo dovrei andare su un DAC R2R, con budget decisamente non paragonabili.

Per iniziare con gli r2r sto pensando all’Ares 2 che ha un costo umano, aspetto che l’amico @pier mi/ci dica come va 😃

  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

@Zap67 l'Ares 2 è forse l'unico in effetti ad un prezzo umano. Siamo tutti affamati di pareri e recensioni su questa nuova versione. Anche perché altrimenti si sale di parecchio e spendere 3.500 euro o anche più per un dac, peraltro in un impianto cuffie, diventa forse davvero un po' troppo... ho molte perplessità...

Link to comment
Share on other sites

@Zap67 @SalD  Chord Qutest e passa la paura 😉

non è un R2R ma, quando avevo il Metrum Hex, il 2Qute (e il Qutest, arrivato dopo, è decisamente migliore) ci andava molto vicino: stessa naturalezza e "organicità" sia pur arrivandoci in modo diverso (anzi... diametralmente opposto: upsampling estremo e solo filtri, niente altro che filtri)


ancora oggi me lo tengo strettissimo

(nell'impianto secondario. in quello principale c'è un Metrum Adagio)

Link to comment
Share on other sites

Grazie @pl_svn capisco perfettamente. Pur non avendolo provato posso intuire a cosa ti riferisci parlando del Chord Qutest con upsampling estremo e filtri. Credo che la filosofia del Sony TA-ZH1ES che ho sull'altro impianto sia molto simile e, come scrivevo, il risultato si apprezza molto pur restando su un range di prezzo ragionevole per un impianto cuffie.

.

Ho solo la remora che, come il Sony, neanche il Chord abbia l'uscita XLR che invece è il motivo principale per cui ho preso e mi tengo ancora il Gustard.  

Link to comment
Share on other sites

2 minuti fa, SalD ha scritto:

Ho solo la remora che, come il Sony, neanche il Chord abbia l'uscita XLR


no: il piccolo di casa Chord esce solo in RCA

per l'XLR bisogna andare sul TT2 e... il prezzo cambia 😛

Link to comment
Share on other sites

14 minuti fa, pl_svn ha scritto:

per l'XLR bisogna andare sul TT2 e... il prezzo cambia 😛

eh si.... solo con i cinesini si riesce ad avere la botte piena e la moglie ubriaca... poi però ovviamente la botte non può essere piena di Sassicaia ... 🤪

  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

bisogna accontentarsi per evitare il divorzio 🙂

io preferisco spendere su cuffie/diffusori e arrivare a compromessi sull'elettronica. 

 

Link to comment
Share on other sites

3 minuti fa, do2707 ha scritto:

io preferisco spendere su cuffie/diffusori e arrivare a compromessi sull'elettronica. 

In linea di principio condivido la filosofia ... nel concreto però poi succede che hai una cuffia da quasi 2 mila euro e che fai resti con il dac da 400 euro? la senti che soffre e si lamenta... è come avere una Ferrari ferma in garage... fortuna che non ho il garage così il problema non mi si pone...

Link to comment
Share on other sites

@SalD tempo al tempo ... cmq DAC+AMPLI circa 700 €urozzi con cuffia da 2 K€uri più o meno è il rapporto che ritengo adeguato per vivere sereno.

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

Intanto grazie a tutti per i contributi!

 

Il bello di questo forum è che apri una discussione per un ampli cuffia e ti ritrovi a comprare un DAC! 😜

 

In effetti, per vari motivi era ormai tanto che non rimettevo mani nel mio impianto preso dalle mille cose. Ieri ho fatto un rapido confronto tra il TEAC e il Sanskrit 10th e mi sono reso conto di cosa può essere successo negli ultimi anni dal punto di vista dei DAC.

 

Allora mi sembra intanto che il Gustard X16 è un buon dac dal prezzo umano, comunque nel budget che sono abituato a spendere per una elettronica. Evidentemente c'è di meglio, ma in questo hobby si sa dove si va a finire, mentre ho imparato a darmi dei limiti e a rispettarli (anche per evitare il divorzio...).

 

Direi che mi avete chiarito le idee su quello che in realtà a questo punto è più urgente, che sicuramente è un nuovo DAC.

 

 

Link to comment
Share on other sites

@do2707 mi sembra sbilanciato il mix sulla cuffia. Se prendi una cuffia da 2K a mio avviso le altre due componenti meritano almeno 1,5K se non di più.

.

Io il mio equilibrio magico l'ho trovato in casa Sony con la serie Signature. Sinergia massima. Costo più o meno simile, street price sui 1.500 / 1.600 euro sia per la cuffia che per l'ampli-dac.

.

La stessa cuffia su una catena diversa non rende allo stesso modo. E' proprio il mio problema attuale, con il Gustard. E purtroppo devo dire che non è un problema specifico della MDR Z1R, perché lo stesso stipo di "strozzatura" la avverto anche sulle IEM, le Shure 846. Anche le piccolette girano meno bene sul dac che costa la metà del loro prezzo di listino (banale anche a dirsi, veramente).

.

Quelle che invece cambiano poco come resa sul primo o sul secondo impianto e anzi forse vanno meglio con il Gustard sono le Hifiman Deva. Che guarda caso stanno in quel range di prezzo del Gustard.

.

Mi sto convincendo che c'è una qualche legge della fisica quantica universale per cui, come dicevano i vecchi saggi... alla fine, mangi per quel che spendi... purtroppo! Sulla base di questa esperienza posso dire che 1 o 2K di cuffia su un impianto da 500-700 euro sono forse un po' sprecati, salvo che non sia una soluzione transitoria.

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

@SalD considera che io la senny 800S l'ho pagata 700€ usata quindi siamo a posto ...

ovviamente scherzo, ma in linea di principio ritengo di essere nel giusto.

Secondo me l'elettronica oltre un certo livello influisce meno della parte "analogica" dell'impianto e sono assolutamente convinto che molto dipenda dalla suggestione e dal livello di malattia hifi che si è raggiunto.

Per me è importante darsi dei limiti e non farsi aggredire dalla scimmia che è sempre pronta sulla spalla.

 

sono appena riuscito a eliminare la scimmia fotografica e se penso a quanto ho speso ...

alla fine sono riuscito a trovare la pace con un corpo macchina  e un 35 f1.8 mm e faccio tutto quello che voglio. Però un 80 f1.8 ... no! vade retro ... 

 

Link to comment
Share on other sites

  • Moderators

@SalD non sono molto d’accordo.

In Linea di massima hai ragione, ma più del

prezzo conta la sinergia tra i vari componenti. 
Questi dac cinesi virano tutti sul neutro.

L’accoppiata presa dal nostro amico con una Audeze LCD 3 ad esempio ..non la vedo affatto male. 

Link to comment
Share on other sites

24 minuti fa, marillion ha scritto:

ma più del

prezzo conta la sinergia tra i vari componenti. 

Allora siamo d’accordo al 100%. La sinergia viene prima, il prezzo ne è una derivata.

.

Il mio problema è proprio che faccio fatica a trovare una sinergia paragonabile a quella del mio primo impianto Sony Signature (MDR-Z1R con TA-ZH1ES), allo stesso prezzo.

.

Nel mio caso, il Gustard X16 con il Loxjie P20 e ora con il Burson Soloist 3X Performance non esprimono la stessa musicalità che ho con il dac-ampli Sony. Non solo in abbinamento con la MDR-Z1R (cosa abbastanza normale), ma anche con le IEM Shure 846 (cosa che invece mi è sembrata già più strana).

.

Questo mio secondo impianto Gustard + Soloist nasce per accogliere in futuro le Hifiman Arya… spero che con le magnetoplanari si crei magari una sinergia nuova rispetto all’attuale configurazione.

Link to comment
Share on other sites

20 ore fa, SalD ha scritto:

Gustard X16 con il ..... Burson Soloist 3X Performance non esprimono la stessa musicalità che ho con il dac-ampli Sony

Il Burson (quel Burson) è all'apice dei miei sogni più o meno realizzabili, mi sorprende che non lo trovi all'altezza del Sony.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...