Jump to content

Gustard H16


mark66
 Share

Recommended Posts

@n.enrico Lui lo sarebbe pure. A parte piccole cosette, tipo il fatto che ha solo due uscite cuffie, oppure il telecomando che insomma sembra un giocattolo rispetto al Sony, che scalda comunque abbastanza e che per dare il meglio ha bisogno di scaldarsi. In più però ha gli ingressi in bilanciato e una potenza di fuoco che come scrivevo è "imbarazzante" per esuberanza (peraltro ho anche scoperto con piacere che la maggiore corrente dell'ingresso in bilanciato arriva anche sull'uscita single ended).

 

Però il Sony è anche un DAC, peraltro con tutta una serie di accorgimenti che lo rendono molto simile a DAC stand alone di alto livello. Quando appunto si dice la sinergia della catena...

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

Adesso, n.enrico ha scritto:

Grazie.

Ma il dac Sony come rende con altre cuffie?

Così a caldo ti direi... Da paura amico mio, da paura...

.

Ora, non è che io abbia chissà quale parco cuffie. Ho la Sony ovviamente, poi ho le IEM della Shure (le 846 e le sorelle minori), poi ho la Deva. A parte la Deva che forse è l'unica che devo "studiare" meglio nelle due catene, anche le 846 mi sembra vadano meglio sull'ampli-dac Sony. Oddio è pure possibile che mi sia abituato io al suono del Sony. Non so. Però dalla prima sensazione che ho avuto sembra che la magnetoplanare possa avere una risposta migliore in questa seconda catena. 

.

Tra non molto però farò la prova del nove con le Hifiman Arya, che poi è il motivo per cui mi sono messo in questo ginepraio del secondo impianto. A quel punto vedremo come si mettono le cose con una cuffia che ritengo di livello pari alla MDR Z1R ma che risponde a logiche totalmente differenti, dove il Burson avrà pane per i suoi denti e vedremo anche il Gustard come si comporta. 

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

20210526_214941small.thumb.jpg.0f92e5afa60f8082a53290e5457a64c4.jpg

 

Ordinato ieri alle 18,00 arrivato stamattina alle 11,00 (non ho Prime, dunque un plauso al venditore).

Primi ascolti, ottima impressione (NTS, new toy syndrome ovviamente...). Tonnellate di particolari. Pulizia estrema. Un basso scolpito. Per niente piatto, anzi. Per me è abbastanza. L'Aune ringrazia. Per ora l'ho provato nell'impianto dello studio, devo rivoluzionare l'impianto principale. Sempre più convinto di prendere l'H16.

@marillion grazie per avermelo segnalato!

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

In attesa che arrivi H16, in viaggio dalla Cina, e di rimettere in ordine l'impianto principale, questa mattina ho collegato in BT il cellulare con file FLAC al X16 all'impianto nello studio... Incredibile! Qualità assoluta, collegamento stabile e qualità audio ottima.

Link to comment
Share on other sites

killericeman84

come mai l'hai preso in cina? il risparmio è tanto rispetto a prenderlo su audiophonics? 

in confronto con un lake people g100 o g111 quale potrebbe essere meglio?

Link to comment
Share on other sites

57 minuti fa, killericeman84 ha scritto:

come mai l'hai preso in cina? il risparmio è tanto rispetto a prenderlo su audiophonics? 

L'ho preso da Amazon, su Audiophonics non ho mai comprato, l'ho scoperto solo dopo averlo ordinato, in effetti lì viene meno, una questione di abitudine e di mancanza di tempo e pigrizia...

 

57 minuti fa, killericeman84 ha scritto:

lake people g100 o g111

... mai ascoltati, non ti saprei dire.

Link to comment
Share on other sites

5 ore fa, killericeman84 ha scritto:

in confronto con un lake people g100 o g111 quale potrebbe essere meglio?

Per me non c’è confronto, molto meglio i Lake People, il Gustard h16 suona moscio e spento a confronto, a me non è piaciuto affatto, è solo molto potente.

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

Provato vs il PassLabs, c’era un mondo di mezzo, forse un universo, e c’è qualcuno  che pensa ancora che ci sono in giro ammazzi giganti...

2607496A-B560-47F3-BDDB-C68A19639A86.jpeg

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

Io l'ho preso per la sinergia con il X16 e perché ho cuffie non molto costose. Eppoi perché costa 400,00 e volevo provare il bilanciato. Non so quanto costa il Pass, ma credo siamo su di un ordine di misura diverso. Eppoi, certo, sono d'accordo: nessun gigante sarà maltrattato dal H16! 

Link to comment
Share on other sites

1 minuto fa, mark66 ha scritto:

nessun gigante sarà maltrattato dal H16!


... non credo l'osservazione sugli ammazza-giganti fosse diretta all'H16 in particolare 😉

Link to comment
Share on other sites

@pl_svn sono iscritto in questo forum dal 2005 e ho assoluta stima di MCnerone: se lui dice che H16 suona moscio sarà sicuramente vero. A volte però uno acquista qualcosa per il gusto di averla, e ormai visto il progresso attuale trovare cose che suonano male è difficile in questa fascia di prezzo. Potrebbe essere che H16 mi piacerà proprio perché suona moscio! 😇

  • Melius 1
  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

10 ore fa, mark66 ha scritto:

Io l'ho preso per la sinergia con il X16 e perché ho cuffie non molto costose. Eppoi perché costa 400,00 e volevo provare il bilanciato. Non so quanto costa il Pass, ma credo siamo su di un ordine di misura diverso. Eppoi, certo, sono d'accordo: nessun gigante sarà maltrattato dal H16! 

Spero per te che sia così.

Riguardo il bilanciato., è la fuffa del secolo, ma vabbè, bisogna passarci per  capirlo.

Comunque, io ho risposto a chi chiedeva cosa ne pensasse del confronto col Lake, e per me, il Lake è una ampli molto più performante, con un suono più vivido ed articolato.

Link to comment
Share on other sites

10 ore fa, mark66 ha scritto:

sono iscritto in questo forum dal 2005 e ho assoluta stima di MCnerone: se lui dice che H16 suona moscio sarà sicuramente vero. A volte però uno acquista qualcosa per il gusto di averla, e ormai visto il progresso attuale trovare cose che suonano male è difficile in questa fascia di prezzo. Potrebbe essere che H16 mi piacerà proprio perché suona moscio! 😇

Grazie per la stima, io dico le cose come stanno ed avevo le tue medesime aspettative, quelle di un prodotto che magari poteva rivaleggiare, non dico col Pass, che c’è anche a chi non piace, ma che potesse esprimere all’ascolto un risultato interessante.

Il punto di forza è la grande potenza e la silenziosità, anche se oltre certi livelli , io continuo a fare fatica a sentire differenze.

Link to comment
Share on other sites

Allora, qualche rapida notazione, L'H16 si sta rodando, dunque queste sono le prime impressioni. Tra l'altro ho fatto un rinnovamento complessivo del sistema in salotto, dunque si tratta di impressioni sul sistema nel suo complesso. Da dove venivo: TEAC UD-H1 con Muscal Fidelity X-Can v.3 e Docet Web Edition con alimentatore digitale da 3A. Il tutto comandato da un vecchio portatile Acer. La prima novità è il Mini PC con Pentium Silver e 8 giga di Ram, con dissipatore senza ventola, dunque silenziosissimo. Un altro mondo, ovviamente. Come player utilizzo Foobar 2000 con DarkOne. Evidentemente sia l'X16 che l'H16 si stanno slegando, anche se credo sempre relativamente al rodaggio. La prima caratteristica del sistema è un grande controllo in basso: il basso è ben definito, scende bene e a seconda delle cuffie mantiene questa caratteristica. A confronto il basso del MF è sicuramente più rotondo, mentre nel Docet c'è meno controllo. A monte mi sembra che il DAC faccia un buon lavoro rispetto al TEAC che era sicuramente meno definito e più scuro. Con la Shure SRH 840 c'è un bel punch, a 50 di volume siamo già vicino ai limiti del sopportabile. Rage Against The Machine fila bene, mi sembra ci sia la giusta cattiveria in alto e un bel basso martellante già a 48 mentre il flow di De La Rocha è ben definito nel mezzo. Forse la cosa che mi piace di più è che l'urlo di Wake Up mantiene intatta la sua buona dose di cattiveria senza diventare inascoltabile. Per quel che vale, promosso. Per fare una rapida prova, cambio al volo le cuffie con le Philips X1 e tutto cambia: il basso di queste cuffie, che è un loro punto debole, sposta tutto l'equilibrio. Due colpi di mouse e passiamo allora a Grace Mahya - Last Live at DUG - Route 66: il basso continua ad essere quello della X1, un po' troppo pieno, ma qui ci sta bene. Tantissimi particolari, l'atmosfera live è resa bene, il ritmo è ben tenuto, poco dopo il 6° minuto c'è l'assolo di batteria: per quanto riesce a fare la Philips c'è una buona resa dei colpi secchi e definiti delle bacchette. Poi c'è Kiss Of Life, dove l'intro di contrabbasso con le Philips è sicuramente un po' troppo invadente. E allora passo alle Sundara, che ancora sono in rodaggio, e tutto cambia in meglio, solo che bisogna salire fino a 60 di volume in bilanciato: tutto ritrova il suo giusto equilibrio, il basso è tenuto bene al suo posto, in alto c'è a estensione notevole senza mai nessun accenno di asprezza, ma, soprattutto, la voce è ritagliata ottimamente. Ancora due colpi di mouse e passo ai Dead Can Dance - Spiritchaser: Song Of The Stars con i suoi mille richiami e il suo tappeto continuo di basso prende vita. Mi piace.

Insomma, per quel che ne posso dire io, magari per 800,00 euro ci sarà anche di meglio ma non mi sembra di aver buttato via i soldi. Pro: esteticamente è piacevole a vedersi, mi piace la soluzione della manopola del volume incassata, forse si poteva fare qualcosa per limitarne la rumorosità, ma si tratta di un rumore a cui si fa presto l'abitudine.

Infine, personalmente mi sembra che facendo i giusti abbinamenti cuffia - genere musicale il sistema sappia restituire fedelmente le caratteristiche sia della cuffia che della musica, e per me non è poco. Non è un sistema che suona sempre nella stessa maniera, direi, ma sa essere energico quando serve, mentre con le Sundara mi sembra assolutamente un buon abbinamento. Ascoltando collegati al DAC il MF e il Docet e il NAD C352 con le JBL Studio 530 anche il solo DAC mi sembra un buon acquisto.

Evidentemente il fatto che sono anni che non rinnovo il mio impianto mi rende meno credibile rispetto ai mille confronti che potrebbero essere fatti con altri prodotti, magari più o meno nella stessa fascia di prezzo, dunque le mie impressioni sono limitatissime.

Ma una cosa ho imparato in 40 anni di passione hi fi: compro poco ed ascolto molto, cambiare spesso confonde solo le idee...

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

  • 1 month later...

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...