Jump to content

Diffusori ben pilotati battono diffusori migliori non adeguatamente pilotati?


Summerandsun
 Share

Recommended Posts

Summerandsun

Buon pomeriggio,

Più mi addentro nello Hi Fi e più questa domanda diventa un tarlo nella mia testa.

Quali sono le vostre esperienze?

Ho l'impressione che dato un budget limitato, sia meglio cercare un buon bilanciamento tra diffusori facili da pilotare e amplificazione adeguata. Diffusori migliori ma ostici, se non alimentati a dovere, possono sì dare risultati migliori, ma non quanto potrebbero.

Ad esempio, i miei diffusori li ho sentiti cantare al meglio o quasi delle loro possibilità. Per i miei gusti erano a dir poco ottime. Mi sono accontentato di un'ampli inferiore (ma comunque dignitosissimo) e il risultato mi piace molto ma non è altrettanto spettacolare. Totale costo: X.

Vado da mio padre, che ha un impianto di 10 anni fa entry level, ma ben equilibrato....costo x/3 ....il risultato non è così spiacevole, anzi, in certi casi...

Ho provato anche a pari ampli a sostituire i diffusori con una coppia che costava poco più della metà dei miei e il risultato era quasi identico.

Mi chiedo spesso se non abbia fatto il passo più lungo della gamba prendendo diffusori che non potrò mai far esprimere a dovere. Forse (anche a parità di spesa) sarebbe stato meglio cercare diffusori meno costosi e ostici e amplificarli più facilmente.

Link to comment
Share on other sites

Summerandsun

@Gici HV D'accordissimo.

Comunque la prova con cambio diffusori e stesso ampli è stata eseguita nello stesso ambiente. Anche i confronti tra impianti familiari sono stati eseguiti a pari ambiente o in ambienti ben conosciuti (e so bene che il mio impianto a casa dei miei suonava due volte meglio che a casa mia...SOB!).

Link to comment
Share on other sites

@Summerandsun ti racconto mia esperienza. 

Casse indiana line DIVA650, ampli NAIM supernait, sorgente Naim ND5XS2

 

Una bomba. 

Sicuramente le IL non potevano avere ampli migliore, ed il risultato paga 

Link to comment
Share on other sites

Ho avuto modo di dirlo gia’ in altre occasioni, a parer mio suonera’ meglio un diffusore meno costoso ma pilotato al massimo delle sue possibilità rispetto ad un diffusore di classe elevatissima amplificato con elettroniche insufficienti se non scarse.

Esempio, una coppia di Opera Gran Callas pilotata da un integrato Nad da qualche centinaio di euro suonera’ meglio di, che so, una coppia di Proac studio 140 pilotate da un Gryphon Diablo ?

Ho i miei dubbi.

Link to comment
Share on other sites

  • Administrators
cactus_atomo

@Summerandsun um impianto suona bene se c'è equilibrio tra i componenti, ambiente incluso. Intervenire su un anello dimenticandosi degli altri non paga. Equilibrio non vuol dire uguale costo. Poi ci sta che se ho un risultato in testa possa scientemente concentrare le risorse su un componente specifico, in attesa di trovare le risorse per adeguare il resto. Ma devo accettare un transitorio con resa non ottimale

Link to comment
Share on other sites

3 ore fa, Summerandsun ha scritto:

sia meglio cercare un buon bilanciamento tra diffusori facili da pilotare e amplificazione adeguata.

ovvio

3 ore fa, Summerandsun ha scritto:

Diffusori migliori ma ostici, se non alimentati a dovere, possono sì dare risultati migliori, ma non quanto potrebbero.

anche peggiori

7 minuti fa, samana ha scritto:

suonera’ meglio un diffusore meno costoso ma pilotato al massimo delle sue possibilità rispetto ad un diffusore di classe elevatissima amplificato con elettroniche insufficienti se non scarse.

sicuro. Con un aprecisazione, pilotaggio al massimo, non vuole dire caterve di watt, ma sinergia

Link to comment
Share on other sites

9 minuti fa, bic196060 ha scritto:

sicuro. Con un aprecisazione, pilotaggio al massimo, non vuole dire caterve di watt, ma sinergia

Giustissima e tempestiva precisazione che sposo in toto.

Link to comment
Share on other sites

Credo non ci sia dubbio che il diffusore, il componente dell'impianto audio che "fisicamente" (passami il termine) emette suoni, sia il risultato di una catena di componenti bene o male assemblati.

Per rimanere al discorso ampli / diffusore, sono anch'io del parere che un qualsiasi diffusore ben amplificato dia un risultato molto più soddisfacente che di un diffusore di alto livello pilotato male.

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

18 minuti fa, bic196060 ha scritto:

Con un aprecisazione, pilotaggio al massimo, non vuole dire caterve di watt, ma sinergia

Quoto. 

Link to comment
Share on other sites

Fabio Cottatellucci
32 minuti fa, alexis ha scritto:

vabbeh che c‘è stato l’incendio,

Il rogo del server come quello della biblioteca d'Alessandria.

  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, bombolink ha scritto:

L'ambiente è un pó un falso mito, tranne casi veramente disperati.

Citando il buon Bebo, se un diffusore sona, sona ovunque.

Sarà, stessi diffusori, stesso ambiente, lato corto lato lungo, due cose diametralmente opposte, e Bebo mi capirebbe, proac ebs

Link to comment
Share on other sites

@Keydan vuol dire che il Mail è timbricamente aperto poiché e Diva non sono il massimo in tal senso....con un ancora più costoso McIntosh si sarebbero chiuse ulteriormente ma io avrei ottenuto un ottimo risultato pure con un Rotel, decisamente più economico del  Naim ma che va a nozze con le Diva....io ritengo che un impianto non stratosferico elettricamente ben interfacciato e ben inserito in ambiente possa dare più soddisfazioni di uno decisamente più costoso  mal interfacciato e mal inserito in  ambiente.

SALVO

Link to comment
Share on other sites

6 ore fa, Summerandsun ha scritto:

Buon pomeriggio,

Più mi addentro nello Hi Fi e più questa domanda diventa un tarlo nella mia testa.

Quali sono le vostre esperienze?

 

Di principio sono entrambi importanti, diciamo che i diffusori da soli non suonano sono "passivi" perciò l'amplificazione è necessaria ed è quella che genera il movimento/suono.

.

Mi è spesso capitato di sentire diffusori economici e/o da stand fare un figurone se pilotati da amplificazioni esagerate.  Come anche è capitato di sentire diffusori di prestigio, immanenti e al di sopra di ogni sospetto completamente mortificati da abbinamenti sbagliati o scarsi.

.

Fortunatamente in un ambito di scelta normale ci sono ottimi amplificatori a prezzi giusti, chiaramente se mi  obbligassero a spendere 1000€ per un componente e 5000€ per un altro sono sicuro che riuscirei a prendermi un buon amplificatore sufficiente a pilotare un diffusore di quel pregio. Il contrario sarebbe nella maggior parte dei casi una scelta meno vincente o  perlomeno con meno potenziale futuro. Quindi partirei sempre dalla scelta delle casse che oltretutto è quella più vincolante in base all'ambiente.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share




×
×
  • Create New...