Jump to content

Quanti giovani si avvicinano al mondo audio di qualità'?


jedi
 Share

Recommended Posts

Buona vita a Tutti

Essendo diversamente giovane ( purtroppo !) io ho vissuto da ragazzo l'espansione a livello culturale di questo settore.

A meta' anni settanta moltissimi giovani(in senso lato) ,vista che non esistevano altre distrazioni informatiche e digitali, si innamoravano di questo settore, perché i vari SIM ,negozi specializzati pullulavano come mosche.

Ma incominciando verso la fine del secolo scorso ,man mano sempre di più' la media degli appassionati si alzava di eta'.

Oggi come oggi se si trova persone con meno di 40 anni è un evento raro, perché i giovani e ragazzi hanno altri interessi.

Infatti i componenti di alto livello hanno sempre di più' prezzi lievitati, per arrivare (ed io non mi tiro indietro) a quotazioni da appartamento.

Mi piacerebbe sapere in percentuali quanti appassionati con meno di 40 anni ci sono in questo forum che potrebbe essere un po' la cartina di tornasole del settore.

Buoni ascolti

Marco

 

Link to comment
Share on other sites

Io per altri 3 anni pieni avrò ancora meno di 40 anni.
Per rispondere alla tua domanda: "Quanti giovani si avvicinano al mondo audio di qualità?" per me molti più di 10 anni fa.

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

Da giovane, primi anni '80, seguivo con passione e meraviglia le riviste di settore che un compagno di scuola mi portava (aveva un vicino di casa che, dopo averle lette, gliele lasciava in cantina).

A 17 anni mi fu regalato da mamma il mio primo impianto, intanto, continuavo a sbavare dietro ai componenti presentati dalle riviste fino a quando...

Fino a quando?

Ma fino a quando iniziò il delirio del fine tuning che daterei tra la fine degli anni '80 e l'inizio degli anni '90.

Leggendo cose che ritenevo ed invero continuo a ritenere, senza senso scientifico alcuno e finalizzate unicamente a marketing, allora ritenni che qualcosa non andasse più; che si stesse passando il segno; che la cosa, almeno per certi aspetti, stesse diventando una presa per il culo.

Con l'avvento di internet, iniziai di nuovo a guardarmi intorno e scoprii che, seppur affiancata da mode e da fuffa, una certa evoluzione c'era stata soprattutto nel campo dei diffusori e dell'eletronica di potenza (nonché dei prezzi), pertanto, anche favorito da una decisamente maggiore disponibilità economica, assemblai l'impianto attuale tra il 2010 ed il 2014 di cui sono pienamente soddisfatto e terrò a lungo.

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

Membro_0015

questo hobby e' in piena fae involutiva: rodaggio dei cavi, risuonatori di schuman, DAC da decina di migliaia di euro ... i giovani non hanno soldi innanzitutto e poi ....

2 minuti fa, enzo966 ha scritto:

Fino a quando?

Ma fino a quando iniziò il delirio del fine tuning che daterei tra la fine degli anni '80 e l'inizio degli anni '90.

concordo ... ricordo pezzi deliranti sui cavi (mi viene a mente un pezzo di AR sui cavi MIT in cui il direttore dovette addirittura dissociarsi pubblicamente ma ce ne sono altri, tipo la bordura autoadesiva che migliorava il suono dei CD  e via dicendo).

Link to comment
Share on other sites

Eppure basta dare un’occhiata su YouTube e visionare i commenti che vengono caricati in calce ai filmati di hi-fi, hi-end e compagnia bella. Per non parlare delle visualizzazioni. A livello interesse non siamo poi mica tanto di nicchia… 😉

Link to comment
Share on other sites

FabioSabbatini

 

I pochi giovani che saranno in grado di oltrepassare la coltre di fuffa mefitica che ammorba il "sistema hiend", magari se la spasseranno. 

Godranno cioè di buona musica, ben riprodotta, senza subire troppo le baggianate audiofile.

 

E finalmente, chi vorrà comprarsi un amplificatore da centomila, un cavo da trentamila, una testina da diecimila, uno step up da ventimila ecc...lo farà per il più sacrosanto dei motivi: gli piace l'idea di possedere quel particolare oggetto. 

Non certo perché spendendo una frazione il suono non può essere "di alto livello", che poi è la "Big Lie" del sistema hiend odierno, anzi da quando HP l'ha inventata....nach meiner meinung ca' va sans dire

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

Certo oggi fra i trappoloni dell'hi-end e quelli del ciarpame vintage (non il vintage buono) per un giovane privo di strumenti non é facile orientarsi 

  • Melius 2
Link to comment
Share on other sites

appecundria
7 ore fa, jedi ha scritto:

giovani e ragazzi hanno altri interessi.

"I giovani non comprano più calessi, quindi a loro non interessa viaggiare", un esempio umoristico per segnalare l'errore metodologico. 

Un impianto da 10 milioni di lire del 1980, oggi lo hai nella tasca posteriore del jeans insieme con tutti i dischi della storia, è cambiata la tecnologia non l'interesse. D'altra parte basta dare uno sguardo al mercato delle cuffie.

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

alberto1954

Ma non capisco cosa vi frega? Che siamo  una religione che cerca nuovi adepti??

Dopo di me il diluvio!!!

 

I miei nipoti nonostante li abbia riempiti di hifi di qualità.. se ne fregano altamente e hanno preferito oggetti piccoli  , bensuonanti    all in one.

Se fra 20 anni questo mercato sarà una mini nicchia rivolta esclusivamente a nababbi arabi  russi e cinesi ... l'avranno voluto  gli operatori del settore.. 

contenti loro...

Link to comment
Share on other sites

Sono appena diventato nonno per la prima volta , beh    come regalo  un paio di diffusori, considerando che già hanno  il  giradischi,  direi che ci sta  😍

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

Se ho aperto questa thread, non è perché ho chiesto il 730 dei forumer.

Volevo vedere quanti under 40 ci siano.

L'ultima volta che sono stato al Melia ,ossia il 2019 ,e dopo per il Covid è stato sospeso il tutto ,come il resto del mondo tutte le manifestazioni, mediamente tutti gli ospiti avevano almeno 50 anni .

Se poi gli oggetti a parità di categoria negli ultini 20 anni sono aumentati di prezzo, questo è assolutamente vero 

 

Link to comment
Share on other sites

captainsensible
13 minuti fa, jedi ha scritto:

mediamente tutti gli ospiti avevano almeno 50 anni .

Eh si, e a partire da quell'età è suggeribile un esame audiometrico 😁

 

CS

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share




×
×
  • Create New...