Jump to content

Amplificatore valvolare "a riposo"


Carson
 Share

Recommended Posts

Una buona domenica ad ognuno di Voi.

Come da titolo, considerato l'arrivo della stagione calda ed anche le considerevoli temperature che si raggiungono nella mia regione di residenza, da un po di giorni ho messo a riposo il mio valvolare Synthesis Roam 510AC in quanto, sopratutto nell'ultima settimana trascorsa, sprigionava un calore davvero sensibile, sostituendolo con un Lector a SS.

La domanda è questa: più volte ho letto che una prolungata inattività non è indicata per un valvolare. Qualcuno sa darmi maggiori informazioni in proposito? 

Ad esempio, tenere le valvole inserite può causare ossidazioni agli zoccoli? Inoltre, come si potrebbe quantificare il termine "prolungata inattivita"?

 

Giuliano

Link to comment
Share on other sites

@Carson ....non ti preoccupare, tre mesi di riposo con questo caldo gli fanno solo bene, non tanto all'elettronica ma ai tubi che monta... goditi il Lector, a settembre/ottobre potrai riaccendere con tranquillità il tuo Sintesys....l'unica accortezza, sarà di accenderlo per un paio di minuti e poi spegnerlo per altri due....poi riaccenderlo e ascoltare la tua musica....questo per far sì di caricare i condensatori....

Cordialmente Andrea 

Link to comment
Share on other sites

 @alexis @hinsubria  ....io di mestiere vendo caffè,  di elettronica non ci capisco una cippa.....mi sono limitato a riportare un consiglio di una persona preparata, umile e che sta sul mercato con proprio marchio che gode di una "rispettabilità" e fama internazionale....la motivazione è come scritto in precedenza,  ricaricare i condensatori un po alla volta, senza stressarli immediatamente dopo un periodo prolungato di riposo....tutto qua...

Cordialmente Andrea 

Link to comment
Share on other sites

Ti credo… e sto ascoltando proprio un solista, a mio avviso uno dei migliori ampli ever, indipendentemente dal prezzo. Con le sue casse suona in modo indescrivibile.. 

ora ho trentemoller sul piatto.. da sturbo.. e sono 20 w…

Link to comment
Share on other sites

bungalow bill

@acam75 Nessuna ironia , non sapevo di questa cosa , per me è una novità . Il negoziante mi ha assicurato che l'ampli riprende normalmente le sue funzioni anche se rimane spento per parecchio tempo .

Link to comment
Share on other sites

@bungalow bill ...perdona la mia schiettezza, a volte leggendo due righe di un intervento è facile fraintendersi, non volevo essere polemico ma solo schietto e diretto....un abbraccio virtuale e buone cose...

Cordialmente Andrea 

Link to comment
Share on other sites

Una pausa estiva ai condensatori gli fanno una cippa. Non è necessario accenderlo una volta al mese, basta una volta acceso un leggero burn in di una mezz'oretta.

1 ora fa, acam75 ha scritto:

senza stressarli immediatamente dopo un periodo prolungato di riposo

Lo stress è all'accensione, per evitarlo bisognerebbe usare un variac (e saperlo usare). Il problema dei condensatori "fermi" riguarda tutte le elettroniche ma la cosa è principalmente da tenere in considerazione con elettroniche ferme da parecchio tempo e sopratutto se vintage vista l'età dei componenti. @Carson non preoccupartene.

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

@corrado ....che ci vuoi fare, ogni ingegnere ha le sue convinzioni....io mi fido e l'ascolto...in fondo non sarà un variac ma lo scopo è il medesimo...

Cordialmente Andrea 

Link to comment
Share on other sites

Scusate se vado leggermente fuori tema visto che si parla di valvolari, ma con gli ampli a stato solido è lo stesso discorso ? Che io sappia  per questi bastano una dozzina di ore di funzionamento all' anno. L' ideale sarebbe quindi 1 ora al mese.  Io faccio ogni 6 mesi 8-10 ore 

Link to comment
Share on other sites

54 minuti fa, acam75 ha scritto:

in fondo non sarà un variac ma lo scopo è il medesimo...

Non è la stessa cosa, neanche lontanamente.

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

@corrado ...perdonami Corrado, ma se l'italiano non ha perso il suo significato non credo di aver affermato che lo siano....poi, se il costruttore delle mie elettroniche mi consiglia di utilizzarle in un certo modo avrà le sue ragioni....infine, se leggi con attenzione il mio primo post, affermavo che con i valvolari è preferibile non utilizzarli d'estate non per l'elettronica ma bensì per i tubi, che a detta di diversi costruttori tenderebbero ad usasurarsi maggiormente...

Cordialmente Andrea 

Link to comment
Share on other sites

Il mio valvolare lo accendo ogni giorno,sembra tutto a posto,ma non ho mai cambiato i condensatori,quali sono i sintomi che fanno pensare ad una sostituzione,ampli metà anni 90

Link to comment
Share on other sites

49 minuti fa, bombolink ha scritto:

e lascia stare i tuttologi del forum.

😂😂😂😂 Se la cosa vi fa stare tranquilli per me potete anche inutilmente fare attacca e stacca ogni due giorni, a me di certo non cambia nulla. Semplicemente siamo in un forum e si cerca di dare consigli a chi pone domande poi liberi di fare come credete. Non interverrò ulteriormente visto l'andazzo che ha preso il thread. Saluti.

Link to comment
Share on other sites

  • Administrators
cactus_atomo

@jimbo una misurazione ti darebbe la risposta ma è una soluzione invasiva e cotosa. In genere a rischio sono i condensatori piccoli, non quelli gorssi, (ci possono essere delle eccezioni er condensatori notoriamente a richio, come i tantalio, o i frac che montavano i revoxù). Io mi limiterei ad una ispezione visiva, se vedi condensatori gonfi o accenni di perdita di liquido, intervieni, altrimenti lascia perdere

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share




×
×
  • Create New...