Jump to content

induttiva o solita ?


domenico80
 Share

Recommended Posts

domenico80

x chi ha esperienza con le valvole .

che differenze si rilevano , chiaro , usando lo stesso , esempio , stadio linea , tra alimentarlo con i soliti conosciuti stabilizzatori vs una alimentazione induttiva ?

Link to comment
Share on other sites

  • Moderators

Dipende cosa intendi con "i soliti conosciuti stabilizzatori" e con "una alimentazione induttiva". occorrerebbe specificare un pò meglio.

G

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

domenico80

hai ragione

Con ............ < solito stabilizzatore > .............  intendo il ..... solito ....... mosfet con la conosciuta regolazione basata su cap etc  ..........dovrei trovare uno schema che ho in giro , x capirsi meglio

Mai provata una alimnetazione con induttanza  , di questa chiedevo

Link to comment
Share on other sites

Da anni uso quella in figura, che ho presentato più volte su Audioreview.

A mio parere per i pre linea e fono non ci sono paragoni con le standard (R-C, L-C)

Ripple a zero , praticamente; facilità di montaggio, duale ( lo schema si riferisce ad una sola sezione).

 

 

HT_duale_circuito.jpg

HT duale_assemblato_2.jpg

Link to comment
Share on other sites

Da vecchio seguace di Bartolomeo Aloia per le valvole:

stabilizzata+ induttiva+condensatori finali in polipropilene+(se vuoi anche )shunt finale

 

 

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

domenico80

@walge

abbiamo anche noi uno schema , se non identico , simile e , par funzionare assai bene , posizionato a ridosso della scheda amplificatrice , ma , continuo a sentire di sta alimnetazione induttiva e ..............

Link to comment
Share on other sites

domenico80

@Antonino

ok , xò , alla fine , sempre il cap ho in uscita , indispensabile x eliminare il rumore 

anche un power shunt impone il ricorso al cap in uscita ..... differenza con uno stabilizzatore < convenzionale > è che ho tutto in parallelo e nulla in serie le linee

Non capisco quale potrebbe essere il miglioramento con una induttanza rispetto i soliti sistemi

Link to comment
Share on other sites

Il cap in uscita non ha l'unico scopo di eliminare il rumore.

Le alimentazioni induttive devono essere ben dimensionate e comunque, dal punto di vista elettrico, sono meno performanti rispetto ad un ottimo stabilizzatore.

 

Walter

Link to comment
Share on other sites

domenico80
7 minuti fa, walge ha scritto:

Il cap in uscita non ha l'unico scopo di eliminare il rumore.

beh , certo , ma senza , l'alimentatore soffia , in genere , parecchio

Link to comment
Share on other sites

non è come dici.

Intanto il rischio è il ripple residuo e non il soffio.

Poi devi ragionare guardando lo schema del circuito attivo collegato a valle  in ac e non in dc.

 

Walter

 

Link to comment
Share on other sites

domenico80

beh , il ns power , senza cap , soffia eccome

con il ns power , che è x lo SS ( il power del linea a valvole non è che lo abbiamo troppo considerato , finora ) , il ripple è pressochè immisurabile mentre il rumore , senza il cap , si vede chiaramente , questo misurando il solo power

se lo collego al circuito di amplificazione devo prevedere il famoso cap cui accennavo

con 1 cap da 10 micro è tutto ok , si fa x dire , xchè x arrivare ad un power simile cìè voluto assai

Link to comment
Share on other sites

4 ore fa, domenico80 ha scritto:

Non capisco quale potrebbe essere il miglioramento con una induttanza rispetto i soliti sistemi

Come potrai dirmi anche tu per altre scelte progettuali nessuno ti potrà dare la risposta se non le tue orecchie provando 

Filtrando con un induttanza puoi mettere alla fine un piccola capacità in polipropilene ,preceduto comunque dallo stabilizzatore tipo quello postato da Walter sopra

 

 

Link to comment
Share on other sites

domenico80

cercavo pareri univoci sulla tanto decantata alimentazione induttiva nei pre a valvole prima di provarci .

da SS se pongo 2 stabilizzatori con topologia differente in cascata , all'uscita del primo posso scendere ad una capacità di 0,1 micro ed alla fine delle linee trovarmi così un tantalio da 10 micro senza alcun elettrolitico sparpagliato in giro

 

 

Link to comment
Share on other sites

domenico80

ti spiego :

nessun elettrolitico significa nessun elettrolitico , semplicemente , in gergo 

un tantalio significa , appunto , solo un tantalio , che è un polarizzato , sai , ci sta il segno più e meno , ma che , come costruzione e come comportamento sulle linee è assai preferibile al solito conosciuto elettrolitico , quelli che possono perdere liquido .

poi ci sono tantaio al piombo puro , ai polimeri  , ad umido , ma stiamo OT , il 3 ad attiene altra domanda

Link to comment
Share on other sites

Il condensatore in tantalio è un elettrolitico. E tutti i condensatori polarizzati sono elettrolitici. La parola stessa lo dice.

Poi il liquido, che si chiama elettrolita ( per la precisione) i condensatori lo perdono per difetto di costruzione o per un unso non conforme; la tecnologia odierna è di alto livello e quel rischio non c'è, in pratica.

Ed in ogni caso ti avevo chiesto di pubblicare lo schema così magari si capisce cosa vuoi dire e fare.

Se ti va, se no fa niente.

 

Walter

Link to comment
Share on other sites

domenico80

rimaniamo IT

il 3 ad titola  diverso , riprovo :

qualcuno ha provato a sostituire o confrontare una alimentazione stabilizzata con induttanza rispetto una senza ?

chiaro , stesso circuito , a valvole

se ci tieni ti posto lo schema del ns power x SS , ma che c'entra !

PS

ed io che cosa ho scritto !

Beh , che i piccoli elettrolitici non abbiano il rischio di perdere liquido lo scrivi tu , ma non è così , ma siamo OT

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share




×
×
  • Create New...