Jump to content

Giradischi Mag-Lev ML1


ediate
 Share

Recommended Posts

Mi rivolgo soprattutto agli appassionati di giradischi. Non conoscevo questo modello (né il fabbricante, una start-up slovena), mi sembra curioso... qualcuno di voi ha avuto modo di ascoltarlo, visto che sembra che sia "sold out" in tutte le versioni di colore nonostante il prezzo non proprio economico? https://maglevaudio.com/

 

ezgif.com-optimize.gif

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

Non li conoscevo; non saprei dire se sono solo scena oppure vi è anche sostanza.

In ogni caso, dal sito, sono tutti esauriti (quelli a lievitazione, intendo).


P.S. forse, la discussione andrebbe spostata in “Riproduzione audio” 

Link to comment
Share on other sites

  • Moderators
oscilloscopio

@ediate come risposto di là visto ed ascoltato in fiera ma non mi ha colpito particolarmente ne come suono ne come stabilità. Comunque sposto la discussione in R.A.

Link to comment
Share on other sites

  • Moderators
oscilloscopio

@GFF1972 non conosco esattamente la tecnica ( forse a magneti contrapposti), fa scena ma gli espositori raccomandavano di non avvicinarsi troppo e non toccare.

Link to comment
Share on other sites

  • Moderators
BEST-GROOVE
18 minuti fa, ediate ha scritto:

Non conoscevo questo modello (nè il fabbricante, una start-up slovena), mi sembra curioso

 

l'idea è buona ma a mio avviso va ulteriormente perfezionata: partenza peggiore di un giradischi a cinghia con la stessa unta e bisunta e pure da cambiare, oscillazioni del piatto prima di raggiungere la stabilita assai discutibile..... Ossignur.gif.34885feea7ca52a7bc434822cb215f5d.gif
Prodotto rivolto e indicato per ammaliare i profani o le donzelle curiose. 

Funziona tramite un magnete circolare in preoccupante conflitto con la testina.

Link to comment
Share on other sites

@oscilloscopio @BEST-GROOVE Grazie.

Pertanto, riconosce il peso del braccio con la testina e, in base al peso, si stabilizza e mantiene - o dovrebbe mantenere - stabilità! In ogni caso, l’idea è effettivamente innovativa; bisognerebbe capire, poi, in concreto, se funziona; pensiamo al caso di un vinile leggermente ondulato … 

Link to comment
Share on other sites

  • Moderators
BEST-GROOVE
25 minuti fa, oscilloscopio ha scritto:

o agenti esterni (forti correnti di aria ad esempio)

 

...ed il piatto si catapulta in giardino. :classic_laugh:

  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

Io che non ho una macchina lava dischi, e uso la classica spazzola in fibra, sarà complicato pulire il vinile su questo giradischi a lievitazione?😱

Link to comment
Share on other sites

TetsuSan

Io l'ho provato da Dicati, a Livorno Ferraris (VC) che lo ha disponibile, per chi fosse interessato. La partenza e la fermata sono spettacolari, con le colonnine di supporto che scompaiono e ricompaiono....

Per il resto, non è completamente isolato dalle vibrazioni ambientali, anche se dubito fortemente possa avere problemi di feedback. In compenso, un bel colpo d'aria e magari ci si ritrova con il piatto in strada. 

La soluzione tecnica proposta isola completamente dalla trasmissione delle vibrazioni indotte dal motore, e sotto questo aspetto il prezzo è molto conveniente, ma l'impatto sulla qualità sonora ( in + o in - ) è difficilmente quantificabile.

Soluzioni simili ( a cuscino d'aria ) sono estremamente più costose.

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

  • Moderators
BEST-GROOVE
3 ore fa, Sbiki ha scritto:

sarà complicato pulire il vinile su questo giradischi a lievitazione?


non pensarci nemmeno. 

Link to comment
Share on other sites

@TetsuSan Per curiosità, che braccio e che testina monta?Da lì si può già capire dove vogliono farlo arrivare come prestazioni,forse più che la testina,che potrebbe essere una entry level,per non far lievitare troppo il prezzo del giradischi,è il braccio che può dare l'idea dove prestazionalmente si può collocare,al di là del sistema a lievitazione che fa scena...

Saluti

Andrea 

Link to comment
Share on other sites

silvanik

L'ho osservato attentamente durante l'ultimo Munich HiFi Show del 2019, la saletta era deserta e ho potuto osservarlo e filmarlo con calma da molto vicino, era in moto da molto tempo e la rotazione era afflitta continue oscillazioni sull'asse verticale visibili ad occhio nudo, impossibile che un comportamento del genere possa produrre un suono di alta qualità con il cantilever in continua compressione e distensione. Idea interessante ma assolutamente da perfezionare.

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

Summerandsun

L'ho visto e ascoltato brevemente in un negozio. Bellissimo, bella idea, spettacolare. Però come già sottolineato da altri, oscilla tantissimo. Se le angolazioni sono così importanti, è strano vedere un disco inclinarsi di qualche grado (tradotto: anche 2 cm sull'esterno).

Il suono mi piaceva anche, ma quelle oscillazioni mi davano i brividi

Link to comment
Share on other sites

angeloklipsch

È un gira fatto per fare scena dai. Sicuramente non vuole essere un High End. Bello come oggetto d'arredo e poco più. Comunque complimenti.

Link to comment
Share on other sites

@niar67 usa il braccio Pro-Ject 9CC Carbon e monta di serie una testina Ortofon OM10. Niente di che, specie la testina, il braccio non lo conosco.

Link to comment
Share on other sites

scroodge
1 ora fa, silvanik ha scritto:

questo link potete vedere il filmato che ho fatto, ho cercato di avere la mano il  più stabile possibile per ottenere un riferimento affidabile tra sfondo e il piatto in rotazione in modo da evidenziare il palese difetto di planarità.

Rende bene sì! Bravo. Potevano almeno usare un LP meno ondulato..

La domanda è: perché il piatto oscilla così tanto? Pesa troppo poco? Il magnete crea un campo magnetico irregolare?

Link to comment
Share on other sites

silvanik
43 minuti fa, scroodge ha scritto:

La domanda è: perché il piatto oscilla così tanto? Pesa troppo poco? Il magnete crea un campo magnetico irregolare?

Io credo che la combinazione delle forze verticali necessarie alla lievitazione  e la modulazione del campo magnetico che impone la rotazione sia estremamente complessa andando a perturbare  la stabilizzazione. Forse studi approfonditi potranno eliminare il problema ma rimango perplesso sull'influenza che questi campi magnetici possano avere sul segnale modulato dalla testina che si trova indispensabilmente ad una distanza non esente da questi.

Link to comment
Share on other sites

@silvanik Grazie, rende bene l’idea. Per essere bello, è molto bello, ma temo che, almeno se non verrà perfezionato, il suono ne risenta e non poco!

Ma all’inizio ed alla fine del disco, immagino che compaia un supporto, giusto?

Mettiamo il caso che alla fine del disco, qualcosa nell’elettronica non funzioni, cosa succede? Il piatto continua a girare all’infinito? Oppure casca 😅? Ed il braccio? Che fine fa?

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

You seem to have activated a feature that alters the content of pages by obscuring advertisements. We are committed to containing advertising to the bare minimum, please consider the possibility of including Melius.Club in your white list.