Jump to content

Frasi celebri... sui muri


alberto1954
 Share

Recommended Posts

Mitico emoscambio. L'ideatore era un matacchione che tra le varie trovate proponeva gite domenicali nelle campagne attorno a Milano dove i partecipanti venivano forniti di carta igienica. In campagna dovevano infatti adempiere alla funzione, in quanto il prodotto interno lordo avrebbe esplicato i suoi benefici effetti solo se lasciato alla luce del sole, mentre confinarlo nei tubi produceva le peggiori pestilenze. Pare riuscì a compiere un paio di spedizioni. 

Consideriamo che in un'epoca priva di social, di mail, con poche radiolibbere locali, dove le comunicazioni erano affidate a volantini ciclostilati, a caselle di fermoposta, a segreterie telefoniche accanto al telefono a disco, costui era comunque riuscito a raccogliere adepti disposti a realizzare clandestinamente (e mantenere visibili)  enormi scritte lungo le strade del nord italia:  Averlo saputo col senno di poi....

Il pazzo era ancora attivo nel 1998, ecco la copia del sito embrionale dove pubblicava le cose che prima giravano via ciclostile. C'era già dentro un sacco di fuffa novax.

 

http://web.archive.org/web/20010925093320/http://www.s.snf.it/emoscambio/

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

@Martin Credo però che questo personaggio fosse riuscito a far credere si trattasse di una sorta di setta di scambisti. Probabilmente il suo fine ultimo era quello di andare in buca qualche volta. Nei volantini che diffondeva descriveva con dovizia quali fossero le uniche modalità di rapporto consone per l'emoscambio:

https://rollingsteel.it/news/emoscambio/amp/

spacer.png

 

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

18 minuti fa, Gici HV ha scritto:

divertenti ma a chi deturpa le case altrui con frasi più o meno idiote gliele farei ridipingere interamente..

ma sa che hai riconosciuto tra le scritte una posta sul muro di casa tua 🤣

Link to comment
Share on other sites

Negli anni '70 sul muro di una fabbrica in città aveva colpito la mia fantasia di adolescente un colorato "Più Samba, meno Caramba". A metà anni ottanta entrando in macchina nell'abitato di Trento ero stato accolto da un cubitale "John Holmes, una vita per la figa"

Link to comment
Share on other sites

8 minuti fa, Gici HV ha scritto:

..ma sono troppi i palazzi, soprattutto in città, deturpati da analfabeti con la bomboletta, quelli che mettono la "firma" o sigla dappertutto poi non li sopporto..

girando per le citta di mezzo mondo non ho mai visto citta intere senza scritte sui muri...ma non le ho girate tutte tutte eh  quindi potrebbero benissimo esistere citta senza scritte sui muri ....ma che noia e che barba e' vero o no ?🤣

Link to comment
Share on other sites

7 minuti fa, droidlike ha scritto:

girando per le citta di mezzo mondo non ho mai visto citta intere senza scritte sui muri...ma non le ho girate tutte tutte eh  quindi potrebbero benissimo esistere citta senza scritte sui muri ....ma che noia e che barba e' vero o no ?🤣

anche no..

in alcune zone ci sono muri e palazzine a disposizione dei graffittari,alcuni dei veri e propri artisti,molto diversi dagli imbrattatori di muri o,peggio,monumenti storici, ad esempio a Verona l'ENEL ha fatto decorare le grosse cabine (grandi come una casa a 2 piani) con immagini a tema,molto più belle da vedere.

..non credo che il proprietario sia stato entusiasta di trovarsi scritto sulla casa o sul suo muro "John Holmes,una vita per la figa"..😄

Link to comment
Share on other sites

Sono imbrattamenti che deturpano e deprezzano i quartieri soggetti.  Esteticamente orribili. Apprezzo le battute ma sporcare un pezzo di città è un delitto, costringe tante persone a vivere nel disordine e nella lordura. 

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

 Share




×
×
  • Create New...