Jump to content

Sostenibilità auto elettriche e break even CO2 rispetto alle termiche


albrt
 Share

Recommended Posts

Se l'auto elettrica vi interessa dal punto di vista del rispetto ambientale ma la propaganda a sfavore vi ha scoraggiato, ecco un bel link che permette di paragonare l'impronta ecologica (in termini di anidride carbonica emessa) di auto diverse.

https://www.tcs.ch/it/test-consigli/consigli/comprare-vendere-auto/ricerca-auto.php

Secondo il Touring Club Svizzero, apparentemente, non c'è partita: l'auto elettrica è nettamente avvantaggiata anche se l'energia utilizzata non venisse esclusivamente da fonti rinnovabili (mix energetico svizzero).
Per fare un esempio, la mia e-Niro (200cv) paragonata con il nuovo modello della Scenic che avevo qualche anno fa (allora diesel 130cv, adesso 150cv) prima dei 40000km è già in vantaggio. A 100000 ha già emesso 11 tonnellate di CO2 in meno.
Se questo metodo di valutazione è corretto, non male.

Alberto

Link to comment
Share on other sites

@albrt Non vanno considerati solo le emissioni in corso di vita dell'auto, tra l'altro come hai accennato tu fortemente dipendenti da come è prodotta l'energia elettrica, ma anche l'impronta relativa alla produzione delle auto elettriche che oggi è ancora elevatissima. Ne parlammo un paio di anni fa, considerando tutto il ciclo di vita dell'auto, in Europa il bilancio è a favore dell'auto elettrica solo in Norvegia che produce il 98% energia da fonti idroelettriche. All'estremo opposto la Polonia, dove la maggior parte dell'energia elettrica è prodotta a partire dal carbone (dati 2019).

Non prometto nulla, dovrei aver conservato gli articoli cartacei da qualche parte, se riesco a trovarli, li posto.

 

Link to comment
Share on other sites

@qzndq3 quello che dici l'ho sempre pensato anch'io: considerata l'impronta ecologica data dalla sola produzione delle auto elettriche, forse molte vecchie auto potrebbero girare ancora fino alla loro rottamazione "naturale" andando a gravare meno sul bilancio globale delle emissioni, avendo già scontato da tempo le emissioni di fabbricazione e consegna: penso a tanti mezzi da euro 2 in su a GPL o metano ad esempio.

Non conosco i dati, ma andrebbe valutato quanto incidono le politiche di sganciamento dal petrolio e le lobby industriali sull'anticipare l'obsolescenza ecologica di certi mezzi.

Link to comment
Share on other sites

@qzndq3  pensavo fosse implicito, visto che uno degli argomenti di quella che ho chiamato "propaganda" è proprio l'inquinamento dovuto alla produzione... ma il confronto è fatto proprio tenendo conto di quanto scrivi:

"L’Impronta ecologica dei veicoli tiene conto delle emissioni complessive di gas effetto serra rilasciate durante la fabbricazione, l’uso e lo smaltimento dei veicoli. Le informazioni sono fornite in equivalenti di CO2(CO2eq)."

Se si considerassero le sole emissioni allo scarico il vantaggio sarebbe scontato (e immediato).

 

@landrupp  in effetti la scelta più ecologica sarebbe... tenersi l'auto vecchia. A metano o gpl inquineremmo molto meno che a produrne una nuova.

"Dovendo" sostituirla, però...

Alberto

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

@albrt nel sito non é scritto, si deve prima effettuare una ricerca, ho visto giusto ora. Ho provato per curiosità a fare un paio di confronti, a seconda dei modelli, il break even varia tra i 50 ed i 100 KKm, le utilitarie sui 30 Kkm, alcune anche meno.

Peró vale perla Svizzera, energia idroelettrica a volontà e nucleare quindi poca CO2 per muoversi.

 

Io resto perplesso, conscio che comunque le fonti fossili debbano lasciare il posto alle rinnovaboli, quali eolico, idroelttrico, solare, motp o doso e mareale...

Link to comment
Share on other sites

@albrt La campana del TC svizzero purtroppo come già detto non ricomprende la gigantesca impronta ecologica data dalla produzione (soprattutto di certe componenti) delle auto elettriche che ad oggi contribuisce a devastare precise aree del pianeta che siccome sono lontane dall'occidente, dalle alpi sfizzere non si vedono. Perchè dire che non si emettono gas serra durante la produzione di batterie non ti racconta di cosa fanno i bambini nelle miniere di cobalto, nè dove vanno a finire le acque velenose che fuoriescono dalle miniere di litio*

 

Quanto all'approvvigionamento di energia elettrica, è inutile far finta di non vedere che si stanno riavviando centrali a carbone (in Italia almeno due in questo preciso momento, in Germania e Francia molte di più) per sopperire sia al caro-gas che alla richiesta energetica.

E un parco auto elettrico decuplicato in pochi anni non potrà fare altro che spingere ancora di più questa deriva, fino a far ricomprendere il nucleare fra le fonti green come alcuni paesi chiedono a gran voce. Bel risultato "ecologico" davvero.

A questo si aggiunge la necessità di enormi investimenti (e chi li fa?) in termini di colonnine su strada: ad oggi possedere una EV a Roma, Napoli o Milano è un incubo fatto e finito.

La soluzione per me, che sono ignorante, era un passaggio legislativo morbido all'elettrico più evoluto di quanto sia oggi per mezzo dei veicoli ibridi (a benzina ma anche al tanto demonizzato gasolio, propulsore che ha raggiunto termini di efficienza ed emissioni eccellenti) ancora per una ventina d'anni. Fra vent'anni probabilmente la tecnologia delle batterie e delle ricariche sarà completamente diversa e più sostenibile rispetto ad oggi.

Invece per rispondere all'emergenza si è scelto di buttare l'acqua sporca col bambino e di fare un passaggio che pone gigantesche incognite e sicure batoste.

*

https://www.osservatoriodiritti.it/2018/10/22/batterie-auto-elettriche-bambini-cobalto/

https://geopolitica.info/lo-sfruttamento-nelle-miniere-della-rdc-a-servizio-della-rivoluzione-verde/

 

  • Melius 2
Link to comment
Share on other sites

non vorrei venire a rompere le uova nel paniere a nessuno, ma da quello che sento in giro stanno un attimo 

riconsiderando l' elettrico a 360°.  secondo me tra poco torneranno a puntare sul termico euro 7

e carburanti meno inquinanti, che già esistono.

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

5 minuti fa, Velvet ha scritto:

La campana del TC svizzero purtroppo come già detto non ricomprende la gigantesca impronta ecologica data dalla produzione

se avessi consultato il sito o letto quanto ho reso esplicito poco sopra ti saresti risparmiato la solita bigiolica anti-EV. Contento tu.

Alberto

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

7 minuti fa, albrt ha scritto:

se avessi consultato il sito o letto quanto ho reso esplicito poco sopra ti saresti risparmiato la solita bigiolica anti-EV. Contento tu.

 

Gira pure la testa dall'altra parte quanto infili la spina della tua EV nella colonnina. Contento tu:

 

 

https://www.osservatoriodiritti.it/2018/10/22/batterie-auto-elettriche-bambini-cobalto/

https://geopolitica.info/lo-sfruttamento-nelle-miniere-della-rdc-a-servizio-della-rivoluzione-verde/

 

Evidentemente la prolissa "bigiolica"  non ti ha fatto leggere con attenzione altrimenti avresti capito anche tu che non sono contrario agli EV 100% ma lo sono alle condizioni attuali di fornitura energetica e di produzione delle batterie. 

 

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

@Velvet  cvd. Scrivi a pappagallo una delle scemenze propagandistiche e visto che ti faccio notare che è scritto nero su bianco qualcosa che la smentisce parti in quarta con i poveri bambini sfruttati.
Immagino tu non abbia smartphone o pc portatile o altro che dipenda da una batteria, in casa.
O magari sei tu ad immaginare che nessuno tranne i cattivi possessori di EV le usi...

 

Almeno io, i bambini, li sfrutto soltanto -come tutti noi- e non li avveleno con i gas di scarico quando passo loro vicino.

Alberto

 

p.s.: non si infila la presa nella colonnina: al massimo la spina.

Link to comment
Share on other sites

5 minuti fa, albrt ha scritto:

mmagino tu non abbia smartphone o pc portatile o altro che dipenda da una batteria, in casa.

Immagino tu sappia quante migliaia di celle servano per alimentare una EV e quante per uno smartphone, visto che fai un paragone insensato.

Non è che diventare da un giorno all'altro talebani ed EVangelisti dell'elettrico vi garantisca un passaggio verso il paradiso e tutti gli altri siano destinati all'inferno, sappiatelo eh...

 

PS le mia "scemenze" sono scritte nero su bianco tanto quanto le tue di "scemenze" quindi lasciamo pure agli altri il giudizio. E pappagallo puoi dirlo ai tuoi compagni di bevute in osteria, please.

 

Link to comment
Share on other sites

@Velvet Partiamo dalle cose facili: non ti ho detto  "pappagallo" ma ho scritto che ripeti "a pappagallo" ovvero, è evidente, senza nemmeno aver letto quanto da me linkato. Come da manuale del piccolo talebano ICE.
Al contrario io non sono talebano né evangelista EV: conosco i limiti della tecnologia che ho adottato e ne ho scritto più volte; ovviamente da talebano ICE non ne tieni conto.
Nel merito, la batteria di un EV può essere riutilizzata per parecchio, dopo l'uso automotive; per quelle dei miliardi di telefonini o smartphone è grasso che cola se vengono smaltite invece che buttate.
In quanto alla tua chiusura, non merita risposta.

Alberto

Link to comment
Share on other sites

7 minuti fa, albrt ha scritto:

ovviamente da talebano ICE

 

 Ribadisco ti sei perso un altro passaggio precedente anzi due, forse dovresti leggere con più attenzione prima di partire a testa bassa e corna in avanti. Te li riporto qui per comodità:

 

1)La soluzione per me, che sono ignorante, era un passaggio legislativo morbido all'elettrico più evoluto di quanto sia oggi per mezzo dei veicoli ibridi (a benzina ma anche al tanto demonizzato gasolio, propulsore che ha raggiunto termini di efficienza ed emissioni eccellenti) ancora per una ventina d'anni. Fra vent'anni probabilmente la tecnologia delle batterie e delle ricariche sarà completamente diversa e più sostenibile rispetto ad oggi.

Invece per rispondere all'emergenza si è scelto di buttare l'acqua sporca col bambino e di fare un passaggio che pone gigantesche incognite e sicure batoste.

 

 

2) Evidentemente la prolissa "bigiolica"  non ti ha fatto leggere con attenzione altrimenti avresti capito anche tu che non sono contrario agli EV 100% ma lo sono alle condizioni attuali di fornitura energetica e di produzione delle batterie. 

 

Ma chiudo qui, perchè un thread come questo non nasce per discutere ma solo per fare l'elegia di una scelta che ad oggi (ribadisco: oggi) è puramente ideologica in nome del green washing. Quindi spazio di discussione nelle ideologie e con chi abbraccia un'ideologia non ce n'è, per definizione.

Link to comment
Share on other sites

2 minuti fa, Velvet ha scritto:

testa bassa e corna in avanti

vedo che come sempre hai ottimi argomenti. Buona giornata.

Alberto

Link to comment
Share on other sites

piergiorgio
9 ore fa, albrt ha scritto:

A 100000 ha già emesso 11 tonnellate di CO2 in meno.

ottimo; ma se il fine dell'elettrico è quello perché non lo incentivano invece di farlo pagare il doppio di una normale auto con motore termico ? 

non parlo delle ibride, ma dell'elettrico puro.

e non parlo nemmeno di disincentivazione del termico mediante aumento di carburanti, tasse, limitazioni alla circolazione ecc. tipica della politica dei nostri giorni : quando il panettiere vuol vendere le michette piuttosto che altri tipi di pane non è che le lascia a 4 euro e mette tutto il resto a 8... non mi sembra difficile. 

Link to comment
Share on other sites

Il problema è che le tasche di Pantalone sono vuote e ha pure un debito come una montagna sopra la testa. Chi li paga tutti sti incentivi?

Link to comment
Share on other sites

@piergiorgio  in realtà l'elettrico qualche incentivo lo ha preso; io ad esempio ho approfittato di incentivi statali e regionali (se no mi sarei tenuto l'auto ibrida di cui ero contentissimo) e dovrei riuscire a detrarre metà delle spese sostenute per impianto elettrico e punto di ricarica.
Ha ragione Velvet sul fatto che abbiamo un debito enorme ma se togliamo gli incentivi all'auto "green" e poi magari tutti gli altri in tema di efficienza energetica e inquinamento non è detto che la situazione sarà più sostenibile invece che meno: i maggiori consumi si pagano, come si pagano i danni alla salute dovuti all'inquinamento.

Alberto

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

piergiorgio
13 minuti fa, Velvet ha scritto:

Chi li paga tutti sti incentivi?

beh visto che gli svantaggi economici sono più dei vantaggi ne riparliamo quando un'auto full electric costerà quanto un diesel e avrà la stessa autonomia con una ricarica rispetto ad un pieno. 

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...