Jump to content

Classe D, parto da qui.


silvanik
 Share

Recommended Posts

silvanik

Una "talpa"  ben referenziata presente in  questo forum tempo fa mi ha messo una pulce all'orecchio e tra due giorni verrò in possesso di un Crown I-Tech 9000HD con cui iniziare le mie sperimentazioni con la classe D, acquistato usato ad un ottimo prezzo (considerato il valore di mercato sul nuovo un pò sopra i 5000€), lo userò per spingere al massimo delle loro possibilità  le mie JBL 4367, attualmente pilotate da un vecchio ma notevole McCormack DNA-2 ( 600W su 4ohm).

Tento un approccio minimalista circa il percorso del segnale, Cambridge Audio 851N con pre digitale, connessione AES, Crown, JBL,  quindi andrò ad utilizzare il dac del Crown, mi aspetto qualcosa di molto molto interessante. Tra altre interessantissime soluzioni tecnologiche, la serie I-Tech implementa, eq digitale, cross digitale, SPL limiter etc, tutte cose decisamente utili se ben realizzate, e a questo livello di prezzo nel pro mi aspetto che sia così.

L'esuberanza del 9000HD ma soprattutto la capacità di erogazione in corrente dovrebbe portare le grosse JBL ad un altro livello. E' bruttino e poco high end style ma dal momento che tra le funzioni accessorie di questo tipo di oggetti dovrebbe anche esserci quella di amplificare un segnale nel miglior modo possibile.......me ne frego alla grandissima.

Attendo lapidazioni.....

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

Ossido

@silvanik sperando che la discussione non vada in “pattona” per i soliti interventi, rimango in attesa delle tue impressioni, nel mio piccolo la classe D mi ha positivamente impressionato.

Ossido

Link to comment
Share on other sites

jakob1965

@silvanik curiosissimo di leggere poi le impressioni di ascolto - occhio però ai db a non andare nella zona di pericolo magari senza accorgersene

Link to comment
Share on other sites

silvanik
4 ore fa, mikefr ha scritto:

Poi usalo anche con i planari,molto probabile ne sentirai delle belle…..

Certamente, sono curioso di sentire anche come pilota anche le Tuscanini e le Thiel 3.6, entrambe con livelli di efficienza molto bassi, quindi una abbondante amplificazione di qualità  dovrebbe poter fornire un buon risultato.

Link to comment
Share on other sites

silvanik
4 ore fa, Ossido ha scritto:

rimango in attesa delle tue impressioni, nel mio piccolo la classe D mi ha positivamente impressionato.

Ti saprò dare sicuramente un parere tra qualche giorno, tempo di rientrare a casa dalla Norvegia, passare dalla Germania a ritirare il Crown arrivare a casa e collegare, sono veramente curioso di ascoltare questo misconosciuto amplificatore. Se ne parla pochissimo sui forum anche internazionali, spero sia solo perchè nel mondo pro non usa la stessa adorazione dell'oggetto che regna in ambito hifi-high end, lì se non funziona a dovere, in modo affidabile e senza introdurre variazioni timbriche inaccettabili se ne acquistano a decine e si mettono a far fruttare per lungo tempo, se non è all'altezza si passa ad altro senza perdere troppo tempo a disquisire. Io ne farò un impiego anomalo, non pensato inizialmente per uso hi-fi, ma ho la sensazione che certi preconcetti vadano confermati o rivisti alla luce di test di ascolto incondizionati. 

Se è un buco nell'acqua lo rivendo, l ho preso davvero bene.

Link to comment
Share on other sites

silvanik
4 ore fa, jakob1965 ha scritto:

curiosissimo di leggere poi le impressioni di ascolto - occhio però ai db a non andare nella zona di pericolo magari senza accorgersene

Curiosità che ci accomuna un pò tutti e a cui come ho detto darò presto riscontro. Con tali livelli di potenza in effetti credo sia opportuno settare precauzionalmente i provvidenziali limiter di cui il Crown è dotato, tra bassissima distorsione delle JBL e la auspicata erogazione indistorta dell'ampli il rischio di ritrovarsi a SPL  impossibili non è tanto remoto, anche perchè fin dall'acquisto delle 4367 avevo dichiarato una mia fissa, riprodurre di tanto in tanto i Dire Straits a livello live o molto prossimo, oltre che godere di ottimi ascolti ai miei  normali volumi, circa  77/79dB.

Nel frattempo, se qualcuno avesse il desiderio e il piacere di ascoltare il risultato, mia presenza casa permettendo ( ho un lavoro che mi richiede molto spesso all'estero), siete i benvenuti anche per fare quattro chiacchiere tra appassionati.

Link to comment
Share on other sites

aldina

@silvanik non mi sembra che disponessi di un'amplificazione povera di watt e nemmeno povera di qualità...

Mi sembra che l'effetto Dubleu stia ottenendo consensi; ma lui ha un sistema multiamplificato e complesso, qui abbiamo due coppie di speakers per così dire... tradizionali... 

Occhio a non fare danni

 

Link to comment
Share on other sites

Dubleu
1 ora fa, aldina ha scritto:

l'effetto Dubleu

Ho già dato poco consenso all'uso di questi crown per una qualità audio eccelsa.

Impostare molto bene i limiter mi raccomando.

Sicuramente avranno un suono che può piacere, per me resterà sempre ben indietro rispetto altre amplificazioni. Del resto per le cifre in ballo non si può pretendere tutto.

Pilotare ad intera gamma con classe D lascia sempre un po' di amaro in bocca, con dsp poi non ne parliamo. Per risultati senza compromessi i classe D li userei solo sotto i 150hz, lo stesso per una eventuale biamplificazione di alta gamma dove il dsp non deve lavorare assolutamente sopra i 150 200hz.

Direi impossibile da ottenere con questi diffusori.

Il finale in questione potrà andar benone per la gestione dei subwoofer ma un 38 che sale così in alto in frequenze pilotato da dsp perderà sempre qualcosa. 

Il risultato probabilmente sarà interessante per un po' di tempo ma sarebbe da valutare fra 5 anni se la configurazione è la medesima. Dubito.

Andando a spulciare il pelo nell'uovo un powersodt x4 potrebbe dar risultati ben superiori per i 38 dei diffusori e pure per due sub importanti. 

Per la parte alta comunque terrei classe Ab

  • Melius 1
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

Dubleu

Terrei l'amplificatore attuale almeno momentaneamente negli alti e gestirei tutti i woofer dei bassi da dsp crown. 

Link to comment
Share on other sites

Dubleu

Personalmente ho provato il I-Tech 12000HD e la risoluzione non mi è piaciuta molto rispetto ad hypex nc2000 ma neppure rispetto ad icepower1200as1.

Nei vari confronti ho provato sia con preamplificatori alta gamma che con dac/per RME adi 2 pro.

Se usati ad intera gamma come te si ha intenzione di fare usavo il dac RME pro con la sua uscita AES diretto al finale 12000hd.

Con il tempo si potrebbe valutare cosa usare nelle alte e cosa nelle basse. Se come mi pare ci sia l'intenzione di usare uno o due subwoofer l'idea di un 4 canli dsp non è sbagliata (ecco perchè powersoft X4).

Sicuramente a livello di pilotaggio dei woofer JBL il 9000hd non dovrebbe dar problemi di sorta, anzi.

Invece in base a lche tipo di subwoofer adotterai si potrebbe aver di più, in molti riscontrano pilotaggi eccellenti anche on 3000/6000 sui 8/4ohm e Apeak sopra i 110-130.

Riporto sotto i tempi consigliati per i limiter in base alle frequenze che intendi lavorare.

Nel caso di woofer delle JBL potresti partire verso i 196mS visto la loro discesa. 

Se invece sono i tweeter che devono essere protetti il discorso cambia (ecco perchè le multiamplificazioni)

Non dovresti aver particolari problemi di tenuta se si sta attenti con il potenziometro volume.

Screenshot (62).png

Link to comment
Share on other sites

Dubleu

Mancano dati, sono foto del mio file excel ma se può aiutare ho molti dati di moltissimi amplificatori.

 

Screenshot (67).png

Screenshot (68).png

Screenshot (69).png

Screenshot (70).png

Screenshot (67).png

Link to comment
Share on other sites

Ossido

@Dubleu una domanda, ma come fai a valutare gli apparecchi confrontando tutta quella miriade di dati che hai sui tuoi DB (data base) ?

Non ti fidi delle tue orecchie ?

Ossido

 

Link to comment
Share on other sites

Dubleu

@Ossido a moltissimi ampificatori provati come fai a ricordare tutto?

Se devi decidere come spingere certi diffusori specie sulle basse serve un metro di giudizio.

Se noti labgruppen FP10000Q ha 50 Apeak e pilota i subwoofer abbastanza bene ma non bene come FP14000 o powersoft da Apeak 100-140., ma non pilota neppure bene come hypex nc2k con apeak uguale.

Poi segno altri parametri, ma viene complesso postere tutte le pagine di relazione finale per finale. 

Se devo acquistare/far provare qualcosa documento, di mezzo c'è di mezzo il mondo ma fra prendere un finalino di un tipo ed un finalone di un altro i dati targa servono. 

Avere un finale con Vpeak altissimo non vuol dire pilotaggio alto.

Se dovessi confrontare il pilotaggio di un woofer di un crown 12000hd rispetto un powersoft X4 e discapito di potenza di Vpeak molto simili, il pilotaggio di powersoft è di molto superiore. Non a caso Crown spesso non dichiara l'Apeak ed altro.

Bisogna interfacciarsi fra dati, prove oggettive e quant'altro.

Ad esempio hypex nc2k ha 50Apeak come labgruppen ma ha una resa completamente superiore. 

L'enorme tabella excel comprende anche sensazioni di ascolto i tutti i parametri, fattori di smorzamento, consumi in lavoro, in riposo comparazioni discesa in ohm effettiva con misurazioni etc etc.

Se nel 2030 ti ricordi tutto il lavoro del 2018 sei te che sei un grande, non io.

Certo se fai solo A vs B, il tutto è più semplice ma limitato.

Ora ho in case Hegel h30 e h4SE, non misurerò questi finali ma di certo indicherò in tabella i dati targa le sensazioni. A livello di musicalità di certo una spanna sopra ai classe D fin qui citati (tutti) ed in pilotaggio fino ai 40hz non ha nulla ad invidiare. 

Confido che fra 5 anni se la mia memoria mi traesse in inganno, lo scritto la rinfrescerà.

H30 starà in casa mia solo per 5 giorni, H4se ci starà per qualche mese.

Il lavoro non documentato per me vale poco, deformazione professionale.

Pensa te che studio pure il consumo, perchè in un anno avere un classe D acceso 12 ore al giorno rispetto un classe A di pari pilotaggio potrebbe incidere anche di 3 mila euro. Cosa comprare se ascolto musica per 10 anni? So complesso. lo so.

Link to comment
Share on other sites

Dubleu

Pensa che faccio lo stesso con dac e dsp

Conteggio risultati sonori, integrazioni

Ingressi uscite

voltaggi impostazioni disponibili e quant'altro.

Nel caso mi servisse un determinato oggetto arrivo abbastanza facilemente al risultato finale grazie alle tabelle.

Trovami un dac/dsp molto audiofilo con 4 uscite analogiche e una uscita AES per dirigerlo ad un dsp con ingresso digitale per organizzare altri 4 canali. Non è nulla di che per un 3 vie più due sub.

Orientati e dammi 5 risposte ed in base al target ed al sistema.

Se non lo sai, o fatichi e ricordare, un excel come il mio ti snellise il lavoro. La memoria aiuta. Ma basta magari una capacità di conversione sbagliata, un dsp non eccezionale come il dbx2496 (in base all'anno di produzione ha l'ingresso digitale o no)a molti può bastare per i subwoofer come acquistare un labgruppen lm26 è la soluzione sbagliata anche per le alte via alta gamma e superflua per pilotare sotto i 100hz in molti sistemi.

La differenza di DSP crown, powerosft, lake, XTA, RME, lab gruppen, i più ecnomici DBX,la produzione thomman, xilica, minidsp etc etc se hai cercato ed hai acquistato e non vuoi ripetere errori va ricordata molto bene.

Se cerchi migliori risultati va provato e segnato. 

Accontentarsi del primo finale/dsp porterà comunque a cambiamenti.

E' chiaro che il dsp crown integrato con il suo finale non potrà competere con un dsp che costa lui stesso uguale. Cosa serve, a chi, quando e che capacità ha mi pare sia il minimo.

Perchè fare a caso?

 

 

Link to comment
Share on other sites

silvanik
7 ore fa, aldina ha scritto:

non mi sembra che disponessi di un'amplificazione povera di watt e nemmeno povera di qualità...

Mi sembra che l'effetto Dubleu stia ottenendo consensi; ma lui ha un sistema multiamplificato e complesso, qui abbiamo due coppie di speakers per così dire... tradizionali... 

Occhio a non fare danni

Si hai ragione, non mi posso certo lamentare del McCormack DNA-2 e neanche del Threshold S500, la mia è solo una corista di toccare con mano, o meglio , sentire per la prima volta le differenze con un classe D "corposo"e dac integrato per capire dove siamo. Non ho la minima intenzione di vendere i due finali comunque vada la prova col Crown. Sto anche pensando in futuro  molto prossimo di pilotarci  due grandi sub JBL con woofer da 18" col Crown, sfruttando il suo crossover elettronico interno, e lasciare il McCormack sulle 4367, vedremo.

Link to comment
Share on other sites

silvanik
6 ore fa, Dubleu ha scritto:

Ho già dato poco consenso all'uso di questi crown per una qualità audio eccelsa.

E' un refuso o realmente intendi dire che non sei molto fiducioso sulle possibilità di raggiungere un alto livello qualitativo con i Crown?

So bene che Crown fa parte del gruppo Harman così come JBL, ma JBL propone ad esempio le M2 con due Crown I-Tech 5000HD, da quel che posso leggere sembrano in grado di far volare questi diffusori nati per impieghi professionali, se poi professionale lo intendiamo un gradino sotto hifi ne possiamo discutere.

Link to comment
Share on other sites

silvanik
6 ore fa, Dubleu ha scritto:

Terrei l'amplificatore attuale almeno momentaneamente negli alti e gestirei tutti i woofer dei bassi da dsp crown. 

Un ipotesi è di amplificare due sub JBL con woofer da 18" con il Crown I-Tech 9000HD e continuare ad usare il DNA-2 sulle 4367, devo provare, prima ascolto le 4367 col Crown e senza sub, poi passo allo step successivo.

Link to comment
Share on other sites

silvanik
4 ore fa, Dubleu ha scritto:

E' chiaro che il dsp crown integrato con il suo finale non potrà competere con un dsp che costa lui stesso uguale.

Permettimi di non darlo per scontato, non vedo che necessariamente il costo di un buon DSP debba raggiungere il prezzo di componenti  esoterici per poter essere valido, e comunque il Crown costa più di 5000€ nuovo, non è che stiamo parlando di elettroniche da poco centinaia di euro, oltre che essere noto che il pro non è affetto dal posizionamento di mercato totalmente scorrelato dal suo valore intrinseco, voglio dire, quanto costerebbe un ampli come il 9000 se fosse vestito high end e fosse nato per usi hifi? Oppure diciamo che il pro non può essere hifi a prescindere, senza polemica, chiedo pareri. 

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...