Jump to content

Extrema Voice: le basi dell'hi-fi


cactus_atomo

121 views

Extrema Voice è il marchio con il quale il noto negozio Hi-Fi Di Prinzio commercializza delle particolari basi antivibrazione per diffusori. L’obiettivo prefisso è chiaro, ridurre le vibrazioni che il diffusore scarica nell’ambiente.

 

Il problema

Il problema delle vibrazioni è ben noto e i produttori di accessori hanno immesso sul mercato una enorme quantità di strumenti che dovrebbero servire allo scopo, pur seguendo strade molto diverse. La soluzione più in voga, tanto è vero che è adottata direttamente da molti marchi di diffusori, è l’utilizzo di punte, che se da un lato sono decisamente economiche, dall’altro hanno la brutta abitudine di danneggiare le superfici di appoggio (tappeti, moquette, parquet, marmo, cotto, mobili, ecc) e di rendere poco agevole lo spostamento dei diffusori stessi. Certo, si possono usare delle sottopunte, ma in questo caso l’efficacia delle punte si riduce e rischiamo di ritrovarci al punto di partenza.

 

La soluzioneextremavoice.thumb.jpg.9d9d5706c9a77fb39b648db4051d5c84.jpg

La soluzione escogitata per le Extrema Voice è quasi originale (dico quasi perché mi risulta che un sistema simile venne pensato da una ditta svizzera per i propri diffusori ma senza mai realizzarlo per via dei costi). In sintesi le Extrema Voice sono basi per diffusori consistenti ciascuna in due tavole di fibral (una lega di alluminio) poste una sull'altra e tra le quai sono interposte, in apposite guide realizzate sulle tavole, delle sfere metalliche che permettono al diffusore di compiere piccoli movimenti avanti-indietro ma non laterali. Il tutto poggia poi su una “quasi punta” e volendo su una sottopunta. Ma la funzione antivibrazione è data dal sistema della doppia tavola a scorrimento.
Esteticamente le basi sono piuttosto gradevoli alla vista, direi anzi che mediamente fanno, come si dice dalle mie parti, “la loro porca figura”, si fanno notare (in positivo a detta delle mie amiche non audiofile) ma non impongono la loro presenza, forse potrebbero non essere gradite in un ambiente ultramoderno dove predomina i bianco (ma in questo caso molti oggetti hi-fi sono decisamente fuori contesto).

Ho conosciuto dal vivo per la prima volte le Extrema Voice al momento della loro presentazione, Mino di Prinzio ne magnificava le doti descrivendone le particolarità ed i pregi con dovizia di particolari e con la passione dell’inventore. Siccome preferisco ascoltare senza condizionamenti confesso che tutte quelle lodi mi avevano un poco indisposto, per cui mi misi ad ascoltarle quasi per cercarne difetti e controindicazioni.

Personalmente non sono un fautore del fine tuning estremo, differenze dovute all’uso di accessori ne ho verificate sul campo ma di norma siamo nell'ordine delle sfumature (anche se per gli appassionati le sfumature pesano molto), mai un brutto anatroccolo è diventato cigno con il miracoloso accessorio giusto.

L’ascolto fatto in occasione della presentazione delle Extrema Voice mi sorprese, non stravolgevano il carattere del diffusore, ma lo affinavano, aggiungo che risultati abbastanza omogenei li ho riscontrati in quella occasione con le basi inserite sotto diffusori assai differenti tra loro. Ma la presentazione delle Extrema Voice avvenne durante una manifestazione, molta gente, molto rumore di fondo, mi restava la curiosità di un ascolto serio, con calma, in condizioni controllate. Finalmente mi sono deciso ed ho chiesto a Di Prinzio se era possibile ascoltare le basi a casa mia, per un periodo congruo, diciamo almeno un mese. Detto fatto, in pochi giorni mi sono arrivate le basi complete di quasi tutto (mancavano le sottopunte, per errore non inserite negli imballi e fattemi recapitare dopo 15 gg).

 

La verifica: le Extrema Voice in azione

Il mio impianto, ormai decisamente vintage, è composto da diffusori Thiel CS7 che utilizzano le punte Soundcare in luogo delle punte originali (salvaguardia del pavimento), pre e finale Levinson 28 e 23, pre phono Threshold Fet Ten, gira Denon DP5000 con braccio Grace da 12 “, testina Kiseki blu e step up Kiseki, lettore Sony SCD1. Il tutto sistemato in un ambiente non dedicato di quasi 40 mq.

Montare le Thiel (67 kg cadauna) sulle basi non è stato facilissimo, per fortuna ho degli amici volenterosi che mi danno una mano.

Come faccio sempre in questi casi, utilizzo una metodologia semplice e consolidata

a) scelgo un sw ampio e diversificato in cd, sacd e vinile, brani che conosco bene, e che reputo registrati almeno dignitosamente, e che rappresentino con buona approssimazione la media di quello che si trova in commercio

b) ascolto per una settimana il sw scelto con la configurazione base (quella originaria)

c) ascolto per almeno una settimana con la configurazione nuova (in questo caso con le Extrema Voice sotto i diffusori)

d) ritorno alla situazione di partenza ed ascolto per una settimana

Al termine di questo percorso penso di essermi fatto una idea abbastanza chiara su cosa fanno queste basi. Ma per non essere deviato da impressioni personali ho chiesto ad un paio di amici che conoscono bene il mio impianto di venire ad ascoltare con l’impegno di non dire nulla ma di darmi un parere scritto dopo due giorni.

Poi ho fatto una follia, ho tolto le basi e le ho portate da mio fratello (Proac D3.8 con Soundcare, pre e finale Threshold Fet nine e Stasis 160, gira Mitsubishi ec-ep2, Audio alchemy meccanica e dac) per avere un ulteriore riscontro con diffusori e ambiente molto differenti

Alla fine di questo tour de force credo di essere in grado di esprimere un parere, personale ma convinto.

 

Il prodotto funziona alla grande, non cambia le caratteristiche timbriche dell’impianto, ma rende l’ascolto più pulito, spariscono dei disturbi di secondo livello, cui senza basi non si faceva caso. Il basso è più limpido, non si asciuga ma scende senza spurie, le voci diventano assai più intellegibili, la gamma alta ha perso alcune piccole asprezze e spigolosità, anche l’immagine ed il palcoscenico ne beneficiano, sopratutto in saldezza e profondità, nei pianissimo il silenzio è davvero profondo (e negli ascolti di brani classica bene incisi, per esempio le sinfonie di Mahler in sacd della RCA) ci si accorge imediatamente della differenza .In una parola, queste basi rendono evidente quanto le vibrazioni possano essere nocive per un ascolto di alto livello.

Secondo di Prinzio la situazione migliorerebbe ancora ponendo il diffusore direttamente sulle basi senza Soundcare, ma le mie Thiel hanno i morsetti per i diffusori sotto la base dello stesso, troppo complicato usare cavi di potenza senza un distanziale diffusore base per cui in omaggio al principio che la comodità non ha prezzo, ho lasciato le Soundcare al loro posto.

Le mie impressioni sono state confermate dalla lettura dei pizzini dei miei compagni di ascolto, nonché da mio fratello e mia cognata quindi penso proprio di non essermi sbagliato nel giudicare positivamente le Extrema Voice.

Punti di forza di questo sistema sono la semplicità di montaggio, un ingombro ragionevole (non eccede in genere di molto la base del diffusore), un risultato assai positivo sulla resa sonora, una sorta di pulizia che non modifica le caratteristiche del suono ma le potenzia, senza introdurre “controindicazioni” e senza dover intervenire invasivamente sull’ambiente, la stabilità del sistema (assolutamente sicuro per i diffusori, se si scelgono le basi di dimensione acconcia), la finitura e l'estetica.

Unica nota, non spaventatevi se toccando i diffusori questi si sposteranno leggermente in avanti o indietro, non succede nulla e durante l'ascolto il diffusore resta ben fermo al suo posto.

 

Le conclusioni

E' la prima volta che un accessorio mi convince completamente e fa notare i suoi effetti in modo papabile ed evidente, quasi come un trattamento ambientale passivo. E' anche uno di uei rari casi in cui non si dice guadagno su questo paramentro e perdo su quest'altro, migliora praticamente tutto. Il prezzo purtroppo non è alla portata di tutte le tasche, nonostante sia venduto direttamente dal produttore, senza passaggi intermedi, ma per impianti di un certo peso economico sono sicuramente da prendere in considerazione. Vorrei aggiungere che il prezzo delle Extrema Voice resta comunque allineato al listino di soluzioni concorrenti di alto livello e che pur essendo la distribuzione limitata ad un unio punto vendita, non credo sia impossibile frsele inviare da Di Prinzio per una prova nel prprio sistema.

Sul sito del produttore è possibile scaricare molta documentazione su queste basi, tra cui le misure sulle vibrazioni effettuate dalla facoltà di ingegneria dell’Università del Salento con strumenti che nessuna rivista audio sarebbe in grado di comprare ed utilizzare, misure che spiegano in qualche modo i risultati della prova di ascolto

Ovviamente le basi Extrema Voice sono commercializzate in dimensioni diverse per adattarsi alla gran parte dei diffusori in commercio, sia da pavimento che da stand.

Per i più critici, non ho potuto effettuare ascolti in doppio cieco per ovvi motivi pratici, mi sarebbe servita una squadra di scaricatori di porto per mettere e togliere le basi al volo!

 

  • Thanks 1

0 Comments


Recommended Comments

There are no comments to display.

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...

You seem to have activated a feature that alters the content of pages by obscuring advertisements. We are committed to containing advertising to the bare minimum, please consider the possibility of including Melius.Club in your white list.