Jump to content

Della rivendibilitá e della voglia di cambiare dell'audiofilo


Dufay
 Share

Recommended Posts

3 ore fa, senek65 ha scritto:

 

Io sono anni che ascolto con dei diffusori autocostruiti, che ben sapevo, all'acquisto, essere non rivendibili. 

Ma hanno un suono che adoro

 

Questo, lo trovo molto coerente … 

Link to comment
Share on other sites

C'è poi la ricerca dell'"affare" un prodotto di solito a prezzo apparentemente buono che però quasi sempre si rivela meno affare e viene regolarmente rivenduto ad un altro che cerca l'"affare".

 

 

Link to comment
Share on other sites

  • Administrators
cactus_atomo

@Dufay Non è una caratteristica dell''appassionato di audio, ma della nostra società consumi che con la scusa del supersconto e dell'affare ci spinge a comprare cose i cui non abbiamo bisogno e che forse neppure utilizzeremo, 3x2, sottocosto, offerta limitata, outlet, saldi, black (manco fossimo in guerra), in formato che a loro non piacciono e che non utilizzano, presi perchè in offerta e a volte buttati dopo 5 anni di permanenza in casafriday eccc ecc-

ho amiche che hanno gli scaffali pieni di pasta 

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

Della rivendibilitá e della voglia di cambiare dell'audiofilo

16 ore fa, Dufay ha scritto:

Preferisce decisamente l'ampli meno conosciuto, addirittura lo trova eccezionale.... In pratica il suo ideale.

Alla fine compra l'ampli conosciuto perché più rivendibile.

Ho avuto un'altra conferma, qualora ne avessi ancora bisogno alla mia veneranda età, che non sono e non sarò mai un AUDIOFILO.

Link to comment
Share on other sites

4 ore fa, cactus_atomo ha scritto:

ho amiche che hanno gli scaffali pieni di pasta

A meno che non siano perennemente in dieta si fa presto a svuotarli..😉

Link to comment
Share on other sites

  • Administrators
cactus_atomo

@Gici HV mica vero, una single con 100 lg di pasta, a meno che non mangi solo quella a pranzo cena colazione e merenda. se poi consideri che certi formati li ha presi solo per lo sconto ma che nei fatti ha un rifiuto psicologico ad utilizzarli

Link to comment
Share on other sites

@cactus_atomo qualche bella cena in compagnia aiuta a svuotare la dispensa,non vorrà mica che faccia le farfalline che poi invadono la cucina.

Se sei un vero amico dovresti offrire il tuo aiuto disinteressato per lo smaltimento...😋

Link to comment
Share on other sites

  • Administrators
cactus_atomo

@Gici HV contribuisco allo smaltimento ma continua a non cucinare i formatin a lei non graditi, che restano anni a pendere polvere in dispensa

Link to comment
Share on other sites

5 ore fa, Dufay ha scritto:

A 1000 volts toccando un monotriodo

Tocco ferro, comunque non ho più valvole da tempo . . . . !!!! 😁

saluti , Dario 

Link to comment
Share on other sites

Per me, quando ascolto il mio impianto, parte del giovamento che ne traggo è anche dovuto alla consapevolezza di  usufruire di prodotti di un marchio apprezzato, affidabile, con esperienza decennale che ha costituito (e costituisce) un pezzo di storia dell'HIFI.

Non penso che un apparecchio fatto dal cantinaro di turno potrebbe darmi un analogo appagamento.

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

vaurien2005

Ho sempre e solo acquistato; 1) quello che mi piaceva ( con le orecchie) e 2) quello che mi posso permettere, se avessi budget no limit forse avrei fatto altre scelte; ad esempio e’ da mo che mi piacerebbe un finale in classe a Accu, ma bisogna tener conto del punto 2)

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

Se uno ama cambiare spesso per il gusto di cambiare a volte preferisce la rivendibilita' per non perderci o perderci poco, visto che in ogni caso dopo pochi mesi magari si stanca del suono ( anche di quello che suonava meglio. 

Se la persona avesse fatto la comparazione in negozio la scelta diventerebbe meno scontata: spesso ciò che suona benissimo in negozio a casa non rende, perché si ascolta l' assieme di tutti i componenti incluso l' ambiente. Allora se cmq ho bisogno di comprare ma sono insicuro del risultato cerco di cautelarmi... ovviamente IMHO

Link to comment
Share on other sites

7 minuti fa, Dufay ha scritto:

Sbaglii molto la storia non suona.

E cosa suonerebbe, la preistoria?

Scherzi a parte ,la storia non è sempre sinonimo di prodotto 

abilmente commercializzato, anzi, è più spesso di know-how 

consolidato.

Un apparecchio serve essenzialmente ad ascoltare musica in condizioni

di operatività pressoché illimitate .

Se un eccellente prodotto è talmente idiosincratico, inutilizzabile in certi periodi

o peggio scarsamente assistito

è 

una brutta storia!

Link to comment
Share on other sites

18 minuti fa, Dufay ha scritto:

Sbaglii molto la storia non suona

non hai letto bene il mio intervento: ho scritto che io traggo piacere ANCHE dal marchio che sto ascoltando.

In primis ho scelto quel prodotto per come suona, ma la consapevolezza che quel prodotto abbia alle spalle un'azienda seria, prestigiosa ed affidabile per me è motivo di ulteriore soddisfazione.

Se per te questo non conta nulla buon per te, io la penso diversamente.

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

4 ore fa, Elements ha scritto:

grandi brand dell'hifi non sono diventati tali per caso

No. Però un tempo anche la Lancia faceva auto meravigliose. E l'Alfa Romeo era l'Alfa Romeo ( che per inciso sfornò pure l'Arna)

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

You seem to have activated a feature that alters the content of pages by obscuring advertisements. We are committed to containing advertising to the bare minimum, please consider the possibility of including Melius.Club in your white list.