Jump to content

Il 25 Novembre The Beatles Get back!


claravox
 Share

Recommended Posts

Ulteriori informazioni qui

https://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/tv/2021/10/13/the-beatles-get-back-tre-giorni-evento-a-novembre-su-disney-_03502b93-9c26-4227-bca5-70edf86ed0b4.html

 

The Beatles: Get Back è' stata realizzata interamente con filmati inediti restaurati e vuole dare lo sguardo più intimo e onesto mai documentato prima sul processo creativo di John, Paul, George e Ringo e sul loro rapporto. Diretto dal tre volte premio Oscar, è prodotto tra gli altri da quel che resta dei Fab Four: Paul McCartney, Ringo Starr e Yoko Ono Lennon e Olivia Harrison e il resto del cast tecnico è di grandissimi nomi di cinema e musica. 
    I quattro minuti del trailer rilasciato oggi sono un tuffo nel passato che riporta indietro nel tempo alle sessioni di registrazione della band nel gennaio del 1969, in un momento cruciale della storia della musica. 
    La docuserie mostra il processo creativo dei Beatles durante la scrittura di 14 nuove canzoni in preparazione del loro primo concerto dal vivo dopo oltre due anni. Di fronte a una scadenza temporale quasi impossibile, i forti legami di amicizia condivisi da John Lennon, Paul McCartney, George Harrison e Ringo Starr vengono messi alla prova, con momenti divertenti, buffi, conflittuali ma che visti oggi commuovono. 
    Il film documentario è il risultato dello studio di quasi 60 ore di filmati inediti, girati in 21 giorni da Michael Lindsay-Hogg nel 1969, e di più di 150 ore di registrazioni audio mai ascoltate, la maggior parte delle quali sono rimaste conservate in un caveau per oltre mezzo secolo. Jackson è l'unica persona in 50 anni ad aver avuto accesso a questo tesoro dei Beatles, che oggi è stato magistralmente restaurato. Quello che emerge è un ritratto incredibilmente intimo dei Beatles, che mostra come, anche sotto pressione, potessero ancora contare sulla loro amicizia, il buon umore e il genio creativo. Mentre i piani cambiano e le relazioni sono messe alla prova, vengono composte ed eseguite alcune delle canzoni più iconiche al mondo. La docuserie presenta, per la prima volta in versione integrale, l'ultima esibizione dal vivo dei Beatles come gruppo, l'indimenticabile concerto sul tetto di Savile Row, a Londra, così come altre canzoni e composizioni classiche incluse negli ultimi due album della band, Abbey Road e Let It Be. (ANSA).

 

 

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

Non è una invettiva anarcoide o una protesta anti-major, lo giuro. Ma un documentario sui Beatles con queste premesse di alto livello è come una lezione di storia dell'arte su Michelangelo. Una sua pubblicazione gratuita, anche solo per un giorno, avrebbe fatto una bella figura. Ci sarebbe stata tutta dai... 

Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...
  • 3 weeks later...

Piaciuta la prima parte? A me molto, non essendo un fan scatenato e non avendo vissuto, per questioni anagrafiche, il periodo Beatles e non avendo mai approfondito bene la storia del gruppo ero molto curioso. Alcune curiosità, almeno per me, emerse: prima di tutto, visto che siamo in un forum audiofilo, sottolineo che Paul era quasi ossessionato che in quel capannone l’acustica non era per niente buona (e ci  credo era enorme e vuoto ), infatti ad un certo punto qualcuno pensa che si potesse migliorare abbassando il soffitto. Altra punto che Yoko Ono era veramente l’ombra fisica di John Lennon su una sedia per tutto il tempo quasi appiccicata al nostro. Altro aspetto, ma posso sbagliarmi, e magari qualcuno come @spersanti276 che sicuramente è più ferrato sui Beatles può confermare o no, che George soffrisse un po’ dell’intesa artistica di  Paul & John, ma forse covavano delle incomprensioni di altra natura che porteranno George a decidere di abbandonare i Beatles durante quei giorni …..E Ringo……il meno talentuoso…..suonava la batteria😃……

 

 

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, claravox ha scritto:

…..E Ringo……il meno talentuoso…..suonava la batteria😃……

Condivido la tua analisi (il filmato è fantastico e noi vecchietti che c'eravamo andiamo in sollucchero) ma...

piano col disprezzare Ringo, c'è da studiare ed ascoltare senza pregiudizi. 

E' un po' come tanti chitarristi di allora e (molti di più) attuali: grande tecnica, velocita a mach2 ma, ma...

la scelta delle note, il timbro, l'inventiva che ci sorprende ogni volta, la finta semplicità dell'assolo dove sono?

Ecco, tutto ciò vale anche per il personalissimo sound di Ringo che è stato inventore ed innovatore del drumming della musica di quegli anni.

 

 

 

  • Melius 2
Link to comment
Share on other sites

@spersanti276 Grazie per aver postato i due filmati, comunque io non mi riferivo alla tecnica del batterista, non ne sono in grado non sono un esperto, quanto al Ringo uomo che da quanto si vede nel documentario è abbastanza taciturno ponendosi come semplice osservatore delle discussioni del trio John, Paul e George. 
Visto anche la seconda parte,  il gruppo quando suona sembra ben saldo ci sono sguardi d’intesa e sopratutto quando entra in sala d’incisione Billy Preston si rafforza questa coesione, felici come dei bambini col nuovo giocattolo. George addirittura pensa a Preston come il quinto Beatles John  dice che gli piacerebbe un quinto Beatles, Paul sorride, ma frena: «A me no. Perché è già abbastanza dura con quattro… Lui mi piace. È un musicista incredibile…».

Link to comment
Share on other sites

Il 26/11/2021 at 17:16, claravox ha scritto:

.E Ringo……il meno talentuoso

Enorme sciocchezza, è stato ai suoi tempi un batterista rivoluzionario ed originalissimo cui oggi praticamente tutti riconoscono l'immenso talento.

Per il resto, il docu a me pare un po' la storia scritta dai vincitori (ovvero da chi è sopravvissuto, ovvero il dominus Macca)

Link to comment
Share on other sites

8 ore fa, Velvet ha scritto:

Enorme sciocchezza

E non ti preoccupare continuerò a dirne, meno male che ci sei tu a sottolineare sempre con grande eleganza e competenza anche sulla tecnica di percussione….

mi sembrava chiara la mia spiegazione nella risposta a @spersanti276

Link to comment
Share on other sites

@Velvet Su Omicron novità? 
Guarda che qui non  siamo in lounge siamo tutti più rilassati dall’ascolto della nostra musica  preferita a scambiarci pacificamente opinioni, imparare da chi ne sa di più e scoprire nuova musica non stressati dalla terza quarta quinta ondata…..le ondate vedo che stressano…..stressano molto alcuni qui su Melius. 

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share




×
×
  • Create New...