Jump to content

Bill Evans You Must Believe In Spring 2x45 rpm da Craft Records


rabass6
 Share

Recommended Posts

Mi avete incuriosito, lo ascolterò per farmi un’idea, ma è proprio essenziale nella discografia del caro Bill?

Grazie,

Giorgio.

Link to comment
Share on other sites

rabass6

@GioSim hmmmm sì, direi di sì, onestamente trovo la sua opera di egual valore, altissimo, magari tra gli innumerevoli live alcuni non sono il massimo come qualità della ripresa, ma in questo lavoro in studio la sinergia tra i tre componenti era ad altissimi livelli. 

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

clapat71

Mah... Sinceramente trovo sia un album in cui il fatto di essere il capostipite di milioni di pianisti da piano bar è particolarmente in evidenza. Sarà che preferisco pianisti più "strani"...

Link to comment
Share on other sites

41 minuti fa, GioSim ha scritto:

ma è proprio essenziale nella discografia del caro Bill?

In sostanza è una sorta di canto del cigno. Un capolavoro (e non esagero).

16 minuti fa, clapat71 ha scritto:

trovo sia un album in cui il fatto di essere il capostipite di milioni di pianisti da piano bar è particolarmente in evidenza.

Che possa essere un album non nelle tue corde ci sta, ma la tua mi sembra un’affermazione quantomeno avventata (e anche gratuita).

Link to comment
Share on other sites

Phil966

io lo trovo di bellezza struggente, lo stavo cercando su eBay ma era oltre 100  euro per ottime versioni mint, lo prenderò sicuramente appena sarà disponibile 

Link to comment
Share on other sites

rabass6

@clapat71 non amare lo stile pianistico di Evans è lecito (ma giusto perché non decido io 😇), apprezzare musicisti dallo stile piú “spigoloso” è una questione di gusti, ma il fatto di sapersi esprimere senza inseguire una nota dietro l’altra sulla tastiera del pianoforte lo rende un musicista stratosferico. 
Oltre al fatto che dal punto di vista squisitamente tecnico e di competenza armonica, non sono in molti a stargli dietro. 
Sarebbe come definire Clapton un chitarrista adatto a fare liscio perché si preferisce Holdsworth. 

Link to comment
Share on other sites

clapat71

E lo so che chi tocca Bill muore... 😜

Non sono certo uno che ama il virtuosismo estremo, tanto che uno dei miei pianisti preferiti è Paul Bley, ma trovo che Evans abbia un pianismo molto innocuo, è una mia opinione e un mio gusto, spero di poterlo esprimere. Trovo poi più interessanti altri album suoi, rispetto a questo.

 

P.S. adoro Clapton 😉

Link to comment
Share on other sites

hiroshi976
1 ora fa, clapat71 ha scritto:

Mah... Sinceramente trovo sia un album in cui il fatto di essere il capostipite di milioni di pianisti da piano bar è particolarmente in evidenza. Sarà che preferisco pianisti più "strani"...

Peccato. Spesso basterebbe semplicemente tralasciare le discussioni che non interessano. 

 

Link to comment
Share on other sites

23 minuti fa, clapat71 ha scritto:

E lo so che chi tocca Bill muore...

Ma no dai, non esagerare! In fin dei conti mica ti abbiamo messo in croce! (ancora) 🤣🤣🤣

24 minuti fa, clapat71 ha scritto:

trovo che Evans abbia un pianismo molto innocuo, è una mia opinione e un mio gusto, spero di poterlo esprimere.

Ci mancherebbe altro, siamo qui apposta. Tutte le opinioni sono rispettabili, meglio se argomentate. 😉

Link to comment
Share on other sites

rabass6

@clapat71 no, scusa, mea culpa, da come avevi impostato la cosa, avevo immaginato tu apprezzassi pianisti più “esibizionisti”, per quello ho riportato l’esempio di Clapton. 
Nella sostanza è vero quello che dici, il lirismo e la scelta stilistica del “poca roba ma buona” di Evans sono un suo tratto caratteristico che anzi, con la sua crescita personale ha anche, in un certo senso, sintetizzato ulteriormente la sua espressività. 
 

ma definirlo un ispiratore/precursore di pianisti da piano bar credo che sia un reato capitale in alcuni stati sovrani 🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣

Link to comment
Share on other sites

clapat71
51 minuti fa, rabass6 ha scritto:

ma definirlo un ispiratore/precursore di pianisti da piano bar credo che sia un reato capitale in alcuni stati sovrani

I pianisti di piano bar non si ispirano a pianisti più neri o più spigolosi o più avventurosi, ma guardano molto (guardavano visto che non credo esistano più) al lirismo evansiano, questo è quello che intendevo, non che Evans sia un pianista da piano bar, anche se nei suoi dischi meno interessanti purtroppo un po' si avvicina a quei sapori. Spero di essermi spiegato meglio. Poi ovviamente chi ne è appassionato non può pensarla come me, che sono un ascoltatore a cui piace sentirlo di tanto in tanto.

Link to comment
Share on other sites

Solo per capire, chi sarebbero questi pianisti da piano bar? Giusto per fare degli esempi, così capisco: Stephen Schlaks? Richard Clayderman? Altri? 🤔

Link to comment
Share on other sites

hiroshi976
3 ore fa, clapat71 ha scritto:

E lo so che chi tocca Bill muore... 😜

Non sono certo uno che ama il virtuosismo estremo, tanto che uno dei miei pianisti preferiti è Paul Bley, ma trovo che Evans abbia un pianismo molto innocuo, è una mia opinione e un mio gusto, spero di poterlo esprimere. Trovo poi più interessanti altri album suoi, rispetto a questo.

P.S. adoro Clapton 😉

@clapat71 Assolutamente si! E' anzi un obbligo esprimere il parere personale, costruttivo direi!👍 Ma il primo post, a differenza di questo, era privo di qualsiasi argomentazione, era solo denigratorio e dispreggiativo nei confronti di Bill Evans. E' per questo che mi sono permesso di risponderti.

Io ad esempio amo da morire quel suo pianismo "innocuo", che in qualche modo riesce a toccarmi l'anima e suscitarmi emozione. Quest'album poi a mio avviso non ha debolezze. Lo trovo completo nella forma espressiva, Bill riesce a far passare tutto all'ascoltatore. La qualità, la caratteristica, di Bill Evans, è proprio quella di "prestare", fondere, il "pianismo classico" al jazz, chiaramente se questo non piace, ci può stare di non gradire questo album. Ma a mio avviso è un album imprescindibile, se si ama Evans, questo album deve stare li, accanto al giradischi!  Chiaramente i gusti personali restano tali e vanno rispettati, gli artisti in egual modo però.

 

Link to comment
Share on other sites

5 ore fa, clapat71 ha scritto:

abbia un pianismo molto innocuo

Solo una cosa: Miles Davis ha voluto Evans per registrare Kind Of Blue, perché lo reputava uno dei pochi (o forse il solo) in grado, in quel momento, di creare, insieme a lui, una cosa che non si era mai vista prima: il jazz modale. 

 

Link to comment
Share on other sites

damiano
21 ore fa, clapat71 ha scritto:

Mah... Sinceramente trovo sia un album in cui il fatto di essere il capostipite di milioni di pianisti da piano bar è particolarmente in evidenza. Sarà che preferisco pianisti più "strani"...

Mi spinge a citare un altro forumer nel 3ad su Zappa 

"Bill, perdona loro, non sanno quello che dicono"....🙂

Ciao 

D.

Link to comment
Share on other sites

zagor333
Il 8/4/2022 at 09:50, hiroshi976 ha scritto:

Album immenso.

Concordo, come immensa è l’arte di Evans. Io ho questa edizione su SHM SACD uscita nel 2011 che acquistai su CD Japan quando uscì, e me la tengo stretta, come tutti gli altri album di Evans che ho.

833511FB-6404-4179-B076-C42E6ABA9E9C.jpeg

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

hiroshi976

Tanto per tornare in tema. Su Craft è andato "out of stock".@zagor333  anche il tuo sacd dovrebbe avere le 3 tracce bonus se ricordo bene.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...