Jump to content

Consigli sulla musica Jazz


Progressive
 Share

Recommended Posts

Progressive
21 ore fa, one4seven ha scritto:

Agharta

Ascoltato, bello! 👍

Intanto ho messo su un'altro disco di Miles Davis, già ascoltato tempo fa.

Il disco è Live-Evil.

Link to comment
Share on other sites

one4seven
18 minuti fa, Progressive ha scritto:

Live-Evil

Spettacolo. A me il Davis dei 70 (evito di citare i generi sennò @analogico_09 si arrabbia 😁) piace da matti. Senza nulla togliere ai suoi precedenti "classici" sia chiaro. Ma i dischi di quel periodo sono "orgasmici" 😁

Link to comment
Share on other sites

one4seven

E di conseguenza mi "intrippa" da matti anche chi di volta in volta ruotava intorno al suo mondo, diciamo così. Herbie Hancock su tutti.

Link to comment
Share on other sites

Progressive

Sto esplorando un po' il Miles Davis dagli anni 70 in poi, provo con Tutu anche se non sono un amante dei sintetizzatori soprattutto se usati in modo massiccio.

Poi mi butto su un Jazz più classico.

Comunque quel poco di Miles Davis anni 70 che ho ascoltato mi piace.

 

Link to comment
Share on other sites

ferdydurke

Il miglior Miles Davis è quello precedente a BB, dopo ha pensato solo far soldi con una musica nettamente commerciale, ti consiglio un attento ascolto dei dischi precedenti…potresti cominciare da quelli dalla Prestige…

Link to comment
Share on other sites

ferdydurke

@Progressive No non amo il genere fusion…preferisco di gran lunga il jazz classico…magari è un pelino più difficile…prova gli album della prestige (Relaxin', Workin', Steamin' e Cookin')…

Link to comment
Share on other sites

Progressive

Come immaginavo l'album Tutu di Miles Davis targato anni 80 non mi ha preso, come già scritto l'uso massiccio di sintetizzatori non fa per me.

Link to comment
Share on other sites

one4seven

Il bello di Davis è proprio questo: nella sua lunghissima e prolifica produzione artistica, c'è n'è per tutti: chi la preferisce cotta, chi cruda, tutti sono accontentati.

Link to comment
Share on other sites

Progressive

Questo discorso di commerciale si è scritto anche per i Pink Floyd, da The Dark Side... In poi dischi commerciali, per incassare... Boh... 

Di Miles Davis sto apprezzando proprio questo suo ricercare nuovi suoni, di sperimentare, di mettersi sempre in gioco, la parola commerciale per quei due album anni 70 che ho citato non la condivido.

La vedo più una questione di gusti musicali, c'è chi è legato al classico Jazz e influenze di altro genere non piacciono e ci sta.

 

Link to comment
Share on other sites

Progressive

 

1 ora fa, one4seven ha scritto:

Il bello di Davis è proprio questo: nella sua lunghissima e prolifica produzione artistica, c'è n'è per tutti: chi la preferisce cotta, chi cruda, tutti sono accontentati.

A me sta piacendo anche Jack Johnson.

Link to comment
Share on other sites

analogico_09
2 ore fa, Progressive ha scritto:

Come immaginavo l'album Tutu di Miles Davis targato anni 80 non mi ha preso, come già scritto l'uso massiccio di sintetizzatori non fa per me.

 

 

Bravissimo! E' un disco di "montaggio".., Davis suona in "apnea" (suona bene.., ma senz'anima.., o con anima "ingabbiata"); in realtà questo è un disco col quale Marcus Miller ha cercato di costruire un piedistallo per se stesso, "sfruttando" Miles..., credo il peggior disco intitolato al "divino"...
Ma leggo che si entra sempre più nel concettuale.., nei dettagli, nel merito critico -storico di stile e linguaggio dei dischi, quindi della musica (i dischi sono materia inerme... ), non siamo al consiglio spiccio generico e veloce del consiglio per gli acquisti e per gli ascolti...   Iinsomma mi sa che ci avevo ragione a dire che per queste cose ci sarebbe già il topic giusto, già ben avviato e pronto all'uso con tante "info" che potrebbero risultare utili anche ai fini specifici di questa discussione... 😄 Naturalmente sta bene così.., ci mancherebbe.., se sta bene a chi decide sul "bene" e sul "male"... sta bene a tutti... 🤓

solo che mo' io qui chiudo e torno ad annaffiare il mio orticello che  ultimamente ho trascurato...   🥕🍓  😂 😉

 

Link to comment
Share on other sites

one4seven

@Progressive Eh niente... Davis ti ha proprio conquistato! :classic_biggrin: Ma non mi stupisce affatto. 
 

Guarda, cambiando "genere", ti butto là un input (mi ci sto ingrippando ormai da parecchio tempo) > https://www.discogs.com/master/1596722-Jiro-Inagaki-Big-Soul-Media-Composed-Arranged-And-Conducted-By-Hiromasa-Suzuki-By-The-Red-Stream
 

 

E' un imput "a caso" (non me ne vorranno quelli che il jazz si affronta sotto il profilo scolastico-cronologico) perchè lo sto ascoltando proprio ora. Non è nemmeno uno dei migliori dischi...

Se entri in questo mondo (il vasto panorama "jazz e dintorni" Giappo) non ne esci più 😁

 

Link to comment
Share on other sites

claravox

@Progressive Se ho interpretato bene i tuoi gusti e allontanandoci dal jazz classico ti consiglierei di dare un ascolto ad un trio  più contemporaneo, una musica che ha radici nel cosiddetto jazz nordico con ambientazioni rock, a me che ho scoperto il jazz da relativamente pochi anni, cresciuto col rock, col progressive e cantautori vari ho trovato dellle sonorità che letteralmente mi trasportano in un altra dimensione….

vabbè io l’ho buttata lì…non me ne vogliano i puristi del jazz classico.

 

Esbjörn Svensson Trio

 

 

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...