Jump to content

autocostruzione grounding Box


ferroattivo
 Share

Recommended Posts

mchiorri

Aggiungo che lato produttore c'è il brevetto et similia a protezione, ma a protezione del consumatore occorre dichiarare con chiarezza schemi e procedure di intervento, il caso dell'assistenza delle auto mi pare evidente per evitare posizione di predominio monopolistico/asimmetria informativa.

Link to comment
Share on other sites

mchiorri

Aggiungo, again, che dalla trasparenza (oltre che dall'efficacia/efficienza) passa il successo del prodotto. Sui cavi abbiamo detto, i materiali, le geometrie fanno le differenze, ma su questo prodotto di cui si ignora il funzionamento (al limite della legalità, come sottolineava @Fabio Cottatellucci), gradirei evidenze scientifiche.

Oh son curioso e resto in "trepidante attesa".

Link to comment
Share on other sites

Fabio Cottatellucci
Il 24/5/2022 at 11:15, joe845 ha scritto:

mi ricordo benissimo che qualche anno fa, su un pre che captava i 50Hz, quando toccavo col dito la massa, il ronzio captato si attenuava parecchio, così come se collegavo la massa della sonda dell'oscilloscopio, ed entrambi, sia io che l'oscilloscopio, non eravamo collegati a massa, l'oscilloscopio era addirittura spento e scollegato dalla rete.

quindi un corpo di una certa "massa" scusate il gioco di parole, può fare da massa (GND) fittizia, anche se non collegato a nulla.


Io ripartirei da questa osservazione e proverei, senza collegare nulla alla terra, se collegare le sole masse di circuito (prese dall'RCA come da video) dentro una scatola fa qualcosa.

Però continuo a essere perplesso perché una scatola con materiali vari potrebbe anche produrre qualche piccola scarica statica. Boh.

Sicuramente non manderei a terra la massa dei circuiti presa dai negativi di segnale (*).

Le cose si complicano ancora di più se la massa è flottante (circuitazione bilanciata). 


(*) Esiste un caso analogo. Nei diffusori ad alta sensibilità, alcuni mettono 'a zero circuitale' i cestelli degli altoparlanti collegandoli con un cavo al morsetto nero dell'ampli. Ogni volta qualcuno propone di collegarli alla terra di casa, per avere un potenziale più basso, e ogni volta si leva un corso di voci contrarie.

Link to comment
Share on other sites

  • Moderators
joe845

Concordo. Qui si parla di sali ed altre amenità che servono in una vera presa di terra, fatta per scaricare a terra correnti molto importanti e che non si raggiunge con un semplice paletto perché dipende anche dal terreno. Una volta in un'installazione campale mettemmo il solito paletto. Misuriamo e c'erano 400 ohm verso terra. Dopo varie peripezie arriva la ruspa, fa un buco 3x3x3, ci infiliamo dentro un tubo innocenti e lo conficchiamo con la ruspa. Riempiamo tutto con acqua, poi misuriamo e finalmente stavamo a valori "normali"...

 

Ma questo è un discorso diverso, ammesso che sia un discorso...

G

 

Link to comment
Share on other sites

Bypassare il cavo di terra è deleterio per la sicurezza, in modo analogo a bypassare il fusibile.

Il nostro è un gioco e tale deve rimanere.

Se devo mettere a rischio la mia incolumità,non mi diverto più.

Link to comment
Share on other sites

lupoal
17 ore fa, mchiorri ha scritto:

Ma la pratica dell' "immersione " nelle resine per non far comprendere i i valori dei componenti andrebbe perseguita.

io perseguirei quelli che scopiazzano a mani basse sfruttando così gli investimenti in R&D altrui

 

Link to comment
Share on other sites

lupoal
17 ore fa, mchiorri ha scritto:

Aggiungo che lato produttore c'è il brevetto et similia a protezione, ma a protezione del consumatore occorre dichiarare con chiarezza schemi e procedure di intervento

prima di parlare di brevetti bisogna sapere cosa si può brevettare e quanto costa brevettare a copertura nelle diverse aree del pianeta (ad esempio brevettare per proteggersi da quei lestofanti dei cinesi vale poco o nulla)

schemi e componenti sono dichiarati con chiarezza nei manuali di manutenzione, in possesso di chi è abilitato/autorizzato a farla... e in elettronica praticamete sempre non sono i clienti finali, quindi c'è poco da gridare al complotto ai danni del cliente

Link to comment
Share on other sites

lupoal
2 ore fa, pino ha scritto:

Bypassare il cavo di terra è deleterio per la sicurezza, in modo analogo a bypassare il fusibile.

Il nostro è un gioco e tale deve rimanere.

Se devo mettere a rischio la mia incolumità,non mi diverto più.

 

... si vede che dopo decine di post ancora non si è compreso che quì, con le g.b., si tratta NON di bypassare il collegamento di terra MA di gestire in modo diverso il ground... uno va nel muro e si pianta nel campo, l'altro è quello del riferimento 0V interno agli apparecchi... che non sempre è collegato alla terra (qualora lo fosse la g.b. non inficia le protezioni di sicurezza, il differenziale di casa rimane attivo, si rischia al limite un loop_di_terra... roba che la metà abbondante degli audiofighi tuttologi ha senza manco rendersi conto)

Link to comment
Share on other sites

audio_fan
Il 14/5/2022 at 15:31, ferroattivo ha scritto:

ha assistito ad una dimostrazione di un noto costruttore italiano, ne è rimasto sbalordito,

E "cosa" in particolare lo avrebbe sbalordito?

.

Da come lo hai scritto gli potrebbe esser successo di tutto, dall' aver visto la Madonna o udito il canto delle Sirene...

Link to comment
Share on other sites

audio_fan

Se (e dico se) questo aggeggio equivale ad una "capacità molto molto alta" potrebbe avere senso per tacitare disturbi su piccoli pre-phono cui non basta collegare il cavetto di massa del giradischi per far scomparire al 100% ronzii e quant' altro.

.

In una discussione di qualche tempo fa su altro forum emerse la testimonianza di un tale che per far scomparire il ronzio doveva "fare massa" sul telaio di una libreria metallica di dimensioni non indifferenti.

.

Il tutto ha senso perché i sistemi audio sono di norma privi di collegamento a terra (quello della rete energia per capirci) perché questo di norma causa l'effetto contrario (ground loop).

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

ferroattivo

@audio_fan soprattutto pulizia del messaggio sonoro, ma non lo dico solo io, ci sono tante testimonianze in rete , anche su fine tuning trovi diversi commenti.

 

Link to comment
Share on other sites

mchiorri
58 minuti fa, lupoal ha scritto:

schemi e componenti sono dichiarati con chiarezza nei manuali di manutenzione, in possesso di chi è abilitato/autorizzato a farla... e in elettronica praticamete sempre non sono i clienti finali, quindi c'è poco da gridare al complotto ai danni del cliente

non tutti lo fanno, ti assicuro.

Link to comment
Share on other sites

Fabio Cottatellucci
31 minuti fa, audio_fan ha scritto:

In una discussione di qualche tempo fa su altro forum emerse la testimonianza di un tale che per far scomparire il ronzio doveva "fare massa" sul telaio di una libreria metallica di dimensioni non indifferenti.

Infatti, come dicevo, io per prima cosa per indagare un po' sulla questione collegherei le masse a un consistente oggetto metallico inerte scollegato dalla terra, come ad esempio un grosso pezzo meccanico.  

Link to comment
Share on other sites

Fabio Cottatellucci
1 ora fa, lupoal ha scritto:

[...] gestire in modo diverso il ground...
[... ] uno va nel muro e si pianta nel campo, l'altro è quello del riferimento 0V interno agli apparecchi...
[... ] che non sempre è collegato alla terra (qualora lo fosse la g.b. non inficia le protezioni di sicurezza,
[...] il differenziale di casa rimane attivo, si rischia al limite un loop_di_terra..


Guarda che non è così, stai scrivendo delle cose inesatte e in parte anche pericolose.

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

ferroattivo
Link to comment
Share on other sites

@lupoal Tecnologia,e marketing USA,mercati USA ed Europa,produzione orientale in paesi a bassissimo costo.

I costi di promozione saranno 100 volte quelli di produzione.

A mio avviso,nel caso se ne riconosca l'itilità,se lo si acquista già costruito,finisce il gioco.

Aspettiamo pazientemente ferroattivo e la sua costruzione,passo passo.

 

 

Link to comment
Share on other sites

mchiorri

@pino @lupoal concordo con Pino, sono molto curioso di iniziare un altro gioco, ma non voglio/posso ricorrere ai prodotti commerciali da qualche migliaio d'euro.

Link to comment
Share on other sites

lupoal

... nel frattempo ho trovato conferma che i sali da impiegare nel terreno per migliorare la dispersione dei picchetti hanno efficacia fin tanto che i terreno rimane umido a sufficienza... il che introduce anche la questione della corretta impedenza di terra dei nostri impianti delle abitazioni, variabile al variare delle caratteristiche del terreno in cui il palo è infilato

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share




×
×
  • Create New...