Jump to content

Coperchi giradischi graffiati, trovata la soluzione definitiva? pt.1


BEST-GROOVE

8,689 views

 Share

Coperchi graffiati si è mai trovata la soluzione definitiva?

Fino a ieri non proprio ma da oggi probabilmente si, se non son talmente martoriati da aver strisciato sull’ asfalto lasciando solchi profondi; ma anche per questo grosso problema c'è una valida soluzione che spiegherò in un successivo tutorial che seguirà a questo e si chiamerà parte 2.

Ma torniamo agli inizi; nel mio caso qualche settimana fa mi è pervenuto un plinto in ossidiana completo, che aspettavo da un po’ di tempo, utile per inserire un SP10 mk2 appena restaurato.

Il venditore mi illustrò con foto le condizioni sia del plinto (che è in attesa di verniciatura causa problemi estetici) che del coperchio, ma nonostante la buona volontà di inviarmi foto fatte con il cellulare riguardo alle abrasioni su quest’ultimo, non rispecchiava la reale gravità quando lo vidi dal vero.


Come già accennai il coperchio si presentava molto abraso in tutti i suoi 5 lati, come se si fosse usato per anni lo scotch-brite piuttosto che un panno morbido per passare la polvere.
Purtroppo non avendoci pensato in tempo non ho fatto una foto del coperchio appena arrivato con il plinto in quanto ero abbastanza incavolato per la spiacevole sorpresa, ma tutte le foto che seguono sono state scattate dopo aver ritirato il coperchio dal laboratorio per il primo intervento di cui ho già riferito e che ripropongo.

Non avendo mai visto un coperchio così malconcio e preso dallo sconforto contattai telefonicamente una mia vecchia amica titolare di un laboratorio dove lavorano il plexy spiegando l’accaduto.
Fissato un’ appuntamento per portarglielo in visione, mi spiegò che altro non poteva fare se non lucidarlo con dei prodotti specifici sconsigliando la carteggiatura per gradi, in quanto la perdita di tempo tramutata in costo avrebbe fatto lievitare il tutto alle stelle.


Accettai mio malgrado perché qualcosa andava fatto non sapendo altrimenti che pesci pigliare, illudendomi che anche su suo incoraggiamento tutto sarebbe scomparso.


Qualche giorno dopo mi chiamò e trepidante mi recai all’appuntamento, purtroppo non andò come sperai nel senso che il coperchio consegnatomi appariva si più lucido ma i graffi erano solo attenuati e nuovamente in bella mostra, praticamente erano scomparsi solo quelli leggerissimi e superficiali mentre gli altri di più pronunciata entità si trovavano ancora tutti li assieme a quelli più profondi (passando con un’ unghia gli scalini si sentivano).
Pagati 30 euro me ne andai parzialmente soddisfatto ma sconsolato all’idea che avrei dovuto provvedere da me in qualche modo.
Così qualche giorno fa approfittando di un’ ordine di prodotti per la cura dell’auto che avevo finito, pensando al coperchio mi misi a cercare qualcosa che sevisse a togliere i difetti delle verniciature che si possono riscontrare a lavoro finito (chiamati in termine tecnico compound) quali ad esempio la buccia d’arancia, segni di carteggiatura o altri inestetismi e, tra decine di prodotti specifici per questi problemi più o meno “strong” optai per un compound che dalle specifiche è ritenuto abbastanza potente (non il più aggressivo) e che non compromette molto lo spessore della vernice con più e più passate, inoltre essendo consigliato anche per superfici dure (non si pensi subito alle parti intime di noi maschietti) il mio pensiero finì rivolto proprio al plexyglass.

Arrivato il tutto a casa il giorno dopo, lo provai subito su un angolo del plexy comunque segnato da graffi, una passata di 5 minuti senza troppe precauzioni e aveva praticamente fatto sparire tutto ma proprio tutto lasciando solo un graffio più profondo di altri ma ridotto quasi all’invisibilità...rimasi estremamente sorpreso e di stucco, ma già il feedback di altri acquirenti essendo ampiamente positivo riguardo la rimozione di difetti sulle vernici delle auto mi confermò dell' eccezionalità del prodotto.

Cosi a conferma della prova oggi complice la giornata uggiosa ho ripetuto il test su un'altra zone del coperchio che illustrerò prima e dopo il passaggio del compound.



Ecco come si presentava il dust cover dopo il ritiro dal laboratorio, la foto non evidenzia bene la gravità dei graffi ma garantito che ci sono e si vedono alla grande!


0.JPG.c226528aaa672a89169607b62ed4493d.JPG



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



...ma entriamo nei dettagli spostandoci da un punto all’altro della cappa con le macro....

1.JPG.ff751b2c8824f3bd2d80b2e927c8ff42.JPG







3.JPG.45380f645a31f5a6915d476360942d70.JPG




4.jpg.f42498d6591cd61ad9251944de48fd84.jpg


6.jpg.b26d84b07c92ab1ba8b81ffed74e96e4.jpg


7.jpg.f8ec839f37794899ecf30537bd9e8c45.jpg


8.jpg.708f5cd4ee7064e5da3f8d12ceb4826a.jpg



Il test ha inizio...




Il prodotto appare della consistenza di una crema, si stende veramente molto bene rimanendo umido a lungo e questo permette di non usare quantità eccessive che anzi sarebbero deleterie; sono sufficienti 2 gocce per iniziare a lavorare e a distribuirlo, per due gocce tanto per capirsi intendo come due chicchi di grano, taglia benissimo le parti difettose che non le copre ma le elimina proprio (ci sono dei compound che al contrario i difetti li camuffano).
Le due gocce rendono tantissimo, dopo qualche minuto che passavo la parte, il cotone era ancora umido e solo quando iniziavo ad accorgermi che tendeva un pizzico ad asciugarsi ho aggiunto  una goccia per proseguire il lavoro.

Non serve pigiare come forsennati a differenza di altri prodotti in quanto risulta efficace già partendo con mano leggera, ma nulla vieta di farlo se si ha voglia di calcare la mano per graffi più profondi, poi si può tranquillamente passare un panno in microfibra senza attendere l’asciugatura del prodotto arrivando a lucidare alla perfezione il pezzo senza generare polvere nel panno o attorno alla parte trattata come fanno altri prodotti.

A mio avviso è un prodotto eccellente in quanto rende il lavoro completo, non esige di trattarlo ulteriormente con altri lucidanti o polish di finitura; non lascia nemmeno “swirls” o “ologrammi” guardando in controluce che altrimenti andrebbero corretti successivamente con dei polish e tamponi specifici.
Per "swirls" chi non è addentro alle verniciature delle auto si intende quei micro micro micro segni che fanno apparire la vernice in controluce come una  tela di ragno ossia con questo problemino....

11.jpg.157412e4e4ea1822280b7d8eebe5e4ea.jpg

 

 

Quindi per questo test senza calcare la mano passandoci il cotone sul plexy (ma volendo lo si può tranquillamente fare se ci son segni marcati)


dopo 5 minuti o poco più il risultato dell’area soggetta alla prova è questo, si notano ancora delle tracce che spariranno completamente insistendo per il tempo necessario ma già il grosso del danno è quasi invisibile

1779337033_12copia.jpg.3d1926d3c549d6cafa733bf2bcda00e5.jpg


190490578_13copia.jpg.68d936279ba1322027e367ab9ec5cfd1.jpg


2023596257_14copia.jpg.70bf55bd04292c79f54e5e022dc5b7f3.jpg


492075608_15copia.jpg.85573543497960871f14cb337493e318.jpg


700825455_16copia.jpg.8e3bc651cddb22b12808d764592c3e16.jpg


La zona trattata una volta che i graffi sono completamente spariti

2120764756_17copia.jpg.e6d353144439c0c5695849da0a941de5.jpg


Risultato notevole, no?
Si tenga presente che a parte il graffione visibile e abbastanza profondo, gli altri segni che si trovano nella zona non trattata a sx si trovavano esattamente anche nella zona trattata a dx, sono segni di gravità media o medio alta, si sentiva in certi punti lo scalino passandoci con le unghie.
Quindi, ricapitolando e facendo una summa della situazione tra tutte le soluzioni consigliate che si leggono in rete e che ho provato ci si può imbattere in questi prodotti:

18.jpg.8433bb279e08a636f9435e63b1c6f03b.jpg

- Sidol - non consigliato; potrebbe limitarsi a lucidare ma non a togliere i graffi anzi, lo considererei un generatore di swirls usandolo sul plexyglass senza contare che ci passereste una vita a togliere qualcosa che assomigli lontanamente ad un graffio.
 

19.jpg.0687425d64da9606e1a53812b9e8ef4c.jpg

 

-Dentifricio - abrasività minima, al limite potrebbe togliere aloni e leggermente lucidare dopo una lunga faticata, ma è semplicemente un palliativo economico per tentare risolvere problemi ben più gravi; nulla mi fa pensare sia anch’esso un generatore di swirls nei riguardi del plexyglass non avendo una formulazione studiata per questo genere di materiale tanto meno per le vernici delle auto; volendo si potrebbe utilizzare anche una scopa invece di una spugna volendo pulire la carrozzeria dell’auto per fare prima, raggiungendo comunque

lo scopo di averle causato swirls a dismisura.

 

 

 


2041299009_20copia.jpg.ce5e4c773b063ead8be8afba34a8e89b.jpg- pasta abrasiva – se non diluita non lavora come dovrebbe e per diluirla andrebbe messa della nafta con puzza di conseguenza, è un prodotto abbastanza economico ed ancora viene ampiamente utilizzata nelle carrozzerie appunto per la sua economicità; la usavo anni addietro ma ormai con i nuovi prodotti la ritengo ampiamente superata (Bazza mi contesterà ma non importa) infatti nel barattolo ne ho in abbondaza pur avendola presa secoli fa e non vedo l’ora finisca per non riprenderla mai più.


1659212486_21copia.jpg.70f2868d447d660bdb044394d493e6bd.jpg- Ma-Fra rimuovi graffi - buon prodotto da qualche anno sugli scaffali, non presenta odori sgradevoli, di facile applicazione, consistenza media (simil crema Nivea per capirsi) tocca insistere se ci sono segni marcati, tende ad asciugarsi dopo breve tempo ed è necessario riapplicarlo, efficace se si tende a premere il tampone, riesce a mettere anche a lucido la parte trattata ma meglio passarci dei polish in quanto tende a lasciare degli swirls; fino all’altro giorno ho usato questa per i coperchi di plexy, ma non erano in condizioni pietose come quello della prova. La ritengo la naturale evoluzione della pasta abrasiva e con meno controindicazioni ma costa in rapporto alla quantità decisamente di più.

1324993245_22copia.jpg.1a6c59f27b98e9addc7b2fabbfab7ac1.jpg

- 1Z rimuovi graffi - (o prodotti simili) polish professionale che comprendeva negli anni 80 una linea abbastanza vasta e specifica di prodotti per la cura delle vernici per auto, la lattina va agitata molto bene in quanto il contenuto è composto da polvere abrasiva che depositandosi sul fondo quando non utilizzata deve miscelarsi con l’emulsione (abbastanza scomodo).
Questo rimuovi graffi era (ormai è quasi finito) valido per asportare graffi fino ad una certa profondità sulla vernice per auto, ma necessita di un polish di finitura in quanto dopo applicato e steso a regola tendeva a lasciare parecchi swirls e micro graffi che andavano corretti successivamente; provato in passato su plexyglass lasciava segni visibili quindi sconsigliato per chi avendo questo o prodotti simili in casa volesse provarci.
Il marchio esiste ancora ma penso non abbia un feed sufficiente ad essere concorrenziale a confronto dei passi avanti ottenuti dalla agguerrita e più tecnologica concorrenza.

 


2121133658_23copia.jpg.0f8a9fa4a350e7ae0c189014dd340b03.jpg- Polish – ecco quello che non dovrebbe mancare mai per i maniaci lucidatori folli che vogliono far splendere tutto d’immenso; la caratteristica di questo polish della Meguiars è lucidare (come tutti) ma senza lasciare aloni, ologrammi o swirls dopo averlo passato una volta asciugato per bene con un panno in microfibra; il prodotto non è aggressivo ne abrasivo come i polish venduti nelle ferramenta o brico, anzi la sua composizione risulta delicata sulle vernici, quindi non ci si illuda sia utile a togliere segnetti o microsegni perchè non lo è... proprio volendolo fare tocca insistere abbastanza in quanto non è una sua caratteristica; una nota positiva è il profumo che emana, non sembra affatto che questo polish sia stato sviluppato per l’auto ma piuttosto per la cura del viso.
Utile per una passata alla cappa se si vuole aggiungere un paio di gloss in più dopo il compound ma senza pretendere la luna in quanto il compound, se scelto delle giuste caratteristiche, già luciderà di suo senza ulteriori polish aggiunti (almeno per quanto riguarda la cappa) oppure in alternativa può rendersi utile una volta ogni tanto per una rinfrescata se la cappa risultasse non splendente come da nuova; se in casa ne avete di altre marche fate un test in qualche punto poi se i risultati son del tutto positivi (mancanza di swirls visibili in controluce) usateli tranquillamente in alternativa a questo.








Ed infine the winner is.....  



24.JPG.839c8b98821fdbf6210ddee58fffcfa5.JPGScholl S3 Gold XXL
Questo è il prodotto che ho usato e che ha risolto “quasi” (poi spiegherò perché li ha quasi risolti) del tutto i problemi della mia cappa, le performaces le ho elencate precedentemente, aggiungo solo che i segni di grana 1500 vengono tranquillamente rimossi in pochi secondi, genera pochissimo calore (il calore è dannoso per le vernici trasparenti quando viene utilizzato per la lucidatura), non presenta odori sgradevoli durante l’uso e oltre ad essere consigliato per lucidatura con utensili rotorbitali e indicato pure per la lucidatura manuale cosa che a me interessava.
Effetti collaterali? Si, non usarlo assolutamente venisse la sciagurata tentazione di lucidare la plastica protettiva della strumentazione del cruscotto o altri materiali simili, causereste un autentico disastro.

Aggiungerei che la Scholl nome sconosciuto ai più ma specializzata in prodotti per auto di lunghissima data, produce decine di prodotti ognuno specifico per un determinato problema; questo che ho scelto non è il compound più potente del marchio ma lo è a confronto con altri.

Scholl fa parte insieme ad un nutrito gruppo di marchi del fiore all’occhiello di un negozio conosciuto a livello nazionale dedicato esclusivamente alla cura dell’auto e della moto.
Questo negozio fornitissimo offre tutto quanto serve agli appassionati dell’auto e anche se non ci crederete esite una nutritissima platea di appassionati che si dedicano al mantenimento estetico dell’auto curandola tanto quanto noi per gli impianti hi-fi.

 

Paragonando le nostre manie per l’audio ecco che per l’auto e la sua cura esistono altri appassionati fuori di testa quindi questo negozio fornisce l’impossibile per ogni esigenza oltre gestire un bel forum forum all’interno del portale dove numerosi appassionati si danno consigli a vicenda come accade qui da noi.

Il portale dove ho comperato il prodotto si chiama “la cura dell’auto” spediscono solitamente il giorno dopo l’ordine, non mi risulta esiste ordine minimo, la spedizione costa 6 euro per tutta Italia, (non saprei per le isole) sono seri e affidabili (sono anni che compero da loro), ma si può trovare anche su Amazon.

Quanto costa il prodotto in prova?
Tantissimo tanto quanto un cavo eso bugiardo.gif.0468c72453dccd6a4a27c1f78aa3e6f1.gif   ma ne vale la pena visti i risultati....

si può scegliere tra 4 formati:
250 ml   16.95€  (prezzo da aggiornare)
500 ml   26.72€  (prezzo da aggiornare)
1kg        39.96€  (prezzo da aggiornare)
5kg      179.95€  (prezzo da aggiornare)

Nel mio caso non conoscendo quanto rendesse il prodotto ho preferito acquistare quello da 500 ml. così anche mi avanzasse potrò usarlo fosse la necessità anche per l’auto, ma volendo rischiare solo per la cappa potrebbe essere sufficiente quello da 250 ml.; ovviamene più la confezione è grande e meno costa.


Una carrellata dei prodotti usati in passato e attuali....

25.JPG.e8ee976299ad62fc07fabb747e732c58.JPG




.... e  vari tamponi e panni per la lucidatura e la pulizia

26.JPG.e7063100afd4a9b2110f943a9378e7dd.JPG


A questo punto si potrebbe affermare che il test è concluso? In teoria SI visto il risultato, ma in pratica NO.

 

Infatti il grosso graffio non è eliminabile completamente dal compound e, visti i risultati eccezionali che rimetterebbero completamente a nuovo il coperchio, conoscendomi, non me la sento dopo ulteriori passate anche fosse attenuatissimo di tenerlo così, per cui volendo fare il lavoro di fino e come Dio comanda utilizzerò varie grane di carta abrasiva ad acqua passando dalla 600 via via fino alla 2000 e una volta eliminato completamente utilizzare lo Scholl per riportare tutto a lucido come si deve.
Ma questa è un’altra storia che finirà allegata nel tutorial che dedicherò più avanti.


Quindi concludendo se il coperchio originale non fosse rotto e con pezzi mancanti oppure incrinato si può tranquillamente rimetterlo a  NUOVO con un po' di pazienza e di tempo seguendo questo tutorial o, malauguratamente si fosse graffiato più in profondità basterà seguire il secondo tutorial che pubblicherò a breve che lo riporterà esattamente come uscito dal fabbricante.

Stay tuned.


parte dei materiali che serviranno per la carteggiatura a fondo utilizzati nel secondo tutorial

1260063850_27copia.jpg.cb8a7e954c92252da91a878df0b34fdc.jpg


 

 

  • Melius 8
  • Thanks 7
 Share

5 Comments


Recommended Comments

Gaetanoalberto

Posted

@BEST-GROOVEProvato con ottimi risultati. Il prodotto è ottimo anche sulle maniglie di ottone e sui graffi della macchina. Di sicuro non rimane sprecato anche se costosetto. Ne vale la pena per i risultati assai superiori alle attese.

Link to comment
  • Moderators
BEST-GROOVE

Posted

33 minuti fa, Gaetanoalberto ha scritto:

e sui graffi della macchina.


E' nato specificatamente per le vernici graffiate o usurate dal tempo delle auto...poi a seguire per tutto il resto.

Come ho già indicato all'inizio ATTENZIONE MASSIMA  a certi tipi di plastiche, può fare danni opacizzandole.

  • Melius 1
Link to comment
Gaetanoalberto

Posted

Approfitto della giusta precisazione di @BEST-GROOVE, perchè in effetti, nell’entusiasmo per il buon risultato nelle applicazioni dette, ho dimenticato di suggerire di NON applicarlo sulle plastiche scure delle autovetture, dove tende a schiarire od a rimanere piú a lungo facendo fatica a venir via. Come sempre provare inizialmente una piccola dose su una piccola superficie poco visibile e consigliabile.

Link to comment

Salve!

 

Qualcuno ha mai provato questo metodo, viene utilizzato anche per visiere casco molto delicate.

 

https://www.youtube.com/watch?v=kwQMKJI23Zg

 

Buini ascolti!

 

 

Link to comment

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...