Jump to content

Acoustic Sounds Vinyl Reissue Series aaa (Verve, Impulse!, Philips, Emarcy,Decca) ristampe aaa


giorgiovinyl
 Share

Recommended Posts

giorgiovinyl

Anche a me è arrivato l'Acoustic Sounds di Ray Charles ma tra lavoro, vaccinazioni anti Covid19 e altre seccature non ho avuto assolutamente il tempo di ascoltarlo né Genius... né Out of the Cool e Passing Ships.

Però avendo di Genius + Soul = Jazz il sacd AP concordo che non è una grande registrazione di partenza, non credo sia un problema del remaster AS.

Non appena potrò magari vi faccio un confronto

Link to comment
Share on other sites

caricolimite

Sta girando ora! Ancora un grazie a chi lo ha segnalato! La registrazione non mi sembra affatto male, ho ascoltato di peggio (tipo il precedente acquisto,Pastel blues)

IMG_20210520_063333.jpg

Link to comment
Share on other sites

Spadaccino1
1 ora fa, caricolimite ha scritto:

ho ascoltato di peggio (tipo il precedente acquisto,Pastel blues)

Non concordo. Sarà per l'udito, per l'impianto o chissà cosa.... a me Pastel Blues sfonda il cuore, non solo per l'interpretazione ma anche per la qualità audio dell'incisione. 

De gustibus.... (?!) 

Pietro 

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

giorgiovinyl
23 minuti fa, Spadaccino1 ha scritto:

a me Pastel Blues sfonda il cuore, non solo per l'interpretazione ma anche per la qualità audio dell'incisione. 

Parole sante... mi hai preceduto...

Giudico Pastel Blues eccezionale sotto tutti i punti di vista, naturalmente tenendo conto dell'età dell'incisione

Link to comment
Share on other sites

Su suggerimento ho acquistato pastel blues e genius, a mio avviso il primo è nettamente superiore dal punti di vista dell'incisione. Grazie ancora per le dritte.

Link to comment
Share on other sites

Concordo su Pastel Blues. Genius secondo me sconta anche parecchia saturazione dei microfoni in ripresa, specie sull'organo del nostro.

Link to comment
Share on other sites

Di Ray Charles + Soul = Jazz in realtà ne ho comperate due copie; la seconda copia avrebbe dovuto costituire il regalo di compleanno di un mio caro amico, anche lui audiofilo. 

Ieri mi è stata recapitata la prima delle due copie, e qualche minuto fa ho ritirato la seconda presso un Amazon locker.

Sorpresa! Dentro la scatola c'era questo:

.

spacer.png

.

Quando si dice il cu...lo! 17 Euro!

Mi sa che al mio amico regalerò qualcosa d'altro.

spacer.png

Alberto.

  • Haha 2
Link to comment
Share on other sites

Pure io. E' stata proprio una bella sorpresa.

Anche se per la verità non è la prima volta che ordino un disco e me ne ritrovo un altro nel pacchetto.

Quando fai i numeri che fa Amazon, può capitare.

Alberto.

Link to comment
Share on other sites

Certo, può capitare, ma devi proprio avere fortuna perché arrivi un disco di tuo gradimento. Anche a me una volta è stato inviato altro al posto del vinile scelto, purtroppo però nel pacco c'era ... un DVD dei Simpson. 

Link to comment
Share on other sites

Non ho resistito e l’ho ascoltato subito. 
Non so quanto possa piacere questo tipo di Jazz ai non amanti del Jazz, ma gli amanti del Jazz lo adoreranno. A me Gil Evans è sempre piaciuto, quindi non è che faccio fatica a farmi piacere il suo disco più famoso, Out Of The Cool. Tolta tuttavia la mia predilezione per il direttore d’orchestra canadese, facendone la tara per quanto possibile, di Out Of The Cool resta il fatto che come minimo è una meraviglia assoluta. Essendo cauti e senza esagerare. Un insieme di quartetti, trii, quintetti, che suonano a turno, a formare una strana orchestra dove ognuno ha una parte in una serie di altre parti un po’ più grandi. D'altronde se Gil Evans è passato alla storia un motivo ci sarà.
Lasciando stare l’incredibile modernità nella tradizione, rara alchimia che solo i grandi riescono a raggiungere, che lo colloca non nel 1961 quando è stato registrato, ma nel 2061 e oltre, questo tipo di Jazz costituisce il cardine dell’arte jazzistica, cardine sul quale la porta del jazz è destinata a girare chissà ancora per quanto, considerando che pare piantato saldamente ed a profondità inusitate nella crosta terrestre della storia musicale. 
Se vi piace il Jazz, non avete scelta.
Vinile piatto, non proprio silenziosissimo. Nella media ecco.
Registrazione avanti.

Decisamente avanti.
E’ tutto avanti.
Però è un avanti piacevole, ma è avanti. A volte decisamente troppo, il che fa traballare un po’ il trombone nel brano Where Flamingos Fly (ma gli hanno infilato il microfono dentro la campana...).
Do soltanto il voto tecnico che è 8 +, considerando che si era nel 1961.
Alberto.

  • Melius 1
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

8 ore fa, OTREBLA ha scritto:

Sorpresa! Dentro la scatola c'era questo

Karma! Sono contento per te! Te lo meriti per aver fatto fare l'affaron a mezzo blog.

Link to comment
Share on other sites

@OTREBLA Alberto ti faccio compagnia riguardo l'errore di amazon, è arrivato anche a me Gil Evans al posto di Ray Charles!

Mi va benissimo, perché Charles lo avevo ordinato anche su amazon UK (ma a € 27) e non avevo cancellato l'ordine, consegnato sabato!

E a raccontarla tutta, non avevo ordinato Out of the Cool per non fare lo sprecone, avendo già la tanto incensata (e bellissima!) edizione Alto Analogue del 1997....ma stavo rosicando dal desiderio di sentire la nuova versione, visto quel che leggo in giro, così eccomi qua!

Anselmo

Link to comment
Share on other sites

:classic_biggrin::classic_biggrin: A me questi di Amazon fanno morir dal ridere...:classic_biggrin:.

Anche io ho un paio di Alto di Jazz (Kenny Dorham - Quiet Kenny e Blue Mitchell - Out Of The Blue), e sono full analogue strepitosi, parecchio superiori, almeno come stampa, agli Acoustic Sounds/Universal.

Alberto.

 

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share




×
×
  • Create New...