Jump to content

Kef LS60 Wireless


Melandri
 Share

Recommended Posts

Melandri

Sono appena state annunciati  i nuovi diffusori per celebrare il sessantesimo anniversario della KEF. Sono praticamente delle Blade un poco più piccole e triamplificate.

 

La mia personale opinione, avendo in casa le LS50 wireless ed essendo stupito ogni giorno dalla qualità che si ottiene da queste "sorelline minori"  è che questi diffusori potrebbero (bisogna ascoltarli) essere un punto di svolta per la riproduzione del suono. Nel senso che gli appassionati continueranno a divertirsi con cavi, giradischi, testine abbinamenti e via dicendo, ma chi vuole semplicemente sentire della buona musica con una qualità altissima spende 6000 euro, si mette in casa questi oggetti estremamente poco intrusivi e con un abbonamento a Tidal ha chiuso per sempre la questione. 

 

Sono curiosissimo di sentire come suonano: magari è la volta che vendo il mio costoso impianto che ancora ha un discreto valore 🙂

 

https://www.whathifi.com/reviews/kef-ls60-wireless

 

 

Link to comment
Share on other sites

evange

Peccato non abbiano tenuto il design delle Blade.

 

Esteticamente non mi fanno impazzire....

Link to comment
Share on other sites

Gici HV

Troppo costose,non mi piace anche che facciano troppe cose, preferisco le soluzioni solo amplificate come alcuni diffusori pro o le Elac Navis, quando riuscirò ad ascoltare magari cambierò idea.

Link to comment
Share on other sites

Belle, belle, belle!

Chissà come suonano, le consigliano anche abbinate a due subwoofer

Link to comment
Share on other sites

Partizan
3 ore fa, evange ha scritto:

Esteticamente non mi fanno impazzire...

Direi che sono parecchio brutte ed anonime, a differenza di moltio altri diffusori di questo brand.


Ciao

Evandro

 

Link to comment
Share on other sites

3 ore fa, Partizan ha scritto:

Direi che sono parecchio brutte ed anonime

non belle ma il bianco non si sposa imho con la forma, sempre imho meglio le altre  2 versioni...non mi piace la soluzione del dac interno

 

Schermata 2022-05-14 alle 02.11.10.png

Link to comment
Share on other sites

Aletto

Diffusori molto interessanti come concezione, potrebbero davvero rappresentare un’alternativa valida per impianti di buon livello semplici da mettere assieme.

Magari anche abbinandole ai loro sub ultima generazione.

Tutti oggetti molto sofisticati a livello estetico e di componentistica.

Concettualmente mi ricordano le Triton, che come ormai dico da tempo sono diffusori eccezionali per la fascia di prezzo, e se Kef va in quella direzione forse vuol dire che qualcosa avevo capito già tempo fa.

 

Link to comment
Share on other sites

evange

Interessante come idea, anche se Meridian sono 20 anni che propone oggetti simili...ma forse ora i tempi sono maturi per un approccio a questo tipo di diffusori.

IMHO, non sono pensati per noi dinosauri audiofili ma per un pubblico giovane che vuole ascoltare "facile" e bene senza doversi sbattere con abbinamenti, cavi e ammennicoli vari.

A livello di design potevano sforzarsi un po'.......eddai......sono proprio anonime.

  • Melius 2
Link to comment
Share on other sites

il Marietto

Il fattore estetico è soggettivo  bisogna vederle live,  a me non dispiacciono poi se suonano anche bene creano una frattura con il classico rack audiofilo pesante ma non credo che in un ambiente audiofilo "datato " come quello nostrano 

attirino molta attenzione , semmai curiosità. 

Link to comment
Share on other sites

capperi che belle!

sono sempre stato scettico sui woofer laterali ma dipende dal taglio. Ma già fosse sopra gli 80hz sarebbe troppo. 

Vanno sentite comunque perchè comunque oggi col sw si possono fare cose che ai passivi sono precluse.

 

Link to comment
Share on other sites

Partizan
7 ore fa, max ha scritto:

non belle ma il bianco non si sposa imho con la forma, sempre imho meglio le altre  2 versioni...non mi piace la soluzione del dac interno

Direi di si che più scure si slanciano come linea. 

Circa il dac sicuramente sono costruite a moduli nell'elettronica e quindi (in teoria, poi non lo fa nessuno) diventano upgradabili, ma secondo me ha un senso preciso: la semplificazione per chi non vuol sbattersi e non vuole avere tanti scatolotti e fili dappertutto.

Ciao

Evandro

Link to comment
Share on other sites

Occupa lo spazio di un piedistallo senza mini diffusori, 13 cm di larghezza frontale è un record. Bisogna vedere quanto scendono in basso, il 10 cm restituirà una bella gamma media. Studiato per la collocazione in ambiente dove si richiede un impianto poco invasivo ma allo stesso tempo con prestazioni da audiofilo. Ha tutte le carte in regola per piacere alle nuova generazioni.

Link to comment
Share on other sites

massimojk

trovo l'estetica ruffiana (NON in senso dispregiativo) in quanto strizza l'occhio alle mogli poco propense ad avere due monoliti in camera. 

Per un giudizio più appropriato non resta che ascoltarle...

Link to comment
Share on other sites

senek65
6 ore fa, evange ha scritto:

non sono pensati per noi dinosauri audiofili ma per un pubblico giovane che vuole ascoltare "facile" e

Giovani ricchi 😁

Link to comment
Share on other sites

Gici HV
26 minuti fa, senek65 ha scritto:

Giovani ricchi

Con compagne maniache dell'arredamento...

... però non necessariamente ricchi, diciamo benestanti, parecchi qui hanno sistemi ampli+diffusori da ben più di 6000€,basta aggiungere un node o un notebook e sei a posto.

Link to comment
Share on other sites

Look01

Insomma la cifra non é poco con 6000 € ti fai un bel impianto anche sul tradizionale.

Capisco che per giovani che hanno problemi di spazio e necessità di soluzioni veloci e comode possano essere una soluzione valida anche se  costosa.

Però pensare che possano competere con un impianto HiFi di un certo livello la vedo dura.

Link to comment
Share on other sites

Gici HV
12 minuti fa, Look01 ha scritto:

Insomma la cifra non é poco con 6000 € ti fai un bel impianto anche sul tradizionale

Certamente, però qui hai design (suono non ho idea), diffusori a torre,triamplificazione,pre,dac e altre diavolerie,sul nuovo fai presto ad arrivare a 6000 euro..

...poi si esaltano minidiffusori  molto limitati in frequenza che da soli costano la stessa cifra..

Link to comment
Share on other sites

  • Administrators
cactus_atomo

diciamo che in ambiente domestico una soluziobe wireless è intrigante, li rende un prodotto adatto a chi vuolwe fruire della musica in streaming e sono comode anche per un impianto audiovideo. le dimensioni strette ne favoriscono l'accettazione da parte delle compagne, è da vedere se i "non dinosauri" sono disposti a spendere 6000 euro 

  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share




×
×
  • Create New...