Jump to content

Viste da vicino, le nostre testine


Recommended Posts

Ma è veramente così marcata e percepibile la differenza tra la 103 normale e quella col guscio di legno? Onestamente l'unico beneficio lo potrei attribuire alla smorzamento dovuto al materiale: da plastica a legno.

C'è dell'altro? 

Link to post
Share on other sites

Nagaoka mp500 su sme309, su michell gyro se. 

 

 È la mia prima testina seria dopo la carbon su rega p2. 
me ne sto innamorando sempre di più... ascolto dopo ascolto... 

84DEC7B5-CBC4-4E5B-9F36-2D9D02E881ED.jpeg

  • Melius 1
Link to post
Share on other sites

Parto da un classico. Uso le 103 da almeno vent’anni e con il passare del tempo ho provato varie modifiche (nude, grafite, legno). Ognuna ha la propria ragione di esistere. Ognuna introduce sfumature nel timbro riprodotto della testina. Da qualche anno mi limito ad aggiungere la placca in ottone Isokinetik. Appesantisce la testina di circa 8gr (vado a memoria), migliora la precisione/estensione/pulizia della gamma bassa e mette un po’ di grazia in quella alta, preservando il timbro originario, cosa che grafite e legno non fanno. Ovviamente, come sempre, dipende dai gusti. Poi, essendo abbastanza maldestro, evito il rischio di danneggiare la testina. Il che non guasta. Soprattutto in questo periodo 

5F66AF03-8340-4B8C-9B29-15C9D952813B.jpeg

Link to post
Share on other sites

(ri)Carico anche le mie

Dual CDS671 doppia puntina in zaffiro e piezoelettricacds671a.jpg.f6ce63c829104150669485ef1d2e1d3f.jpg

 

cds671.jpg.871248ac63c8394be39a0c640dfea02f.jpg

 

Denon DL103R denudata e inserita in supporto di alluminio

IMG_20190505_155855.jpg.1b685a0efc093c0768ea96a2eaa33f34.jpg

IMG_20190505_155447.jpg.116d807a8639e897a3d27151661cd1b3.jpg

 

Denon DL160

dl160.jpg.0682e62150c2cc8d9cca3fad6187abb2.jpg

 

Shure SC35C

IMG_20190518_162956.jpg.5ec9af6da88f1524508bb183c453e21f.jpg

 

Audiotechnica AT95E inserita in guscio legno

IMG_20190524_141451.jpg.b335c26ed7f5be35fa971d16ed08a5a3.jpg

 

Audiotechnica AT-VM95C

IMG_20190525_163646.jpg.e01b7d3f73c04750cf30bafabe5c16c7.jpg

 

Audiotechnica AT-VM95SH

IMG_20190525_163425.jpg.3948f992ded81b7c9d812261834165c4.jpg

 

Audiotechnica AT100E

IMG_20190609_142829(1).jpg.2d35bb6df6bcc035aa133af05fc28393.jpg

 

Ortofon S-120

IMG_20190609_143323.jpg.22af47a0ca5ca7b6032900a34047d9fd.jpg

Ne manca qualcuna ma non trovo le foto sul PC aggiornerò prossimamente

 

 

Link to post
Share on other sites

Buonasera a tutti

e bentornato Melius: il colpo è stato duro, ma si tornerà più forti che pria! intanto ricarico la foto della Sumiko Blue Point Evo III in versione low output ed aggiorno con un piccolo classico Ortofon, della serie "poca spesa tanta resa" 👍 un poco alla volta, pubblicherò anche le foto delle altre, man mano che le faccio girare sull'immarcescibile Technics 1210 mk II

 

P_20210203_161407_vHDR_Auto_1.jpg

P_20210320_211200_vHDR_Auto_1.jpg

Link to post
Share on other sites

In questo momento sto usando la Zxy R1000 Airy 3 S. In panchina, ma non per demerito, Immutable Transfiguration Axia. Due modi diametralmente opposti di porgere l'evento musicale, sembra avere due impianti diversi.

20210320_222614-min1.jpg

20210320_225005-mi100.jpg

  • Melius 1
Link to post
Share on other sites

Incomincio con questa testina, una Ortofon sl 15 ell di inizio anni ’70 di derivazione Ortofon spu, da non confondere dalla successiva mc15 che è di livello inferiore… questa testina mi ha molto colpito per le sue grandi doti. Sfodera un suono molto suggestivo, materico e dinamico, con dei bassi incredibili ed una grande scena, mi ha sorpreso soprattutto considerando che è nata circa 50 anni fa, il mio esemplare è praticamente pari al nuovo, l comprata da un collezionista che la teneva conservata nella sua scatolina originale insieme ad un centinaio di testine acquistate in oltre 50 anni….

 

ortofon sl 15.jpg

ortofon sl 15 , 2.jpg

Queste sono le notizie che ho trovato su questa Ortofon:

La serie

 

S 15 Le testine della serie S 15 furono progettate a metà degli anni '60 e si basavano sulla SPU. C'erano due versioni: la S 15-T con trasformatore integrato, dal peso di 18,5 g; e la versione "leggera" senza trasformatore, la SL 15, del peso di 7 g.

 

Entrambe le versioni possono essere fornite dotate di uno stilo conico da 17um. Per distinguere queste versioni da quelle dotate di stili ellittici 17um x 8um, questi ultimi avrebbero successivamente il suffisso "E" allegato alla loro designazione.

Quando inserita nel portatestina Ortofon tipo G (e chiamata in modo confuso S-15MT), la massa totale della combinazione S-15MT era di 29,5 g. Questa massa totale avrebbe potuto essere scelta deliberatamente, se una tale combinazione fosse stata intesa per uso radiotelevisivo. Supponendo che gli SPU-G fossero già in uso e il tracciamento a 4g (non insolito al momento per garantire un tracciamento sicuro), quindi in caso di guasto di emergenza, la sostituzione diretta dell'SPU-G con un S-15MT consentirebbe a quest'ultimo per monitorare a una velocità consigliata di 1,5 g.

 

Sia l'S15-T che l'SL15 avevano una migliore separazione dei canali e dati di conformità rispetto a quelli della SPU. Quando furono introdotti, erano entrambi più costosi dell'SPU.

L'S15-T aveva un trasformatore integrale che aveva un guadagno di tensione di 80 (38dB). L'SL15 utilizzava un trasformatore esterno separato fornito con estremità del cavo volante ("kabelübertrager") da installare tra i cavi di uscita del pickup e il preamplificatore. Ortofon commercializzò un dispositivo del genere il 'trasformatore 2-15K', così chiamato perché progettato per abbinare l'impedenza della bobina da 2Ohm dell'SL15 a 15KOhm teorici dell'amplificatore equalizzatore RIAA.

SL15E

 

È stata resa disponibile una versione ad alta tensione di uscita dell'SL15, chiamata SL15ELL. Questo aveva un'uscita di 0,125 mV con una resistenza della bobina di 6 Ohm, suggerendo che l'uscita elevata è stata ottenuta aumentando il numero di spire nelle bobine. Ha tracciato a 1,5-2,0 g.

immagine.png.53510b82790d84d8a395efe9bb846914.png

immagine.png.89348def404ae84288b3022cb8e52056.png

  • Melius 2
Link to post
Share on other sites
20 ore fa, rlc ha scritto:

Ma è veramente così marcata e percepibile la differenza tra la 103 normale e quella col guscio di legno? Onestamente l'unico beneficio lo potrei attribuire alla smorzamento dovuto al materiale: da plastica a legno.

C'è dell'altro? 

Ciao Romano,il fatto unico è il maggior peso del rivestimento che fa lavorare meglio la sospensione essendo abbastanza dura. 

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now



  •  

  •  

  •  

  •  

×
×
  • Create New...

You seem to have activated a feature that alters the content of pages by obscuring advertisements. We are committed to containing advertising to the bare minimum, please consider the possibility of including Melius.Club in your white list.