Jump to content

Migliore cavo segnale custom


salvatore66
 Share

Recommended Posts

il cavo spellato è sempre la migliore opzione, preceduta per chi ha coraggio e può dalla saldatura diretta di tutta

la linea dai faston dell' altoparlante fino alle connessioni sull' ampli, che restano le uniche connessioni mobili.

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

Il 7/3/2022 at 19:48, viale249 ha scritto:

Mi sento coinvolto nella discussione per aver consigliato i Neotech NEI 3001 III ma ti posso assicurare che da prove fatte non hanno fatto rimpiangere i cavi con sui sono stati confrontati all'interno di vari impianti (tutti cavi di costo e blasone notevolmente superiore a questi...). Ovviamente la sinergia con i componenti è tutto, così come l'aspettativa condiziona il risultato ma sono convinto che non ti deluderanno. Metti in conto circa 200ore di rodaggio. Buon ascolto.

 

Ciao, sul Neotech 3001 hai riscontrato quanto descritto da @ClaveFremen  in merito ad una certa leggerezza su basso e medio-basso??

Link to comment
Share on other sites

viale249

@maximo no, per quella che è la mia esperienza nessuna leggerezza. È  un cavo molto neutro, non privilegia nessuna parte dello spettro e dona alla riproduzione una sensazione di "non riprodotto" di solito appannaggio di cavi di ben altro costo. Molto carnali e reali le voci, grana fine, dettagliato, percussioni veloci. Queste sensazioni sono quelle riccorrenti quando il cavo è  stato provato in diversi impianti. Spero di avere reso l'idea, non sono molto bravo in questo genere di recensioni...

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

@Dubleu @ClaveFremen

scusate voi che mi sembra abbiate smanettato parecchio sui cavi, secondo voi un neotech o furutech o simili

terminati in laboratorio possono essere di tanto superiori ad un audioquest o van den hul modelli abbastanza

base ?  grazie

Link to comment
Share on other sites

@audio2 per me primo approcio a cavi al metro pronti.

Le altre autocostruzioni sono state fatte da conduttori singoli intrecciati con geometrie varie.

Usato argento e oro argento molto costosi, ottimi con valvolari (ho tolto le valvole non molto tempo fa)ma ora ho cambiato sistemi e sto tornando al rame con pure migliori risultati. Anni a spendere 250 750 euro di cavi assemblati da diversi personaggi ma tolto il preamplificatore valvolare tutto è cambiato (in meglio per me).

La cosa strana è che sono passato ad un altra autocostruzione di altri amici conoscenti, così fra connettori non molto costosi di aliexspress e cavo non molto costoso ho avuto un risultato superiore. 

100 euro assemblati e firniti cin passione da un amico ed ho battuto 10 anni di prove e cavi costosi.

Chiaramente non è il primo cavo provato, se non ricordo male il mio amico mi ha fornito 3 o più copie di xlr,ma solo uno è entrato in sinergia e lo sto amando.

Ora proverò il 3001 mkiii visto i consigli del forum, il mio amico non li ha mai provati ed ecco che ci buttiamo in testa in giù. 

Non è detto che il risultato sia sinergico. 

Personalmente faccio solo una virata sperando nel meglio. I dati e le esperienze sono tutte positive.

Sarà da capire la sinergia. 

Se non avessi paura dell'argento avrei provato il modello superiore.

 

Link to comment
Share on other sites

ClaveFremen
4 ore fa, maximo ha scritto:

sul Neotech 3001 hai riscontrato quanto descritto da @ClaveFremen  in merito ad una certa leggerezza su basso e medio-basso??

Quando lo ho detto? Non mi risulta...è il cavo più neutro che abbia mai provato.

1 ora fa, audio2 ha scritto:

scusate voi che mi sembra abbiate smanettato parecchio sui cavi, secondo voi un neotech o furutech o simili

terminati in laboratorio possono essere di tanto superiori ad un audioquest o van den hul modelli abbastanza

base ?

Gli unici riferimenti commerciali che ho confrontato sono stati Audioquest Mackenzie, QED Performance 40i, Acrolink 6N A-2200 II.

 

Sono tutti buoni cavi (lo Audioquest il peggiore, duro) ma il Neotech NEI-3001 se li mangia tutti.

Link to comment
Share on other sites

Adesso, ClaveFremen ha scritto:

Quando lo ho detto? Non mi risulta...è il cavo più neutro che abbia mai provato.

Rispetto al Mogami 2549

Link to comment
Share on other sites

Il 7/3/2022 at 17:49, ClaveFremen ha scritto:

Si somigliano molto come equilibrio e timbro (il 2549 è un pochino più presente sul mediobasso) ma il nero infrastrumentale, la definizione, la pulizia, il dettaglio timbrico del Neotech sono decisamente maggiori.

 

Link to comment
Share on other sites

5 minuti fa, ClaveFremen ha scritto:

Audioquest Mackenzie

io proprio  quello ho adesso, che va meglio del vdh d103ii e meglissimo di altra roba commerciale a basso costo che ho provato. per curiosità se mi capita proverò anche questo neotech  nei 3001, fatto bene è fatto bene.

Link to comment
Share on other sites

ClaveFremen
9 minuti fa, maximo ha scritto:

Rispetto al Mogami 2549

Certo ma era per dire che il 2549 è un po' meno neutro, non il contrario... 😉

Link to comment
Share on other sites

ClaveFremen
11 minuti fa, audio2 ha scritto:

ho guardato in giro il neotec 3001, già terminato non lo trovo, secondo te il furutech  sa 22 oppure fa 22 sono li come livello ?

Premetto che non ho provato i due Furutech.

 

Il Furutech SA-22 sicuramente no, geometria di base e rame OFC, potrebbe essere nella fascia del Mogami W2549.

Il Furutech FA-αS22 dovrebbe essere molto simile al NEI-3002, entrambi con geometria bilanciata classica e rame OCC.

 

Il NEI-3001 ha una geometria più avanzata e sicuramente suona meglio del NEI-3002, mi aspetto sia meglio anche dello FA-αS22

 

Il 3001 lo trovi già terminato qui:

https://www.rougeaudiodesign.com/ri-ns

Link to comment
Share on other sites

23 minuti fa, ClaveFremen ha scritto:

Certo ma era per dire che il 2549 è un po' meno neutro, non il contrario... 😉

Ah certo, ma neanche io intendevo il contrario

Link to comment
Share on other sites

14 minuti fa, ClaveFremen ha scritto:

l 3001 lo trovi già terminato qui:

https://www.rougeaudiodesign.com/ri-ns

Costosetto però 320 euro più iva.

Audiophonics lo costruirebbe sui 230 euro circa, il materiale sono 170 euro più l'assemblaggio.

Far fare il lavoro ad un tecnico è consigliato ma dovrebbe essere orientato nell' hi-end oppure si rischia che ci prenda per pazzi e pur fornendo lo stagno adeguato faccia ciò che vuole.

Fra i due topic si è evidenziato un po' la differenza fra le stagnature ed a volte anche su come è collegata la calza.

Personalmente mi è successo di tutto, stagno non adeguato, calze non collegate o dalla parte errata o in casi di rca non segnato la direzione.

Tutto è semplice con le persone di fiducia, ma come ci prendiamo in giro fra audiofili perchè siamo pro o contro il rendimento dei cavi è facile che il tecnico non ascolti le nostre esigenze.

Ci sono note ditte piccoline italiane che costruisco finali molto buoni che se gli si viene chiesto di usare anche un cavo alimentazione diverso obbiettano. Il cavo una volta chiuso e inguainato esteticamente difficile capire che si capisca stagno e calze nel collegamento. 

Bisogna trovare il tecnico che crede in queste soluzioni, perchè se mette da parte il nostro stagno nuovo per finire il suo magari ci troviamo con risultari diversi.

Nel tempo ho trovato sorprese, come un tecnico per sostituire rca da un solo lato ha chiesto 90 euro, lo ha fatto, ma gli ha dato così fastidio che se gli avessi chiesto di sostituire 4 rca mi avrebbe chiesto 180 euro. 

Capisco che l'RCA valeva, ma ecco che non tutte le risorse umane che useremo saranno sempre adeguate. Si cerca da un certo punto "raffinatezza" ed in molti non ci ascolteranno.

Qui è peggio che non non restaurare o sistemare un finale importante, non centra la fama di chi ci fa il lavoro ma più la passione. 

Non escludo che un appassionato privato di melius lavori meglio di un audiophonics che fatica a trovare"elettricisti" volenterosi e capaci.

Link to comment
Share on other sites

insomma se vado dall' elettrico di turno devo pure stare li ( a parte che non vogliono ) per controllare

che faccia il lavoro come pare a me.

@ClaveFremen  scusa la domanda, non è che mi voglio allargare, ma da che parte d' italia provieni ?

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share




×
×
  • Create New...