Jump to content

Sugden A21 Series


TopHi-End
 Share

Recommended Posts

TopHi-End

@verdino ti ringrazio. Spero non tutti abbiano vissuto la tua stessa esperienza... 😀

Ogni tanto se ne vede qualcuno in giro, ma a parte il prezzo quantomeno esoso, mi viene da riflettere sul fatto che sia o meno affidabile come i, più o meno, nuovi modelli.

Link to comment
Share on other sites

TopHi-End

Guardando in giro sul web, ho trovato quelle indicate di seguito, che dovrebbero essere tutte le versioni dell'integrato di casa Sugden:

- A21a alluminio e manopole nere;

- A21a nero, manopole nere e scritta dorata (vedi foto post 21);

- A21a Series 2;

- A21 SE;

- A21 SE Signature.

 

Che differenze ci sono tra i vari modelli, sia in termini di Wattaggio, suono e affidabilità?

 

Grazie

 

Link to comment
Share on other sites

Collegatiper

Ciao, qualcuno ha prove strumentali di amplificazioni Sugden provenienti da AR o Stereophile?

 

Potrebbe postarle qui?

Link to comment
Share on other sites

Renato Bovello
8 ore fa, verdino ha scritto:

suonare SF Minima Vintage da 87

Guarda che le Minima Vintage , come le originali FM2 , hanno una sensibilità di 84 db 

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

In 21se l’ho ascoltato moltissime volte, un buon integrato senza dubbio, ma è una macchina che ha dei limiti, per ascolti intimi e con diffusori non ostici è perfetto, ma non bisogna andare oltre. 

 

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, TopHi-End ha scritto:

Praticamente lo ha, per certi versi, stroncato

A mio parere  guarderei poco alle misure e mi concentrerei sulle caratteristiche di erogazione della potenza con il carico che è quello che serve per abbinare al meglio l' ampli con le casse.

Ci sono ampli valvolari

dalle misure tutt'altro che irreprensibili ma che messi nelle condizioni giuste per esprimersi donano un suono mozzafiato ( ad es. Leben).

Quindi se ascoltandolo ti piace non farti frenare dai report di laboratorio.

Link to comment
Share on other sites

Nerodavola62

La serie SE ha decisamente incrementato le capacità di pilotaggio rispetto alle versioni precedenti, a cominciare da una sezione di alimentazione potenziata.

Io ci piloto, fra l'altro, le Vienna Mozart (90 db, ma con curva non banalissima) con grande soddisfazione e, in condominio, fatico davvero a raggiungere ore 9.

mauro

Link to comment
Share on other sites

jakob1965

Ma guardate che il mio 21 SE ha fatto suonare bene delle Wilson Duette - in alcuni brani (voce di Celine Dion - violini barocchi - Vivaldi) per il mio modo di ascoltare non aveva molto meno di una coppia di Spectral anzi forse un pizzico di magia in più. Forse nel suo piccolo ha dato un spintarella piccola piccola al caro amico @hypercell nell'acquisto del suo E800. Non ha sfigurato con  delle Vector Wilson benesh anche se chiaramente non aveva il polso dell'accu 480; se servono pochi watt e in ambienti non grandi, diventa una macchina piacevolissima . @Mister66 sa come la penso: nei primi watt lo ho sempre preferito al Luxman 590 a mio gusto - intendiamoci signor amplificatore  - ma ora anche @Mister66 ha virato sulla classe A - Accuphase - amplificatori magici questi Accu in classe A.

 

@TopHi-End  sì il Sugden è costruito meglio del musical  fidelity - la coppia di transistor finali per canale è calettata direttamente sulla aletta di raffreddamento - siamo di solito intorni ai 55 gradi - piuttosto in sicurezza 

  • Melius 1
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

jakob1965
52 minuti fa, Ghilo68 ha scritto:

Quindi se ascoltandolo ti piace non farti frenare dai report di laboratorio.

 il masterclass aveva tutt'altro che brutte misure - aihmè farò fatica a trovare l'articolo

 

andrei sul 21 SE che è un masterclass  versione semplificata 

Link to comment
Share on other sites

3 ore fa, Mister66 ha scritto:

In 21se l’ho ascoltato moltissime volte, un buon integrato senza dubbio, ma è una macchina che ha dei limiti, per ascolti intimi e con diffusori non ostici è perfetto, ma non bisogna andare oltre. 

Non mi pare che la casa lo consigli per pilotare delle Apogee scintilla o per ascolti in saloni di 200 mq a 120 db.

È un piccolo integrato da 30w. In classe A oltretutto. 

Fa quello che può fare. Ma quello che può fare, almeno,  lo fa bene. 

Link to comment
Share on other sites

backinthe70

Io ho praticamente deciso (da non molto) di buttarmi sull'SE Signature...sono anni che ne leggo meraviglie, ma non l'ho mai ascoltato...ho una coppia di Rogers LS3/5 11ohm 82.5dB....non ascolto a volumi criminali, in qualche pezzo mi faccio prendere la mano...ma in appartamento dura poco poco....

Che dite, procedo?

Link to comment
Share on other sites

@Renato Bovello

4 ore fa, Renato Bovello ha scritto:
12 ore fa, verdino ha scritto:

 

Guarda che le Minima Vintage , come le originali FM2 , hanno una sensibilità di 84 db 

Hai ragione , grazie👍

Link to comment
Share on other sites

Renato Bovello
1 minuto fa, verdino ha scritto:

ragione , grazie👍

Ma figurati . Giusto per chiarire . Io ho le FM2 dal 1989 

Link to comment
Share on other sites

12 ore fa, Fazer802 ha scritto:

Concordo sul luxman. Si trovano occasioni interessanti sull'usato

Potresti consigliarmi dove cercare? Gli sto dietro da un pò monitorando anche con hifishark, ma quei pochi che passano vengono venduti nel giro di poche ore.. 

Link to comment
Share on other sites

Renato Bovello
1 minuto fa, Dany73 ha scritto:

venduti nel giro di poche ore.

Che devo dirvi ? Io trovo il 590 molto leggerino in basso . Preferisco gli Accuphase in classe A che trovo più equilibrati 

Link to comment
Share on other sites

@senek65 è quello che ho scritto. 
l’ho provato con le 804d3 nel mio ambiente, buon suono fino a ore 10 del potenziometro, poi finisce lì. 
Come ho scritto lo ritengo un integrato per ascolti intimi a volumi molto moderati. 
 

Link to comment
Share on other sites

14 minuti fa, Renato Bovello ha scritto:
16 minuti fa, Dany73 ha scritto:

 

Che devo dirvi ? Io trovo il 590 molto leggerino in basso . Preferisco gli Accuphase in classe A che trovo più equilibrati 

Ho avuto il 590, un ottima macchina senza dubbio, mi ha accompagnato per ben 4 anni, dolce, trasparente ma come dice Renato sulle basse si poteva far meglio, è comunque un bel sentire. Ora ho un Accuphase E650 e devo dire anche se ancora in rodaggio è un altro pianeta. 
Un classe A davvero materico anche a bassi volumi, trasparente, grana finissima, maggior peso del messaggio sia sulle medie che in basso e più ricco di dettagli. Unico difetto che costa quasi il doppio del 590. 
Due integrati che giocano in un altro campionato rispetto all’ottimo 21se. 
Il 21 ha un suo suono, molto differente dai Giapponesi, e rimane un integrato che può regalare bellissimi ascolti se ben inserito. 

Link to comment
Share on other sites

30 minuti fa, Mister66 ha scritto:

l’ho provato con le 804d3 nel mio ambiente, buon suono fino a ore 10 del potenziometro, poi finisce lì.

E dove vuoi che vada?

Boh...

Link to comment
Share on other sites

9 ore fa, Renato Bovello ha scritto:

Che devo dirvi ? Io trovo il 590 molto leggerino in basso . Preferisco gli Accuphase in classe A che trovo più equilibrati 

Quindi sotto questo aspetto sarebbe molto simile al Lavardin IT che possiedo. 

Link to comment
Share on other sites

antonio 64

@TopHi-End ciao, Sugden è un amplificatore che mi interessa, e quindi ho letto in giro diverse recensioni, tutte positive, da quanto ho capito la differenza principale tra a 21 se ed a 21 se signature e la potenza erogata, quasi il 50% in più a favore del signature, 25 watt per canale l’a21se, 36 watt per la versione signature.

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

9 ore fa, Mister66 ha scritto:

buon suono fino a ore 10 del potenziometro, poi finisce lì

se si dice di fare dei test allora si può spingere a manetta per vedere dove arriva, ma in ambiente domestico, mi dite a che volume ascoltate normalmente ?

Cercate la musica per rilassarvi o per infastidire i vicini ? 
Dotiamoci di un banale fonometro, anche una app sul telefono e sfido chiunque ad andare sopra i 90db per ascolti duraturi domestici.

Su questi parametri secondo me si giudica un impianto.

Il resto è pura esibizione momentanea.

Se devo evidenziare un difetto del sudgen e credo dei classe a in genere è che inizia a 'funzionare' dopo una mezzora di riscaldamento.

p.s.
Ingeneroso paragonare un Accuphase E650 col sudgen. Si parla di un integrato a listino sui 15.000 contro i 3.000 del sudgen...

  • Melius 2
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

You seem to have activated a feature that alters the content of pages by obscuring advertisements. We are committed to containing advertising to the bare minimum, please consider the possibility of including Melius.Club in your white list.