Jump to content

Concorso Chopin di Varsavia - 2021


Grancolauro
 Share

Recommended Posts

Da padovano (ormai acquisito), anch'io come @maverick faccio il tipo per la Armellini. Ma la lotta è davvero dura. Nella seconda prova si sono ascoltate cose notevoli da parte di diversi concorrenti. A parte la Gevorgyan, di cui si è detto, ce ne sono altri che al momento meritano decisamente la finale. Primo tra tutti, il giapponese Kyohei Sorita. Basta ascoltare la seconda Ballata (da 12:40) e il suo Andante spianato e Grande Polacca brillante per capire di che pasta è fatto (da 20:30), ma anche il resto della prova merita un ascolto:

 

Altra prestazione notevole è stata quella di Talon Smith, in particolare nella Berceuse (da 10:30):

 

Molto bene ha fatto poi anche Hao Rao. Consiglio di ascoltare anche il suo Andante spianato e Grande Polacca op. 22 (da 24:20):

 

Insomma, si comincia a fare sul serio e anche questi 3 sono da tenere d'occhio.

Tra gli italiani, Crema in effetti ha pure fatto molto bene, come notava giustamente @ugom. Ma se vuole andare avanti deve dare il meglio di sé, osando qualcosa di più.

Comunque sia, si sta ascoltando molta buona musica a Varsavia in questi giorni, e già questa è una cosa di cui andar contenti 🙂 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

In registrata, (perché in diretta non ho fatto in tempo) la prova della Armellini mi è sembrata assolutamente pregevole,  soprattutto nella polacca op 53, sciorinata con una potenza di suono e vigore che non le riconoscevo.

Applausi convinti anche dal pubblico,  non ho sentito gli altri della giornata, ma penso che anche questo ostacolo sarà superato di slancio.

Per quello che ho potuto sentire, qua e là,  mi sembra un'edizione con diversi elementi di spicco,  e un livello medio molto, molto alto.

Link to comment
Share on other sites

Bravissima Leonora ieri! Tutto fatto molto bene. Anche il famigerato Trio della Polacca op. 53 è filato via liscio e senza fatica come tutto il resto. Mi è piaciuta poi l’aura notturna della quarta Ballata. In questo momento c’è Ferro alla tastiera e poi tocca a Crema. Forza ragazzi!

Link to comment
Share on other sites

Vado un po' fuori thread, ma neanche troppo.

Ho rivisto un filmato d'epoca di Rubinstein, .. un concerto a Mosca del 1964, finito con lo studio op 10  n.4 e la polacca in lab op 53.

Pezzi suonatissimi in questi gg a Varsavia. Nessuna, o quasi,  concessione al sentimentalismo o alle sfumature del colore, o perlomeno dalla registrazione non si sente.

Suono potente, massiccio, mani enormi e dita d'acciaio (Pollini raccontava in un aneddoto di quanto "pesasse" la mano di Rubinstein), uno Chopin quasi brahmsiano.

Non se ne sentono molte di interpretazioni così ,  anche nel concorso di oggi.

Link to comment
Share on other sites

5 ore fa, Grancolauro ha scritto:

In questo momento c’è Ferro alla tastiera

Ferro ha un'eleganza nel suonare davvero straordinaria, .. mano affusolata, dita lunghissime, stile Michelangeli.

Ecco, .. il suono della Armellini e lo stile di Ferro ne farebbero un candidato serio ai primissimi posti del concorso..: chissà cosa ne pensa la giuria...

Link to comment
Share on other sites

@maverick  hai ragione, Ferro è molto elegante alla tastiera, anche se francamente, sotto il profilo stilistico, non è tra i miei preferiti: per i miei gusti ha un approccio un po' troppo "muscolare" al pianoforte, fatto di forti contrasti timbrici e ritmici, con stacchi di tempo spesso estremi che non sempre riesce a gestire al meglio. La Armellini, per converso, lavora molto di più sul fraseggio e sulla ricerca di un suono raffinato, non scontato.  In questo senso, i due si integrebbero alla perfezione, in effetti. Volendo cercare il pelo nell'uovo, le debolezze tecniche (si far per dire ovviamente...) di Leonora, perlomeno rispetto ad altri concorrenti, mi sembrano essere le note ribattute (molto importanti in Chopin), non all'altezza dei migliori, e una certa tendenza a ritardare gli stacchi ritmici, a non anticipare mai l'inizio della frase musicale. Si tratta sicuramente di una scelta stilistica, che toglie tuttavia dinamicità all'esecuzione là dove serve. Ma è solo una mia impressione, ovviamente, che vale meno di zero. Vedremo cosa ne penserà la giuria nelle prossime fasi. E comunque, forza Leonora!

  • Melius 2
Link to comment
Share on other sites

Guardando l'albo d'oro della manifestazione mi sono accorto che molti dei vincitori non li ho mai sentiti (nemmeno nominare) ...solo 5 li ho ascoltati e apprezzati.

Altri partecipabti che hanno partecipato, ma non si sono aggiudicati il premio, sono molto noti, sicuro mi sembra di poter dire che il concorso da una notorietà immediata ma la giuria non sempre ha avuto la vista ( in questo caso l'orecchio) lungo.

Ciao Paolo

 

Link to comment
Share on other sites

1 minuto fa, Sinuko ha scritto:

mi sembra di poter dire che il concorso da una notorietà immediata ma la giuria non sempre ha avuto la vista ( in questo caso l'orecchio) lungo.

Ciao Paolo

Come in quasi tutti i concorsi...

A volte escono i fuoriclasse (alcuni già citati in questa chat, da Ashkenazy a Pollini, dalla Argerich a Zimerman), e in altri concorsi Lupu e Perahia...

Altre volte grandi pianisti sono stati bocciati al concorso (nota la questione Pogorelich), ma se cambiano concorso ci sono altri casi..

Funziona cosi ..

Link to comment
Share on other sites

Risultato della seconda eliminatoria.

Degli italiani passano le due ragazze, la Armellini e la Candotti.

Eliminati Ferro e Gad Crema.

Fino ad ora mi sembra (per quel che ho visto e per quanto possa capire io) non ci siano particolari sorprese, il cerchio si stringe, e giovedì il via al penultimo ostacolo.

Vai Leonora e vai Michelle, .. brave e avanti così.

Link to comment
Share on other sites

Visto la Candotti??? Che energia nella Polacca in fa# min! Michelle nessuno se la filava all'inizio, e invece sta uscendo alla grande alla distanza. Dispiace molto per Ferro e Crema ma si sono dimostrati meno solidi, purtroppo. Adesso arriva la prova più difficile: Sonata + Mazzurche! Una prova che non mente mai. Mi spaventano i giapponesi ques'anno...

Link to comment
Share on other sites

a me sembra che lo scoglio più importante, o meglio, il pezzo che determina di più il passaggio alla fase finale, sia invece la sonata.

Ed è quella, (effettivamente suonata in modo splendido, biosogna ammetterlo, è stato il brano suonato meglio in tutto il concorso) che diede il lancio alla Adveeva per la vittoria nel concorso del 2010.

Alla fine l'op 35 e la 58 usciranno dalle orecchie, suonate 23 volte  (!!) , ma questo è il concorso ..

In bocca al lupo alle nostre pianiste !!

Su 23, .. ben 6 polacchi e 5 giapponesi;. i padroni di casa (forse un po' di campanilismo),...e le cavallette orientali sembrano i più accreditati..

Link to comment
Share on other sites

Riguardo al confronto con le edizioni del passato, mi verrebbe da chiedere se c'è qualcuno oggi capace di fare qualcosa di simile a quello che riuscì a fare Pogorelich nel 1980, tipo questo:

 

 

Temo di no.  Quello che si vede in questo video è davvero eccezionale, qualcosa venuto da un altro pianeta.

 

 

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Grancolauro ha scritto:

Quello che si vede in questo video è davvero eccezionale, qualcosa venuto da un altro pianeta.

In effetti, ... straordinario.

Link to comment
Share on other sites

Ottima la terza prova della Armellini, che mi sembra decisamente maturata rispetto al concorso di dieci anni fa, in cui pure aveva convinto molti per il talento musicale.

Ora è decisamente una pianista completa, ha irrobustito volume di suono e tecnica; nella prima parte ha eseguito una polacca fantasia op 61 davvero meravigliosa, e quattro mazurche, solitamente non troppo eseguite.

La sonata in sib min, vero banco di prova del concorso, a me è piaciuta, con i primi due tempi che ho trovato perfetti; nella marcia funebre, a volte mi è sembrata un'interpretazione un po' troppo "romantica", nel senso di un suono fin troppo espressivo, .. ma è evidentemente è una scelta interpretativa voluta.

Basterà per entrare in finale ? Per adesso credo, e spero, di sì; ieri pomeriggio- sera ho sentito alcuni altri concorrenti, tra cui due polacchi, e nessuno mi ha proprio strabiliato, soprattutto dal punto di vista del colore del suono, ho sentito anche più di qualche nota falsa, .. la tensione evidentemente gioca brutti scherzi.

Fra un'oretta tocca anche all'altra italiana, Michelle Candotti, .. in bocca al lupo anche a lei, .. che bello sarebbe avere due italiane in finale.

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

senza aver letto @maverickmi accingo ad ascoltare l'Armellini. Per ora ho stoppato giusto per dire che il presentatore ha comunicato, con sorpresa della diretta interessata, che per suonare ha scelto un Kawai 😂

Link to comment
Share on other sites

ho ascoltato la Polonaise-fantasie e le quattro Mazurche.

Niente da dire: suono pieno, rotondo, passaggi complicati districati con tranquillità.

Però....c'è un però, dal mio modesto, modestissimo e certamente soccombente punto di vista: il suo controllo del suono, che è totale e da pianista direi navigata, le tarpa le ali dello spunto, del canto spiegato, della grinta; Leonora sei stati quasi troppo perfetta, anche nei rubati, mettici più "polacchitudine", specialmente nella Mazurche, più up and down, dai mo ragazòla che sei bravissima!

Scusate la mia terminologia da profano e non tecnica

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share




×
×
  • Create New...