Jump to content

Concorso Chopin di Varsavia - 2021


Grancolauro
 Share

Recommended Posts

@prometheus @Grancolauro il modello F 228 sarebbe l'analogo del modello C della Steinway, che non ho mai visto dal vero e che tutti dicono essere il modello mal-riuscito della Steinway. La meccanica del 228 e' come quella del grancoda. Il problema della Steinway - mi sembra - e' che e' entrata nel vortice finanziario americano con continui cambi di proprietà. L'ultimo e' quello che ha estromesso Fabbrini (che forse esagerava a scrivere il suo nome sul fianco in un corpo triplo a quello di Steinway). Insomma sono più interessati alla finanza che ai pianoforti. Fazioli produce 140 pianoforti all'anno, tutti venduti in anticipo. Sono realtà industriali non comparabili e i prodotti sono necessariamente curati in modo diverso. Resta che, se Sorita avesse suonato il Fazioli, a giudicare dal concerto dei premiati, forse avrebbe vinto lui. Noto anche che in finale non c'era nessuno Yamaha (prima avevo un S400b, bel pianoforte)

 

PS Lo Steinway di Prometheus e' americano?

 

Link to comment
Share on other sites

@ugom no il mio Steinway è di Amburgo. Ad un certo livello, comunque, è semplicemente una questione di gusti. Io tra Steinway e Fazioli preferisco il primo 10 volte su 10. Per altri può essere diversamente! Certo parlo di strumenti in ordine, i rottami ci sono di tutti i marchi… :classic_smile:

 Volodos mercoledì scorso ha tenuto un concerto memorabile a Torino, poteva scegliere tra i due grancoda e il Fazioli non l’ha neppure voluto provare… Il tecnico mi ha raccontato di aver lavorato sul model D nuovo di pacca per 4 ore assieme al pianista per ottenere il timbro che voleva, e alla fine era molto soddisfatto.

Tra l’altro ieri sera al concerto di premiazione del concorso il Fazioli aveva a mio avviso un suono particolarmente fastidioso rispetto ai giorni precedenti, forse a causa del pavimento molto riflettente del teatro (ed era anche un tantinello scordato ad essere pignoli…)

Link to comment
Share on other sites

FabioSabbatini
2 ore fa, prometheus ha scritto:

Fazioli non l’ha neppure voluto provare…

Voluto?

È una questione ben meno romantica 

 

Manco se gli piaceva lo provava

 

Volodos è un artista Steinway

https://www.steinway.com/artists/arcadi-volodos

 

https://www.steinway.com/music-and-artists/solo

As of May 2017, around 1,800 pianists worldwide are official Steinway Artists, which means that they have chosen to perform on Steinway pianos exclusively, and each owns a Steinway. None are paid to do so. Steinway Artists come from different genres: classical, jazz, pop, and rock.

Solo in casi particolari hanno il permesso di suonare altri pianoforti:

They may play on non-Steinway piano in public when a Steinway is not available.

Link to comment
Share on other sites

@prometheus 

@FabioSabbatini Solo la Steinway obbliga i pianisti Steinway a questo. Non e' vero che non sono ricompensati ovviamente, certo non ricevono direttamente soldi. Famoso il caso di Louis Lortie a New York a Carnegie che scelse di suonare un Fazioli e fu bandito dalla Steinway. Dissero,"Ma come non gli piaceva il modello D che c'era li? gliene portavamo altri quattro..."

Metodi da gangster americani insomma. Resta che uno Steinway B nuovo di zecca non può essere cosi orribile come quello provato da me l'altro giorno, c'e' qualcosa che non va.

Strano dire preferisco lo Steinway al Fazioli 10 su 10, sembra un'affermazione da tifosi

Io potrei dire preferisco questo Steinway a questo Fazioli,

questo Shigeru a questo Bechstein...

Link to comment
Share on other sites

25 minuti fa, ugom ha scritto:

Strano dire preferisco lo Steinway al Fazioli 10 su 10, sembra un'affermazione da tifosi

Io potrei dire preferisco questo Steinway a questo Fazioli,

questo Shigeru a questo Bechstein...

Sì infatti, non sono per nulla tifoso in realtà, e mi sono espresso male. Considero il Fazioli un ottimo strumento ma per quella che è la mia esperienza preferisco il suono Steinway.

Ma ovviamente in pratica tra un Fazioli a posto e uno Steinway non in ordine scelgo il primo 😁

Magari potessi sempre scegliere a questi livelli… più spesso mi ritrovo delle ciofeche immense 😭.

Per tornare in topic: credete veramente che i concorrenti al concorso Chopin abbiano scelto lo strumento spinti dall’inclinazione e dalle preferenze del momento? Io no. Se Armellini avesse deciso improvvisamente di cambiare per un vezzo personale sarebbe stato un bel casino per lei in primis. 

Link to comment
Share on other sites

Oggi ho ascoltato i video di Bruce Liu che non avevo visto. Che dire: impeccabile, tecnicamente solido, adorabile nei suoi modi misurati, ma musicalmente prevedibile e poco interessante. Mi sembra incarni alla perfezione lo stile salottiero del giovane Chopin, e il repertorio che ha scelto lo conferma, ma Chopin è anche molto altro.

Ecco, l’ho detta, ora insultatemi pure. 🙂
Per me un primo premio sbagliato

Link to comment
Share on other sites

Il 21/10/2021 at 12:34, mozarteum ha scritto:

Pero’ a mio avviso eseguire bene Chopin e’ importante, ma il banco di prova dell’eccellenza pianistica sono Schumann e Brahms oltreche’ l’ultimo Beethoven.

Non so, personalmente faccio fatica ad associare l’eccellenza pianistica a un certo compositore o a un certo repertorio. Certo, ci sono pezzi “iconici” di Schumann, Brahms e dell’ultimo Beethoven che sono una prova severa per tutti. Ma poi ci sono grandi pianisti che si specializzano in altri compositori e rimangono comunque dei grandissimi. Chopin, se vogliamo, è un po’ un mondo a sé, ma fondamentale nella cultura pianistica oltre che nella formazione emotiva e tecnica di chiunque suoni oggi il pianoforte, senza contare l’immaginario collettivo del pianista romantico. Non è un caso, credo, che il concorso di Varsavia abbia la fama che ha anche se si suonano musiche di un solo autore

Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, Grancolauro ha scritto:

Oggi ho ascoltato i video di Bruce Liu che non avevo visto. Che dire: impeccabile, tecnicamente solido, adorabile nei suoi modi misurati

Concordo, dal basso della mia ignoranza,  .. e penso che l'esecuzione del concerto gli sia valsa da sola la vittoria del concorso.

Indubbiamente la migliore, soprattutto dal punto di vista tecnico.

Ho l'impressione comunque che, nonostante il livello mediamente più che buono del concorso, difficilmente, tra trent'anni, se ne parlerà di un'edizione "storica" come quelle già citate di anni passati.

2 ore fa, Grancolauro ha scritto:

Per me un primo premio sbagliato

Tu a chi l'avresti dato ?

Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, maverick ha scritto:

Ho l'impressione comunque che, nonostante il livello mediamente più che buono del concorso, difficilmente, tra trent'anni, se ne parlerà di un'edizione "storica" come quelle già citate di anni passati.

Condivido

Link to comment
Share on other sites

Forse se la giuria avesse assegnato un doppio "secondo premio" ai due orientali  .. ci si sarebbe avvicinati di più al reale livello.

Ma così è andata,  .. sono solo opinioni per discutere...

Link to comment
Share on other sites

Questa cosa dei premiati che avevano i loro maestri in commissione è veramente incomprensibile. Vale per Liu, ma anche per Sorita, per la Kobayashi e per Kuszlik. 4 su 7. Uno pensa male per forza… 

Link to comment
Share on other sites

12 ore fa, Grancolauro ha scritto:

Questa cosa dei premiati che avevano i loro maestri in commissione è veramente incomprensibile. Vale per Liu, ma anche per Sorita, per la Kobayashi e per Kuszlik. 4 su 7. Uno pensa male per forza… 

Io in commissione di un concorso come lo Chopin, che si fa ogni 5 anni, metterei, sempre che accettino  ovviamente, pianisti di grido e non insegnanti.

Uno Zimerman, un Pollini, un Kissin, un Volodos ..gente cosi.

Vedere Dang Thai Son o quella Popowa Zydron, o Giusiano , o Moreira Lima... ma chi sono ? Si ..per carità.. Dang l'ha anche vinto lo Chopin,  ..ma poi ... ?

La presidente,  poi, che a sentirla parlare pare che le sia morto il gatto 🙂 ... non si capisce da dove salti fuori...

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

È stata pubblicata su Musica una bella intervista alla Armellini e Gadjiev, i nostri due finalisti al concorso. Vale la pena leggerla per capire meglio qual è stata la loro esperienza a Varsavia

 

https://www.rivistamusica.com/gadjiev-e-armellini-i-successi-italiani-allo-chopin/?fbclid=IwAR0OCa_ReNUu1_f1Hs3G2i0QiIK4ffAogadovON_QIMvSvCIKZicHHDAGKM

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share




×
×
  • Create New...

You seem to have activated a feature that alters the content of pages by obscuring advertisements. We are committed to containing advertising to the bare minimum, please consider the possibility of including Melius.Club in your white list.