Jump to content

Passo da McIntosh ad Accuphase


VIPKEKKO2011
 Share

Recommended Posts

@VIPKEKKO2011 Ciao, prima di cambiare la tua attuale amplificazione con altra, sia essa McIntosh che Accuphase, perché non provi il tuo pre ed i tuoi finali attuali con altra coppia di diffusori? Prova con delle Klipsch o delle Tannoy: potresti risolvere senza spendere grandi cifre, soprattutto se, poi, cedi/permuti i tuoi attuali diffusori. 

Ciao,

Gianluca

Link to comment
Share on other sites

Del resto credo che accuphase parlo dei modelli in Classe A tipo A 60  A 65 A 70 a basso volume Sanno dare quella micro dinamica che ora non c'e , e un mio pensiero ancora devo provare ...

Link to comment
Share on other sites

12 ore fa, Ggr ha scritto:

Scusate ma se non bastano 600 watt, il diffusore non è neanche da considerare per me.

@cactus_atomo E bravo te. La stessa cosa capita con le Ferrari, belle certo, ma fatte per chi vuole fare il figo ma paga lo scotto di un'auto inaffidabile, delicatissima (e non solo le Ferrari, anche le Pagani non scherzano). In hifi le B&W sono la stessa cosa, belle da vedersi (anche se ho sentito pareri discordi su di esse bell'e che in negozio, figuriamoci se non incontrano i favori delle mogli...), ma elettronicamente progettate per renderle accessibili ad ampli che paiono centrali elettriche (e costosi, è quello il problema!). Crossover passivi complessissimi, grandi quanto finali e che di miglioramenti ne hanno fatti ben pochi nel tempo. Ma cosa ci fanno col kevlar e il diamante a tutto spiano, parti necessarie all'assemblaggio della nuova Base Luna? 😄 Guardatevi un pò intorno, è pieno di alternative. Uno crede di aver toccato il top, poi incappa in un marchio mai da lui considerato e che di botto lo rinsavisce, e si darà delle racchettate nelle balle 🎱 per il resto della vita.@VIPKEKKO2011 Parti da prove meno "spacca schiena". Scollega le elettroniche attuali e prova con ampli alternativo (in prestito etc), senza spostare inutilmente tutto quanto, e al volo collegalo alle casse attuali possibilmente ripeto, di meno impegnativo per la schiena. O usa un carrellino in legno di quelli che trovi alla Obi. Già lì, qualcosa dovresti sentire di differenze a basso volume. Se il problema persiste, prova con altri test (più fisicamente impegnativo), ovvero i diffusori. O altra soluzione (ma non conosco casa tua) sposta solo le casse in un'altra stanza, allunga i cavi se non arrivano, per fare questa prova non muore nessuno se i cavi son più lunghi, né pregiati. Non é che devi per forza avere la perfezione sonora. Se qualcosa cambia in meglio, con tutta la roba in tuo possesso, la colpa é dell'ambiente attuale.

Link to comment
Share on other sites

il discorso e molto semplice , a 30 cm dal diffusore non c'e nessuna interazione con l'ambiente ,di sera a volumi bassi  a questa distanza i woofer sono fermi e sono meno percettibili rispetto alla medioalta , il tasto loudness e una bestemmia per me da sempre, ho letto le risposte , ma nessuno mi ha fatto capire il perche succede sta cosa , tempo fa ascoltai da un amico un E470 integrato , lui ha gli stessi diffusori che ho io, lui a basso volume non ha questo problema , vacci a capire 

Link to comment
Share on other sites

@VIPKEKKO2011 Non fermarti alle interazioni che ci sono o non ci sono. Prova tu stesso! Fatti prestare l’E470 e prova. Che dirai se nonostante la presenza di quell’ampli il problema non scompare? Secondo te è meglio rivoluzionare il sistema audio a suon di dollari? E se non risolvi? I soldi li coltivi nell’orto per caso? 😄

Link to comment
Share on other sites

  • Administrators

@VIPKEKKO2011 una prova che puoi fare a costo e fatica zero è quella di lasciare tutto come sta e di muovti tu nella stanza per vedere se cambiando il punto di ascolt cambia anche il suono. Poi potreti recuperare dalla rete un cd test (meglio quelli per hifi car) dove siano incisi toni ouri a partire da 30 hz in su a passi di 5 hz, per capire se effettivamente hai una stanza mangiabassi

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

La percezione di "pochi bassi" a basso volume è semplicemente fisiologia dell'apparato uditivo umano.

 

Io utilizzo il loudness del mio pre Accuphase C2410 (è lì per questo).

Non c'è altro modo di far arrivare a livelli (per me) accettabili la gamma bassa dal mio impianto a basso volume. Impianto che prevede come finale un Accuphase A65 e i seguenti diffusori: Sigma Acoustics Image SL, Klipsch Heresy III, Sonus Faber Parva FMIII, nell'attuale.

 

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, scroodge ha scritto:

Io utilizzo il loudness del mio pre Accuphase C2410 (è lì per questo).

Sono piuttosto sorpreso dal problema esposto da @VIPKEKKO2011, normalmente in un ambiente domestico il problema è quello opposto, ovvero un eccesso di bassi.
Il tastino "compensator" presente sui pre e sugli integrati Accuphase (questi ultimi hanno comunque i controlli di tono bass e treble) potrebbe essere la soluzione giusta.

Prima di agire con un ulteriore cambio, in ogni caso, ritengo assai sensato il suggerimento di Enrico di provare con un cd test, almeno avresti una conferma dell'assenza, o meno, dei bassi da te lamentata.

Link to comment
Share on other sites

mah.... proviamo a ragionare in questi  termini: poniamo che io voglia sentire musica a basso volume (che poi, cosa vuol dire "basso Volume"?) e non sono soddisfatto di come percepisco i bassi. Ora, considerando il potere di risoluzione dell'apparato uditivo umano, diciamo che per avere la sensazione di un incremento di bassi, dovrei avere una loro esaltazione di almeno 3dB nell'intorno degli 80-100Hz.

Con certezza un finale che di suo ha una RIF con +3dB a 80Hz è un finale rotto, o progettato a cavolo. Infatti, non ne esistono. Spero. Di sicuro nessun finale Accuphase.

Ergo, nessun cambio di finale potrà darmi una esaltazione in basso tale da farmi un percepire un reale cambiamento rispetto alla percezione di "bassi inesistenti" a basso volume. Fatte salve le caratteriitsche timbriche, che in ogni caso mai potrebbero arrivare a colmare il gap di "bassi inesistenti" a basso volume

Link to comment
Share on other sites

  • Administrators
11 minuti fa, Variable ha scritto:

potresti postare un disegno della stanza con misure e posizione dei diffusori?

bella idea

Link to comment
Share on other sites

@VIPKEKKO2011 ciao, con tutto il rispetto, cambierei i diffusori, non i McIntosh. Pur eccellenti che siano, i 60 watt in classe A degli Accuphase, non possono competere con i 600 watt, con le B&W, di quelle serie, che sono diffusori ostici, e necessitano amplificazioni capaci, di watt e corrente. Comunque, l’abbinamento va ascoltato, altrimenti è aria fritta. 

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

@VIPKEKKO2011 molti anni fa avevo l amplificazione McIntosh, e l ho molto amata, all epoca avevo dei diffusori della Totem, poi.. ascoltai casualmente il suono Accuphase è mi fece scattare la scintilla, x fartela breve... mi resi conto che era il mio suono, quindi mi presi l integrato E470, che ho ancora e che mi appaga alla grandissima, ora ho dei diffusori Pmc 5.22, e dei Maggie MMG

Ma.. se dovessi rivedere l amplificazione di sicuro prenderei il nuovo integrato E-800, se ti capita vallo ad ascoltare... lui possiede un sound incredibile, e molto molto molto musicale, non si può spiegare a parole 

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

Mah, spendere tanti soldi, poi decidere sullla logica del basso volume alla sera ….. la vedo una cosa un po’ .... così.

Sarà anche perché non sopporto gli ascolti di sottofondo, ma amplificatori potenti e sottofondo … sono un ossimoro.

Sempre rigorosamente, secondo me, poi ognuno spenda come vuole …. c’è chi compra le auto Tesla che sono orrende, quindi 😁

Link to comment
Share on other sites

Armando Sanna

@VIPKEKKO2011

leggendo un po’ tutto il 3D e avendo percepito che non vuoi cambiare le casse ( poiché ti piace il loro suono) i Mac tutto sommato non ti dispiacciono a volume moderato ma li trovi solo penalizzanti nel suono a basso volume di sera.

Perché rivoluzionare un impianto che suona bene , inserendo forse dei finali che dovrebbero cambiarti qualche  cosa …

Acquista un bel equalizzatore e inseriscilo tra pre e finale ( nel circuito recorder -rec off- source 1/2)così quando lo ascolti la notte lo inserisci con una bella curva calda e morbida come a te piace, il giorno lo “bypassi” e ascolti normalmente …

un saluto 

  • Melius 2
Link to comment
Share on other sites

  • Administrators
2 minuti fa, Armando Sanna ha scritto:

Acquista un bel equalizzatore e inseriscilo tra pre e finale ( nel circuito recorder -rec off- source 1/2)così quando lo ascolti la notte lo inserisci con una bella curva calda e morbida come a te piace, il giorno lo “bypassi” e ascolti normalmente …

bella idea

Link to comment
Share on other sites

6 minuti fa, Armando Sanna ha scritto:

Acquista un bel equalizzatore e inseriscilo tra pre e finale ( nel circuito recorder -rec off- source 1/2)così quando lo ascolti la notte lo inserisci con una bella curva calda e morbida come a te piace, il giorno lo “bypassi” e ascolti normalmente …

un saluto 

Il che va nella direzione che avevo suggerito pure io con l'uso del loudness. C'è anche da considera che il C500 dispone di controlli di tono, diciamo, piuttosto evoluti, non è un ero eq ma..poco ci manca...

Link to comment
Share on other sites

  • Administrators
6 minuti fa, scroodge ha scritto:

il C500 dispone

se non ricordo male non li ha. Nè il 500, nè il 1000 e nè il successivo 1100. 

Link to comment
Share on other sites

36 minuti fa, vignotra ha scritto:

se non ricordo male non li ha. Nè il 500, nè il 1000 e nè il successivo 1100. 

ahi ahi!! credo che a ricordare male dei due, è più probabile che sia io!! Tu sei una specie di catalogo (storico) vivente! 😉

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share




×
×
  • Create New...

You seem to have activated a feature that alters the content of pages by obscuring advertisements. We are committed to containing advertising to the bare minimum, please consider the possibility of including Melius.Club in your white list.