Jump to content

La migliore versione della Sinfonia 40 di Mozart secondo Wigmore critico della rivista Gramophone... e secondo voi!


SimoTocca
 Share

Recommended Posts

giorgiovinyl

Harnoncourt belle pure le ultime 3 sinfonie dirette con il Concentus poco prima di lasciarci.

Poi un posto particolare nel mio cuore ha l'integrale di Hogwood con l'Academy of Ancient Music, non tanto per le ultime sinfonie dove ci sono interpretazioni migliori, ma per quelle giovanili. Ricordo ancora il colpo di fulmine quando grazie a lui scopri la 25 e la 29.

Link to comment
Share on other sites

maverick
45 minuti fa, giorgiovinyl ha scritto:

Non è vero che sono solo nazionalisti sciovinisti

Oddio, .. non sono mica tanto d'accordo.

Nelle loro recensioni la presenza di compositori, direttori e orchestre inglesi ritenuti "il top" è francamente eccessivo.

Solo sciovinisti magari no, ma parziali sicuramente sì.

Imho

Link to comment
Share on other sites

maverick
1 minuto fa, Gabrilupo ha scritto:

Un pò compensano noi italiani che, troppo spesso, guardiamo altrove....

sì, .. può essere, noi forse siamo un po' esterofili...

Link to comment
Share on other sites

  • Administrators
cactus_atomo

per me fricsay è stato un direttore sommo, che ha dato l meglio di se proprio con mozart, dalle sinfonie alle opere. trovole sue interpretazioni pèiù aderenti al carattere della musica del salisburghese, mentra bohm è aulico, ma fa diventare mozart un musicista di corte troppo flemmatico

e giustamente walter non può ssere dimenticato

le classifiche lasciano sempre il tempo che trovano, quelle inglesi sono imparziali come de santis che arbitra la juventus

  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

SimoTocca
1 ora fa, cactus_atomo ha scritto:

le classifiche lasciano sempre il tempo che trovano, quelle inglesi sono imparziali come de santis che arbitra la juventus

😆😆😂😂😂😉😉👏👏 E lo dici ad un tifoso viola...quindi sfondi una porta aperta...😃😃

A parte le battute, non volevo “sminuire” la rivista, che è di certo una tra le più autorevoli del mondo per la musica classica.... solo segnalare che questa “summa” delle migliori edizioni della quaranta di Mozart mi ha lasciato perplesso.

Per dire: qui sul Forum si è citato, e giustamente, Harnoncourt, perché davvero (anche da buon austriaco) ha diretto moltissima musica di Mozart, tanto che le ultime 3 Sinfonie Harno le ha registrate tre volte, diconsi tre! La prima con l’orchestra di Amsterdam, la seconda con la Chamber Orchestra of Europe e la terza e ultima con la sua orchestra Concentus Musicus.

Le tre interpretazioni sono diversissime fra loro e questo è un fatto importantissimo che pure, nell’articolo citato, non compare. 

Fricsay è stato un direttore straordinario, con una personalità e un modo di fare (dai documenti dell’epoca che ho potuto visionare) che assomiglia moltissimo a quello di Claudio Abbado.

Link to comment
Share on other sites

pierfra

ho riascoltato le sei esecuzioni che possiedo....senza alcun dubbio per me Szell  su tutti

Link to comment
Share on other sites

giorgiovinyl
8 ore fa, maverick ha scritto:

Oddio, .. non sono mica tanto d'accordo.

Nelle loro recensioni la presenza di compositori, direttori e orchestre inglesi ritenuti "il top" è francamente eccessivo.

Solo sciovinisti magari no, ma parziali sicuramente sì.

Imho

Ah la perfida Albione... 😃

Non so se tu eri-sei un lettore di Gramophone o della Penguin Guide ma ti assicuro che i più erano di gran lunga superiori dei meno.

Poi parziali possiamo essere anche noi italiani, quando negli anni 90 Musica dava premi annuali per i migliori dischi vincevano sempre Abbado e Giulini.

Nel sito di Gramophone puoi dare una scorsa a vincitori deei Gramophone Awards troverai qualche artista inglese ma perlopiù di ogni nazionalità. Un respiro internazionale decisamente superiore a quello di Musica.

 

5 ore fa, SimoTocca ha scritto:

non volevo “sminuire” la rivista, che è di certo una tra le più autorevoli del mondo per la musica classica...

Secondo me negli ultimi anni superata da Diapason, tu che ne pensi?

Link to comment
Share on other sites

SimoTocca
2 minuti fa, giorgiovinyl ha scritto:

Secondo me negli ultimi anni superata da Diapason, tu che ne pensi?

È un bel match.... Gramophone è una bella rivista, che negli ultimi due anni è diventata meno “internazionale”, meno di ampio respiro e più concentrata sui fatti di Albione...

Per la Francia: a me Diapason piace molto, anche perché quando vivevo a Parigi trovavo che tutti i CD premiati dalla rivista, e contrassegnati col Diapason d’or ben applicato sulla copertina nei vari negozi,  erano album sempre bellissimi...

Link to comment
Share on other sites

clapat71
Il 14/3/2022 at 19:35, giorgiovinyl ha scritto:

Però le ultime sinfonie di Mozart nell'ultima esecuzione di Mackerras per la Linn son belle

Grazie per la segnalazione, veramente molto belle, un Mozart anche ambiguo, trovo che faccia emergere spesso le linee più inquietanti delle sue sinfonie, un'interpretazione molto attuale devo dire.

Link to comment
Share on other sites

giorgiovinyl

@clapat71 Si molto attuale in equilibrio tra la lezione degli strumenti originali e il solco della tradizione. 
Invito chi è dotato di streaming di ascoltarle. Se poi amate i supporti fisici prendete i sacd. 

Link to comment
Share on other sites

Grancolauro

Grazie anche da parte mia per la segnalazione di Mackerras. Non lo avevo mai ascoltato ed è stato una bella scoperta 

Link to comment
Share on other sites

Grancolauro

@SimoTocca non sono capace di fare classifiche, ma se potessi scegliere mi piacerebbe ascoltare una versione della sinfonia n.40 fatta così:

 

1. Molto allegro: Reiner/Chicago

2. Andante: Abbado/Orchestra Mozart

3. Minuetto: Szell/Cliveland

4. Finale: Harnoncourt/Concertgebouw

 

un mostro a quattro teste insomma 🙂

Link to comment
Share on other sites

analogico_09
Il 14/3/2022 at 11:53, SimoTocca ha scritto:

Sono rimasto di stucco quando sono arrivato in fondo all’articolo della rivista Gramophone di questo mese (febbraio ‘22), articolo in cui Richard Wigmore esplora le migliori versioni discografiche della sinfonia 40 di Mozart. 

 

 

Senza per ora entrare nel merito della querelle da sollevata, nel leggere, poco fa,  il nome di Richard Wigmore,  sono rimasto un attimo sorpreso e dopo aver fatto una breve ricerca google ho avuto conferma del mio iniziale sospetto...

https://www.oxfordlieder.co.uk/poet/239

 

Questo Richard Wigmore è (fu) il cantate, un basso, che dalla fine dei '70, per tutti gli '80 e poco oltre, collaborava spesso con il "nostro" centro di musica antica composto da orchestra barocca, coro polifìonico e coro da camera, per concerti di opere di Handel (Messia, Acis and Galatea, Giuda Maccabeo, Jefhtha e altri oratori); Bach (le due passioni, Oratorio di Natale, Cantate sacre, Cantata del caffè, ecc..); Mozart (Requiem); Cantate di Buxtheude, Kuhnau e altri "sacri" tedesci), ecc, ecc.
Da allora non seppi più nulla di lui, lo ritrovo ora nelle vesti di critico.., ma stando alla sua bografia è molto di più di un cantante e di un semplice critico.., è un musiclogo a tutto tondo, con una curricula molto interessante.., tanto per dire..,  ha studiato inizialmente presso Guildhall School of Music e Salzburg Mozarteum.., ancora insegna a Salisburgo, scrittore, anche conduttore televisivo, ecc, ecc.., insomma iun polifacetico che sulla carta non sembrerebbe uno che apre bocca e gli da fiato o che scriva di musica per il giornalino della parrocchietta di Chelsea... 😄 Per quel che significa, ovviamente.., ogni opinione è sicuramente opinabile, anche quella del critico blasonato, ma di fronte a certe referenze, dicansi esperienze multiformi e molto navigate, ben ficcate in molte realtà musicali del mondo nelle quali si agisca fattivamente, l'opinione contraria di un semplice benchè accorto e sensibile ascoltare di musica della tua caratura dovrebbe essere si severa e alla "pari ngrado", ma non troppo "strappazzante" 😁☺️

anche nel caso in cui tu avessi ben ragione nel dissentire.

Non è inoltre del tutto vero che gli interpreti inglesi abbiano frequentato poco Mozart.., certo i nomi dei grandi direttori più o meno "classici" o storici appartengono per lo più ad altre nazioni, ma attualmente, con l'avvento della filologia, fanno oramai parecchi lunghi lustri, la quale ho un po' rivisto e corretto i criteri interpretativi in base a quelle che erano e restano le praz ssi interpretativi in uso nelle varie epoche (una questione di studio, di indagine ricerca spesso approfonditi, cosa mai praticate ptima con tale profondità, ,gli inglesi, come pure gli unghersi, olandesi, tedeschi, francesi, spagnoli, nordici vari e assortiti,ecc.., come pure italiani però quelli "scappati" all'estero... 😏

vantano una varietà di eccellenti interpreti che affrontano una vastissima letteratura muscale che parte dal medioevo passando per Monteverdi, per Bach, fino al '900, e oltre, senza minimamente trascurare Mozart... Al riguardo vorrei citare l'integrale ancora oggi celebrata delle sinfonie mozartiane incise dal compianto Christopher Hogwood per l'oiseau lyre.., e poi c'è Gardiner, ecc...

 

Dovrei fare mente locale sui nomi citati da Wigmore (persona peraltro molto simpatica, gentile, direi amabile, cantante molto musicale, intonazione eccellente, ma non è per questo che "difenderei" eventualmente le sue scelte nel caso disentissi) per poter dire la mia dovrò tradurre il suo scritto per poterlo leggere, anche se come spesso accade, mi resta difficile stabilire con certezza assoluta quale interpretazione di un'opera celebratissima, tra le ennemila registrate ed eseguite in concerto (e qui si va a ciò che ha registrato la nostra menoria...) da un nutritissimo ventaglio di interpreti di ogni luogo e tempo, sia la più o meno di "riferimento".
Si.., potremmo avvicinarci ad una interpretazione che metterebbe d'accordo in tal senso un elevato numero di fruitori e di critici.., ma poi, poichè il numero di interpretazioni più papabili crescerebbe di numero in modo considerevole, il fattore "riferimento" assoluto ridiventerebbe, perlomeno per me, una questione di puro e sacrosanto gusto personale, tra tante interpretazioni tutte inappuntabili sul piano formale e seducenti su quello espressivo.., i "dettagli" fanno spesso la differenza, ma ogni grande interprete ha il suo dettaglio strategico in bacchetta.., la diversità di dettagli forma la maggior ricchezza a beneficio della musica, non il meglio o il peggio, il "riferimento" interpretativo unico, assoluto. Trenta "riferimenti" assoluti della 40 di Mozart azzerano se stessi.., si ricomincia da capo, si ricomincia con la musica..,

Per ora sto acoltando la versione del citato Thomas Beecham con Royal Phil. e mi sembra piuttosto "agguerrita"..,un primo ascolto veloce.., ovviamente.., semmai ne riparliamo.
 

 

Nel frattempo suggerisco la seguente "guida" all'ascolto di una Suite per cello di Bach a cura di Richard Wigmore

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

SimoTocca

@Grancolauro

Hai ragione, è un po’ infantile il fare classifiche... anche se a mio avviso è un buon modo per  “fare chiarezza”, anche a se stessi...

In fondo ...pur a “modo suo” anche la tua è una classifica, un po’ “chimerica” e “divisa per movimenti,  ma pur sempre una classifica.... 😉😃

Link to comment
Share on other sites

Grancolauro

@SimoTocca  Hai ragione Simo. In realtà non ho nulla contro le classifiche. E' che istintivamente ho resistenza a farle perché mi sembra che ogni musicista dia un contributo proprio che è difficile da classificare usando un metro comune. Ma poi di fatto le classifiche mentalmente si fanno, semplicemente dicendo "questo mi piace di più di quello". E la mia chimera in effetti fa lo stesso 😂.

Volevo invece chiederti un'altra cosa. Con l'occasione della tua segnalazione sono andato a riascoltarmi le due registrazioni della K 550 di Abbado: quella con la London Symphony pubblicata nell'86 e quella con l'Orchestra Mozart del 2011 (non so se ce siano altre). Beh, mi ha colpito quanta differenza ci sia tra queste due interpretazioni. Sembrano venire da due mondi diversi! A te che sei un grande ammiratore di Abbado (lo sono anch'io, anche se lo preferisco in un repertorio diverso) piace anche quella dell'86?

Link to comment
Share on other sites

SimoTocca

@analogico_09

Mi pare che tu abbia complicato inutilmente una cosa semplice: il Thread non è una critica alla persona, Wigmore, ma alla classifica proposta, e alla fin fine, anche al suo modo di proporla.

Ed era (è) anche un invito, una scusa per dire la propria, di classifica.

Non a caso, fin dai primi posts emerge una convergenza di vedute, e, a parte Abbado, emerge che la versione di Fricsay, pur data qui fra le migliori in assoluto, non è considerata neppure di striscio dal critico....

E pensare che fra Fricsay e Beecham, e non solo in Mozart, ci corre come fra mangiare e stare a guardare: il primo un grandissimo direttore il secondo un direttore appena mediocre, basta uscire due miglia fuori da Londra per avere una opinione un minimo più oggettiva e condivisa a livello internazionale....

 

 

Link to comment
Share on other sites

SimoTocca

@Grancolauro Abbado ha fatto un percorso enorme, con distanze siderali fra il suo primo modo di interpretare e il suo ultimo approccio allo stesso spartito.

Percorso peraltro “inverso” a quello comune (da giovani si “va veloci con i tempi” poi da anziani si rallenta...da giovani si tende a “sperimentare”, con l'età che avanza si diventa conservatori... ecc ecc).

Il percorso interpretativo di Abbado è straordinario non solo e non tanto per la qualità superlativa, ma anche proprio per questo diventare via via più “rivoluzionario” nell’approccio ai grandi autori classici (ma anche in Mahler o in Berg a dire il vero...).

Hai colto, tuttavia, con la tua domanda, un punto cruciale: il Mozart di Abbado degli anni ‘70, a Londra (così come quello di Vienna con Gulda al pianoforte) non è niente di straordinario, ai miei orecchi almeno.

Abbado sta ancora cercando il suo “ubi consistam”, una sua chiave di lettura.

Ma mentre per Mahler la prima chiave, in quegli stessi anni a Chicago, pur diversissima dalla ultima trovata a Berlino o a Lucerna, è pur sempre una chiave di lettura piena di fascino e di bellezza, per Mozart non è proprio così... 

Ne consegue che la sua lettura della 40 e 41 con la London Symphony, pur interessanti, non mi hanno mai conquistato.

Diverso invece il discorso non solo con Mahler, ma anche con Beethoven: le Sinfonie interpretate e registrate a Vienna sono diversissime da quelle dirette a Berlino e a Roma una quindicina di anni dopo... ma pur essendo un approccio così diverso da risultare “irriconoscibile” addirittura, in Beethoven la chiave di lettura viennese (molto Furtwrangleriana) è bellissima e affascinante al pari da quella berlinese (assolutamente Toscaniniana). 

Solo negli  ultimissimi anni della sua vita, Claudio Abbado riesce a trovare una chiave di lettura per Mozart davvero sua e originale, ma una volta trovata .... è la chiave che apre il Paradiso! 😉😃

Link to comment
Share on other sites

Grancolauro

@SimoTocca Grazie delle tue osservazioni. Confesso che a me la 40 di Abbado con la London Symphony non piace per niente. Ci sarebbe da riflettere perché la faceva così, sull'idea che aveva in mente. Mi viene comunque da pensare che nel caso di Mozart l'evoluzione di Abbado sia stata mediata da Haydn. E' come se per arrivare a ripensare Mozart il Nostro abbia sentito a un certo punto il bisogno di passare attraverso questo autore, con le registrazioni  con la Europe Chamber Orchestra degli anni 90 e 2000. E in effetti mi sembra che ci sia molto lo spirito di Haydn nella registrazione della 40 del 2011. Ma sono solo chiacchiere da bar, ovviamente 🙂 

Link to comment
Share on other sites

SimoTocca

Io penso che Mozart sia l’autore più difficile da eseguire..... lo si è detto spesso a proposito delle sue Sonate per pianoforte: gli allievi pianisti lo trovano troppo facile, eppure per i grandi pianisti è troppo difficile da eseguire bene! Un paradosso che Mozart si porta dietro anche nelle Sinfonie....

L'interpretazione londinese di Abbado (credo del 1979) ricalca un approccio che si trova, in quegli stessi anni, in Karajan: la ricerca di una oggettività, un modo di non dare “troppi sentimenti” o “troppo romanticismo” alla musica di Mozart. Un approccio simile, molto simile, quello dei due grandi direttori, diversissimo da quello di Bernstein, che invece ci mette molto, moltissimo del suo. È che a Bernstein, a differenza del 99,99999% degli altri direttori, il “metterci del suo” viene benissimo.... e pur “trasformando a sua immmagine (di Bernstein dico) la musica di Mozart, il risultato finale, ripreso a a Vienna dalla Deutsche Grammophon, è magico.....

È che a Mozart non si confà molto l’approccio strettamente “filologico” e anafettivo, passami il termine, che invece funziona con Bach. Tanto che i “filologi” in Mozart mi convincono poco.... se non da “anziani”, come è il caso dell’ultimo Bruggen o dell’ultimo  Harnoncourt: perché qui, seppure seguendo dettami filologici, i due maestri non sono più distaccati, non più freddi o anaffetrivi... in fondo sanno di registrare anche il loro stesso testamento, non solo la musica di Mozart.

Questa la mia idea, sempre facendo le due chiacchiere da Bar (pur rimanendo sobri..hehehe😉😃)

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share




×
×
  • Create New...